Ancora morte sulla strada statale 106: perde la vita un uomo di San Giovanni in Fiore

BASTAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!
Non ce la faccio più a contare i morti sulla 106.
Ennessimo omicidio imputabile a Berlusconi che pensa ad un ponte inutile, che magari possa avere il suo nome, e ci lascia una strada, la 106, già nominata "la strada della morte", in condizioni assurde.

Dopo i tre morti di ieri vicino Cariari, tra i quali un ragazzo di Cirò, oggi pomeriggio la strada maledetta ha colpito ancora.

Subito dopo il secondo bivio di Isola Capo Rizzuto, in direzione Catanzaro, praticamente nello stesso punto dove alcuni anni fa ci lasciò la vita il nostro Pino Coriale, in uno scontro tra due auto, ha perso la vita un uomo T.G., 43enne di San Giovanni in Fiore. Feriti in modo grave altre tre persone.

Questa la notizia come riportata in questo momento da Crotonews.it: "Ancora sangue sulla 106. Al triste elenco dei morti sulle strade della nostra provincia, purtroppo, si aggiunge un’altra vittima della statale provinciale crotonese, mai come ora “Strada della morte”. Oggi pomeriggio, al km 231, 500, intorno alle 16.00, due veicoli, una Golf ed un monovolume Fiat Ulisse, si sono scontrati per cause ancora in corso di accertamento. L’impatto è stato violentissimo. A perdere la vita un quarantatreenne di San Giovanni in Fiore, T.G, conducente dell’Ulisse. Ferite le altre persone a bordo delle vetture, 3 in tutto. Il sinistro si è verificato subito dopo il secondo bivio di Isola Capo Rizzuto in direzione Catanzaro. Sul posto sono intervenuti gli uomini della Polizia Stradale di Crotone, coordinati dal compartimento Calabria, i Vigili del Fuoco e il personale del 118".

Mi sono trovato di passaggio da quelle parti pochi minuti dopo l’incidente ed ecco come si presentavano le due automobili dopo lo scontro:

Una delle due macchine coinvolte nell'incidente mortale del 04 Gennaio 2010 sulla 106 vicino Isola Capo Rizzuo. Foto Rosario Rizzuto

Una delle due macchine coinvolte nell'incidente mortale del 04 Gennaio 2010 sulla 106 vicino Isola Capo Rizzuo. Foto Rosario Rizzuto
 

 
Aggiornamento da Crotonews.it: "A perdere la vita un quarantaquattrenne di San Giovanni in Fiore, Giuseppe Tricoci, che non era il conducente dell’Ulisse, come si pensava in precedenza, ma il passeggero. Ferite le altre persone a bordo delle vetture, 3 in tutto. Si tratta del fratello della vittima e di due giovani di Isola Capo Rizzuto, G. C., di 21 anni, e la sorella F C., di 18 anni, ricoverati all’ospedale di Crotone dove sono stati giudicati guaribili in trenta giorni".
 

11 Responses to “Ancora morte sulla strada statale 106: perde la vita un uomo di San Giovanni in Fiore”

  1. anonimo scrive:

     Stupido che non sei altro, a causare l´incidente è stata non la strada costruita sicuramente in tempi o di Comunismo a di Democrazia Cristiana ma bensí la presunzione di uno stupido che si crede un grande pilota solo perchè la macchina (e non l´autista) è capace di fare i 200. La cosa che mi dispiace è che di solito a morire non è quello che infragge la legge, bensì sempre gli altri.  Solo per tua conoscenza, ignorantone, l´Italia è piena di strade della morte.

  2. anonimo scrive:

    Mi sa che stasera dovrò passare un po’ di tempo in Caserma per sporgere querele perchè ora, permettetemelo, mi sono proprio rotto i coglioni.

    Sei padronissimo di chiamarmi stupido ed ignorante ma dopo esserti presentato brutto figlio di puttana anonimo di merda: se hai figli spero che stiano morendo in questo momento e ti auguro che tua moglie (ora se ce l’hai o in futuro se mai una donna avesse il coraggio di mettersi con un coglione come te) ti faccia tante di quelle corna che non hai idea.

