Rientro a scuola, tra lavoro e sorprese…

Ieri sono rientrato anticipatamente in ufficio, per quanto riguarda la segreteria ci sono solo io in servizio rispetto ai sei che abbiamo iniziato l’anno scolastico. Certo che un piano ferie più schifoso di quello che abbiamo predisposto era impossibile farlo. L’importante è trarne tesoro e fare meglio l’anno prossimo. Il Dirigente Scolastico mi ha nominato sostituto del Dsga fino al 30 agosto 2006; ho un sacco di cose miei (nel senso del mio reparto) da fare ma essendo solo non è facile concentrarsi dovendo: rispondere al telefono, accogliere le persone che vengono allo sportello, consegnare qualche diploma, ma mi impegnerò al massimo anche per predisporre tutto per il nuovo anno scolastico che inizierà il primo settembre dal punto di vista amministrativo e l’11 da quello didattico.

A scuola ieri è andata più che bene, ho iniziato a sistemare alcune cose anche se la notte senza dormire precedente mi ha un po’ condizionato, ma durante la mattinata sono venuto a conoscenza di una cosa che mi ha profondamente dispiaciuto. A volte sono proprio le persone che stimi di più, delle quali ti fidi, che credi amiche, a pugnalarti alle spalle come Bruto al padre. Il concetto è chiaro, lo si legge anche nel Vangelo: "Non si possono servire contemporaneamente Dio e mammone", (Matteo 6,24; Luca 16,13); fermo restando che il mammone della situazione potrei anche essere io, ma se uno/a mia vuole bene mi deve seguire a prescindere, anche se sono il diavolo… non può pugnalarmi così alle spalle. Nella vita bisogna saper distinguere dove sta il bene e dove il male e seguire il primo, e dove sta il bene e non l’arroganza, la superiorità, l’idea di avere sempre ragione, di essere il migliore e che gli altri siano solo dei COGLIONI,  NON C’E’ ALCUN DUBBIO!!!.

Non è difficile basta avere occhi per guardare e cuore per sentire ma ultimamente nel mio paese in molti hanno perso entrambi.

Ma non importa, la vita va avanti, anche gli alberi bruciati ieri da uno spettacolare incendio sotto località Giarmiglione al quale ho assistito mentre rientravo ieri da scuola, prima o poi si riprenderanno perchè la natura fa sempre il suo corso. Speriamo comunque prima e non poi.
Il denso fumo sviluppatosi con l'incendio di lunedì 21 agosto 2006 in località Giarmiglione
Quello che invece è strano è che la Regione Calabria spende milioni di pubblicità per informare i cittadini del numero verde anti incendio (800 496496) e poi quando chiami per avvertire di un fuoco ti risponde la musichetta che ti dice che l’operatore è occupato: ma mettine altri 1.000 di operatori sennò che cazzo serve, come si può comunicare un’urgenza? A parte che mi domando a che serve questo altro numero essendoci già il 115 e il 1515 (mi sembra). Ma in Regione debbono tenersi buoni i giornali e questi contributi sotto forma di pubblicità sonno una manna dal cielo per alcune testate!

W l’Italia, W la Regione Calabria!!!

La giornata di ieri (cavolo era anche il mio decimo anniversario di matrimonio) si è conclusa con tutta la famiglia nella frazione Corazzo dove era di scena il gruppo folkloristico Città di Cutro promosso dalla Provincia di Crotone che ha presentato un bello spettacolo per gli amanti del genere. Non c’era tantissima gente ma poteva andare peggio!!! 

Infine un panino dormendo all’America Pub di Ierardi…
"E poi ci troveremo come le star a bere del wisky al Roxy bar…"

Buon martedì e mi raccomnado oggi non perdetevi il Crotonese…

Leave a Reply