Archive for October, 2007

Nicola se ne va: racconto del corso di scrittura

Un altro dei miei racconti per il corso di scrittura di Laura Lepri…

 NICOLA SE NE VA


“Non ci credi? – disse Nicola a sua moglie Elisa, infilando frettolosamente in valigia i primi vestiti che gli erano capitati per mano – questa volta me ne vado davvero. E’ impossibile vivere con te”.

Elisa stava lì vicino, immobile, seguiva con gli occhi i movimenti nervosi ed arrabbiati del marito ma non riusciva a pronunciare parola.

La storia tra i due, sposati da 11 anni, aveva cominciato a mostrare segni di debolezza fin da subito.

Elisa, dopo la torta nuziale, era cambiata di molto: non era più la fidanzatina premurosa ed attenta al suo ragazzo ma di colpo era diventa una donna con un ossessione maniacale per la casa e poco spazio per sentimenti ed amore.

Passavano mesi interi senza che tra loro ci si scambiasse un bacio, una tenerezza e anche a letto si correva il rischio che a lui si atrofizzasse e a lei spuntassero le ragnatele!

E dire che da fidanzati Elisa era una bomba d’Amore e poi era cambiata di colpo.

Tutta presa dalle sua casa (non solo pulizie oltre modo ma soprattutto paranoie assurde: spostamento mobili, quadri, pitturazioni!) e dai due bambini che intanto erano arrivati; ma per Nicola queste cose non potevano e non dovevano essere attenuanti: c’era anche lui in famiglia, anche lui aveva bisogno delle attenzioni della sua compagna.

Chiusa con rabbia la valigia, si diresse verso la porta, baciò sulla fronte Nicholas e Federico e scese con fretta le scale.

Fermati – gli gridò Elisa come svegliatasi dal suo torpore, e, nel tentativo di giocare un’ultima carta, gli disse – se esci dalla porta non vi entrerai più!”.

Ma Nicola era preso da un impeto di rabbia, era in un mondo tutto suo, lei avrebbe potuto dire qualsiasi cosa ma lui era esasperato, non ce la faceva più.

Le disse un ultimo ciao e si lasciò la sua casa alle spalle.

Forse non se ne stava andando davvero per sempre ma in quel momento, dopo averle provate tutte, era l’unica reazione possibile…

Rosario Rizzuto

E l'acqua si fece rossa…

"Tutto sommato è carina" ha commentato un cittadino romano, l’unico, parlando dell’atto vandalico che nel pomeriggio di oggi ha colorato di rosso l’acqua della Fontana di Trevi a Roma.

"Ma lei è di qui?" ha chiesto la giornalista, "Io? certo, ci sono nato qui, alla fontana ci venivo a pescare li sordi"!

Insomma un ex vandalo che difendeva un suo quasi collega anche se l’episodio di oggi è collegato ad un fantomatico movimento futurista.

Comunque quell’acqua rossa fa un certo effetto. Voi che dite?

La fontana di Trevi in rosso. (Foto Ansa da corriere.it)

Su e giù per Crotone

Tra poco ridiscendo a Crotone per la terza volta (ci sono già andato stamane per accompagnare e poi, da Papanice, per andare  a prendere quella che non mi ascolta) per andare al laboratorio di lettura organizzato da Angela Caccia.

Quando tornerò uno sguardo fugace a Zeling e poi di nuovo a Crotone.

Intanto qui a Scandale è ripreso a piovere: è assordante in alcuni momenti il ticchettio dell’acqua sul mio tetto non tetto.

Intanto oggi sul Crotonese sono usciti ben 4 miei articoli, tutti quelli previsti a parte le due brevi.

Buon pomeriggio a tutti.

Primo colpo del presidente Coriale: preso mister Villaverde

Ultima news.

Dopo aver formalizzato la costituzione della nuova società dell’Us Scandale con la nomina del Consiglio Direttivo, ieri è arrivato il primo colpo del presidente dell’Us Scandale Tonino Coriale che ha ingaggiato, anche sulla scorta delle indicazioni date dai calciatori presenti alla riunione dello scorso lunedì, mister Luigi Villaverde già in passato sulla panchina scandalese.

Luigi Villaverde neo allenatore dell'Us Scandale. Foto archivio Rosario Rizzuto

Con un po' di ritardo il pezzo sul Consiglio Comunale

Non lo trovo sul blog, si vede che mi sono dimenticato di postarlo.

Eccovi quindi il pezzo sul Consiglio Comunale del 4 ottobre.

Che fosse un Consiglio Comunale anomalo, quello tenutosi nella sala consigliare del Comune di Scandale (Crotone) il 4 ottobre scorso, lo si è capito subito considerato che già alle 15,02, in perfetto orario, il sindaco Fabio Brescia ha dato il via ai lavori.

Infatti, giustificandosi coi presenti di non poter aspettare oltre, informava tutti del lutto, per la scomparsa della suocera, che aveva colpito il consigliere di maggioranza Giuseppe Bennici e dei funerali che si sarebbero tenuti di li a poco e ai quali si voleva essere partecipi.

E così in 12 minuti sono stati votati tutti i cinque punti all’ordine del giorno e nonostante la presenza tra i consiglieri di due componenti la minoranza (Chiaravalloti e Scaramuzzuino) tutti i punti sono passati all’unanimità e con immediata esecutibilità.

Certo non erano i discussione cose importantissime ma è positivo sapere che a Scandale si riesca a governare in armonia!

All’appello della segretaria comunale Stefania Tutino, risultavano assenti il gruppo degli ex Democratici di Sinistra (Barberio, Riolo e Vasovino) e Chiaravalloti, che arriverà con due minuti di ritardo all’inizio della discussione sul terzo punto, per la minoranza e Bennici e Pingitore per la maggioranza.
Consiglio Comunale di Scandale del 4 ottobre 2007. Da sx Il vicesindaco  Patrizio Coriale, il Sindaco Fabio Brescia e la Segretaria Comunale Stefania Tutino. Foto Rosario Rizzuto col celllare
Approvati i verbali della seduta precedente, si passava alla Concessione diritto d’uso lotto cimiteriale nella frazione Corazzo. Il Sindaco Brescia, che a Scandale svolge anche la funzione di Presidente del Consiglio Comunale, informava che a Corazzo non ci sono, per fortuna, problemi di spazio al cimitero e quindi chiedeva di approvare la richiesta della famiglia Demme, che deve realizzare una cappella, rimandando tutti gli aspetti tecnici all’ufficio tecnico il Consiglio approvava all’unanimità con immediata esecutibilità.

Il terzo punto era: Approvazione modifiche statuto Co.Pro.S.S.. Il Sindaco faceva presente che il Copross, che si occupa della gestione dei servizi sociali nella Provincia, aveva fatto pervenire una delibera nella quale informava che sono state apportate alcune modifiche nello statuto del consorzio

che diventa Azienda Consortile e che vedrà porre all’interno dell’Istituto alcune nomine prima previste anche all’esterno. Tutti concordi nel Consiglio Comunale di Scandale anche su questo punto.

