I ragazzi della Scuola Primaria di Villa Condoleo vanno in piscina

C’è fermento di attività alle Scuole paritarie di Villa Condoleo di Scandale.

Alcuni dei bambini di Scandale in piscina.

Anche per l’anno scolastico 2009/2010, le scuole del Condoleo, adottando il principio della multifunzionalità scolastica, stanno lavorando intensamente per la realizzazione di molteplici iniziative ed avvicinare le scuole del Condoleo agli standard qualitativi europei.
“Quest’anno – ci spiega il Dirigente Enzo Franco – si è dato il via con gli alunni delle cinque classi della scuola primaria ‘Don Bosco’ al progetto ‘Integrazione in acqua’. Una volta alla settimana i bambini, accompagnati dai propri insegnanti, si recano presso la piscina dell’Istituto Professionale ‘Sandro Pertini’ di Crotone e, sotto la direzione di un istruttore, apprendono le prime nozioni sul nuoto. Forse è superfluo dire quanto sia importante dal punto di vista fisico praticare quest’attività ma non dobbiamo dimenticare l’enorme positività che tale sport ha sulla psico-motricità e sulla formazione del carattere dei bambini di questa fascia d’età. Il fatto poi che tale progetto venga effettuato in un ambiente diverso dalla propria scuola, induce i bambini ad abituarsi ad adottare comportamenti di rispetto e l’adozione di nuove regole di convivenza civile”.

Lezione di nuovo per i bambini di Scandale nella piscina dell'Istituto "Pertini" di Crotone.

L’utilizzo della piscina è gratuito e i ragazzi contribuiscono solo per le spese di viaggio: ogni mercoledì i ragazzi della Scuola Primaria di Villa Condoleo stanno in piscina dalle 09,30 alle 11,30, i bambini, poi, ritornano per mezzogiorno a scuola dove pranzano a mensa  e proseguono le lezioni fino alle 16,30. Ma non finisce qui: per sottolineare ancora quanto importante sia l’attività motoria, le scuole del Condoleo parteciperanno ai giochi sportivi studenteschi che si svolgeranno a fine anno. “Inoltre – continua il Dirigente Franco – il Collegio dei Docenti ha aderito al programma internazionale della FEE (Foundation for Environmental Education) Eco-Schools, che coinvolge non solo docenti, alunni, personale della scuola, famiglie ma anche i diversi rappresentanti della società civile nelle decisioni da intraprendere per compiere un percorso, volto alla diffusione di comportamenti sostenibili per la salvaguardia dell’ambiente. Tale progetto ha tra i tanti benefici anche quello di sviluppare il senso di appartenenza degli studenti nei confronti del proprio territorio e la consapevolezza di poter interagire con esso, cosa che è già stata perseguita da questa istituzione scolastica negli anni precedenti con diverse uscite didattiche in natura e che saranno oltremodo proposte anche quest’anno”. La scuola dell’infanzia e la scuola primaria, sono state impegnate anche nella realizzazione di un progetto all’affettività. Gli alunni, infatti, interpretando “La storia di Pezzettino” hanno trattato i temi del rispetto degli altri e della multiculturalità, contenuti suggeriti dal Ministero della Pubblica Istruzione nell’insegnamento della materia “cittadinanza e costituzione”.

Il Dirigente Scolastico ci tiene a sottolineare come queste  iniziative  siano portate  avanti con grande dedizione e sacrificio da parte di tutto il corpo docente, nella convinzione che la scuola debba essere fonte di esperienze di crescita per gli alunni, non solo culturale ma anche umana,  e creare occasioni per uscire dalle aule scolastiche e andare oltre il programma curriculare svolto attraverso semplici concetti nozionistici durante le lezioni delle singole discipline.
[Rosario Rizzuto]

Leave a Reply