Archive for March 26th, 2010

La vignetta di Nicola Santoro per chiudere la campagna elettorale

Vignetta di Nicola Santoro. Marzo 2010.

Caro Alfonso Dattolo Ti scrivo…

Lettera aperta

al candidato al Consiglio Regionale con l’Udc
Alfonso Dattolo

 Alfonso Dattolo di Rocca di Neto, candidato al Consiglio Regionale della Calabria con l'Udc. Foto archivio Rosario Rizzuto

Ciao Alfonso (mentre Ti scrivo Tu stai chiudendo la Tua campagna elettorale nel tuo paese a Rocca di Neto) sai bene la stima che ho per Te, avrei tanto voluto darTi questo voto per le regionali della Calabria, un voto ad una persona in gamba, sempre, o quasi sempre, disponibile un po’ come il nostro Tonino Coriale, il nostro vice sindaco.
Vorrei tanto darTi il mio voto e farTi dare quello delle persone a me care.

Ma, per esempio mia mamma mi ha detto che preferirebbe morire piuttosto che dare un suo voto a Silvio Berlusconi, io sto cercando di pensarci ma quando penso che il mio voto alla fine, dopo essere passato per Te e per Scopelliti che stimo, arriverà a lui mi viene l’orticaria… non credo io possa farcela.

Avevo già trovato la situazione grazie al voto disgiunto: Presidente Pippo Callipo e Consigliere Tu ma più sento e vedo il tuo rappresentante nazionale e più mi viene il volta stomaco.
Caro Alfonso se voi dell’Udc aveste corso da soli o ancora meglio con Pippo Callipo (ma voi correte sempre con i cavalli vincenti e sia chiaro meglio Scopelliti che quel traditore infame di Loiero) il mio voto sarebbe stato al 1000 per 1000 per Te…
Ma ora, perdonami, ma non posso.
Tu da grande signore manco ti sei fatto sentire direttamente, chissà, forse sentendoTi…
Ma no no… poi mi sarebbe venuto in mente lo sguardo allucinato dello psiconano… non avrei potuto.
Ma so che ci sono tante persone che Ti stimano come me, so che ce la puoi fare…
Spero con gioia tra qualche giorno di vederTi tra i banchi del Consiglio Regionale, il Crotonese ha bisogno di gente come Te…
Con grande stima Rosario Rizzuto…

L'invida per gli elettori cosentini: loro possono votare Emiliano Morrone ed io?

Mamma come invidio gli elettori calabresi della Provincia di Cosenza.
Loro non hanno problemi: hanno sia il loro candidato alla Presidenza della Regione e cioè Pippo Callipo, sia quello a consigliere e cioè Emiliano Morrone, candidato indipendente con Italia dei Valori di Antonio Di Pietro.


Io invece sono giorni che sto cercando di capire a chi votare come consigliere.

Come presidente ho già scelto Pippo Callipo ma ho serie difficoltà a scegliere il mio candidato consigliere.

 

Qualcuno che stimo non lo posso votare perchè ha alle spalle Silvio Berlusconi o quel traditore viagliacco del Crotonese di Agazio Loiero "Sarò io l'assessore del Crotonese", ebbe il coraggio di dire per giustifiace il fatto che non aveva nominato assessori della zona di Crotone, quando fu eletto per poi dimeticarlo fino a  qualche giorno prima dell'inizio della nuova campagna elettorale, quando lui e il suo fido Francesco Sulla (nominato assessore tem,po dopo) si sono dati da afre per fare uffici a Crotone, iniziative, promettere lavori e soldi.

 

Se ne è accorto anche mio figlio Alessandro di 7 anni che era solo una manovra elettorale, il Crotonese cari miei coglioni, vuole altro, ha bisogno di altro: AVETE FALLITO ANDATE A CASA!!!

 


Se Berlusconi potrà vantarsi di aver conquistato la Calabria, caro Francesco (un mio collega) non sarà colpa mia che voto Callipo (e non Berlusconi come dici tu, perchè il mio voto va a Callipo e basta!!!) ma è colpa di Loiro che non ha fatto candidare Callipo al suo posto con la Sinistra unita.

