Cose di oggi!!!

Oggi ci lascia maggio, domani inizia il mese che comincia a ricordare l’estate, le vacanze, almeno per gli studenti.

Tra poco, infatti, si chiuderanno le scuole e rimarrà solo, si fa per dire, la coda degli esami per i ragazzi di terza media e i giovani del quinto anno delle superiori.

Iniziano anche le feste religiose: quest’anno cadano negli stessi giorni quella della Madonna del Soccorso di San Mauro Marchesato e quella di San Francesco di Roccabernarda.

Ieri si sono svolte le prime processioni e le prime manifestazioni.

Per gli amanti dei cantanti il clou sarà domani 1 giugno con I Gemelli Diversi a San Mauro e Fiordaliso a Roccabernarda.

Tra una cosa e l’altra il Blog di By.Ros ha superato le duecentomila visite (208.849 per la precisione poco fa) mentre il 29 maggio è stato il secondo compleanno dall’elezione a consigliere comunale.

Succedono cose assurde oggigiorno. 
Non riesco a capacitarmi come una mamma, una professoressa, possa andare a scuola e dimenticare la figlia (che non ce l’ha fatta!!!) di 2 anni in macchina per alcune ore.

E’ una cosa fuori dal mondo che mi rattrista molto, una tragedia ancora più da brividi se si pensa che proprio ieri la bimba compiva i due anni.

23 Responses to “Cose di oggi!!!”

  1. anonimo scrive:

    la disonestà per aver fregato l’uomo mettendo al mondo figli voluti solo dalla “donna”, col tempo paga eccome!!! poveri uomini che si lasciano fregare da “donne” di bassissimo conto che non conoscono cosa sia l’onestà verso il prossimo. E pretendono anche di essere amate, ma quello che guadagnano invece è l’odio per aver rovinato la vita dell’altro. Bell’insegnamento per i poveri piccoli.

  2. anonimo scrive:

    infatti, poveri figli. Chi ha subìto l’inganno deve essere onesto con loro e avere il coraggio di rifarsi una vita senza la persona che l’ha reso infelice. Questa sì che sarebbe una lezione da offrire ai figli in modo particolare se ancora piccoli.

  3. anonimo scrive:

    Ricostruirsi una vita sentimentale con la persona amata..prescinde dalla capacità di essere un buon padre..anzi, la felicità rende per certo persone migliori, dunque maggiormente capaci di essere ottimi genitori..
    Direi proprio di si..sarebbe una gran bella lezione di vita per piccoli e grandi per la verità..

  4. anonimo scrive:

    vero, verissimo. Vivere sereni e quindi bene rende tutti migliori e ci predisponiamo molto meglio soprattutto con i figli. Eppoi perchè no… levarsi di torno la persona che ti ha rovinato la vita…. ma vi pare cosa da poco?

  5. anonimo scrive:

    io aggiungerei ce nn fa onore alla donna ma, quella vera come categoria, il fatto che al mondo esistano esseri di questo stampo. C’è solo da vergognarsi per il comportamento a dir poco disonesto nei confronti dell’altro..Si spera solo che i maschietti agiscano di conseguenza lanciandole, con un gran e sonoro calcio, da tut’altra parte… figli esclusi

  6. anonimo scrive:

    sono perfettamente d’accordo. MASCHI SVEGLIATEVI E AGITE DI CONSEGUENZA

  7. anonimo scrive:

    che la vita è breve…. fin troppo.Date spazio alla felicità e sarete apprezzati ancora di più dai vostri figli. Diventerebbero così delle persone serene e disposte al meglio verso la propria vita

  8. anonimo scrive:

    si,si.sacrosanta verità

  9. anonimo scrive:

    quando non c’è amore fra genitori ma solo il risentimento per l’inganno subìto i primi a soffrirne sono proprio i figli. Ed è vero che più cescono e più soffrono di fronte ad una separazione. Sono d’accordo con i commenti precedenti.

  10. anonimo scrive:

    FORZA, VOI TUTTI DELLA GRES auguro che i problemi si risolvano nel miglior modo e cmq a favore degli operai. un grosso IN BOCCA AL LUPO. NR

  11. anonimo scrive:

    povera piccola!
    la mamma è da mettere in carcere e buttare la chiave!
    c’è chi vuole dei figli che nn vengono e chi ha la fortuna di averli li fa morire in questo modo atroce.
    flaminia

  12. anonimo scrive:

    Nessun genitore augurerebbe del male a suo figlio/a..
    Ci sono circostanze in cui, i figli arrivano nel momento sbagliato o cosa ancor peggiore con la persona sbagliata..Che fare? negare il diritto alla vita? sarebbe cristianamente parlando accettabile? oppure la cosa più giusta sarebbe in virtù d’una nuova vita sacrificarne altre due per un errore “circostanziale”..?
    Giudicare dall’esterno è sempre troppo facile nonchè riduttivo..dietro qualsiasi scelta c’è sempre tanta sofferenza ma al contempo la consapevolezza d’aver scelto il male minore..
    Non giudicate mai dalle apparenze.

