Ricordi…

13 aprile 1994,17,40

Ti ricordavo bambina, invece, ora, sei quasi donna…

Alta, bella, i seni stai dolcemente formando.

Cammini, già, coi giovanotti… parli con loro sotto casa – tua madre dolcemente preoccupata dalla finestra osserva.

A te non importa di cosa dice la gente: "Con quei capelli alla naziskin sarà uno scapestrato!".

Ma che importa: tu lo ami e vai avanti… ma è tardi, devi salire, il tuo diario ti aspetta… anche oggi scriverai: "SONO FELICE!". 

Leave a Reply