Archive for September 15th, 2005

Il gruppo bandistico

SCANDALE – Tra le cose belle di Scandale va di sicuro menzionata la banda musicale “Gaudiosi di Maria” nata nel 1998 grazie all’iniziativa di Iginio Pingitore e diretta dal maestro Francesco Pignataro. Per lunedì scorso la banda era stata invitata per tenere da sola un concerto nel tempietto all’aperto di Reggio Calabria proprio sul mare. Ma il vento che c’era su Reggio Calabria ha convinto gli organizzatori ad avvertire Pingitore che il concerto non si sarebbe potuto tenere ma di recarsi lo stesso a Reggio Calabria per fare una sfilata lungo Corso Garibaldi, la strada principale della città dello stretto.
La Banda a Reggio Calabria
La Banda a Reggio Calabria

“Sì è stata una bella serata – ci spiega Iginio Pingitore- anche suonando in modo itinerante. Abbiamo attraversato Corso Garibaldi con la banda accolta in modo meraviglioso dalle gente di Reggio, in festa per la Madonna della Consolazione, e poi ci siamo diretti sul Lungomare definito dal D’Annunzio il chilometro più bello d’Italia; siamo poi entrati nel Duomo, dove il sacerdote ha acconsentito che venisse eseguito un fuori programma in chiesa e i 40 componenti della banda diretti dal maestro Pignataro hanno eseguito in modo favoloso ‘Evviva Maria’ ”.

Ma come è nata questa giornata di Reggio Calabria?

“A maggio di quest’anno, durante i festeggiamenti per la Madonna di Capo Colonna, accompagnata lungo la processione anche la nostra banda, ho incontrato il presidente dell’Associazione Portatori della Vara di Reggio Calabria (il supporto su cui sta la Madonna della Consolazione che pesa circa 12 quintali e viene portato da quasi 150 persone), Agostino Cacurri. A lui è piaciuta molto la banda tanto da invitarci per la festa della Madonna della Consolazione. Ma se siamo andati a Reggio Calabria è anche grazie alla signora Mimma Canale, funzionaria del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Cultura e allo Spettacolo che si è impegnata molto. Quindi i mie ringraziamenti, innanzitutto per la grande ospitalità ricevuta e poi per averci fatto fare questa bella esperienza vanno sia al presidente Cacurri che alla signora Canale ma anche all’assessore alla Cultura e Spettacolo del comune di Reggio Calabria, Giuseppe Agliano. Inoltre non dovrebbe finire qui, in quanto ci hanno promesso che il prossimo anno saremo di nuovo a Reggio Calabria magari per fare il concerto nel tempietto annullato questa volta per colpa del vento del pomeriggio, che, dispettoso, in serata si era calmato, ma ormai non era più possibile tenere il concerto”.

Pingitore è orgoglioso della “sua” banda ci informa che l’1 e il 2 ottobre suoneranno a Crotone per la festa della Madonna del Rosario, ma è anche un po’ preoccupato.

Infatti dopo un buon inizio, ultimamente le iscrizione al gruppo bandistico di Scandale sono notevolmente ridotte e questo col tempo potrebbe portare allo scioglimento della banda. E questo non deve succedere.

Scandale ha un’antica tradizione bandistica. La prima banda di Scandale risale al 1867. Negli anni sono poi nati e si sono sciolti più gruppi bandistici. Tra i più famosi quello nato 1980 per volontà di Monsignor Renato Cosentini che ha ottenuto grandi successi tra cui quello di aver suonato in Vaticano alla presenza di Papa Giovanni Paolo II.

Ma in Vaticano, sempre al cospetto del grande Papa scomparso da qualche mese, hanno suonato, nel 2003, anche i ragazzi del maestro Francesco Pignataro che hanno tenuto concerti anche a St. Georgen, paese gemellato con Scandale, in occasione della Stadifest (la festa del paese) e a Cinisello Balsamo, entrambi con una forte presenza di cittadini scandalesi, ottenendo un notevole successo.

Sarebbe davvero un peccato se tutto questo andasse in fumo. La banda è cultura e a Scandale, grazie al maestro Pignataro, la musica si insegna come si deve. Il responsabile della banda, Iginio Pingitore, non fa appelli, non è sua abitudine, così come non farà nessuna campagna per fare proseliti per la banda. La scelta di fare musica, di iscriversi al gruppo bandistico di Scandale, che sanno tutti che esiste, deve partire dai bambini, dai ragazzi o dai loro genitori. Pingitore ci spiega come tutte le attività pomeridiane dei ragazzi, dal calcio, alla palestra, all’inglese ecc… siano importanti, ma la banda non è da meno: avvicina i giovani alla musica, crea momenti di aggregazione sociale e riduce il disagio giovanile.

Quindi visto che non lo fa lui, l’appello lo facciamo noi: iscrivetevi alla banda di Scandale!

ROSARIO RIZZUTO