Arrestato Dionisio GALLO

Il Consigliere della Regione Calabria nonchè Consiglire della Provincia di Crotone Dionisio Gallo. (Foto: www.provincia.crotone.it)
La notizia è clamorosa per Crotone, la sua Provincia e oltre. E’ stato arrestato
Dionisio Gallo. Stamane passando dal mio edicolante preferito, Salvatore (a Crotone di fronte l’Istituto Comprensivo "Vittorio Alfieri"), un cliente col sorrisetto gli diceva: "Hai sentito? Hanno arrestato a Dionisio Gallo". Mi intromettevo e chiedevo lumi ma siccome persistevano i sorrisetti del cliente, andavo via pensando che stessero scherzando.

Ma la notizia, purtroppo, era tutta vera e ne ho avuto la certezza sentendola a Studio Aperto e addirittura nei titoli del Tg1 delle 13,30.
La Calabria tutta come al solito non ci aha fatto una bella figura mi immagino i commenti dei polentoni di turno al sentire la notizia.

Il reato è corruzione e ora Gallo, che è originario di Strongoli e di professione fa il medico all’Ospedale Civile di Crotone, si trova agli arresti domiciliari nella sua casa di Crotone.

Qualche notizia comincia a circolare anche su internet. Per esempio ne parla Alval su Area Locale: "Secondo l’accusa l’ex assessore avrebbe fatto in modo che una squadra di operai forestali venisse utilizzata per eseguire lavori di manutenzione in un villaggio turistico il "Praia Longa" di Isola Capo Rizzuto, controllata dalla cosca Maisano. In cambio il Gallo  avrebbe ottenuto l’appoggio fattivo da parte della cosca Maesano per la sua elezione nel Consiglio regionale. 
Ulteriore particolare sconcertante è che, da quanto è emerso, per i predetti lavori privati eseguiti dai lavoratori forestali il nuovo amministratore avesse preteso il versamento pro quota da parte dei proprietari delle residenze estive, in gran parte professionisti del capoluogo crotonese".

Un pezzo anche su adnkronos.com, testata che riesce anche a sbagliare la foto (o almeno la foto è sbagliata mentre sto scrivendo, alle 15,56 del 28.12.2006. Il suddetto articolo è stato ora implementato ed è stata tolta la foto sbagliata. Ore 05.12 del 29.12.2006) inserendo quella di un altro Dionisio Gallo, omonimo dell’arrestato e che ricopre la carica di Consigliere Provinciale della Provincia di Crotone, carica ricoperta anche dal Gallo (ottenuta di diritto essendo stato candidato alla presidenza in contrappossizione a Sergio Iritale)  che è anche Consigliere della Regione Calabria ed ex Assessore allo stesso Ente; i reati contestatigli sono infatti relativi al periodo in cui ricopriva tale carica.
 
Ne parla anche Repubblica.it inserendo i commenti dell’Onorevole Mario Tassone, di Roberto Occhiuto, entrambi dell’Udc, e di Giuseppe Guerriero, presidente della Commissione regionale antimafia, di cui Gallo è il vice,

Altri articoli e notizie su tante testate nazionali.

Faccia da bravo ragazzone, quella di Dionisio Gallo, tanto da farmi sperare che il tutto non sia vero per tanti motivi.

Inoltre se non lo farai lui, sarà costretto a dimettersi o dovrà lasciare il suo scranno di consigliere regionale, se sarà provato che ha vinto coi voti della ‘ndrangheta, in tal caso la Provincia di Crotone perderà un seggio dei 4 che detiene attualmente preso il masimo Ente regionale, a meno che il sucessore non sia anche dei  nostri.

Insomma un’altra brutta vicenda di politica e corruzione che investe la nostra Provincia e ne riporta l’eco in tutta Italia.

Sicuramente un bel modo, si fa per dire, a livello politico per chiudere l’anno!!!

Leave a Reply