Tra sabato e domenica seconda giornata della Terza Categoria girone E. Lo Scandale a Tutti i Santi fa visita al Roccabernarda

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:”";
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Tre vittorie interne, una esterna e due pareggi, 15 le reti fatte in sei gare ed un solo 0 a 0: è questo lo score della prima giornata del girone E, quello crotonese, del campionato di Terza Categoria calabrese.

L’unica squadra corsara è la matricola Marina di Strongoli che espugna per 5 a 1 il terreno di Foresta di Petilia Policastro dove gioca le proprie gare interne il Camellino.

Troppo forte la neo iscritta o troppo debole la squadra petilina?

Alla prima giornata non si può ancora rispondere al quesito: saranno le prossime gare a dire dove le due squadre potranno arrivare.

Le due squadre a centrocampo con l'arbitro Perri che lancia la monetina. Foto Rosario Rizzuto

Anche il Cirò ne fa 5 anche se in casa.

A cadere sotto i colpi della corazzata del presidente Mario Sculco è stato lo Sporting Rocca che ancora, ma è comprensibile, deve trovare un proprio equilibrio.

Vittorie di misura per la Nuova Siberene (che ha sbagliato un rigore) di mister Galasso che rimanda battuta l’altra squadra di Roccabernarda, e parte con un atteggiamento diverso rispetto alla passata stagione, e per la matricola San Leonardo di Cutro, squadra volenterosa, che ha la meglio sulla più esperta Casabona.

Pareggiano invece 1 a 1 le altre due matricole del girone Real Cotronei e Papanice.

Infine pareggio ad occhiali per due squadre, lo Scandale e l’Altilia, che saranno certamente tra le protagoniste della stagione.

Un pareggio arrivato al termine di una gara nervosa e dove, come succede spesso, l’atteggiamento negativo di uno o due elementi finisce per tacciare l’intera squadra, in gran parte, invece, corretta e desiderosa solo di giocare a calcio.

Lo Sporting Crotone del presidentissimo Faga e di mister Gambino ha riposato ed inizierà il proprio campionato domenica prossima presso il comunale di Strongoli di Via Pianette, ospite del Marina di Strongoli, che debutta in casa dopo la bella vittoria in trasferta.

Il Cirò dovrà far visita al Papanice che quest’anno giocherà le proprie gare casalinghe sul comunale “Luigi Demme” di Scandale in quella che potrebbe essere una delle più belle partite della giornata.

Mentre la Nuova Siberene riposa, l’ultima capolista del girone, il San Leonardo, sarà ospite nell’anticipo di sabato 31 ottobre, al comunale di Tufolo, dell’Altilia.

Una gara che potrebbe già dire se il San Leonardo sia una sorpresa (ricordate il Sant’Anna lo scorso anno?) oppure confermare quello che si dice nell’ambiente e cioè che l’Altilia sia tra le favorite. Gara incerta al San Vito di Roccabernarda tra la formazione di casa e lo Scandale di mister Drammis, i locali vorranno riscattarsi dopo la sconfitta di Santa Severina mentre gli ospiti hanno bisogno di punti per non cominciare a vedere dal basso la vetta della classifica.

Nell’altro anticipo di sabato 31, il calendario mette difronte le due formazioni che domenica scorsa hanno subito 5 reti a testa, ossia lo Sporting Rocca e il Camellino: quale migliore occasione, per una delle due, per riscattarsi?

Chiude la giornata la sfida tra Casabona e Real Cotronei. I locali hanno da sempre il loro punto di forza nello stadio amico, la matricola, dopo il pareggio casalingo, cercherà di confermare quanto di buono fatto vedere al debutto.

Sono infine arrivati i primi provvedimenti del giudice sportivo Antonio Manica.

Dirigenti “più cattivi” dei calciatori in questa prima giornata, infatti Salvatore Pugliese del Roccabernarda è stato squalificato fino al 10 novembre 2009 “per comportamento offensivo nei confronti dell’arbitro”; dovrà restare, invece, lontano dai campi fino al 3 novembre Giuseppe Cardelli della Nuova Siberene “per ripetuto ingresso non autorizzato nel rettangolo di gioco”; mentre c’è stato un solo calciatore squalificato, per espulsione, per una giornata: Cesare Carvelli dell’Altilia.

ROSARIO RIZZUTO

Leave a Reply