Pensando alla separazione… quella vera questa volta!!!

Vi sto trascurando, lo so!

Ma non ho molta voglia di scrivere serio e per le cazzate ci sono Facebook e Twitter (se vi va seguitemi anche presso questi due intriganti social network), supererò anche questa (ne ho superate tante nella mia vita) ma dopo aver atteso invano (e per l’ennesima volta!!!) 7 giorni e 7 notti credo che sia il caso che cominci a pensare seriamente alla mia separazione?!

Non è più possibile convivere con tale personaggio ed io ho bisogno del contatto, di amore, di affetto, di comprensione, di collaborazione, di sesso e lei non è in grado di darmene una sola di queste!!!

L’ho già scritto: di badanti se ne trovano a iosa a 5 euro l’ora a 10 euro a notte, l’essere moglie significa altro. 

I miei figli capiranno, anzi HANNO GIA’ CAPITO!!!

Mi fermo qui, rischio di diventare cattivo.

Se non mi vedete su By.Ros ora ne sapete i motivi ma non è detto: lo scrivere è una grande valvola si sfogo e, come capirete, io ho tanto bisogno di sfogarmi.

D’altra parte se ieri persino Katia Bitonti ha dato prima di me su facebook la notiza che lo Scandale ha vinto 4 a 0 sul San Leonardo di Cutro, si vede, e per fortuna, che non c’è bisogno più di Rosario Rizzuto per avere informazioni su Scandale ed io ne sono strafelice!!!

2 Responses to “Pensando alla separazione… quella vera questa volta!!!”

  1. Rimani says:

    Rosario non dire così
    tu rimani fondamentale per scandale perchè a differenza di altri tu non hai paura di raccontare tutto. le altre persone si autocensurano, tu invece non censuri nè te stesso nè gli altri e non hai paura di parlare di cose di cui gli altri hanno paura. chi avrebbe raccontato ad esempio della banca in maniera chiara se non lo avessi fatto tu? gli altri ne avrebbero avuto paura.

  2. mariangela says:

    Carissimo amico, mi fa un certo strano effetto leggere quanto sopra. Dire delle proprie difficoltà personali ed interpersonali non è facile.
    Tu lo fai senza timore di ferire alcuno… io sarei più cauto!
    “Non è tutto oro quello che riluce!”, per dirti che la felicità è una chimera. Non esiste quella vera, ma è solo una costruzione ipocrita dell’uomo in generale.
    Non pensarci seriamente, ti prego. Te ne potrai dispiacere e pentire.
    Meglio saper condividere anche le tristezze, le delusioni, le apatie, le carenze affettive … che soffrire di solitudine e vuoti esistenziali più gravi.

Leave a Reply