Archive for April, 2012

Sta per entrare nel vivo la Festa del SS Crocifisso di Cutro

In data 24 febbraio 2012, a Cutro (Kr), si è costituito il nuovo Comitato Permanente per i Festeggiamenti del SS. Crocifisso, che si svolgeranno dal 30 aprile al 3 maggio prossimi. Festeggiamenti molto attesi dalla comunità cutrese, che nel venerare la Statua lignea del SS. Crocifisso vivono giorni di fede, unione, partecipazione e solidarietà sociale. L’organizzazione dei Festeggiamenti Civili, è sempre stata svolta dal Comitato Festa, composto da persone generose, volontarie e che con spirito di sacrificio hanno dedicato e dedicano giornate intere al solo fine di far riuscire al meglio la festa, assumendosene le responsabilità e che premurosamente si autofinanziano chiedendo offerte libere alla cittadinanza.

Programma Festa SS Crocifisso di Cutro 2012

Quest’anno, con la venuta a Cutro della Santa Spina, che sarà venerata per l’intera durata della festa, all’interno del convento del SS. Crocifisso, abbiamo voluto estendere e condividere con l’intera popolazione della provincia di Crotone questo importante momento di fede. Il nostro obiettivo è quello di creare un percorso religioso tra le tre comunità, accomunate da segni forti della Passione di Cristo. “Il SS. Crocifisso, la Santa Spina e il SS. Hecce Homo”, Invitiamo tutti a questo importante momento religioso, che inizierà giorno 30 aprile alle ore 16.00 in Piazzale Reggio Emilia, attendendo l’arrivo della Santa Spina, per poi procedere in processione verso il convento dei frati minori, dove è venerata la statua Lignea del SS. Crocifisso. Sicuri di un riscontro positivo al nostro invito, porgiamo distinti saluti.

 Cutro 19.04.2012   IL PRESIDENTE Gaetano Squillace

Il "percorso" della Fede per la festa di Cutro...

Voglio ricordarTi così… Ciao nonno…

E voglio ricordarTi così,

mentre ridevi…

guardandomi con i tuoi occhietti furbi

chissà cosa pensavi…

Nonno sei volato in Cielo,

senza preavviso,

almeno per me che, distratto,

non ti cercavo…

E come sempre:

quando una persona non c’è più

che questa manca

e, come sempre, rimpiango

quello che non c’è stato…

E voglio ricordarTi così,

mentre ridevi…

guardandomi con i tuoi occhietti furbi

chissà cosa pensavi…

E tornano in mente, a flash,

tanti ricordi

come da piccolo quando

volevi vincere sempre tu a scopa…

Quando, più grandicello,

volevi fare le foto con le ragazze,

sorridendo mi chiamavi e

dolcemente, poi, le abbracciavi…

ed io, divertito, scattavo…

E voglio ricordarTi così,

mentre ridevi…

guardandomi con i tuoi occhietti furbi

chissà cosa pensavi…

E ora non ci sei più

e piango forte,

con chi farò tutte le briscole

che non ho mai fatto

distratto da una vita non in diretta,

da una vita astratta

che ti ruba agli affetti…

E voglio ricordarTi così,

mentre ridevi…

guardandomi con i tuoi occhietti furbi

chissà cosa pensavi…

Ciao nonno…


Nonno Adolfo De Miglio con un'amica di mia sorella Tania. Foto Rosario Rizzuto

Cinque anni dalla scomparsa di Carmine Grillo di Scandale

La scomparsa di mio nonno ed i funerali che si sono svolti ieri pomeriggio hanno sconvolto il mio 25 Aprile.

Ieri abbiamo accompagnato mio nonno nel suo ultimo viaggio e adesso avrà raggiunto sua moglie Ester e tanti altri parenti lassù in Cielo.

Ma anche il 25 Aprile del 2007 fu per me molto triste, in questa giornata tornò alla Casa del Padre il giovane Carmine Grillo di Scandale.

Quindi sono già cinque anni che Carmine non c’è più.

Carmine amava molto gli animali, voleva aprire un canile e qualche tempo prima mi aveva chiesto come poteva fare; io, per quanto avevo potuto,  provai ad informarmi ma non era una cosa facile da fare.

Alcuni mesi prima della sua scomparsa avevo fotografato Carmine con il suo cane Tex che spesso portava vicino casa mia.

Carmine Grillo, deceduto a Scandale il 25 Aprile 2007, con il suo cane Tex. Foto Rosario RizzutoUna delle tre foto che gli feci, quella che vedete, lo ricorda nel cimitero di Scandale sulla sua lapide.

Sembra ieri ma Carmine manca da un lustro ed io volevo ricordarlo così!

