Franco Carvelli dipinge alle elementari…

Il dipinto realizzato da Franco Carvelli all'ingresso delle scuole elementari di Scandale
Il dipinto di Franco Carvelli all’ingresso delle scuole elementari di Scandale
Quando ad agosto finirà l’anno scolastico 2005/06 forse all’Istituto Comprensivo di Scandale lo rimpiangeranno. Stiamo parlando del collaboratore scolastico Franco (o Francesco? Non vorremo che qualcuno ci annullasse l’articolo) Carvelli in assegnazione provvisoria nelle scuole di Scandale ma che se non otterrà il trasferimento o una nuova assegnazione provvisoria dovrà tornare alla sua scuola di titolarità a Crotone.

Lo rimpiangeranno perché Franco è un bidello (come si diceva una volta) un po’ sui generis. A parte la sua meticolosità, la sua precisione, il suo attaccamento a quello che fa, egli si diletta con la pittura.

Così venendo assegnato alla scuola elementare di Scandale, alcune insegnanti volendo abbellire le pareti della scuole e conoscendo la sua bravura nella manualità gli hanno chiesto di sistemare sui muri alcuni lavori fatti negli anni scorsi da alcuni ragazzi e da un papà, Nicola Galasso, che giacevano, accantonati ed impolveriti, in un magazzino. Si tratta di dipinti molto grandi fatti su vari fogli di carta che lui ha provveduto a sistemare sulle pareti dei corridoi della scuola inchiodandoli letteralmente al muro e dotandoli di cornice e nel caso “restaurandoli”.

Alla fine di questo meticoloso lavoro è nata la necessità di realizzare un dipinto, un murales, all’ingresso delle scuole elementare e Franco senza pensarci due volte si è proposto ottenendo la fiducia delle insegnanti e si è messo a lavoro. Così è venuto alla luce un bel dipinto murale fatto con tempera che rappresenta un paesaggio silano della nostra Calabria. L’idea del Carvelli è stata quella di valorizzare sia la nostra Regione ma soprattutto rendere più bella la scuola dove ogni giorni la nuova generazione dei bimbi scandalesi si reca, dando il senso del bello, del positivo, dell’accoglienza perché si trova proprio all’ingresso della scuola. Il dipinto ha una superficie di 6 metri quadrati (3 metri per 2 metri), colori molto vivi e piace molto ai bambini.

Franco non è nuovo a questi tipi di lavori, anni fa realizzò un altro dipinto murale per una stanza di un pub mentre sulla via Nazionale era visibile a tutti fino a poco tempo fa (è stato rimosso in seguito a lavori di ammodernamento e forse ne sarà realizzato un altro) un dipinto in bianco e nero realizzato sulla saracinesca del negozio di parrucchiere del fratello Gianni.
Franco Carvelli
Franco Carvelli

Ma, tornando alla scuola, non finisce qui, perché, e non poteva essere diversamente, essendo il lavoro di Franco Carvelli piaciuto alle insegnanti, alcune di loro gli hanno chiesto di fare un corso di pittura in alcune classi.

“Un lavoro innovativo – ci dice Franco – per la scuola elementare di Scandale e non solo perché fatto con dei bambini piccoli che stanno iniziando a lavorare su tela e devo dire con risultati buoni. Appena saranno terminati, i lavori saranno incorniciati e poi esposti, inoltre ho preparato un modello di certificato di autenticità che sarà incollato dietro ogni quadro per dare ad ogni lavoro di ogni bambino la giusta importanza e farli sentire orgogliosi di ciò che hanno realizzato”.

Questa esperienza Franco la sta realizzando con tre classi in ognuna delle quali sta lavorando con un disegno, un soggetto, diverso.

Ma chi è Franco Carvelli? Sicuramente come dicevamo un tipo sui generis, un po’ pittore ma non solo, lui è anche poeta e ha scritto decine di poesie. Ha lavorato per alcuni anni sempre come collaboratore scolastico a Pisa prima di essere trasferito a Catanzaro e poi a Crotone e quindi in quest’anno a Scandale anche se solo con un’assegnazione provvisoria. Dotato di una forte personalità, capace di ragionamenti precisi e logici fuori dal comune.

A parte quanto già detto, Franco (e forse chi dice che i collaboratori scolastici non fanno niente, starà cominciando a ricredersi), che quando serve (recite, convegni, manifestazioni esterne) si occupa anche dell’impianto di amplificazione della scuola, è stato coinvolto anche in un altro lavoro, quello per la recita di fine anno.

Sarà rappresentata Giulietta e Romeo ed a lui è stato chiesto di realizzare tre pannelli di sei metri quadrati (la stessa misura del dipinto) che rappresentano tre scene del famoso lavoro di William Shekespeare.

Lavoro che Franco ha preso con il solito impegno che lo contraddistingue e sul quale sta lavorando appena ha un attimo di tempo e che crediamo renderà ancora più bella la recita di fine anno.

[Rosario Rizzuto]

Leave a Reply