Anche per quanto riguardava la salvaguardia degli equilibri di bilancio, dopo che il Sindaco aveva enunciato che non è necessario effettuare interventi di ripristino per effettuare il pareggio, l’approvazione era unanime così come l’immediata esecutibilità.

Si arrivava quindi all’ultimo punto all’ordine del giorno: Nomina del revisore dei conti per il triennio 2008/2010.

Il Sindaco Brescia faceva presente che l’attuale revisore, Tommaso Brescia, il 31 dicembre 2007 finirà il suo primo triennio e quindi, in base, alla legge può essere riconfermato per altri tre anni.

La decisione però deve avvenire a scrutinio segreto così si votava e dallo scrutinio uscivano fuori 12 voti (i nove della maggioranza, i due della minoranza più il sindaco) per Tommaso Brescia che veniva riconfermato all’unanimità e con provvedimento immediatamente esecutibile, revisore dei conti del Comune di Scandale fino al 31 dicembre 2010.

Il compenso per la sua prestazione, informava la segretaria comunale, Stefania Tutino, rimane invariato rispetto al triennio precedente e costerà al Comune di Scandale poco più di 4.000 Euro l’anno.

[Rosario Rizzuto]

Venerdì di mezz'ottobre

E così è arrivato anche per questa settimana venerdì, qui a Scandale piove ma non mi sembra faccia freddo: ho appena fatto la doccia e sono addirittura senza maglietta.

Oggi esce il Crotonese e mi aspetto che ci sia più di un mio articolo come quello sul Consiglio Comunale, che è saltato per due numeri, quello sulla ProItalia, quello sulle primarie, due brevi e quello sull’elezione di Tonino Coriale a presidente dell’Us Scandale.

Stasera invece la sinistra italiana parte per Roma per la marcia del 20 ottobre: se le loro idee sono quelle che scrivono non si può non essere d’accordo.

Buon venerdì e buon week-end a tutti in particolare a chi mi vuole bene.

A proposito chi mi vuole bene di voi?

Mal di testa e capuccini da Gene Gnocchi

Gene Gnocchi alla trasmissione Artù su Rai 2: se mia moglie raggiunge 26.000 ore di mal di testa all’anno (il che è impossibile, ma vabbè) si può definire assenteista?

Pochi prima in una scheda in cui si parlava degli impiegati pubblici si diceva che un tot di questi sono gli impiegati forestali della Calabria o Catanzaro che spendono 35 euro al giorno i capuccini .

Eletto il Consiglio Direttivo dell'Us Scandale

Per chi sta aspettando nuove notizie dalla riunione dell’Us Scandale in programma per stasera c’è da dire che tale riunione non si farà.

Infatti per impellenti scadenze dettate dalla Figc di Crotone, il presidente Tonino Coriale è stato costretto ad anticipare i tempi e già nella giornata d ieri è stato definito il Consiglio Direttivo della società.

Oltre al Presidente ne fanno parte: due Vice Presidenti e cioè Amedeo Augenti e Antonio Marazzita, il Segretario che Tonino ha voluto individuare nella mia persona e cioè Rosario Rizzuto e un Cassiere: Antonio Cilurso.

La società, sempre disponibile all’inserimento di nuovi soci, al momento può fare affidamento su 13 Consiglieri: Salvatore Artese, Fiorino Biafora, Fabio Brescia, Carmine Esposito, Giovanni Funaro, Giuseppe Garofalo senior, Giuseppe Garofalo junior, Antonio Grisi, Aldo Lazzaro,    Francesco Lazzaro, Giuseppe Lettieri,   Filippo Lettieri, Carmine Pingitore.

Come massaggiatore è stato indivuato Mario Rizzuto.

Chi più chi meno si impegnerà per avviare e portare a compimento questo primo campionato della nuova società, un campionato di transizione,per partire, in prospettiva, alla grande il prossimo anno.

Sabato 3 novembre a Roma per la gioia di Simone

Prima che me ne dimentichi, la butto così a mente, la parrocchia di Scandale sta organizzando un pullman per recarsi a Roma per il 3 novembre 2007 quando il nostro Simone Scaramuzzino sarà ordianto diacono.

Partenza da Scandale venerdì 2 novembre alle 13,00, arrivo in serata, cena pernottamento, colazione, breve visita a Roma, pranzo e poi la celebrazione e quindi il rientro a Scandale, il tutto alla modica cifra di 100,00 Euro (solo di pullman con la ditta Romano se ne pagherebbero 70,00).

Per prenotazioni si ci deve rivolgere alle suore di Scandale.

Brevi da Scandale

SCANDALE – (r.r.) All’insegna di "Cambia stagione dai vita il tuo usato", si terrà venerdì19 ottobre 2007, dalle 17,00 alle 19,00, presso la sede dell’Avis di Scandale, sita in Vico Isonzo, la raccolta di indumenti usati (in buone condizioni).
Lodevole iniziativa organizzata dalla parrocchia di Scandale in collaborazione dell’Avis cittadina presieduta da Pietro Cerrelli, volta a raccogliere indumenti per quelle persone meno fortunate.
 
*** 
  
SCANDALE -(r.r.) Anche quest’anno, un po’ in ritardo rispetto ad altre precedenti edizoni, si terrà a Scandale il motoraduno che in questa edizone 2007 assume il nome di Motoincontro.
E così domenica 21 ottobre 2007 in piazza Condoleo a Scandale si terrà il primo motoincontro di Scandale organizzato dal club "Gli SbiellatI".
Un appuntamento che porterà a Scandale centauri da tutta la regione e anche oltre e animerà per una giornata questo indifferente mese di ottobre.
Da lodare anche l’inizativa del club "Gli sbiellati" che in vista di questo importante appuntamento hanno realizzato una locandina, una specie di decalogo, affissa anche nelle scuole, nella quale invitano i ragazzi a tenere un comportamento corretto in sella alla moto, usando il casco, non correndo e cominciando loro sterssi del club a dare il buon esempio.

E i pezzi per il blog diventano articoli

SCANDALE – Anche a Scandale, come nel resto d’Italia, alle elezione primarie del Partito Democratico, ha vinto Veltroni ma la Bindi si è difesa abbastanza bene.

E’ stata una giornata diversa dal solito quella di domenica caratterizzata da queste elezioni un po’ particolari.

L’unico seggio di Scandale è stato montato nella sede dell’ex sala dei Democratici di Sinistra, nonostante la polemica dei tesserati dell’ex Margherita che avrebbero gradito una sede più neutrale, e tutto è stato organizzato alla perfezione: dai responsabili di seggio, scrutatori ecc…, alle schede e alle cabine per votare.

Il voto si è svolto con celerità nella fascia oraria stabilita, dalle 7,00 alle 20,00, e alla fine si sono contati 480 votanti.

Per quanto riguarda l’elezione dell’Assemblea Costituente Nazionale i “Democratici con Veltroni” hanno ottenuto 289 voti quasi il doppio della lista “Con Rosy Bindi democratici, davvero” che si è fermata a 146 voti, poche preferenze per le altre due liste a Scandale: “I Democratici riformisti con Veltroni” hanno preso 18 voti mentre “I Democratici per Enrico Letta” ne hanno ottenuti 20.