Fortunati gli elettori del cosentino, loro hanno Emiliano Morrone da votare.

Ed io?


Di tutte la facce brutte viste in giro sui muri, sui bidoni della spazzatura (il vero posto per loro) e nei posti più impensati credo che da nessuno comprerei una macchina usata tranne forse dal mio amico Alfonso Dattolo, a cui scriverò dopo a parte.

Quasi quasi voto il testa ad Italia dei Valori e non se ne parla più anche se Di Pietro nel Crotonese poteva scegliere meglio, dei riciclati come Emilio De Masi, Salvatore Migale e Giuseppe Bonesse non so dove debbano andare, una che si chiama Elsa Bonazza mi sembra un po' improbabile come consigliera, non voglio che il mio voto vada a loro.

Ancora due notti per pensare… prima o poi l'illuminazione arriverà…

Domenica Papanice – Casabona: a Scandale si gioca il big match. L'Us Scandale invece gioca a Pagliarelle col Camellino

Arriva l’orario solare ma le gare del girone E di Terza Categoria Calabrese, ancora per questa domenica si giocheranno, come da calendario, alle 15,00.
L’ottava di ritorno è una giornata importante in chiave promozione, c’è infatti in programma al “Luigi Demme” di Scandale la gara delle gare, la partita che mette di fronte la prima virtuale, il Casabona, 42 punti in 19 gare (13 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte con 51 gol fatti e 19 subite) contro il Papanice, 41 punti in 18 gare (12 vittorie, 5 pareggi ed una sola sconfitta con 34 reti fatte e 10 subite), di fronte il migliore attacco del girone contro la migliore difesa. All’andata finì 1 a 1. A Scandale ci sarà da divertirsi ed entrambe le formazioni promettono spettacolo.

Le squadre che seguono tiferanno per un pareggio, come l’Altilia, che se dovesse uscire davvero l’x al “Luigi Demme” si ritroverebbe in testa da sola visto che i ragazzi di Durante non dovrebbero avere problemi contro lo Sporting Rocca già sconfitto per 3 a 1 all’andata.
Deve continuare a vincere per far sognare i propri tifosi anche lo Scandale che allo stadio di Pagliarelle (e non di Foresta di Petilia Policastro) renderà visita al Camellino battuto per 3 a 2 al “Luigi Demme” con una splendida tripletta di Domenico Marazzita.
Incontri non facilissimi per le ultime due squadre in zona play off: il Roccabernarda renderà visita al Marina di Strongoli seppellito 7 a 2 all’andata mentre il Cirò ospita il San Leonardo di Cutro già battuto per 2 a 0 sul suo terreno amico.
Il turno di riposo sarà assolto dal Real Cotronei mentre la gara “senza senso” della giornata è quella tra Sporting Crotone e Nuova Siberene con i santaseverinesi che vorranno di certo “vendicare” la sconfitta casalinga per 3 a 2 subita all’andata.

Intanto lo Sporting di Faga ha visto riconfermare la vittoria ottenuta sul campo contro il Marina di Strongoli che aveva fatto ricorso per la posizione di Thairi Severdjan che risultava squalificato ma si era trattato di un errore materiale riportato sul comunicato della Figc in quanto il vero squalificato era in realtà Filippo Picari.
Il giudice sportivo Antonio Manica ha squalificato per una giornata ciascuno i 4 giocatori espulsi dal campo domenica scorsa ossia: Vincenzo Baffa e Vincenzo Farao del Cirò, Raffaele Marazzita dello Scandale e Domenico Borrelli dello Sporting Crotone.
Un turno di stop anche per Roberto Parisi dell’Altilia Kr che ha raggiunto le 8 ammonizioni e per Pasquale Rizzuti del Camellino, Leonardo Nicastri del Cirò e Cesare Carvelli e Roberto Siciliani dell’Altilia Kr arrivati a 4 ammonizioni.
Infine entrano in diffida Giuseppe Squillace dell’Altilia Kr, Gennaro Mauro del Marina di Strongoli e Domenico Marazzita dello Scandale: alla prossima ammonizione un turno di riposo forzato anche per loro!

ROSARIO RIZZUTO