Tutti in divisa! La ProItalia ringrazia la Banca di Scandale

SCANDALEDa qualche giorno è possibile incontrare alcuni dei volontari e delle volontarie della ProItalia di Scandale più specificatamente quelli del progetto: “Nucleo di Protezione Civile ProItalia di Scandale” con delle belle ed utili divise che li rendono riconoscibili certamente di più del semplice cartellino.

La realizzazione delle divise è nata quasi per gioco, non potendo infatti essere acquistate dalla ProItalia, parlando tra loro i ragazzi sono arrivati alla conclusione che l’unico sponsor che poteva prendersi in carico tale impegno economico poteva essere la Banca di Credito Cooperativo di Scandale.

Fatta la richiesta, nel giro di pochi giorni sono arrivate le divise.
Due volontarie della ProItalia di Scandale con le nuove divise realizzate dalla Banca di Credito Cooperativo di Scandale.
E’ per questo che il Presidente della ProItalia di Scandale, Tonino Bitonti, le due operatrice locali di progetto (tutor), Teresa Paparo e Francesca Sculco e i volontari di ProItalia ci tengono a ringraziare il Consiglio d’Amministrazione della Banca scandalese ed in primo luogo il Presidente Iginio Carvelli. Le divise messe a disposizione dalla Banca sono state, come da richiesta, 21 e distribuite ai volontari del citato progetto, più al Presidente Bitonti e ad alcuni volontari ProItalia non retribuiti.

Ma non finisce qui perchè a breve, per gli stessi volontari, la Biotech di Antonio Spina metterà a disposizione anche dei gilet utilissimi per il periodo estivo.

Intanto continua il lavoro di tutti i 73 volontari di ProItalia di Scandale divisi in quattro progetti.

Quelli impegnati nel progetto di Protezione Civile, dove sono impegnati 18 ragazzi, lavorano sul Piano di Protezione Civile del Comune di Scandale che è uno dei pochi della Provincia già esistente, affiancano le istituzioni e gli enti come le scuole o i vigili urbani, svolgono relazioni e volantinaggio su tematiche quali la raccolta differenziata dei rifiuti, le risorse idriche, collaborano al servizio d’ordine durante le manifestazioni.

Questo progetto è iniziato il 18 dicembre 2006 così come quello denominato: “Amici degli anziani di Scandale” dove sono impegnati in 25. Questi assistono gli anziani nelle pratiche di vita quotidiana, quindi li aiutano nelle pulizie della casa, nella preparazione dei cibi, e anche in alcuni passatempi o momenti ricreativi, come la lettura di riviste o far loro compagnia nelle passeggiate.

Il primo febbraio sono poi partiti altri due progetti: “Realizziamo una fiaba”, in cui sono impegnati 24 volontari che danno la loro assistenza, cosi come prevista per il progetto precedente agli anziani, alle persone disabili, e “Sotto il campanile” dove i ragazzi impegnati sono 6 e si occupano dell’organizzazione di eventi e manifestazioni e promuovono e valorizzano il paese.

Insomma tanti ragazzi in movimento, la cui presenza è molto visibile in paese; magari ci sono quelli che sono fisicamente più visibili perchè lavorano all’esterno, come i ragazzi della Protezione Civile, ma di sicura utilità è anche l’opera di quei volontari che lavorano nelle case con gli anziani o con i disabili.

A testimoniare ciò è anche il fatto che molti anziani, considerato che si stanno trovando bene con questi ragazzi il cui rapporto di servizio civile volontario con ProItaia dura, però, solo un anno, hanno già chiesto ad alcuni di loro che, quando finirà il servizio volontario, se vorranno sono disposti a pagarli di tasca propria se continueranno ad aiutarli. Un altro merito per la ProItalia che in questo modo raggiunge l’obiettivo di avvicinare i ragazzi al mondo del lavoro, ma non ad una lavoro qualsiasi ma a quello di assistenza verso chi ha bisogno, come dire: volontari a vita!ROSARIO RIZZUTO

One Response to “Tutti in divisa! La ProItalia ringrazia la Banca di Scandale”

  1. anonimo scrive:

    con tutti gli okkiali k hai potevi metterne uno piu’ di tendenza :-)

Leave a Reply