l'Associazione Chi vive in Calabria chi vive d'Amore ricevuta dall'Amministrazione Comunale di Corigliano

E’ sempre più una realtà l’associazione senza scopo di lucro “Chi vive in Calabria chi vive d’Amore” nata di recente e che ha sede a Corigliano Scalo. Infatti proprio in questi giorni il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale, Francesco Mercurio, ha scritto a Dirigenti Scolastici della Calabria per promuovere l’iniziativa intrapresa dall’associazione (e cioè far studiare Rino Gaetano nelle scuole) e che ha avuto il beneplacito dell’assessore regionale alla Pubblica Istruzione Sandro Principe.
La bella Presidentessa Tonia Stumpo, vicino a lei Giovanni Accardi

Un’associazione molto omogenea e nella quale il gruppo degli otto soci fondatori rappresenta praticamente tutta la Calabria. Infatti la presidentessa Tonia Stampo è di Cotronei in provincia di Crotone, il vice presidente Gino Promenzio è di Corigliano, Francesca Travierso e Bruno Palermo sono di Crotone, Adriano D’Amico è di San Demetrio Corone in provincia di Cosenza, Gianni Accardi è di Taurianova in provincia di Reggio Calabria, Anastasia Ursetta è di Catanzaro mentre Sabrina Gigliotti è di Lamezia Terme.
Il vicepresidente di Chi vive in Calabria chi vive d'Amore nonche promotore Gino Promenzio

Tutto il gruppo dei soci fondatori è stato ricevuto il 2 agosto 2006 nel bellissimo Castello Compagna da una delegazione del Comune di Corigliano composta dal vice sindaco nonché assessore alla Pubblica Istruzione Adriana Grispo, dall’assessore alla Cultura, al Turismo e allo Spettacolo Mario Candido e dall’assessore alle Politiche Giovanili Angelo Broccolo.
Un momento dell'incontro al Castello di Corigliano
Dopo una veloce visita al castello, la piccolo comitiva si è riunita con i rappresentanti del Comune in una sala dello stesso castello dove ci sono stati alcuni interventi. “Abbiamo accolto con molto entusiasmo – ha detto il vice sindaco Grispo – la proposta che ci è venuta da Gino quando ci ha detto che l’associazione veniva costruita materialmente nella nostra città, e abbiamo inteso farvi conoscere il luogo che è il simbolo di questa città che dobbiamo anche all’opera dell’assessore Candido. Ricordare la figura di Rino Gaetano è un fatto doveroso. Mi ricordo come appresi la notizia ella morte di Rino Gaetano: mi trovavo in treno ed in un attimo in quel vagone scese il silenzio e la notizia ci fece molto male. All’epoca lo seguivamo tutti, il fatto che fosse calabrese ci riempiva d’orgoglio. Il fatto che vuoi abbiate voluto ripristinare quello che secondo me era un atto dovuto non solo all’uomo ma anche all’artista è una cosa che vi riempie e ci riempie d’orgoglio”.
La vicesindaco Grispo, al centro, con Promenzio, a sx, e Candido, a destra

Soddisfazione unanime da parte dell’amministrazione comunale di Corigliano sulla felice idea della nascita di questa associazione e sia la Grispo che Candido e Broccolo hanno dimostrato di conoscere, e bene, il cantautore Rino Gaetano vantandone le opere.

Da parte loro i responsabili dell’associazione hanno proposto al Comune di Corigliano di diventare il primo socio onorario dell’associazione. E’ seguito un rinfresco durante il quale si è continuato a discutere di tante problematiche senza tralasciare Rino e le sue opere, non sono mancate le lodi per la bella struttura del Castello che alcuni dei presenti non avevano mai visitato. Insomma anche la città di Corigliano si è legata in modo indissolubile con Rino Gaetano e la speranza che questo Comune ma anche tutti gli altri della Calabria, le scuole, le associazioni ecc.. collaborino con “Chi vive in Calabria chi vive d’Amore” per portare avanti un progetto interessante ed utile. (By.Ros)

Leave a Reply