Che senso ha il blog?

Ho volutamente rallentato la mia presenza sul blog.

Sono amareggiato e deluso per svariate cose, oltre 500 persone, inoltre, giornalmente passano dal Blog di By.Ros ma a parte rari casi, spesso i commenti sono offensivi e diffamanti: la gente, ultimamente anche forestieri per commenti dovuti allo Scandale Calcio ma tanti i commenti infamanti anche degli scandalesi, entra in casa mia e mi insulta.

Perchè o per chi allora dovrei scrivere?

Chi mi ama e mi segue lo fa, con altre soddisfazioni per me, visto che lì non esiste l'anonimato, su Facebook dove gli stimoli sono maggiori rispetto a quello che doveva essere il mio sfogatoio e che, invece, lo è diventato per i soliti coglioni che, protetti dall'anonimato, pensano di poter dire di tutto e di più.

Intanto la Polizia Postale sta indigando ed alcuni anonimi sono stati individuati e molto probabilmente ci saranno delle conseguenze.

Ho rallentato su By.Ros ma non mi sono fermato, il mio impegno è costante su Facebook ma anche su You Tube dove sto continando a caricare video di vario genere che potete visualizzare accedendo al mio account cliccando qui.

Non abbandono il Blog, continuerò a scrivere magari già da oggi o da domani ma qualcosa sta cambiando in me e gli unici responsabili siete voi!!!

7 Responses to “Che senso ha il blog?”

  1. ippo94 scrive:

    Caro Rosario, condivido pienamente quello che hai scritto e sono solidale con te. Ti sono vicino, capisco che attraverso il blog dedichiamo tanto tempo prezioso per scrivere argomenti e pubblicare immagini e foto, con il solo scopo di sensibilizzare e aprire costruttivi dibattiti affinchè possiamo insieme contribuire alla crescita civile e morale della nostra comunità e nello stesso tempo  offrire un servizio ai nostri concittadini che vivono in paese e altrove. Attraverso questo mezzo d’informazione, capita, purtroppo, spesso anche a me di essere sconfortato e non dico di essere ringraziati per il lavoro svolto, ma neanche  silurati !C’è la tendenza di essere disturbati da stupidi commenti e fastidiosi messaggi rivolti  proprio al blogger e devo ammettere che capita sovente. Hai ragione: come se qualcuno venisse fino in casa per mandarti a quel paese. Mi chiedo anche io : “ Ma ne vale la pena continuare ?” Quello che mi fa andare è il rispetto che ho nei confronti di quegli attenti visitatori che pur non esprimendo un pensiero, nel silenzio apprezzano il lavoro effettuato. Ti chiedo di andare avanti come hai fatto fino ad oggi, magari evitando di scrivere alcune considerazioni personali, forse meglio tenerle per te, nel tuo profondo del cuore. Sono anni che attraverso il tuo blog hai solo fornito emozioni ed informazioni gratuitamente ai tuoi lettori e di questo io da scandalese sono il primo a ringraziarti, nella  speranza che un giorno, anche coloro i quali oggi lasciano stupidi commenti, possano un giorno apprezzare il tuo lavoro che sarà da stimolo per una maggiore crescita culturale e morale del paese. Spero che questo blog continua ad avere la sua funzionalità ed essere utile, affinchè contribuisca a debellare l’ipocrisia e la falsità di chi crede che mediante un vile anonimato possa dire tutto e disturbare la tranquillità dei lettori e dello stesso blogger.Iginio Pingitore

  2. anonimo scrive:

    Non mollare…. caro Rosario…e alcune volte ,cerca di intervenire con moderazione, pacatezza e giustezzanei commenti che spesso si rivelano scontrosi e pieni di insidie.Il tuo Blog,come quello di Pingitore,sono  utili principalmente per una cosa:-fanno emergere con prepotenza alcune cose che nella realtà rimarrebberosoffocate nella mentalità , ahimeè,omertosa e spesso fatta di asservimentoe di subordinazione ai poteri cossiddetti  forti che ancora primeggianoportandoci a 50 anni fa.Ogni discussione impostata serve, alla gente,per esprimere il proprio parere anche su argomenti che mai avrebbe pensato di discutere.E….anche se il Blog è spesso oggetto di interventi aridi,di battutacce,di offese e inasprimenti ideologici,penso che qualcosa di buono e di costruttivo ce l'abbia.Ho sempre pensato..che il tuo è un buon servizio.. essenzialeper conoscere e sviluppare quella compartecipazione ai problemi  che di solito nella realtà di Scandale non avviene.I problemi secondo me.. possono affrontarsi  anche cosi.. magari senza forzature politiche-senza esagerazioni dialettiche..senza intromissioni e sponsorizzazioni di nessun tipo.Solo umiltà,buon senso e determinazione….In bocca al lupoUn emigrato

  3. anonimo scrive:

    Ignora le cattiverie… e continua sempre a tenerci aggiornati!!Un emigrata (vicina a Scandale e alle sue vicende anche grazie a te)!!