Più o meno lo stesso andamento per l’elezione dell’Assemblea Costituente Regionale che vedeva Marco Minniti unico candidato a segretario per tutte le 5 liste.

Le schede grigie imbucate nelle urne hanno prodotto il seguente risultato: “A testa alta per la Calabria” ha conquistato 274 voti seguita da “Con Rosy Bindi in Calabria democratici, davvero” che è arrivata a 129 voti.

A seguire, con notevole distacco, “I Democratici Riformisti” con 38 voti e quindi “I Democratici per Enrico Letta” che di preferenze ne hanno avute 29 ed infine “Democratici Uniti” che a Scandale hanno preso solo 4 voti.

Da segnalare, si fa per dire, ma sembra strano che qualcuno sia andato a votare alle primarie, donando anche come minimo un euro, per poi imbucare una scheda bianca o nulla, 4 schede nulle e 3 bianche per l’Assemblea Nazionale e 2 nulle e 4 bianche per quella Regionale.

Tra i votanti di Scandale il consigliere provinciale nonchè presidente dell’Akros e consigliere di minoranza al Comune, Antonio Barberio, rimasto a vigilare, perché al seggio si svolge tutto senza problemi, praticamente per tutta la giornata, e poi gli altri 4 consiglieri di minoranza: Giuseppe Riolo, Carmine Vasovino, Vincenzo Chiaravalloti e Ugo Scaramuzzino ma anche un assessore e un ex assessore, ora consigliere di maggioranza, e cioè Giuseppe Lettieri e Gino Pingitore.

Sorprende soprattutto il voto di quest’ultimo in passato candidato per l’Udc, ma forse la partecipazione a queste elezioni del Pingitore è sintomo che qualcosa sta cambiando nell’identità politica dell’ex vice sindaco di Scandale.

Rosario Rizzuto

***

SCANDALE – Aria nuova nella società calcistica dell’Us Scandale che nella serata di martedì 16 ottobre 2007 si è data un nuovo assetto societario eleggendo come presidente della squadra il vice sindaco del paese e cioè Patrizio Coriale conosciuto da tutti come Tonino.

Tonino subentra a Pino Valente che è stato al vertice della società per 3 stagioni e mezza.

In realtà le cose per l’Us Scandale si erano messi male quest’anno e si è corso il rischio che la società non si iscrivesse al campionato.

Solo grazie all’intervento dell’assessore al sport del Comune, Giuseppe Lettieri, l’Us Scandale, in extremis, è riuscita ad iscriversi lunedì scorso (ultimo giorno utile); infatti il Lettieri, informato dall’ormai ex presidente Valente che questi non era più disponibile a presiedere da solo la squadra, ha chiamato a raccolta alcuni imprenditori del paese per raccogliere la somma necessaria a bloccare l’iscrizione.

Da qui l’indizione di un nuovo incontro pubblico per la serata di martedì scorso al quale hanno partecipato alcuni nuovi soci e alcuni calciatori della squadra dello scorso anno.

L’incontro si è tenuto nell’auditorium della scuola primaria ma le persone presenti erano davvero poche e non c’era nessuna donna sintomo che il discorso calcio interessa sempre alle stesse persone oppure che c’è un po’ di sfiducia nell’ambiente e che quindi bisogna cominciare a costruire nuove fondamenta.

Tonino Coriale che non ha nemmeno 30 anni, per quanto ci risulta, è il più giovane presidente che l’Us Scandale abbia mai avuto.

Per la sua elezione, considerato che in lizza per la carica di presidente oltre a Tonino aveva dato la sua disponibilità anche l’imprenditore edile Amedeo Augenti, si è deciso di far votare le 17 persone che, al momento, formano la società dello Scandale.

Dal segreto dell’urna sono usciti 12 voti per Coriale, 4 voti per Augenti e una scheda bianca.

Un commosso neo presidente ha pronunciato un breve discorso di debutto interrotto quando l’emozione per il ricordo del fratello Pino, scomparso alcuni anni fa in un incidente automobilistico mentre andava a giocare una gara con l’Us Scandale, ha preso il sopravvento.
Si è mostrato molto contento di questo nuovo incarico affermando che si impegnerà al massimo per la squadra.

A margine c’è da dire che quest’anno i problemi non mancheranno e il neo presidente inizia con una bella gatta da pelare infatti a quelli ormai consolidati (che si spera quest’anno non ci siano) come i viaggi, i giocatori, o addirittura i dirigenti, che a volte non si presentano alle gare, si aggiunge il fatto che lo stadio “Luigi Demme” è interessato da lavori di sistemazione da parte della Provincia di Crotone e non sarà disponibile prima di qualche mese.

Quindi l’Us Scandale non solo dovrà giocare, almeno per tutto il girone di andata, anche le partite casalinghe in trasferta, forse sul campo di calcio di San Mauro Marchesato, ma avrà problemi anche per dove disputare gli allenamenti e forse anche in questa circostanza dovrà venire in soccorso uil terreno di gioco di San Mauro.

Rosario Rizzuto

Un catanzarese strano al Costanzo Show

C’è un "pazzo" al Maurizio Costanzo, un tipo tutto particolare coi capelli verdi, con la gonna e pieno di anelli; da come parla credevo fosse un inglese italianizzato invece è originario di Martirano Lombardo che a dispetto del nome si trova in provincia di Catanzaro.

Dice di essere uno stilista (ha presentato un paio di scarpe con sotto due poggia doccia, difficile da spiegare a parole) ma mi sembra sia anche mezzo sensitivo, comunque è forte assai!!! mi sta facendo morire dalle risate.

E non è l’unico pazzo sul palco stasera…

Tonino Coriale eletto presidente dell'Us Scandale

Evvaaaaiiii…

Stasera, soprattutto per gli amici che più volte si sono domandati (ma credo che la notizia farà piacere a tutti) senza che io sapessi cosa rispondere, vi posso dare una bella notizia.

E’ stata costituita la nuova società dell’Us Scandale.

E da stasera la squadra ha un nuovo presidente: TONINO CORIALE che subentra a Pino Valente.
Tonino Coriale pochi minuti dopo l'elezione come Presidente dell'Us Scandale. Foto Rosario Rizzuto con cellulare Sony Ericsson
Tonino Coriale che non ha nemmeno 30 anni (se non sbaglio è del 1978), per quanto mi risulta, è il più giovane presidente che l’Us Scandale abbia mai avuto.

L’elezione dell’uomo che dovrà guidare la squadra in questa stagione è avvenuta stasera nell’auditorium della Scuola Primaria di Scandale dove erano presenti alcuni soci della nuova società e alcuni calcitori.

In lizza per la carica oltre a Tonino c’era Amedeo Augenti (l’imprenditore edile), così si è deciso di far votare le 17 persone che, al momento, formano la società dello Scandale.

Dal segreto del’urna sono usciti 12 voti per Coriale, 4 voti per Augenti e una scheda bianca.