  13. anonimo scrive:

    oggi come oggi parlare di errori, se si intende restare incinta, è cosa difficile da comprendere…..errore potrebbe essere se s’incontra la persona sbagliata che vuole raggiungere i suoi obiettivi all’insaputa dell’altro/a, questo sì ke sarebbe errore ma, la vita si sà è anche questa. Poi sulla scelta del male minore chi lo sa cosa è meglio o peggio , va da sè che i bambini cmq hanno diritto a vivere una vita serena e questo nn sempre è quando i due geniitori vivono insieme: In modo più accentuato quando uno dei due è stato costretto a cedere all’inganno dell’altro. Si dice sempre ….eh, per il bene dei bambini…. ma sarà poi così col tempo? io penso che sia meglio dare ai figli la certezza che i genitori sono sempre al loro fianco, quando ne hanno bisogno, farli crescere con la certezza che ancke se un genitore nn vive nella stessa casa è cmq con loro sempre. E’ più importante far comprendere loro questo, piuttosto ke farli vivere in un ambiente privo di amore tra i genitori e quindi dove regna poca tolleranza, sono situazioni che cmq vivono anche i figli. Certo quando sono piccoli nn si dà peso a quanto detto ma, quando crescono ci si accorge ke è stato un errore sacrificare,la propria serenità e cmq per qualcosa che si sarebbe donato ai figli anche vivendo altre situazioni.

  14. anonimo scrive:

    Concordo perfettamente…

  15. anonimo scrive:

    c’è anke da dire che i bimbi si adattano a tutte le situazioni basta che le vivono con tranquillità, serenità e con la certezza che chi li ha messi al mondo vuole cmq loro molto bene.Si tratta, quando sono ancora piccoli, di sicurezza psicologica.

  16. anonimo scrive:

    scusate ma qui nn si parla di volere o nn volere un figlio
    qui si sta parlando di proteggere un figlio che hai, di una madre che ha dimenticato la figlia morta dopo or di agonia!
    si è vero che giudicare da fuori è sempre facile ma qui mi sembra che un commento arrivi spontaneo!
    flaminia

  17. anonimo scrive:

    conosco bambini che vivono felici, ma molto felici con un solo genitore, perchè sanno che mettendoli insieme si scivolerebbe nell’apatia, nella mancanza di entusiasmo per le cose di ogni giorno, e col tempo anche nell’odio per l’altro E allora cosa s’insegnerebbe a questi figli? Che la vita è ingiusta, che la vita è piegarsi dinanzi alla scorrettezza dell’altro/a, che la vita è quella che si vive nella totale indifferenza per l’altra persona che “vive” nella stessa casa? Che la vita è quella di rinunciare ad un vero amore laddove c’è per un’apparenza che, per primi, viviamo come inganno!

  18. anonimo scrive:

    Per il commento numero 8..trovo che attuare un comportamento simile..significherebbe uccidere un figlio per due volte..
    La prima volta perchè pur restandogli accanto non saremmo in grado di trasmettergli amore..perchè tutti gli specialisti c’insegnano che, se non ti senti amato abbastanza non riesci neanche a dare abbastanza..
    La seconda volta perchè, rimanendogli accanto senza essere capaci di trasmettergli il giusto affetto..col tempo la “patologia” in seno al nucleo familiare s’estenderebbe a macchia d’olio sugli stessi, creando così, delle persone a loro volta incapaci d’amare e d’essere amati..Anche l’affetto s’insegna del resto e non di certo con le parole..i figli osservano principalmente i nostri comportamenti..come fingere quando l’amore tra i genitori non c’è?
    Una recita potrebbe reggere tutta la vita?

  19. anonimo scrive:

    No che non regge la finzione! non regge per un giorno figuriamoci per una vita intera. leggo con piacere che la pensi come me.I figli nn hanno bisogno di genitori che fingono ma, di genitori che dimostrano di saper affrontare la vita per quella che essa è. Di certo crescendo saranno dei figli orgogliosi di avere ricevuto, come insegnamento dai genitori, ad essere leali soprattutto con loro.

  20. anonimo scrive:

    Più leali di non subire le prepotenze di un genitore che non si ama e che forse non s’ mai amato?
    Bè, ci vuole molta più forza a reagire che a subire passivamente..Un padre messo in un angolo del resto non è un uomo..è solo un uomo a metà..per il volere di chi poi? di una donna che non è capace d’affrontare la realtà della vita alzarsi le maniche e ricominciare da capo senza pretendere di ROVINARE la vita di nessuno?

  21. anonimo scrive:

    Le scorrettezze del resto..prima o dopo si pagano..e se non siamo state capaci di tenerci stretto un uomo in modo leale..figuriamoci i nostri figli che cosa un giorno potranno pensare di noi..Anche l’amore ha le sue regole..la regola d’oro è rispettare sempre e comunque i sentimenti ed il volere dell’altro..decidendo ciò che è bene per entrambi..non ciò che è il MEGLIO per il se, facendosi scudo attraverso i figli..magari venuti al modo n seguito ad un raggiro ad un inganno…sarebbe veramente una cosa d’andare ORGOGLIOSI..

  22. anonimo scrive:

    come sono d’accordo. NR

  23. anonimo scrive:

    Peccato che questa discussione si sia fermata. C’era ancora molto da discutere.

Leave a Reply