Dopo la stop quasi totale per la neve riparte la Terza Categoria, lo Scandale, nell'anticipo di sabato, gioca a Savelli

Mister Villaverde dello Scandale con Piero Lili durante la telecronaca di Real Fondo Gesù - Savelli. Foto Rosario Rizzuto
Sembra quasi che la neve quest’anno nel crotonese ce l’abbia con il campionato di terza categoria e così dopo il rinvio dell’intera giornata del 16 dicembre scorso, anche domenica scorsa le precipitazioni nevose, con l’aiuto del vento, hanno praticamente annullato la quarta giornata di ritorno, infatti si è giocata solo la gara tra Real Fondo Gesù e Cirò nella quale la squadra del presidente Sculco è risuscita a conquistare un preziosissimo punto che testimonia, ancora una volta, semmai ce ne fosse bisogno, di come i cirotani, al loro primo campionato assoluto, non siano più una sorpresa ma una bella realtà.

Il Real Fondo Gesù invece, perde l’occasione di agganciare il Petilia al secondo posto.

A Casabona, il Belvedere Spinello non ha giocato a causa del forte vento mentre Castelsilano – Altilia è stata rinviata per la neve presente sul terreno di gioco, infine Nuova Torre Melissa – Savelli e Scandale – Camellino sono state rinviate perchè le squadri ospiti, a causa delle neve, non riuscivano a raggiungere i terreni di gioco.

Fedele Pingitore contro la Nuova Torre Melissa si appresta a battere una punizione prima del fattaccio. Foto Rosario RizzutoPiccolo giallo a Scandale, dove, dopo aver chiesto (ed ottenuto) il rinvio, il Camellino, a causa di un disguido nelle comunicazioni con la Figc di Crotone, superava il problema neve e si presentava lo stesso a Scandale.

Il presidente Garofalo la prendeva con filosofia e non si rammaricava più di tanto per il viaggio sprecato.

Le quattro gare non disputate saranno recuperate mercoledì 5 marzo alle ore 15,00 mettendo in difficoltà le squadre che hanno più giocatori che lavorano o che studiano e che magari devono partire presto per una trasferta un po’ lontana e che potrebbero avere difficoltà anche ad avere gli undici uomini da schierare in campo.

Successe per esempio il 9 gennaio scorso, nel recupero delle gare del 16 dicembre, quando, contro il Cirò, lo Scandale si presentò con gli undici uomini contati e quindi senza la possibilità di far cambi.

Domenica 24, anzi sabato 23, con l’anticipo tra Savelli e Scandale, si ricomincia.

Lo Scandale di mister Villaverde non avendo potuto ottenere lo spostamento della gara alla domenica mattina ha chiesto ed ottenuto il posticipo della gara di mezz’ora così la partita inizierà alle 15,30, ma il fatto che si giochi in un giorno feriale rischia di penalizzare entrambe le formazioni che potrebbero non avere tutti i giocatori disponibili.

Gli ospiti, che per giunta tra riposo e gara saltata sono fermi dal 3 febbraio, se vogliono ancora avere una minima possibilità di raggiungere la zona play off devono far risultato sul terreno dell’imbattuta capolista e magari così “vendicare” la sconfitta per 3 a 2 dell’andata.

Domenica mattina, alle 10,00 invece si gioca PetiliaCasabona (andata 0 a 0), la vice capolista deve fare risultato pieno se non vuole correre il rischio di essere superata o raggiunta dal Real Fondo Gesù, anche se per i ragazzi di mister Orto non sarà facile fare risultato a Belvedere Spinello che all’andata riuscì a pareggiare a Tufolo.

Altra bella partita è quella tra Cirò e Castelsilano (andata 2 a 1 per il Castelsilano), i silani, col bottino pieno, hanno la possibilità di aprire il discorso play off almeno per quanto li riguarda ma a Cirò (sei vittorie su sette gare) è dura per tutti.

La giornata, che vede il riposo del Camellino, è chiusa dalla gara tra Altilia e Nuova Torre Melissa (andata 2 a 2) in quel di Tufolo. L’Altilia ormai è fuori da ogni gioco ma di certo vorrà onorare il campionato, mentre per la Nuova Torre Melissa c’è una flebile speranza di riuscire a raggiungere la zona play off ma sarà molto dura.

Il terzo tempo non sta portando i risultati sperati e su molti campi della Calabria ne stanno succedendo di cotte e di crude, domenica scorsa, nel crotonese, è stato il Roccabernarda (Seconda Categoria) la squadra più cattiva con un giocatore squalificato per un anno e due dirigenti fino a metà aprile, la speranza è sempre la stessa: speriamo che nel prossimo turno vinca soprattutto lo sport!

ROSARIO RIZZUTO

Leave a Reply