Un commosso Tonino ha pronunciato un breve discorso di debutto interrotto quando l’emozione per il ricordo del fratello Pino, scomparso in un incidente automobilistico mentre andava a giocare una gara con l’Us Scandale, ha preso il sopravvento.
Si è mostrato molto contento di questo nuovo incarico affermando che si impegnerà al massino per la squadra.
Una fase della riunione dellUs Scandale di martedì 16 ottobre 2007. Foto Rosario Rizzuto col cellulare
Il neo presidente ha già convocato una riunione per la sera di giovedì per nominare il direttivo della società e decidere il da farsi in vista dell’imminente inizio di campionato di Terza Categoria dove l’Us Scandale, in extremis, è riuscita ad iscriversi ieri (ultimo giorno utile) grazie all’interessamento di Giuseppe Lettieri, assessore alllo sport del Comune di Scandale, che, informato dall’ormai ex presidente Valente che questi non era più disponibile a presiedere da solo la squadra, ha chiamato a raccolta alcuni imprenditori del paese per raccogliere la somma necessaria a bloccare l’iscrizione.

Tonino, che ricordo, è anche Vice Sindaco di Scandale, da parte sua inizierà a lavorare già da domattina.

P.s.: Inutile dirvi che della Società dell’Us Scandale, ossia nei 17 (ad oggi) soci, ci sono anche io!

<a target="_blank" href="http://pinomasciari.alterv

Pino Masciari Day

Tanti guardano… pochi partecipano

La maratona di scrittura che ho messo in campo domenica ha portato i suoi frutti, ieri il mio blog ha avuto 540 contatti.

G R A Z I E

Un volantino per il 20 ottobre

Il comitato che organizza la manifestazione delle sinistre del 20 ottobre,  ha predisposto un volantino con il quale, credo, non si può non essere d’accordo.

 Lo trovate qui:

Il Volantino del comitato 20 ottobre

La manifestazione ha anche un sito internet raggiungibile cliccando qui.

Il 20 ottobre a Roma una manifestazione delle sinistre

Il 20 ottobre si terrà una grande manifestazione delle sinistre a Roma. Salvo imprevisti dell’ultima ora, dovrei esserci anche io, questo il comunicato stampa del Pdci.

La manifestazione del 20 ottobre a Roma serve a spronare governo e parlamento perché si facciano più scelte di sinistra, perché si vada incontro ad esigenze vere dei lavoratori, dei pensionati, dei precari; per ricordare al governo il rispetto del programma dell’Unione, rilanci la partecipazione popolare, conquisti i punti più avanzati del programma dell’Unione per evitare che si apra un solco più profondo tra la rappresentanza politica, il Governo Prodi e i suoi elettori; occorre fare della lotta alla precarietà e per una cittadinanza piena di tutte e di tutti la nostra bussola

  • Lavoro: stabilità, dignità e sicurezza, salari e pensioni più giusti, cancellando definitivamente lo scalone di Maroni e lo sfruttamento delle forme “atipiche” e con la salvaguardia del contratto nazionale come primo patto di solidarietà tra le lavoratrici e i lavoratori;

  • Welfare: riequilibrio della ricchezza e la conquista del diritto al reddito, all’abitare;

  • Diritti civili e Laicità dello Stato: chiediamo che siano cancellate le leggi contro la libertà;

  • Diritti ai saperi, a una scuola pubblica, efficiente, di qualità, più attenzione all’università, alla ricerca;

  • Pienezza dei diritti dei migranti, superamento totale della Bossi Fini, chiusura dei CPT;

  • La pace: taglio delle spese militari, no alla base di Vicenza, via dall’Afganistan, no allo scudo stellare;

  • Ambiente: l’acqua deve essere pubblica, definizione di nuove basi dello sviluppo fondate sulla tutela e il rispetto dell’abitat, del territorio, delle comunità locali;

  • Legalità : lotta a tutte le mafie.

    Tutto questo è scritto nel programma di Governo dell’Unione col quale sono state vinte, anche se per pochi voti, le elezioni politiche 2006. Siamo consapevoli che per realizzare tutto questo occorre che la politica torni ad essere partecipazione, protagonismo, iniziativa collettiva: Per questo saremo a Roma il prossimo 20 ottobre per la manifestazione nazionale.

    Tutte le cittadine e i cittadini sono invitate a partecipare.

    Partenza da Crotone alle ore 23,00 di venerdì 19 ottobre in pulman dal piazzale dello stadio: si può dare l’adesione recandosi presso la federazione dei Comunisti Italiani in via XXV Aprile difronte al Bar Gattopardo) da lunedì a venerdì dalle 17,30 alle 19,30, oppure telefonando al n° 3346945484-

Domenica 28 ottobre il Pino Masciari Day

Domani, sarannno dieci anni che Pino Masciari, imprenditore catanzarese che ha avuto il coraggio di denunciare il racket, vive segregrato perchè sottoposto a programma di protezione.

Il 28 ottobre, come vi ho anticipato nel post del raduno dei Meetup calabresi a Cosenza, si terrà a Catanzaro il Pino Masciari Day; questo il comunicato stampa preparato dai Meetup calabresi.

Domenica 28 Ottobre 2007 a Catanzaro presso il Villaggio Guglielmo di Copanello di Stalettì, si terrà il Pino Masciari Day. I Meetup degli “Amici di Beppe Grillo” della Calabria si sono uniti, insieme con altri Meetup nazionali ed altre associazioni ed hanno deciso di dedicare una giornata a Pino Masciari e alla sua famiglia in occasione dell’anniversario dei 10 anni di sottoposizione al programma di protezione iniziato il 17 ottobre 1997.

Pino Masciari, limpido imprenditore calabrese ha avuto la forza e la moralità di denunciare il racket della criminalità organizzata affidandosi alle leggi dello Stato, diventando cardine centrale di principali processi contro la ‘ndrangheta e le istituzioni corrotte.

Chiunque in questi anni ha conosciuto Pino Masciari e la sua storia non è più riuscito a esserne indifferente. Questa iniziativa è il risultato dell’elaborazione della presa di coscienza che ne è scaturita.

Singoli cittadini ed esponenti di diverse realtà associative si uniscono sotto un’unica definizione: “gli Amici di Pino Masciari”, così lo affiancheranno durante la giornata di domenica 28 ottobre per porre pubblicamente riflessioni, proposte e richieste.

E’ intenzione della giornata dunque, unire tutte le forze vicine a Pino Masciari, tessendo una nuova Rete tra i cittadini, gli imprenditori e le personalità istituzionali, in particolare tra chi nelle Istituzioni ha operato e continua ad operare per evitare che vengano danneggiati quanti compiono la scelta di stare al servizio della legalità e dello Stato Democratico.

C’è innanzitutto un uomo e la sua famiglia e bisogna divulgare la loro storia per creare COSCIENZA, affinché un decennio di sacrificio diventi RISORSA e ne sia reso il giusto merito.

C’è un messaggio pregno di senso civico, un esempio da seguire come cittadini e come lavoratori, di lotta alla criminalità organizzata, che sarà dibattuto con altri imprenditori che vogliono ribellarsi al ricatto e all’infamia.

C’è una società civile che tramite la storia di Pino Masciari vuole dialogo, approfondimento e concertazione con le Istituzioni invitate.

Sarà l’occasione per poter lavorare insieme proficuamente con rinnovate energie.

