Gioia al Luigi Demme vittoria e tanti giovani in campo: lo Scandale pensa al futuro

Scandale e Camellino entrano in campo agli ordini dell'arbitro Lorenzo Patea di Le Castella. Foto Rosario Rizzuto
SCANDALE 3
CAMELLINO 0
Marcatori: 50′ e 79′ Marazzita, 86′ Antonio Artese.
Scandale: Mollura, C. Biafora, Coriale, P. Artese (58′ A. Artese), E. Biafora, Lucanto, Nicoscia (46′ Scalise), Lumastro, Greco, Marazzita, De Leo (74′ Grande).
Camellino: Parente, Rizza, S. Cardamone, Cavallo, C. Cardamone, Curto, Harrar, Calaminici (87′ S. Curcio), Fossella, Garofalo, Trocino (77′ Lucà).
Arbitro: Lorenzo Patea di Le Castella.
Scandale e Cammelino a centrocampo. Foto Rosario Rizzuto
SCANDALEBravi, bravi, bravi! Ci sono voluti 4 mesi ma alla fine è arrivata la prima vittoria casalinga per i ragazzi dello Scandale.
Il portiere Mollura sceglie il campo ad inizio gara. Foto Rosario Rizzuto
Certo è arrivata con il fanalino Camellino, che fuori casa non aveva ancora racimolato nessun punto ma che ha venduto cara la pelle, ma l’importante era togliere quel brutto zero.

E poi mister Villaverde anche in questa gara era costretto, per defezioni varie, a mischiare le carte e schierava in campo ben 7 under (giocatori nati dopo l’1 gennaio 1987) e avendo a disposizione solo tre giocatori, anche loro under, che entravano nel secondo tempo.
Giuseppe Grande mercoledì 05.03.08 ha debuttato con lo Scandale. Foto Rosario Rizzuto
Tra questi Giuseppe Grande di Corazzo al debutto assoluto e la cui prestazione ha un po’ risentito dell’emozione della partita vera ma che di certo darà il suo contributo nelle restanti cinque gare.

Il Camellino, squadra simpatia per antonomasia di questa stagione, ha fatto la sua onesta gara, ha chiuso il primo tempo sullo 0 a 0 impensierendo sul finale Mollura.

Nella ripresa nulla ha potuto con la volontà dei ragazzi del presidente Coriale, che dopo aver perso tante gare non volevano per nessun motivo al mondo perdere anche la faccia.
Il presidente Coriale scherza al telefono con Gaetano Fiore anche oggi non presente al campo. Foto Rosario Rizzuto
Lo Scandale, per la prima volta in questa stagione, scende in campo senza De Cicco tra i pali; in porta, da dove mancava dal 25 aprile 2007, torna Mollura, che finora aveva giocato due scampoli di gara come terzino: buona e sicura la sua prestazione.

La gara inizia con una lunga fase di studio e con un certo equilibrio. La prima azione degna di nota arriva al 22′: Lumastro batte una punizione dalla trequarti, il tiro è indirizzato all’incrocio dei pali ma Parente ci arriva e respinge.
Una mischia nell'area del Camellino. Foto Rosario Rizzuto
Al 26′ ci prova Marazzita in girata ma l’estremo para. Al 36′ invece è un difensore a salvare sulla linea il colpo di testa di Marazzita che aveva superato Parente.

Al 37′ lo Scandale va di nuovo vicino al gol: gran tiro sulla sinistra di Greco ma questa volta è il palo che ferma in gola il grido di esultanza dei pochi tifosi presenti sugli spalti.

Nel finale di tempo si fa vivo in avanti il Camellino: al 44′ Mollura salva su un tiro di Curto e in pieno recupero sempre il portiere locale respinge coi pugni una punizione di Trocino.
Il portiere Maurizio Mollura. Foto Rosario Rizzuto
Sembra un altro incubo per lo Scandale ma al 50′ arriva la rete del vantaggio: Marazzita sulla destra riesce a recuperare un pallone e fa tutto da solo, entra in area, supera un avversario e lascia partire un tiro non irresistibile ma che rimbalza davanti al portiere superandolo.

Al 58′ mister Villaverde butta nella mischia Antonio Artese e richiama Pierluca Artese che riceve i complimenti di capitan Marazzita, dell’allenatore, del presidente e, dopo la doccia, anche da papà Salvatore, “vecchia” gloria dello Scandale, per la bella prestazione.

Lo Scandale però non riesce a chiudere la gara e continua a soffrire per i tentativi di rimonta degli ospiti che però non riescono a produrre pericoli davanti a Mollura.

Al 79′ ci vuole un’altra invenzione di Marazzita per mettere tranquillità in campo: il funambolo scandalese riceve palla, supera alcuni avversari, entra in area e lascia partire un gran tiro che finisce la sua corsa sotto l’incrocio dei pali: fantastico!
Una punizione senza esito del Camellino. Foto Rosario Rizzuto
Lo Scandale a questo punto gioca in scioltezza e all’86′ arriva la terza rete: Greco dalla distanza effettua un tiro cross rasoterra, Scalise non riesce ad intervenire ma il suo errore fa sbagliare anche il difensore e il portiere Parente con la palla che supera tutti e si dirige verso la porta ma prima che superi la linea viene ribadita in rete da Antonio Artese al suo primo gol con la maglia dello Scandale. Due minuti dopo ancora il giovanissimo Artese di testa sfiora il palo e manca per un nulla la clamorosa doppietta!

Buona ma troppo fiscale la prestazione dell’arbitro Patea al debutto in terza categoria dopo aver arbitrato nel settore giovanile.

ROSARIO RIZZUTO

6 Responses to “Gioia al Luigi Demme vittoria e tanti giovani in campo: lo Scandale pensa al futuro”

  1. anonimo scrive:

    Chissà con chi starà chiacchierando Coriale FOR PRESIDENT?

  2. anonimo scrive:

    Con Gaetano parla

    giusto?

  3. byros scrive:

    Sì, lo stava scherzando dicendogli che lo Scandale perdeva 3 a 0… :-)

  4. anonimo scrive:

    E’ bellissimo Tonino Philco

  5. ippo94 scrive:

    Alleluja, alleluja, allelujia, allelujia, alleluja, alleluja, allelujaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa….amen

  6. ippo94 scrive:

    ah, dimenticavo al commento 5…ippolito, forza scandale, mettecela tutta…

Leave a Reply