Il Dvd di Luigi Aprigliano: Scandale in un secolo di fotografie

La copertina del Dvd
La copertina del Dvd
SCANDALE
– Ognuno è libero di trascorrere come meglio crede il proprio tempo libero. Ma mentre c’è chi sta ore ore a zonzo o nei bar a giocare a carte, c’è chi occupa il proprio tempo fuori dagli impegni di lavoro per realizzare, creare un qualcosa.

E’ il caso di Luigi Aprigliano, giovanottone scandalese di 38 anni, sposato e padre di due bellissime bambine di cui l’ultima nata da appena 15 giorni, che ha ideato, curato e realizzato fin nei minimi particolari, compresa la riproduzione delle copie e la stampa della copertina, e soprattutto, senza fini di lucro, un dvd dal titolo “Scandale in un secolo di fotografie”.

Un modo per recuperare la memoria storica di Scandale.

Infatti in questo dvd Luigi mostra molte foto d’epoca su Scandale montate in sequenza e divise per argomento: feste, scuola, militari, opere pubbliche, matrimoni, riforma agraria. Le foto sono accompagnate da un sottofondo di musica popolare e tra i testi trova spazio la canzone inedita “Scandale” scritta e cantata da uno scandalese residente in Germania, Franco Miliè, gelataio di professione e cantautore per passione, autore anche di altri brani.

Una canzone che Franco aveva fatto ascoltare a Luigi alcuni anni fa e che, vista l’occasione, Luigi ne ha chiesto il permesso per utilizzarla.

La sequenza delle foto sul dvd è preceduta da un filmato sul ristorante “’U Brigante” di Tonino Coriale che ha sponsorizzato l’iniziativa, facendo realizzate alcune decine di copie del dvd che ha poi provveduto a regalare ai propri clienti. Non solo, a volte il dvd viene mostrato anche sulle tv presenti nel ristorante.

Un lavoro difficoltoso, quello di Luigi, svolto in più tappe e in determinati momenti,  che ha richiesto alcuni anni di preparazione. Infatti non era facile riuscire a reperire, tra chi le possedeva, foto dei primi anni del secolo o giù di lì. Foto rigorosamente in bianco e nero e delle quali i proprietari erano spesso gelosi. Ma Luigi non si è mai perso d’animo e immaginiamo a volte con insistenza, altre con santa pazienza è riuscito ad archiviare centinaia di foto. Anche perché la gente si fida di Luigi e poi lui non si è mai tenuto più del necessario le foto, arrivando, in alcuni casi, a lavorarci tutta la notte per scannerizzarle. Infatti il suo lavoro d’impiegato a Crotone lo impegna fino a sera e sono davvero pochi i momenti liberi. Ma questo suo lavoro spesso ha salvato o recuperato foto rovinate dal tempo e dall’umidità.

L’idea del dvd, ci spiega Luigi, è nata dopo la mostra fotografica, in cui lui espose alcune foto antiche, durante i festeggiamenti per la Madonna nell’estate 2001. Infatti lui notò che erano molte le persone che si interessavano alle “sue” foto, cercando di riconoscere o chiedendo chi fossero le persone o i luoghi presenti. Da qui l’idea di condividere, perché secondo Luigi, le foto, sono un patrimonio di tutti, appartengono alla collettività e quindi di realizzare dapprima un Cd-rom e poi una prima versione del dvd (regalato a partenti ed amici) che col il tempo ha sempre più migliorato fino alla realizzazione del lavoro attuale, alcune copie del quale sono arrivate anche a Milano e in altri paesi del Nord d’Italia dove ci sono scandalesi, in Olanda, in America, in Canada.

Ma l’amore per la riscoperta del passato del suo paese era nato ancora prima in Luigi quando si mise in testa di trovare un foto di suo nonno che lui non aveva conosciuto. Così una sua vicina di casa, la signora Maria Noce (che Luigi ringrazia anche sulla copertina del dvd e nel filmato come colei che ha dato origine al lavoro), cominciò a portargli alcune foto, così come poi fecero altri vicini ed amici tra cui Rosario Simbari e il compianto Nando Girimonti, scomparso di recente e al quale il dvd è dedicato. Alla fine Luigi la foto del nonno non l’ha ancora trovata ma ha trovato tante altre foto interessanti tra cui quella della nonna.

Grazie a quella ricerca iniziale ha realizzato un’opera molto interessante ed utile che può avere molti utilizzi come quello di far scoprire ai più giovani come era il paese nei primi anni del secolo, i primi lavori di urbanizzazione, il periodo della guerra, ecc…

Nonostante il dvd da poco uscito, Luigi continua la sua opera di ricerca sul passato di Scandale e sta già realizzando altri lavori dei quali ancora non vuole che si parli. Lavori che richiedono una grande pazienza e una grande passione. Ma a Luigi il proprio tempo libero piace impiegarlo così. E meno male che esistono persone come lui!

ROSARIO RIZZUTO

3 Responses to “Il Dvd di Luigi Aprigliano: Scandale in un secolo di fotografie”

  1. Mariz scrive:

    Quest’articolo mi ha molto colpito, lo inserisco qua perchè poi tu possa commentarlo :-)

    EVITA OSPIZIO IN FRANCIA, NONNINA IN ITALIA IN AUTOSTOP

    A ottantotto anni e’ tornata dalla Francia alla sua citta’ natale facendo l’autostop e viaggiando su treni e pullman per scappare dalla sua famiglia che voleva rinchiuderla in un ospizio. Lucia D’Orazio Quasevi, classe 1917, nata ad Isola del Liri ed emigrata in Francia nell’immediato dopoguerra, l’altro ieri pomeriggio mentre era nella sua abitazione di Cambrai, nel nord della Francia, ha compreso che i figli e il marito (90enne) dopo anni di soprusi ed angherie avevano deciso di regalarle l’ultima umiliazione: rinchiuderla in un cronicario. La donna non ci ha pensato due volte, ha raccolto i suoi pochi averi e ha preso il primo treno per l’Italia. Quando, pero’, alle sei di ieri mattina e’ arrivata ad Isola ha capito che non c’era piu’ nessuno dei suoi parenti o dei suoi conoscenti che potessero darle aiuto e conforto. Per questo si e’ sporta sul ponte che affaccia sulla cascata del fiume Liri e con il volto rigato di lacrime stava per gettarsi nelle acque. La sua disperazione e’ stata notata da alcuni passanti che immediatamente l’hanno bloccata ed hanno avvertito la polizia municipale. Lucia a questo punto tra i singhiozzi ha detto: “Sono arrivata fin qui per morire tra la mia gente”. Parole drammatiche che hanno indotto il sindaco di Isola del Liri ad aiutarla. E’ stato trovato un alloggio e quasi certamente le verra’ dato un piccolo sussidio. Per Lucia, ad 88 anni, e’ iniziata una nuova vita, lontano da un marito violento e da sette figli ingrati che lei ha allevato anche lavorando in miniera

  2. byros scrive:

    Un no comment può bastare!!!?

  3. anonimo scrive:

    Con respeto a qui mi legia, le cose  acadute a mia mama d’orazio maria lucia (sposata quasevi) e molo esagerato.
    Diceva sempre che voleva finire sua vita in italia.
    Dichiaro io suo figlio vincenzo che quando mia mama e andata in italia io non abitavo vicino a lei e non avevo  conochenza  del tutto acaduto.
    Suo figlio che sempre lo ama.Quasevi vincenzo.

Leave a Reply