PROGRAMMA

h. 15:00 Presentazione: "Dieci anni sotto protezione: l’imprenditore Pino Masciari"
h. 15:30
Conferenza
: "L’esempio di Pino Masciari come riscossa della società civile e dell’imprenditoria responsabile"
h. 17:00
Spettacolo teatrale
: "Legàmi" del regista Francesco Pileggi, realizzato dagli studenti del laboratorio teatrale del comune di Lamezia Terme.
h. 18:00
Dibattito
: "La società civile dialoga con le Istituzioni"
h. 20:00 Buffet

Parteciperanno all’incontro tra gli altri:
Don Luigi Ciotti – Presidente di Libera
On. Marco Minniti – Viceministro all’Interno
On. Ettore Rosato – Sottosegretario all’Interno
On. Francesco Forgione – Presidente Commissione Antimafia
On. Giuseppe Lumia – Vicepresidente Commissione Antimafia
On. Angela Napoli – Presidente Comitato Testi Commissione Antimafia
On. Maria Grazia Laganà – Componente Commissione Antimafia
On. Mario Tassone – Vicepresidente Commissione Antimafia
Dott. Giancarlo Caselli – Procuratore Generale Piemonte e Val D’Aosta
On. Antonio Di Pietro – Ministro per le Infrastrutture
Prefetto Raffaele Lauro – Commissario di Governo per le iniziative antiraket e usura
On. Brunello Censore – Consigliere regionale Calabria e componente Comm. Antimafia Regionale

Associazioni e gruppi che finora hanno aderito:
- Meetup "Amici di Beppe Grillo" della Calabria (Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria) e di Torino
- Hacklab Catanzaro
- Associazione Acmos
- Libera Piemonte
- Rita Atria
- Ammazzateci tutti
- Addio Pizzo
- Ezechiele 37
- Associazione Antiraket Lamezia
- May Day Calabria
- Il circolo delle libertà di Catanzaro

Nuovo libro su Rino Gaetano

L'home page del sito www.chiviveinCalabriachivived'Amore.org
Ritorna e riparte alla grande
il sito dell’Associazione "Chi vive in Calabria chi vive d’Amore" dedicata a Rino Gaetano, che dopo una serie infinita di probelmi tecnici torna ad essere on line.

L’infaticabile Anastasia Ursetta, Presidentessa dell’Associazione, riporta alla vita il sito con un quasi scoop e cioè la prossima uscita di un nuovo libro, Editore Arcana, su Rino Gaetano a cura di Silvia D’Ortenzi e che avrà il titolo "Rare Tracce" dal nome di una canzone dello stesso Rino Gaetano e che sarà pubblicato il 29 ottobre 2007 giorno in cui Rino avrebbe compiuto 57 anni.

Maggiori informazioni, nell’articolo di Daniele Orlandi tratto da www.voceditalia.it, le trovate qui.

L'emozione nel rivedere Isa…

Se ci penso ho ancora i brividi: ieri mattina stavo per staccare la connessione ad internet quando mi chiama la mia capa del Meetup, Irene, durante la telefonata arriva dal pc il segnale di una telefonata tramite Skype.

Penso al solito curioso straniero (mi è capitato che mi chiamassero dal Brasile, dall’Argentina, dal Ghana) e continuo la telefonata che per fortuna era quasi alla fine.

Dico per fortuna perchè avvicinandomi al pc mi accorgo che la chiamata, che in realtà è una videochiamata, arriva dalla mia amica Isabella Aprigliano direttamente dalla Germania.

Non credo ai miei occhi quando mi si materializza davanti.

Non la vedevo da anni… quanti ricordi… parliamo un po’, poi riesco (non ci voleva molto) a farmi vedere anche io.

Abbiamo fretta entrambi ma è troppa la voglia di raccontarci qualcosa; mi dice anche che mi legge tutti i giorni… che carina!

Difficile riportare la contentezza su un post ma visto che mi leggi cara Isa volevo dirti che mi hai dato una bella emozione ieri mattina.

Ti auguro una felice settimana… la auguro a tutti!

Arriva Giuliana in casa Giuliano!

La piccola Giuliana Giuliano. Foto Rosario Rizzuto
Una nuova stella è arrivata sulla terra, a Roccabernarda; nei giorni scorsi, infatti, è nata presso l’ospedale di Catanzaro la bellissima Giuliana Giuliano.

Sì avete ragione, come si fa a dare il nome Giuliana ad una bimba che ha il papà che di cognome fa Giuliano ma ormai è fatta e converrete che nella vita c’è di peggio e che quindi si può anche fare finta di niente anche se io non mi ci posso "cunzari!.

A parte la cacofonia del nome, come potete vedere da soli Giuliana (il nome da solo fa tutto un altro effetto) è una stupenda bambina che si può fregiare di avere una bella e giovanissima nonna materna, la signora Lina.
La piccola Giuliana Giuliano con la nonna materna Lina. Foto Rosario Rizzuto
Spero che la nipotina piaccia anche al nonno materno, Franco Fardella, che in questi giorni si trova in Canada e che vedrà la bimba per la prima volta grazie alle foto pubblicate sul mio blog.

Da parte mia e di quella che non mi ascolta i più grandi auguri ai genitori Antonio e Maria Teresa, alla sorellina e a tutta la famiglia Fardella e Giuliano.
Una parte della famiglia Fardella-Giuliano con la piccola Giuliana. A dx mamma Maria Teresa. Clicca x ingrandire. Foto Rosario Rizzuto

Il resoconto di Cecilia Gullo sull'incontro dei Meetup calabresi a Cosenza

Una fase del raduno dei Meetup calabresi a Cosenza del 14 ottobre 2007. Foto Rosario Rizzuto
Stasera, come ho anticipato in un precedente post, si è tenuto il secondo incontro dei Meetup calabresi.

Dopo Catanzaro ci siamo incontrati a Cosenza.

Da Crotone eravamo soli in 4; assente la capa, Irene Magistro, per imprevisti incombenze familiari, eravamo io, Pietro Ragno, la sua gentile consorte Cecilia Gullo ed un altro ragazzo del quale in questo momento mi sfuffe il nome, lo so è imperdonabile ma come sapete sono deficitario in memoria.

Post il resoconto dell’incontro scritto da Cecilia Gullo del Meetup crotonese "Grillini Crotonesi": "Stasera si è tenuto a Cosenza il secondo raduno regionale dei meetups calabresi. Eravamo circa 30 persone tra i ragazzi di Cosenza, di Catanzaro e di Crotone. Si è discusso principalmente dell’organizzazione del Pino Masciari day che, per chi ancora non lo sapesse, si terrà il 28 Ottobre a Catanzaro. Vi aggiorno brevemente.
Credo che ormai la storia di Masciari sia nota: si parla di un imprenditore catanzarese che più di 10 anni fa denuncia le estorsioni di cui era vittima (per chi volesse saperne di più visiti il sito
www.pinomasciari.it).

