In attesa del responso delle elezioni comunali del 2011, nel 1952 andò così!

Nota pubblicata sul blog di Luigi Santoro martedì 23 marzo 2010

Scandale. Elezioni amministrative del 1952.

Scandale. Corso Umberto in una foto d’epoca (Archivio Aprigliano).

Le elezioni a Scandale nei documenti raccolti dal prof. Manlio Rossi-Doria.

Elezioni amministrative del 1952:

Furono presentate due liste: in una vi erano, prevalentemente, democristiani, indipendenti più o meno cattolici, appartenenti al M.S.I. ecc. (lista Iª); nell’altra comunisti, socialisti nenniani ed indipendenti (lista IIª). Comunque dovrebbe essersi trattato, secondo l’opinione diffusa a Scandale, più che altro di una competizione tra famiglie basata quasi esclusivamente sul personalismo.

 

Candidati della Iª lista:
- Pasquale Brescia: agricoltore, ha conseguito la licenza liceale.
- Antonio Petrone: responsabile della C.I.S.L.
- Francesco Guarascio: agricoltore, con allevamenti zootecnici e macchine agricole.
- Luigi Paparo: proprietario del bar “Centrale” e commerciante di generi alimentari.
- Antonio Barberio: contadino.
- Rosario Rizzuto: muratore, commerciante di generi alimentari, appaltatore con l’Opera Sila.
- Giovanni Audia: impiegato dell’Opera Sila.
- Francesco Lettieri: contadino.
- Orlando Scaramuzzino: commerciante di tessuti.
- Francesco Trivieri: contadino.
- Antonio Coriale: fabbro maniscalco.
- Mario Cirillo: calzolaio, macellaio, successivamente emigrato in U.S.A.
- Domenico Simbari: contadino.
- Cesare Grisi: contadino.
- Salvatore Scalise: contadino, padre di Luigi “fiduciario giovani A.C.”
- Mario Lazzaro: contadino, piccolo proprietario, “all’opposizione per abitudine”.

Candidati della IIª lista:
- Domenico Militi: contadino, iscritto al P.C.I.
- Francesco Scalise: invalido, iscritto al P.N.M.
- Mario Rizzuto: commerciante di generi alimentari, macellaio, autonoleggio da rimessa e camion per trasporti, ex gestore dell’ammasso del grano, iscritto al P.S.I.
- Antonio De Biase: falegname, iscritto al P.C.I.
- Giuseppe D’Alfonso: maestro elementare di Santa Severina.
- Carmine Ceraldi: contadino, iscritto al P.C.I.
- Luigi Bomparola: contadino, iscritto al P.C.I., fiduciario.
- Vincenzo Simbari: contadino, fratello di Domenico Simbari.
- Antonio Demme: contadino.
- Francesco Cacozza: contadino.
- Antonio Marino: contadino, iscritto al P.C.I., responsabile sindacale.
- Pantaleone Paparo: contadino, cugino di Luigi Paparo di cui alla Iª lista.
- Antonio Drammis: figlio del barone, proprietario.
- Carmine Esposito: contadino.
- Francesco Lopez: contadino.
- Ippolito Pingitore: contadino, indipendente di sinistra.


 
Risultati delle votazioni:

Elettori Votanti

Maschi 700……………………………………..votanti 660…94.2 %
Femmine 745………………………………….votanti 68692.0 %
………………………………………………………Totale1445 totale 1346

Voti nulli 167 = 12.5 %
Voti validi 1179 = 87.5 %
Votanti 1346 = 100 %

Voti attribuiti alla Iª lista…………………687 = 58.2 %
Voti attribuiti alla IIª lista………………..492 = 41.8 %
Voti riconosciuti validi 1179 = 100%

Manlio Rossi-Doria, Note sull’organizzazione politica e le vicende elettorali nel Comune di Scandale, (1954-1955). A.N.I.M.I., Archivio Rossi-Doria, 31 pagine dattiloscritte, vol. II, fascicolo 6.
 

Fonte: (Pubblicato da Luigi Santoro)
Etichette , , , Storia

Quasi 60 anni fa tra i candidati c'era mio nonno Rosario che vinse, speriamo che la cosa sia di buon auspicio…

2 Responses to “In attesa del responso delle elezioni comunali del 2011, nel 1952 andò così!”

  1. anonimo scrive:

    salve ti chiedo scusa in anticipo se uso il tuo blog per dire ciò che penso.. sono una ragazza di corazzo e vivo qui fin da quando sono nata, ad una setttimana dalle elezioni mi è capitato di sentir dire in giro da sostenitori del neo sindaco a cui vanno i miei più sinceri auguri,che visti i risultati corazzo nn merita niente… un pò mi lascia esterefatta e dall'altra parte mi fa ridere…. che io sappia in tanti anni corazzo nn è che sia stato nei pensieri dei sindaci se nn in poche occasioni…la differenza tra scandale e corazzo è stata sempre sottolineata,,,, dai cittadini stessi e dal comune. a cominciare dai lavori che chissà perchè vanno a finire sempre con l'esserci le stesse persone , e tanto altro,comunque stendiamo un velo pietoso…..eppure le settimane che hanno preceduto le elezioni tutti e dico tutti hanno battuto corazzo da cima in fondo per accaparrarsi i voti, 265 voti fanno comodo a tutti… ci hanno provato in tutti i modi leali e nn… promettendo come al solito per poi salire su  quella sedia e fare come  sempre i propri comodi…poi volevo anche aggiungere ringraziate che il voto è segreto se no chissà quanti tra di voi che eravate a festeggiare con il neo sindaco vi sareste  fatti scoprire che nn l'avete neanche votato…

  2. byros scrive:

    Infatti proporrò il voto palese per le prossime elezioni…

Leave a Reply