La laurea di Wilma Rizzuto

Con una tesi su "L’organizzazione aziendale delle società sportive: le società di calcio professioniste", mia sorella Wilma Rizzuto, martedì 12 giugno 2007 ha conseguito la laurea (vecchio ordinamento) in Economia Aziendale press l’Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Economia "Federico Caffè" e per restare in rima la discussione della tesi è avvenuta nell’Aula 3.
La dedica scritta da Wilma Rizzuto sulla tesi di laurea. Clicca per ingrandire. Wilma Rizzuto durante la discussione dela tesi. Clicca per vedere un'altra immagine.
Il Relatore è stato il professore Filippo Battaglia e il Correlatore il professore Carlo Alberto Pratesi, il resto della commissione di laurea era composto dal presidente Paolo Leon, dai professori: M. Claudia Lucchetti, Roberto Aguiari, Daniele A. Previati, Carlo M. Travaglini, Sabrina Pucci e Paolo Valensise, e dai dottori: Massimo Caratelli, Francesca Faggioni, Marco Tutino, Massimiliano Celli, Paolo Liberatore, Antonio Santi e Valentina Vittucci.
Wilma Rizzuto e i suoi colleghi di laurea al momento della proclamazione
Oltre a mia sorella Wilma hanno ottenuto, in questa sessione di laurea, l’agognata pergamena: Elisa Annibali, Claudio Campomizzi, Ilaria De Spagnolis, Francesca Giannotta, Leo Leonori, Valerio Nanni, Mattia Palmerini e Valentina Piarulli ed inoltre, tramite l’esame applicativio scritto: Daniele Bellacoscia, Marco Carlini, Francesco Fossi, Cecilia Gennari, Alessandro Iannacci, Matteo Morra, Lorenzo Santini e Arianna Venturini per un totoale di 17 neo dottori in Economia.

Wilma è stata fantastica nella discussione della tesi, per preparare la quale è stata anche ospite della squadra di calcio dell’Inter della quale è tifosa; e certamente non ha influito a suo favore, ad inizio discussione della tesi, dichiarare, davanti ad una commissione Romana,  la sua fede nerazzurra, quindi il 110 è volato in partenza .

A parte gli scherzi la mia sorellina ha ottenuto, da una commissione di manica davvero stretta, un ottimo 105/110, terzo voto in assoluto nella sessione, dopo un 110 e un 106, e il voto più alto ottenuto da una donna.
Wilma Rizzuto coi i "vecchi" intervenuti alla discussione della tesi. Clicca per ingrandire La neo dottoressa in Economia Wilma Rizzuto coi "giovani" presenti alla sua laurea. Clicca per ingrandire
Dopo le foto di rito fuori dall’Università, in serata la neo dottoressa in Economia ha salutato parenti ed amici presso il caratteristico ristorante "7 alle 7" nei pressi di Piazza Navona, la cui sala, dove si è gustata la deliziosa cena, è sotto il livello della strada.
La torta per la laurea di Wilma Rizzuto. Clicca per ingrandire Wilma Rizzuto apre i regali di laurea. Clicca x ingrandire.
Ancora auguri sorellina…

8 Responses to “La laurea di Wilma Rizzuto”

  1. anonimo scrive:

    auguri wilma

    che bello dopo quasi 20 anni ho visto la mia ex maestra e tua mamma ros??? mi ha portato dalla 1 elementare fino alle terza e poi sono salita in germania mi ricordo di lei le bacchettate ahahhaah

  2. byros scrive:

    Be se ti riferisci a quella signora di mezza età vestita di rosso sì e mia mamma… e cmq ti è andata bene… a me (anche io suo alunno) lanciava le scarpe.
    Cmq se la ricordi non penso solo per le bacchettate!
    Ma tu chi sei?

  3. anonimo scrive:

    infatti ros e stata anche una buona maestra, mi ricordo che a mia mamma gli diceva se la mattina per colazione mi dava peperoncini ero energica a scuola aahaah non mi conosci ros sono in germania da 20 e vengo raramente a scandale specialmente da quando ho sposato un pugliese ma scandale lo porto nel cuore

  4. byros scrive:

    … Come tutti quelli che sono lontani e forse di più di queli che ci abitiamo…
    Ma ancora adesso mangi i peperoncini? :-)

  5. anonimo scrive:

    si ahahaah ho abituato anche mio marito a mangiare piccante

  6. byros scrive:

    :-) ma io dicevo in senso figurato..

  7. anonimo scrive:

    Mi dispiace deluderti che anche io (Valentina) mi sono laureata con 105/110…. ciao

  8. byros scrive:

    Ma chi sei? L’amica di Wilma del Liceo?

Leave a Reply