Da allora vive lontano dalla Calabria sottoposto al programma di protezione. Il Pino Masciari day nasce dall’idea di voler dedicare un giorno "all’impreditore responsabile", ossia all’imprenditore che non solo lavora nella nostra regione, ma che coscientemente presta attenzione al territorio in cui opera e alle problematiche che questo presenta. Dall’evoluzione di questa idea, il meetup di Catanzaro decide, di organizzare questa giornata che affronterà il problema della giustizia in Calabria, partendo proprio dalla storia di Masciari.
Alla presenza di alcune cariche istituzionali quali Marco Minniti, vice Ministro dell’interno, il Giudice Caselli, già sostituto procuratore di Palermo e tanti altri ancora, si chiederà il rientro in Calabria di Pino Masciari che dopo anni di esilio vuole tornare nella sua terra. Come egli stesso dice, tramite collegamento telefonico, rivuole la sua dignità come libero cittadino.
Da sx Cecilia Gullo, Pietro Ragno e il terzo componente del Meetup crotonese presenti a Cosenza oltre a me. Foto Rosario Rizzuto
Il ministro dell’interno gli nega tale possibilità perchè ha messo per iscritto che un suo rientro in Calabria potrebbe mettere in pericolo la sua incolumità personale e violerebbe lo spirito del programma di protezione che verrebbe revocato. Masciari chiede ciò perchè il rientro in Calabria è stato concesso ad altri imprenditori che hanno vissuto la sua stessa esperienza. Così è andata per Godino di Lamezia Terme nei confronti del quale le Istituzioni si sono mosse per permettergli di ripartire con la sua attività.

Ci chiediamo: perchè questo non può essere fatto anche nei confronti di Pino Masciari? Inoltre, l’intento di Masciari è quello di non voler essere un esempio negativo per tutti coloro che volessero seguire la sua strada. Se non lo fanno rientrare non potrebbe essere che questo. Quale imprenditore troverebbe il coraggio di denunciare il racket delle estorsioni se sa a priori che dovrà vivere come un topo in gabbia per tutta la vita???
Pino Masciari continua con il ringraziarci per questa iniziativa e ci esorta a combattere tutte le forme di illegalità
".
Gli organizer dei Meetup di Cosenza e Catanzaro e alcuni collaboratori
Un pomeriggio diverso dal solito in cui penso per tutti il momento più emozionante è stato quello del collegamento telefonico con Pino Masciari che ci ha illustrato al emglio la sua situazione.

Perciò per il pomeriggio di domenica 28 ottobre 2007 non prendete impegni si va tutti ad incontrare Pino Masciari per manifestargli la nostra solidarietà.

Le foto del pomeriggio cosentino nel "reparto" photos sul Meetup crotonese cliccando qui.

Quando un commento ti rende felice…

Trovo tra i commenti di un post, questi due: "ROSA TU SEI GRANDE MINTATTILO INTRA A CAPU IO CHE CONOSCO IL TUO BLOG POCO QUANDO POSSO RILEGGO TUTTO CIO CHE C´E´DENTRO.
cosa mi piace di te CHE NON HAI PADRONI E IDOLI che NON TI FAI STRUMENTALZZARE sei proprio genuino CONTINUA COSI CON I TUOI VALORI;CON IL TUO LATO CRITICO;ONESTO;OBIETTIVO SENZA DIPENDENZE
MA SFOGATI NOI TI LEGGIAMO
MA NON SEI UN PERDENTE;PERCHE NON HAI MAI VENDUTO LA TUA ANIMA A NESSUNO!!!!!!!!!
" e "Ciao Ros che ti succede? E’ un’amica a dirtelo: vedi di riprenderti! Sei una persona con due anime, fai vincere quella buona, dinamica, creativa, positiva…Non hai niente di cui lamentarti,se ci pensi in fin dei conti non ti manca nulla… O no? Sei intelligente, hai una bella famiglia, lavori, crei, sproni, rompi le balle a tutti, ti fai notare, sei sincero. Che cacchio ti manca? Se qualcosa ti manca, pur giovando di questo stato di perfezione, significa che non deve appartenerti! Non è un cattivo rimprovero il mio; quando scoprirai chi sono (che non è difficile) lo capirai..".

Stampati e messi nel portafoglio… non si sa mai possano servire nei momenti bui…

Le primarie del Partito Democratico a Scandale. Indovinate chi ha vinto?

Una fase delle primarie del Partito Democratico a Scandale. Foto Rosario Rizzuto
Torno dal seggio per le elezioni primarie del Partito Democratico; finora, tranne l’accenno nel post precedente, non ne avevo mai parlato.

Onestamente mi sembrava una gran buffonata: delle elezioni con dei vincitori già certi.

Stamattina mi sono affacciato al seggio per fare (pausa sto ridendo nel vedere il programma "Crozza Italia Live" di Maurizio Crozza su La Sette con ospite, in questo momento, Ambra Angiolini che gioca al Padrino con Crozza) qualche volta e mi ha stupito la serietà in cui era stato organizzato il tutto.

Poco fa, tornando da Cosenza-Roccabernarda sono ripassato dal seggio, allestito nell’ex Sala del Partito Democratico di Sinistra per vedere il risultato di spoglio.

A Scandale come del resto in tutta Italia (si parla di oltre il 70 %) ha vinto Walter Veltroni.

Questi i risultati del mio paese dove si sono recati alle urne 480 cittadini:

Elezione Assemblea Costituente Nazionale:

  • Democratici con Veltroni                      289 voti;
  • I Democratici riformisti con Veltroni      18 voti;
  • I Democratici per Enrico Letta               20 voti;
  • Con Rosy Bindi democratici, davvero 146 voti. 

Elezione Assemblea Costituente Regionale

con candidato a segretario Domenico Minniti detto Marco per tutte e 5 le liste:

  • A testa alta per la Calabria         274 voti;
  • Con Rosy Bindi in Calabria…     129 voti;
  • Democratici Uniti                            4 voti;
  • I Democratici per Enrico Letta     29 voti;
  • I Democratici Riformisti                38 voti.

Da segnalare, si fa per dire, ma fa strano che qualcuno sia andato a votare alle primarie, donando anche come minimo un euro, per poi imbucare una scheda bianca o nulla, 4 schede nulle e 3 bianche per l’Assemblea Nazionale e 2 nulle e 4 bianche per quella Regionale.
Il Consilgiere Provinciale Antonio Barberio di Scandale al voto alle primarie del Pd. Foto Rosario Rizzuto
Tra i votanti di Scandale, mi hanno segnalato, il consigliere provinciale nonchè presidente dell’Akros e consigliere di minoranza al Comune, Antonio Barberio, gli altri 4 consiglieri di minoranza: Giuseppe Riolo, Carmine Vasovino, Vincenzo Chiaravalloti e Ugo Scaramuzzino ma anche un assessore e un ex assessore, ora consigliere di maggioranza, e cioè Giuseppe Lettieri e Gino Pingitore, sorprende soprattutto il voto di quest’ultimo in passato candidato per l’Udc.

Per altre informazioni vi segnalo il post di Pensieri a Sinistra.

