L'Istituto Comprensivo di Roccabernarda perde l'autonomia: amaro sfogo del Consigliere Provinciale Salvatore Bonofiglio

Di una cosa sono più che certo, se si fosse trattato della realizzazione di una discarica tutta la politica avrebbe trovato l’unità d’intenti, ma visto che c’è da salvare un’istituzione presente sul territorio allora la politica ha deciso di voltare ancora una volta le spalle a Roccabernarda. Mi riferisco al piano di dimensionamento scolastico approvato pochi giorni fa e con il quale di fatto si taglia l’unica scuola del paese. L’istituto perde così la sua autonomia per essere poi accorpato ad un’altra scuola con l’unica conseguenza di portare disagio alle famiglie e risparmiare poco o niente.

Salvatore Bonofiglio, Consigliere Provinciale di Italia dei Valori. Foto dalla rete.Con rammarico devo affermare che la politica ha gestito molto male la situazione, l’unico che si è battuto, e lo elogio pubblicamente, è stato il sindaco Vincenzo Pugliese che ha intrapreso molti viaggi della speranza all’assessorato regionale, ma le risposte sono state sempre vaghe ed alla fine si sono rivelate negative. L’assessore regionale Mario Caligiuri è rimasto sordo alle richieste, mentre l’assessore provinciale Gianluca Marino, avrebbe certamente potuto spingere di più per tentare di evitare il dimensionamento.
Non si è voluta salvare la scuola di Roccabernarda sono certo che la politica con un po’ di buona volontà avrebbe potuto creare le giuste condizioni per evitare il dimensionamento.

Si poteva adottare o stesso metro di valutazione usato per le scuole del vicino paese di Mesoraca, indipendentemente dalla deroga che lo vede paese montano, invece così non è stato segno evidente che Roccabernarda non rientra nei piani politici della Regione.
Inoltre posso affermare di essere stato preso in giro perché in più occasioni ho chiesto lumi sulla situazione ed ho ricevuto rassicurazioni quando invece si i giochi erano già stati ampiamente chiusi. Questo è un comportamento scorretto che offende l’intera popolazione di Roccabernarda.

Con il dimensionamento scolastico, la nostra scuola diventerà una semplice sede distaccata, si è deciso di penalizzare il nostro territorio di spogliarlo di un’istituzione soprattutto di penalizzare bambini e genitori costretti a spostarsi ogni volta che si svolgerà qualche attività che va oltre le lezioni quotidiane. Un disagio che si acuisce vista l’orografia, e la pessima condizione della rete stradale che è tipica del nostro territorio.

Sono del parere che un comune come Roccabernarda debba avere un’autonomia scolastica e per farlo tutte le forze politiche e civili, presenti sul territorio, debbano unirsi perché a pagare un prezzo così alto non devono essere solo i nostri alunni. È arrivato il momento di compattarsi, con il sostegno delle istituzioni locali, mi farò promotore insieme al sindaco Pugliese, ed al collega consigliere Antonio Scigliano di presentare un ricorso al Tribunale amministrativo regionale, che allo stato attuale è l’unica strada da perseguire per tentare di riottenere l’autonomia scolastica.
 
Salvatore Bonofiglio
Capogruppo Idv Consiglio Provinciale

6 Responses to “L'Istituto Comprensivo di Roccabernarda perde l'autonomia: amaro sfogo del Consigliere Provinciale Salvatore Bonofiglio”

  1. anonimo scrive:

    Te li ricordi i tempi, quando Bonofiglio era il TUO segretario di partito e ti candidava alla provincia…oggi che ne rimane??Tu orfano di un partito che ti trovi in balia della politica a candidarti ma senza un'identità…

  2. byros scrive:

    Bonofiglio non è mai stato il mio segratrio di partito per il semplice fatto che io non sono mai stato tesserato con il suo partito ma mi sono sempre candidato da indipendente.

    Ora, io non sono orfano nè in balia di niente e credo di non aver mai avuto un'identità come in questa tornata.

    Al massimo questo è un problema di altri, sballotati tra sigle per dove corre il vento, costretti a seguire le direttive dei loro capi, a cambiare insegne e via dicendo…

    Io non ho capi, noi non abbiamo capi, ma solo tanta voglia di fare bene per Scandale ed i suoi cittadini e sfido chiunque a dimostrare il contrario!!

  3. anonimo scrive:

    L'identità prescinde dalle radici..
    Credo che ognuno di noi possa tranquillamente affermare d'avere due padri..Uno biologico, l'altro spirituale..legato giustamente al cammino percorso del proprio sviluppo psichicoattitudinale..
    Ma ciò non significa non possedere un'identità..
    Creare confusione in merito non significa che vi sia confusione nel merito d'una questione a mio avviso sin troppo chiara.

  4. anonimo scrive:

    ROsà non ti scaldare!! Non era per dirti se hai o menoi un padrone, ma Bonofiglio è stato il segretario di rifondazione e ti ha candidato..ma mi pare che tu fai in fretta a dimenticare le cose e a rivoltarti come una tarantola appena ti si parla del passato!!
    C'è da aspettarsi che farai così anche con Fabio….
    Ma tu ci piaci anche per questo…

  5. byros scrive:

    Rifondazione?
    Ma che dici? Vedi che sei disinformato?!
    Bonofiglio era con il Pdci…

    Io non rinnego nulla del mio passato, dalla candidatura alle regionale del 2000 con Franco Corbelli all'ultima alle provinciali.

    Quando mi sono messo in gioco l'ho sempre fatto con onestà e con la speranza di poter fare qualcosa per gli altri non certo per me!

    Io non mi rivolto come alcuna tarantola, vorrei solo onestà mentale da parte di tutti e nessun giochino…

  6. anonimo scrive:

    ma come siamo bravi a metterci in mostra mentre rocca va in rovina bravi ..bravi 

Leave a Reply