Manifestazioni alla Scuola Media di Scandale

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:”";
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

SCANDALELavora bene eccome, grazie anche ad un corpo docenti eccellente, la Scuola Media di Scandale diretta dal Dirigente Scolastico Tommaso Borda.

Oltre ai risultati scolastici, presso la scuola di via Gramsci non mancano le iniziative ludiche e la realizzazione di progetti.

Alcuni ragazzi con la maestra di violino. Foto Rosario Rizzuto

Così è stato anche alcune settimane fa, nel periodo natalizio, quando tutto il personale della scuola e gli allievi hanno dato vita a due iniziative molto interessanti e seguitissime dalla popolazione locale.

Sono stati infatti realizzati il saggio degli allievi di strumento musicale e il progetto per le aree a rischio “I semi della pace”.

A Scandale, infatti, nel pomeriggio, presso la Scuola Media Statale, ormai da tre anni è possibile studiare, per gli studenti che ne hanno fatto richiesta, i seguenti strumenti musicali che si affiancano all’insegnamento del’educazione musicale curriculare: pianoforte (con i maestri Luca Campana e Francesco De Siena), clarinetto (Fabrizio Luchetta), violino (Angela Russo) e tromba (Giuseppe Oliveto e Francesco Pignataro).

Il saggio ha riguardato gli allievi di tutti i tre anni di corso ed è inutile dire che tutti gli allievi sono stati molto bravi compresi quelli che studiano strumento solo da pochi mesi.

Sono state eseguite alcune canzoncine o brani più complessi ed, in alcuni casi, gli allievi sono stati anche accompagnati dai maestri.

Prima del saggio saluti di rito del dirigente Borda e del maestro Pignataro che ha anche funto da presentatore.

Alcuni giorni dopo il saggio i ragazzi delle scuole medie di Scandale hanno presentato la rappresentazione finale relativa ad un progetto destinato alle scuole situate in aree a rischio e denominato “I Semi della pace”.

Una manifestazione a tratti commovente che ha visto la presentazione di alcune canzoni e di un musical, dallo stesso titolo del progetto, preparati dalla professoressa di educazione musicale Maria Donato, docente storica della Scuola media scandalese che ha cresciuto centinaia di scolari locali ora anche genitori degli alunni esibitisi nei giorni scorsi.

Gli allievi della I^ B hanno suonato la “Ninna nanna” di Brahms mentre quelli della I^ A hanno proposto “Tu scendi dalle stelle”.

E’ stato poi proposto dalla II^ A “Girotondo intorno al mondo” mentre altri ragazzi hanno cantato la storica “We are the World” ed altri ancora “Jingle Bell Rock”.

Una fase del musical. Foto Rosario Rizzuto

Infine  alcuni ragazzi delle terze medie hanno proposto il musical finale sulla pace “per stimolarvi – è stato detto – a preoccuparvi di più sulla pace non solo quando c’è una guerra ma ogni giorno. Dalla nostra riflessione è emerso che i semi della pace sono: il sentirsi uguali agli altri, avere la capacità di perdonare e avere uno sguardo buono verso tutti” ed anche se poi, nella realtà, non è proprio così i ragazzi scandalesi ce l’hanno messa tutta proponendo una recita davvero all’altezza ed, a tratti, emozionante.

Il progetto ha previsto anche l’esposizione di alcuni lavoretti con ceramiche ed altro realizzati dai ragazzi, nei pomeriggi, per alcune settimane.

Oltre alla già citata professoressa Donato in questo progetto sono stati coinvolti i docenti: Francesco Poerio, Maria Luisa Artese e Genoveffa Scaramuzzino.


ROSARIO RIZZUTO

Leave a Reply