Sentirsi carichi…

Stasera è una di quelle sere in cui mi sento così carico che potrei cambiare il mondo, se poi, mentre cerchi notizie sulle elezioni del Pd, becchi su La Sette Cristicchi… rischio di scoppiare; sarà per l’incontro con i Meetup calabresi a Cosenza per organizzare il PINO MASCIARI DAY di domenica 28 ottobre 2007 oppure perchè stamattina ho visto la mia amica Isabella Aprigliano con Skype (che emozione!!!) oppure per la sortita al seggio per le primarie del Partito Democratico… di preciso non lo so, ma ho così tanta adrenalina in corpo che non basterebbe tutta la droga del mondo (copyright Jovanotti), mi sento così caldo che scioglierei i Poli.

Sarà pure per questo che mentre gli altri erano col cappotto io sono andato con Leo in moto sbracciato…

Domani mattina su Rai 1 si parla di moneta locale… gurdativillu

Il Meetup legato a Beppe Grillo "Grillini Crotonesi", diretto da Irene Magistro,  informa che lunedì 15 ottobre 2007 intorno alle 09,30, su Rai 1, nell’ambito della trasmissione contenitore "Uno Mattina", si parlerà dell’esperienza delle monete locali con riferimento a quelle già in un uso come lo "Scec" a Napoli, ma anche a quelle che, dopo la spinta data all’argomento negli ultimi tempi da vari articoli su riviste specializzate e non, saranno utilizzate in altre città tra le quali Crotone dove l’argomento è allo studio da molti mesi.

Lo Scec di Napoli. Foto dalla rete

La visione del programma su Rai 1 può essere utile a fasi un’idea di come funziona tale circuito in attesa che l’esperienza, che già sta avendo un grosso successo in alcune realtà, prenda piede anche nella nostra città

 

 

A Crotone la "moneta" avrà il nome di Kro e permetterà ai cittadini di pagare, nei negozi convenzionati un prodotto in parte in euro e per circa il 20% in Kro (che saranno distribuiti dalle associazioni locali che pruomuovono l’iniziativa), consentendo quindi un risparmio notevole.

Al traguardo la seconda settimana del Corso di Scittura di Laura Lepri

E’ finita ieri sera intorno alle 21,00 la seconda settimana del Corso di Scrittura tenuto dall’editor milanese (fiorentina di nascita) Laura Lepri e organizzato dalla Provincia di Crotone per volontà soprattutto del presidente Sergio Iritale che proprio oggi è impegnato con le primarie del nascente Partito Democratico, ma questo è un altro discorso.

Ieri sera abbiamo sforato il consueto orario delle 20,30, nonostante fosse sabato e che quindi in molti avevano una serata già programmata (vero Stefania?), perchè proprio non volevamo far andare via il bravo Marco Ferrante giornalista del Foglio, collaboratore di Matrix e autore del libro, che ha avuto un grande successo questa estate, Casa Agnelli.

Una lezione molto utile ed interessante durante la quale abbiamo assistito anche alla proiezione di uno spezzone del servizio realizzato dallo stesso Ferrante per Matrix in una puntata dedicata alla dinastia Agnelli.

E, a fine lezione, la foto divenuta ormai un rito, con i soliti frettolosi, troppo impegnati per poter aspettare ma come si dice: chi c’è c’è chi non c’è… si frega!

Laura Lepri e Marco Ferrante con alcuni degli allievi del Corso di Scrittura di Crotone. Clicca per ingrandire. Foto Rosario Rizzuto

L’appuntamento per la terza e ultima settimana () del Corso è per il 26 novembre, intanto in queste settimane c’è da fare i compitini per casa.

A margine, ma sono di frettissima, volevo aggiungere che è stata una bella settimana, che è sempre emozionante conoscere persone nuove anche se i ritmi del corso non danno molta possibilità per fare amicizia, ma gioco forza con qualcuno si riesce sempre a scambiare qualche parola e anche quest’anno, come fu nella scorsa edizione, si sta creando un bel gruppo.

Grazie a tutti!!! 

Gli opuscoli e il Dvd dei ragazzi della ProItalia

SCANDALE – Continua nel centro collinare crotonese l’opera di volontariato dei ragazzi e delle ragazze della ProItalia presieduta da Tonino Bitonti che tra qualche mese finiranno il loro anno di servizio civile.

Insieme alle loro occupazioni quotidiane, nei mesi scorsi alcuni di loro si sono impegnati nella realizzazione di un Dvd dal titolo “Scandale tra passato e presente” e di alcuni opuscoli di pubblica utilità, distribuiti anche agli emigranti rientrati per le vacanze estive e realizzati in gran parte grazie al patrocinio dell’Amministrazione Comunale e due col patrocinio della Parrocchia San Nicola Vescovo e del Comitato Feste Mariane 2007.

In quest’ultimi, realizzati in particolare dai volontari del progetto “Sotto il Campanile di Scandale”, si parla delle Chiese di Scandale e di Maria del Condoleo. Si racconta, in quello dedicato a Maria, l’origine: “Il quadro della Vergine del Condoleo fu rinvenuto in località Stella…” vi si legge, e poi si racconta della tela, della leggenda, dell’incoronazione avvenuta il 15 agosto 1970 alla presenza dell’Arcivescovo Michele Federici, del trafugamento del quadro avvenuto il 6 ottobre 1971 e ritrovato il 4 dicembre dello stesso anno. Nella brochure, che è anche corredata di una foto dell’immagine sacra ai cattolici e della foto della chiesa del Condoleo, si parla anche della festa padronale dedicata alla Madonna del Condoleo e del suo Santuario.
Un collage con gli opuscoli e il Dvd realizzati dai ragazzi della ProItalia di Scandale. Clicca x ingrandire. Foto Rosario Rizzuto
Interessanti spunti anche nell’opuscolo sulle chiese in cui vengono descritte la chiesa di San Nicola Vescovo, quella della Madonna della Difesa, l’eremo Santa Croce di Corazzo, il santuario della Madonna di Condoleo e la Chiesa dell’Addolorata; per essere completo ci sarebbero volute anche le descrizioni della chiesa di Corazzo e qualche nota sulla chiesa diroccata della Stella ma immaginiamo che i ragazzi della ProItalia abbiamo avuto difficoltà a reperire notizie su queste strutture ma il loro impegno rimane lodevole e il lavoro molto utile.

Gli stessi ragazzi del citato progetto, ed in particolare Salvatore Castagna, Renata Rizzuto e Veronica Sellaro, hanno anche realizzato (grazie all’aiuto di alcuni cittadini che hanno fornito il materiale) un utile Dvd: una raccolta di foto antiche, ma anche degli ultimi anni, che scorrono con l’indicazione dei luoghi e sono accompagnate dalle canzoni inedite del gruppo musicale di Scandale “No Face”. Gli autori ci tengono, nei titoli di coda, a ringraziare il gruppo “No Face”, le persone che hanno fornito il materiale e il loro presidente Tonino Bitonti che ha dato loro la possibilità di realizzare tale lavoro.

Ma oltre a queste iniziative diciamo turistiche, i volontari della ProItalia di Scandale hanno realizzato anche degli opuscoli di utilità sociale: si va da quello sui terremoti a quello sulle alluvioni, dalla gestione dei rifiuti alle spiegazioni sugli incendi boschivi che questa estate hanno flagellato anche la nostra zona.

