Domani prima finale play off tra Real Fondo Gesù e Petilia

Sono dunque Real Fondo Gesù e Petilia le squadre finaliste dei play off nel girone E di terza categoria calabrese.

Grazie alle vittorie casalinghe rispettivamente su Cirò e Belvedere Spinello ottengono l’agognato obiettivo.

Per come si erano messe le cose all’andata (due pareggi per 0 a 0) la squadra di mister Orto e quella del presidente Manfreda potevano anche accontentarsi del pari per raggiungere la finale, ma si sa nel calcio chi si accontenta non ottiene grandi risultati e così, con due belle prestazioni, cancellano in soli 90 minuti i sogni di gloria della squadra del presidente Sculco e di quella di mister Arcuri che dovranno riprovarci l’anno prossimo.
Una formazione del Real Fondo Gesù. Foto archivio Rosario Rizzuto
In una terza categoria crotonese 2008/09 che, vista la salvezza già ottenuta ai play off dal Roccabernarda e dal Rocca di Neto che hanno lasciato l’ultima finale salvezza a due squadre catanzaresi (Sellia Marina e Uria 2000), al momento, salvo defezioni delle squadre in corsa quest’anno, risulta composta da sole 10 squadre. Infatti questo girone perde il Savelli e la vincente tra Real Fondo Gesù e Petilia ed “acquista” solo lo Sporting Crotone del presidente Faga retrocesso alla fine della stagione regolare.

La speranza di tutti per un campionato più all’altezza e più competitivo è che altre squadre, che lo scorso anno non si sono iscritte o nuove squadre, possano decidere di impegnarsi nuovamente in questa attività che in molti paesi è l’unica alternativa alla noia per molti ragazzi.

Ma ci sarà modo e tempo per parlare della nuova stagione, ora le attese di tutti gli sportivi sono per la finalissima play off la cui andata è in programma domani, sabato 10 maggio, allo stadio comunale di Tufolo a Crotone mentre il ritorno è previsto per sabato 17 maggio allo stadio comunale di Foresta di Petilia Policastro.

Sulla carta risulta avvantaggiata il Petilia che ha concluso il girone al secondo posto e quindi, oltre a giocare in casa la gara di ritorno, avrà la possibilità, in caso di due pareggi al termine delle due gare o di una vittoria per parte ma con la stessa differenza rete (ricordiamo che i gol in trasferta non valgono doppio), dopo la disputa di due tempi supplementari di 15 minuti, di ottenere la promozione anche se non arrivassero altre reti, per via del migliore piazzamento in campionato rispetto al Real Fondo Gesù arrivato terzo.

Un vantaggio di non poco conto che potrebbe permettere a Marco Bruno e compagni di giocare più tranquilli ma al contempo potrebbe risultare controproducente se i giallorossi petilini impostassero le gare sull’attendismo.

Ma siamo certi che i 22 uomini, che domani scenderanno in campo, non faranno di questi conti e cercheranno di fare propria già la gara di andata.
Una formazione del Petilia. Foto archivio Rosario Rizzuto
La promozione in seconda categoria passa da Tufolo, infatti la gara di ritorno sarà certamente influenzata dal risultato che arriverà dal campo crotonese.

Perna e gli altri, di certo, cercheranno di far propria questa gara tra le mura amiche per annullare in parte il vantaggio petilino e costringere così gli avversari a dover poi vincere la gara di ritorno e magari scoprirsi permettendo ai ragazzi di mister Orto di colpire in contropiede anche se, è bene ricordarlo, il Petilia non ha mai perso un punto quest’anno tra le mura amiche.

Il nostro augurio è che anche in queste due ultime gare vinca lo sport e poi… salga la migliore!

ROSARIO RIZZUTO

Leave a Reply