Torna alla casa del Padre il mio nonnino Adolfo De Miglio ed io non c’ero…

   E’ l’incomunicabilità il problema dei nostri giorni!

Cazzo ci voleva tanto per dirmi che non era come le altre volte che questa volta il mio nonnino, Adolfo De Miglio, stava male seriamente e che poteva non farcela.

Io con il mio Nonnino Adolfo De Miglio ed altri cuginiVivo una vita forse non mia, eccessivamente distratta, slegata dalle priorità, ho la necessità che mi si precisino alcune cose… invece!

E’ così a quella chiamata di mia madre, trovata appena poco fa ho acceso il cellulare, il mio pensiero è andato subito lì e, fatte le scale veloci, ho avuto la conferma!

Mio nonno, fino a ieri il cittadino più anziano di San Mauro Marchesato, ieri sera, poco prima della mezzanotte, è volato in cielo, ha raggiunto la sua amata nonna Ester.

Il mio nonnino Adolfo con nonna EsterE poichè nulla succede per caso, accade proprio nella notte della Festa della Liberazione, lui che aveva fatto quattro anni di guerra e due da partigiano!

Perdo il mio ultimo nonno e anche questa volta ero da un’altra parte…

Non ci sono scuse, sono imperdonabile e per fortuna che qualche giorno fa sono andato a trovarlo, lucido, ancora con la voglia di scherzare…

Ero straconvinto che avrebbe superato i 100 anni… invece puff.. non c’è più… in un attimo ed io non c’ero CAZZOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!

Il mio nonno Adolfo De Miglio tornato alla casa del Padre nella notte tra il 24 ed il 25 Aprile.L’altro giorno pensavo che avrei dovuto andare a trovarlo più spesso, farci qualche partita a carte come facevo quando ero più piccolo, registrarlo mentre cantava delle canzoni antiche o recitava qualche detto o storiella, ma nella vita non bisogna pensare MA AGIRE e come sempre io non l’ho fatto!!!

Ed ora sono un po’ più solo, avevo un Tesoro vicino ma non l’ho saputo vivere ed ora è pressochè inutile piangere sul latte versato…

Ciao nonnino e, se puoi, perdonami…

Parcheggio alla crotonese, nemmeno la macchina che fotografa le infrazioni sta riuscendo ad educare i discendenti di Pitagora

Parcheggio alla crotonese in Via XXV Aprile a Crotone. Foto Rosario Rizzuto col cellulare

Parcheggio alla crotonese! E se da lì doveva passare una persone disabile? Possibile che non si riesca a fare due passi in più?! Possibile che contravvengono alle regole anche i dipendenti di una società provinciale? Nessuno prenderà provvedimenti?! La foto è stata scattata Lunedì 23 Aprile intorno alle 11,00 in Via XXV Aprile, 11.

Ho imparato…

La vita è maestra…

Ho imparato che la gente è cattiva, se può ti fa del male in modo gratuito senza farsi tanti problemi.

Ed io, invece, che tanti me ne faccio, che cerco di fare attenzione a quello che dico per non urtare la suscettibilità di chicchessia!

“Rosà – mi ha raccontato un mio amico – con le eravamo molto amici, scherzavamo molto su tutto, ogni tanto la prendevo in giro ma poi è diventata, per me, più che un’amica. Non è sposata e così l’altro giorno scherzando, ma non tanto, le ho detto se poteva succedere qualcosa di più tra di noi! Rosà lo sai come mi ha risposto? ‘Tu mi fai schifo da quel punto di vista, con te non ci verrei manco fossi l’ultimo uomo sulla terra!’. Ma ti sembra giusto Rosà, non sono poi proprio un cesso?!”

Non mi sembra giusto affatto caro amico, questa è cattiveria pura, perchè le cose si possono dire in tanti modi e di certo, vista l’amicizia che c’era tra voi, poteva usare altre parole… altri modi!

Ho imparato che la gente è invidiosa: con voi gioiscono per i vostri successi ma in privato sbuffano dalla rabbia se sanno che le cose vi vanno bene e tra i più cattivi, tra i più invidiosi, spesso, ci sono i parenti; che brutta razza i parenti e non sono di certo il primo a dirlo visto che ci sono pure i detti.

Ho imparato che l’amicizia, quella vera, è molto rara. Che molti si dichiarano e si comportano da amici ma poi sono pronti a rinnegarti alla prima occasione, che non muoverebbero un dito per te. A me è successo tante volte, visto il caratterino che ho e quello che faccio: non sono certo uno anonimo come tante di quelle persone che raramente si vedono in giro, come ieri quella coppia in macchina, ed io: ma chi sono questi?, quando mai si sono visti?, che cosa hanno mai fatto per il loro paese?, pensano solo al loro focolare?!