E così si spiega cosa sono i terremoti ma soprattutto cosa fare in caso di terremoto e dopo che esso si è manifestato, lo stesso discorso vale per le alluvioni tra le quali è il caso di ricordare che proprio nei giorni scorsi si è ricordato l’undicesimo anniversario di quella tremenda che colpì Crotone il 14 ottobre 1996.

Informazioni importanti anche nell’opuscolo per prevenire gli incendi boschivi ed in quello sulla gestione dei rifiuti.

I vari lavori realizzati dai volontari della ProItalia di Scandale possono essere validi per diventare un po’ tutti più consapevoli ed avere quelle minime nozioni che possono salvarci la vita in caso di terremoto o alluvione oppure salvare un bosco da un incendio o ancora meglio evitare quei comportamenti che possono portare allo sviluppo di un incendio o, infine, capire che predisporre la raccolta differenziata può essere molto utile se non addirittura necessario.

ROSARIO RIZZUTO

11 anni dall'alluvione di Crotone

L'alluvione di Crotone del 14 ottobre 1996. (Foto da www.misericordiaonline.org)
Su Telediogene scorrone le immagini, tristi, atroci, emozionanti della tragica alluvione di Crotone di cui, proprio oggi, ricorre l’undicesimo anniversario.

Era infatti il 14 ottobre 1996 quando tonnellate di acqua, di cui ancora non si sa la reale provenienza (qualcuno disse che furono aperte alcune chiuse a sud di Crotone altri che fu solo colpa delle abbondanti pioggie e via dicendo) si abbatterono sulla città capoluogo e provocarono anche 6 morti oltre a danni ingenti con persone che persero tutto.

L’alluvione di Crotone si è guadagnata anche una voce sull’enciclopedia libera Wikipedia dove si legge: "Il 14 ottobre 1996 la città di Crotone subì una violenta inondazione a seguito delle consistenti piogge che avevano interessato la provincia già a partire della settimana precedente, causando piene e straripamenti di diversi corsi d’acqua della zona.

Nella mattinata caddero sul bacino del piccolo fiume Esaro circa 120 mm di pioggia (nella settimana si erano così raggiunti complessivamente i 330 mm), che andarono così ad alimentare tutti i corsi d’acqua provenienti zona di Cutro affluenti dell’Esaro. Nella località di "Stazione Isola Capo Rizzuto" si formò così una piena violenta dello stesso fiume, in seguito calcolata con una portata di oltre 1000 mc/s. La piena raggiunse verso mezzoggiorno il rione "Gabelluccia" nella periferia occidentale di Crotone sommergendo i primi piani delle abitazioni e estendendosi verso zona industriale, dove interessò sia i fabbricati in riva sinistra già allagati dallo straripamento dell’affluente Papaniciaro, sia quelli in riva destra presso il rione "Gesù" raggiungendo da qui anche il centro storico cittadino.

L’alluvione provocò 6 vittime e danni assai ingenti: numerosi prefabbricati industriali furono spazzati via dall’acqua e la zona commerciale e industriale ne risultò pesantemente devastata. L’acqua raggiunse in alcune strade i quattro metri di altezza. Gli effetti furono poi aggravati dal pesante abusivismo edilizio: i quartieri di Gabelluccia e Gesù erano infatti sorti nei dieci anni precedenti nelle zone di espansione del fiume. Furono distrutti quasi tutti i ponti, in alcuni casi rivelandone le loro carenze strutturali".

Non è un argomento che ho seguito ma mi sembra che per quella alluvione non abbia pagato nessuno, certo Dio non può essere messo in galera, fisicamente intendo, ma io sono certo, e non soltanto io, che non fu soltanto colpa della tanta pioggia.

Ma vi ricordate il pontino stretto che c’era nei pressi dell’ex clinica San Francesco? e come si fanno a costruire due quartieri come Fondo Gesù e Gabelluccia proprio nel fiume?

Domande che non troveranno mai una risposta, domande che montano la rabbia ma che non riporteranno in vita le sei vittime di quella immane tragedia.

Perchè le case man mano sono state ricostruite, tutti o quasi hanno avuto la loro casa, a volte anche più bella di prima, ma nessuno ci potrà mai ridare quelle sei vite, alcune delle quali mai ritrovate!

Aggredito Antonio Anastasi del Quotidiano della Calabria

Un giro su AreaLocale prima di andare a dormire ma non posso restare insensibile nel leggere la seguente notizia: Un grave ed inquietante episodio è accaduto ieri sera ai danni di un giovane cronista de Il Quotidiano. Antonio Anastasi è stato aggredito nei pressi di casa sua, all’uscita della sede della redazione crotonese, in piazza Pitagora

Tre uomini incappucciati armati di bastone sono sbucati da un vicolo adiacente la piazza ed hanno menato alcuni fendenti, colpendo il Anastasi in varie parti del corpo. Una coppia di giovani ha assistito impotente all’aggressione ma uno dei due testimoni ha allertato col cellulare le forze dell’ordine, intervenute di lì a poco con una volante. I tre aggressori, compiuto il raid punitivo avevano però già fatto perdere le proprie tracce.

Medicato al pronto soccorso dell’ospedale “S.Giovanni di Dio” al giornalista sono state riscontrate lievi ferite, tra cui una al braccio, usato per schivare un colpo di bastone diretto alla testa.

Antonio Anastasi si occupa prevalentemente di cronaca nera locale per Il Quotidiano, seguendo con scrupolo ed equilibrio  le vicende  anche più scabrose, i delitti, le tappe dei  grandi processi alle cosche del crotonese, ma anche di quelli più ordinari, che pure espongono il cronista al "disappunto" dei protagonisti e dei loro familiari.     

Fra i primissimi messaggi di solidarietà pervenuti, quello del sindaco di Crotone, Peppino Vallone: "Esprimo personalmente ed a nome dell’Amministrazione Comunale la condanna per la vile aggressione subita dal giornalista del Quotidiano, Antonio Anastasi."

"Ancora una volta – prosegue Vallone – registriamo un gravissimo episodio contro la democrazia ed il vivere civile, stavolta ai danni di un giornalista impegnato nel delicatissimo settore della cronaca giudiziaria. Al Dott. Anastasi manifestiamo la più sincera e forte solidarietà condannando i vili tentativi di condizionare il racconto della realtà di voci libere e democratiche".

Sono rimasto paralizzato non ho capito se è successo l’11 sera o il 12 sera, stamane non mi sembra ci fosse sui giornali, forse è succeso l’11 sera dopo la chiusura dei giornali; infatti è successo giovedì 11 intorno le 22,45 come apprendo da un veloce giro su internet (la notizia oltre che sui siti calabresi è presente anche su alcuni siti nazionali).

Ma questi sono solo dettagli, rimane l’amarezza per un vile attacco ad un collega ma soprattutto ad un amico con il quale ad aprile 1997 abbiamo iniziato a collaborare insieme all’apertura della redazione crotonese del Quotidiano della Calabria.

Da parte mia la più piena solidarietà ad Antonio, alla compagna Patrizia, e i migliori auguri affinchè si rimetta subito in forma. FORZA ANTONIO!!!