    Sei hai una madre spero che gli prenda la più grave malattia del secolo, questo è quanto…

    A te invece auguro vita lunga per schiattare per i miei successi…

    Rosario Rizzuto

  3. anonimo scrive:

     Sono quello del commento1, sei un pò stressato eh, fra dare dello stupido ed augurare la morte a qualquno c´è di mezzo un bel pò!!
    Successo non lo so, ma di igniranza ne hai abbastanza e la civiltà non penso sia qualcosa di tua conoscenza , fatti una cammilla e vivi in pace, hai perso comunque uno che visitava spesso il tuo Blog ed aveva una discreta opinione su di te

  4. byros scrive:

    Me ne fotto di te come visitatore, non ho mai fatto la corsa ai visitatori.

    Cmq sai qual è la differenza tra quello che ho scritto io e quello che hai scritto tu?

    Che tu hai dato dello stupido ed altro a Rosario Rizzuto io ho augurato tutte quelle nefandezze ad un anonimo di merda, ad un nulla fatto persona, ad una feccia umana inesistente nei fatti perchè si nasconde dietro l’anonimato.

    Fai l’uomo, mostrami i coglioni, dimmi chi sei… PAGLIACCIO…

  5. anonimo scrive:

    Rosario vedi come certe volte ti cerchi le rogne da solo e poi parli cosí scostumato, ma che colpa ne ha Berluscosi dela strada dela morte? la colpa e degli incapaci autisti. Se tutti osserverebbero le segnaletiche stradali si potrebbe fare qualcosa.

    Ha dimenticavo a chi dai la colpa degli aerei che cadono?

    A berlusconi
    a Bossi
    a Franceschini
    a Di Pietro

    o a chi?

  6. anonimo scrive:

    Rosario questa volta sono rimasta veramente ferita leggendo "se hai figli spero che stiano morendo in questo momento". Ma cosa mai ti è passato per la mente a voler pensare una cosa così terribile…..non ti riconosco in queste tue parole…augurare la morte di figli altrui…

    Annelore (incazzatissima)

  7. anonimo scrive:

    Brutta cosa tanto la cattiveria quanto l’odio..
    Il problema di fondo credo  sia sempre lo stesso però…
    Le cose brutte che spesso ci auguriamo che travolgano altri (magari a noi antipatici)..Alla fine non faranno che investire noi stessi..
    Perchè,sicuramente la moglie che lo ama tantissimissimo,  non lo cornificherà
    e la mamma gli camperà almeno altri 100 anni..
    E chi schiatterà se non riesce a rivolgere il proprio sguardo (su altro orizzonte, sarà qualcun’altro).
    L”universo del resto restituisce sempre l’energia che siamo capaci di trasmettere…(così nel bene, così nel male)Tanto in positivo
    Quanto in negativo..
    Io sono anonimo, ma non per questo, non possiedo un nome, e nello specifico il mio è Francesca…

    Buona Epifania a tutti..

  8. byros scrive:

    Cattiveria ed odio, cara Francesca, non mi appartengono.

    Rispondo, a modo mio, ad assurde ed ingiustificate provocazioni fattimi in casa mia…

    Confermo quello che ho detto: a chi mi vuole male auguro le cose più brutte di questo mondo e non ci sono figli che tengano…

  9. asco scrive:

    Rosario Rosario,

    ma che fai e che dici, certe cose non si augurano a nessuno, nemmeno ai peggiori nemici, questo é un principio bibblico Benedite affinché benedizzioni ricadono su di voi. Cerca di misurarti certe volte non ti si riconosce propio, risppondi alle provocazioni con indifferenza, sappi che e la migliore risposta.

  10. byros scrive:

    Caro Asco anni fa x non sfogarmi persi i capelli: se permetti ora preferisco sbagliare come dico io.

    Il Signore mi perdonerà, tanto Lui guarda al cuore non alle parole…

  11. anonimo scrive:

    Cuore e parole non possono essere disarticolate, sennò manca quello che permette all’uomo di differire da altri primati: l’intelligenza! Poche volte ho percepito tanta cattiveria, e così del tutto gratuita, in così poche righe…francamente l’immagine che ne esce di te è del tutto spregevole e siccome leggo il tuo blog mi colpisce questa tua tendenza a perdere completamente il controllo quando vieni criticato… penso che tu sia una persona migliore di quella che appare in questo modo, probabilmente sei affetto da una gigantesca autoconsiderazione incapace di considerare neppure la minima contrarietà alle tue opinioni.

    Cenzo Milanese

Leave a Reply