Archive for April 3rd, 2008

Petilia Calcio atto terzo

Dopo la telefonata dell’anonimo tifoso e di mister Miletta di lunedì scorso, poco fa trovo sul cellulare la telefonata del vice presidente del Petilia Calcio, Gino Carvelli.

La chiamata è più moderata rispetto a quella del tifoso (che il vice presidente Carvelli mi ha confermato più volte durante la telefonata che ha fatto benissimo a chiamarmi e minacciarmi!!!) ma il tono è sempre lo stesso e anche le richieste e cioè cancellare quello che ho scritto, smentire quello che ho detto.

Forse non ero stato abbastanza chiaro nei precedenti post.

Un volta scritto non cancello nulla, sennò che blog sarebbe?!

Il signor Carvelli è una persona molto informata infatti, non so come, sa già che ho registrato il mio programma su Radio Tele International ieri sera (lo sapevamo solo io, Piero Pili, Claudio Regalino e gli ospiti, del Camellino, Antonio Garofalo e Pasqualino Rizzuti) e sa pure che io avrei voluto discutere dei fatti di Petilia ma la linea editoriale del redattore sportivo è stata diversa.

Ma, come mi ha detto lui, LORO SANNO TUTTO!!!

Loro chi?

Anche se poi ha specificato che essendo lui impegnato nel sociale conosce tante persone e quindi lo avrà informato qualcuno di questi visto e considerato che mi ha detto che i ragazzi del Camellino non sono stati.

Anche se di persone impegnate nel sociale ieri non ne ho viste negli studi di RTI ma sai come me? ormai ti puoi aspettare del bene da chiunque!!!

Mi tocca però specificare una cosa, non riesco a trovare dove io lo abbia scritto, forse nel box messaggi perchè nei post non lo trovo, ma sapete un po’ nervoso lo sarò dopo tutte queste pressioni (voi che dite?) e magari non leggo bene, comunque avevo parlato di atteggiamento mafioso riferito alla gara di domenica mattina, la precisazione è che con questa frase io non ho dato del mafioso nè alla cittadina di Petilia, nè tantomeno al Petilia Calcio.

Io ho parlato dell’atteggiamento assunto da alcuni giocatori e dirigenti (solo alcuni, non tutti) nello specifico della gara con lo Scandale e quello che ho scritto rispecchia quello che è successo sul Comunale di Foresta; se poi i giocatori, la dirigenza del Petilia fuori dal campo sono tesserati Avis e donano il sangue tutte le domeniche, fanno volontariato con i vecchietti, assistono i bambini handicappati sono il primo ad esserne felice e a tessere le loro lodi!

Ma quanto successo domenica mattina non si può cancellare, ormai è storia.
Una brutta pagina di storia del calcio dilettantistico calabrese, certo qualcuno dirà che non è successo nulla di grave.
(Per fortuna…!!! ci voleva l’incidente serio per capire che è successo qualcosa?!).

Che queste cose succedono tutte le domeniche sui campi di calcio; belle cose che succedono allora!!!

Il calcio, lo sport in genere dovrebbe unire non dividere, dovrebbe creare fratellanza non inimicizie, dovrebbe essere partecipazione non VITTORIA AD OGNI COSTO, ma, dopo quanto dettomi ieri mattina anche dal presidente della Figc di Crotone, Piscioneri, devo arrivare alla conclusione che IO SONO SOLO UN POVERO ILLUSO!!!