Archive for May 18th, 2005

Profumi & Sapori di Calabria e del Lazio

Giuseppe Gironda, Presidente di "Calabria Nostra"

ROMA – C’era anche un po’ di Crotone nella prima Fiera “Profumi & Sapori di Calabria e del Lazio” che si è tenuta dal 13 al 15 Maggio 2005 a Roma e più precisamente nella Villa Lazzaroni sulla via Appia, a pochi chilometri da piazza San Giovanni. Infatti sui 15 stand presenti due erano della provincia di Crotone: il Caseificio Crotonese e la ditta Antonio Amodeo di Cirò Marina che si occupa di conserve ittiche e che ha deliziato i visitatori con assaggi di sardella e bianchetto.

Questa interessante manifestazione si deve all’impegno dell’associazione “Calabria Nostra”, attiva tra Roma e i Castelli, che ha sede a Monte Porzio Catone nei pressi di Roma ed è presieduta da Giuseppe Gironda originario di Catanzaro ed ha tra i suoi più validi collaboratori, Rosario De Luca originario di Castelsilano e Tarquinio Iuliano proveniente da San Marco Argentano.

L’esposizione è stata inaugurata nel pomeriggio di venerdì 13 Maggio dall’onorevole Willer Bordon (la cui moglie è di Catanzaro) che ha effettuato il taglio del nastro e da altri politici romani; era prevista anche la partecipazione del sindaco Veltroni e del presidente della provincia Marrazzo poi trattenuti da altri impegni.

A parte gli stand crotonesi tanti altri espositori da tutta la Calabria più due romani; tra gli altri: l’Azienda Agricola di Sebastiano Grano di Cuturella di Cropani che ha fatto gustare i suoi tanti prodotti tra cui, molto apprezzata, la marmellata di cipolle rosse di Troppa e i prodotti a base di peperoncino; di Cropani Marina anche il Bad & Breakfast Mickey House che ha realizzato contatti per portare gente di Roma in vacanza in Calabria. E poi altri espositori del cosentino che hanno proposto tanti prodotti tipici calabresi dal vino all’olio, dalla ‘nduja al peperoncino anche perché “Calabria Nostra” rappresenta la delegazione dei Castelli Romani per l’"Accademia del Peperoncino" di Diamante,  presente con un suo stand.

Una bellissima iniziativa: per tre giorni tanti pezzi di Calabria nel bel mezzo di Roma e che ha visto nella serata di sabato l’esibizione del cabarettista calabrese Totonno Chiappetta.

Era bello essere quasi nel pieno centro di Roma e sentirsi al centro della Calabria così come è stato bello vedere tanta gente di Roma ma anche persone di origini calabresi, interessarsi ai nostri prodotti.

L’Associazione “Calabria Nostra” ancora non ha deciso se l’iniziativa sarà ripetuta, il Presidente Gironda, nonostante sia contento per il successo dell’iniziativa fa riferimento alle numerose difficoltà affrontata che però ci sono sempre in una prima edizione di una manifestazione. Speriamo quindi che, galvanizzati dagli attestati di stima, presto si possa ripetere questa interessante iniziativa.

Altre foto al seguente indirizzo:

http://www.educando.it/arealocale/fotoalbum/thumbnails.php?album=45

ROSARIO RIZZUTO

Festa al Catechismo

Le catechiste con alcuni dei bimbi del catechismo

SCANDALE – Con l’inoltrarsi della Primavera cominciano a finire per i ragazzi i vari appuntamenti che hanno permesso loro di trascorrere alcuni pomeriggi invernali. E’ il caso del catechismo per i ragazzi della prima e seconda elementare di Scandale che ha terminato gli incontri martedì 17 Maggio 2005. Alcuni Giorni prima, nel penultimo appuntamento, le brave catechiste scandalesi: Teresa De Paola, Antonella Liberti, Mina Liberti e Francesca Liberti (c’è anche Anna Sellaro che in quella giornata era assente) hanno deciso di far trascorrere una giornata diversa ai bimbi di prima e seconda elementare portandoli presso la chiesetta della Madonna della Difesa appena fuori il paese. Qui i bimbi si sono lasciati andare alla fantasia ed all’allegria giocando e divertendosi tra di loro e con le catechiste e in più facendo anche un piccolo pic nic, infatti ognuno aveva portato chi un dolce, chi una bevanda che hanno consumato tutti insieme. Un bel pomeriggio che sicuramente i ragazzi scandalesi tratterranno tra i più bei ricordi di questa stagione, pronti a riprender le lezioni del catechismo nel prossimo anno sociale.

ROSARIO RIZZUTO