Archive for May 7th, 2009

Consiglio Comunale a Scandale: approvato l'esercizio finanziario 2008. Raffaele Trivieri subentra a Gino Pingitore

SCANDALE – Un Consiglio Comunale leggermente diverso dal solito quello tenutosi a Scandale lo scorso 30 aprile. Infatti successivamente alla convocazione del Consiglio da parte del sindaco Brescia, erano arrivate in Comune le dimissioni di Iginio Pingitore e così era stato aggiunto all’ordine del giorno anche il punto: surroga del consigliere dimissionario sig. Pingitore Iginio.

La diversità è stata appunto la surroga dell’ex assessore Pingitore.

All’appello della segretaria comunale, Stefania Tutino, risultavano assenti Patrizio Coriale (che arriverà alcuni minuti dopo) e Antonio Barberio, Giuseppe Riolo e Carmine Vasovino per la minoranza.

Approvato all’unanimità il verbale della seduta precedente, il sindaco Brescia proponeva un cambio all’ordine del giorno per votare subito la surroga; la proposta veniva approvata all’unanimità e così si passava a discutere il punto che vedeva l’ingresso in Consiglio di Raffaele Trivieri, primo dei non eletti nella maggioranza, al posto di Iginio Pingitore.

Il punto passava all’unanimità con immediata esecutibilità e Trivieri prendeva posto in Consiglio.

Il neo consigliere del Comune di Scandale, Raffaele Trivieri. Foto archivio Rosario Rizzuto

Ristabilito il numero dei Consiglieri si passava a discutere gli altri punti.

Il primo dei quali era: esame ed approvazione rendiconto esercizio finanziario 2008.

Il sindaco Brescia spiegava le entrate e le spese del Comune nel 2008 affermando che c’era stato un avanzo di amministrazione di Euro 66.463,57 che saranno utilizzati (ha spiegato Brescia su richiesta del consigliere Chiaravalloti) in investimenti ed in parte accantonati.

Il punto passava con i voti della maggioranza e l’astensione di Chiaravalloti e Scaramuzzino.

Si passava a discutere: verifica dei presupposti per il mantenimento delle partecipazione azionarie ex legge finanziaria 2008.

Il sindaco lasciava le spiegazioni alla segretaria Tutino che informava il Consiglio di come si trattasse di un adempimento obbligatorio per legge relativo alla partecipazione in società tipo Akros o Soakro. Il punto passava all’unanimità.

Velocemente si andava a discutere il successivo punto: esame istanza Costanzo Angelo per voltura autorizzazione di esercizio noleggio autobus con conducente.

Così passava all’unanimità la voltura dell’esercizio di noleggio autobus dalla società Casa della Carità alla ditta Angelino Costanzo.

Brescia quindi esponeva al Consiglio l’esame della petizione (proposta dai ragazzi di Azione Giovani di Scandale) per l’intestazione di piazza Condoleo a Monsignor Renato Cosentini.

Il consigliere Scaramuzzino proponeva di intitolarla sia al Cosentini che al politico Riccardo Misasi (grande amico di Don Renato Cosentini che gli fu vicino nella realizzazione di alcune sue opere) ma la sia proposta non trovava proseliti e così passava all’unanimità (quindi anche col voto di Scaramuzzino) la proposta originaria con immensa gioia di Antonello Voce ed Maria Fernanda Giovinazzi (responsabili di Azione Giovani di Scandale) presenti in aula.

Gli ultimi due punti all’ordine del giorno (approvazione regolamento per gestione impianti sportivi comunali e approvazione capitolato speciale d’appalto per il servizio di gestione del cimitero comunale) erano in un certo senso simili e sono stati dettati anche dal fatto che a breve andrà in pensione il dipendente comunale Franco e il comune, in base alla normativa vigente, non ha la possibilità di assumere nuovi dipendenti, è così si è cercato di studiare dei nuovi sistemi per gestire le strutture sportive e il cimitero comunale.

Il sindaco Brescia spiegava a grandi linee cosa prevedono il regolamento per gli impianti sportivi sia il capitolato speciale per il cimitero e le due proposte sono piaciute al Consiglio Comunale che le ha votate all’unanimità con immediata esecutibilità.

Il Consiglio si chiudeva con un breve intervento del nuovo consigliere Raffaele Trivieri, che benchè faccia parte della Margherita ha detto di aver accettato l’incarico perchè nel 2006 era stato candidato con questo sindaco e quindi intendeva finire la legislatura con Fabio Brescia.

ROSARIO RIZZUTO