  4. anonimo scrive:

    Ci si lamententa per un commento lasciato in anonimo..C'è gente che, pubblica libri interi sotto nomi d'altri per evitare che il proprio pensiero possa essere oggetto di giudizio altrui..Un pò come desiderare sempre di voler stare sul piedistallo..Dall'alto avere sempre la possibilità di giudicare sentenziare tutto e tutti senza mai concretamente essere disposti a mettersi in gioco veramente..Se io scrivo qualcosa, se ho il coraggio d'esprimere il mio pensiero devo anche accettare d'attribuire al lettore la possibilità d'interpretarlo ed ovviamente di giudicarlo ..Ma siamo talmente tanto abituati a giudicare che in costanza dell'inversione di tendenza..Siamo i primi a scappare..Che tristezza!!!

  5. anonimo scrive:

    E' facile parlare di bon senso umiltà e determinazione..Tanto alla fine chi ne paga la spesa maggiore è chi giorno dopo giorno è costretto a lavorare all'interno d'un ambiente infetto..Chi giorno dopo giorno è costretto a sorbirsi la parola pesante del fratello, del padre la crisi isterica della madre, un contesto sociale avverso ed un uomo che un tutto questo rimane semplicemente a guardare..Perchè non può intervenire non sarebbe giusto, e poi si sponsorizzerebbe un prodotto che ancora deve crescere..Mentre non si fa altro che tagliare le gambe allo stesso prodotto giorno dopo giorno con qualsiasi mezzo..I problemi s'affrontano questo è certoma la realtà resta, la vita passa ed anche il desiderio di SOGNARE…

  6. anonimo scrive:

    Gigi D'alessio!!!sappiamo quanto tu possa amare le sue canzoni..Mai vista una città più sporca di Napoli..Dì ma per caso qualcuno t'aveva ordinato di far lo spazzino?No dico il medico magari t'aveva detto che per ristabilirsi si rendeva necessario?No perchè, abbiamo quasi la sensazione che alla fine alla fine, stiamo anche passando per delle ingrate…Ok essere inabilitate alla comprensione immediata, ma ammetti che nel caos del caos più totale cogliere al volo ciò che intendi dire non è che sia poi esattamente facile..Ed onestamente dell'aggressività delle iene saremmo decisamente stanche..Lavorare studiare vivere sottopressione giorno dopo giorno giorno dopo giorno..Non è facile..Non lo è per nessuno, soprattutto per chi percepisce che la sua vita viene gestita da terzi come se fosse tutto già deciso a tavolino di cui la diretta interessata è sempre l'ultima informata..Io non credo tu possa rendertene conto pienamente di che cosa possa significare tutto questo..perchè diversamente non saresti sempre il primo ad aggredire..Così lei avrà perso un'ottima occasione per stare zitta, ma considerate le circostanze credo che perdere la calma sia (non scusabile ma comprensibile)..Non aggiungo altro in merito alla replica.Mi avvalgo davvero del silenzio che a questo punto è decisamente meglio

  7. anonimo scrive:

    anche se con ritardo, ci tengo a esprimere la mia solidarietà e sono d'accordo con quanto detto da Igino, che saluto. Non devi assolutamente mollare e se io fossi in te lascerei correre tutte le cattiverie che vengono scritte anche perchè, come è naturale che sia, una parola tira l'altra e si incappa in insulti che possono prendere  strade più serie. Io non ho molto tempo per visitare il blog, ma quando mi è consentito so che c'è e questo mi fa molto piacere. Il tuo entusiasmo e la tua voglia di fare non deve essere messa a tacere nella maniera più assoluta, anzi fai in modo, invece, che il blog prenda un aspetto più sereno e tranquillo dove la gente che, come me ti stima, possa passare e leggere in tutta tranquillità le notizie che pubblichi. Un caro saluto e a presto Paola

Leave a Reply