Prendete, nel mio caso, l’episodio della Banca, a gennaio quando sono stato portato via dai carabinieri, nessuno ha mosso un dito; è successo che intere cittadine si sono ribellate per l’arresto di un delinquente, di uno spacciatore ma in quell’occasione NESSUN scandalese ha ritenuto opportuno muovere un dito per Rosario Rizzuto e far rinsavire i carabinieri “assoldati” dal commissario Gallicchio mentre invano aspetto da mesi che mi richiami la segretaria del prefetto Vincenzo Panìco per quell’incontro promessomi allora.

O, per esempio, quando due anni fa sono stato al Festival di Sanremo: io litigavo per l’accesso in sala stampa e nessun collega ha mosso un dito per me; passi per quelle centinaia che non mi conoscevano, un dito non l’hanno mosso nemmeno quel belloccio di Francesco Latella di Radio Studio 97 e altri di Crotone che mi conoscevano ed erano là a godersi l’avventura mentre Rosario Rizzuto soffriva per quella situazione. Ognuno a difendere i propri interessi, ognuno a leccare il culo più utile ad andare avanti, a fare carriera. Io di certo, a parti invertite, mi sarei comportato diversamente.

Ho imparato che non bisogna fidarsi delle mogli e nemmeno dei genitori e dei familiari e che, fondamentale, nella vita SIAMO SOLI.
Che da questa solitudine si salva solo chi ha la fortuna di incontrare un VERO AMICO, ma questi sono rari come le pecore nere o le colombe albine.

Fate attenzione, non fidatevi di chi si spaccia per vostro amico, dosate le parole che gli/le dite, i segreti che gli raccontate perchè potrebbero ben presto ritorcersi contro di voi stessi.

Tante cose ho imparato e per raccontarle tutte non basterebbero tutti i libri della terra, ma io do solo degli spunti poi sta a voi seguirli o meno, ascoltarli o pensare solo che sono un po’, o tanto, fuori di testa.

Questo lo dirà il tempo, io, intanto, sono qui che scrivo, voi (e coloro ai quali è diretta lo capiranno) nel vostro lettuccio a morire cucinati dalla vostra rabbia e dalla vostra invidia!!!

Incidente Vincenzo Noce, a Scandale interviene l’eliambulanza

Dalle notizie che abbiamo raccolto pare sia andata bene al 62enne collaboratore scolastico dell’Istituto superiore “G. Gravina” di Crotone, Vincenzo Noce di Scandale che poco dopo le 13,00 è precipitato da un lucernario di casa sua dove stava eseguendo alcuni lavori.

Vincenzo Noce mentre viene portato sull'eliambulanza. Foto Rosario RizzutoLa notizia si è diffusa presto a Scandale perchè in piazza Condoleo è atterrata un’eliambulanza proveniente da Cirò Marina e molta gente si è precipitata sul posto per capire cosa fosse accaduto. Altra gente, intanto, si era radunata sul luogo dell’incidente.

Alcuni minuti dopo che il mezzo aereo era atterrato a Scandale è arrivata anche l’ambulanza (il cui viaggio è stato attardato dalle pessime condizioni delle strade che portano a Scandale, chiuse, in pessime condizioni o con un tragitto più lungo di quello normale) che è intervenuta sul luogo dell’incidente in via Mattia Preti e dopo circa 15 minuti è tornata indietro nella piazza dove il ferito è stato trasportato nell’eliambulanza.

Chi era presente sul luogo dell’incidente parla di alcune fratture con interessamento della spalla ed una ferita sul capo con fuoriuscita di sangue, un bene questo per chi se ne intende.

Vincenzo Noce è stato trasportato presso l’Ospedale Pugliese di Catanzaro dove è ora ricoverato.L'eliambulanza, intervenuta per Vincenzo Noce, lascia Scandale per l'Ospedale Pugliese di Catanzaro. Foto Rosario Rizzuto

Sabato 21 si inaugura a Cutro, presso la Bottega d’Arte Dorolì, la terza mostra collettiva ‘Il Filo dell’Arte’

Sarà inaugurata domani pomeriggio, sabato 21 Aprile 2012, nel Laboratorio d’Arte di Dorotea Li Causi a Cutro,  la terza mostra collettiva “Il Filo dell’Arte”.

“Il Filo dell’Arte – spiega la brava e bella artista sulla pagina Facebook dedicata all’evento – è il titolo di questa nuova mostra collettiva. Ho voluto ispirarmi al racconto mitologico de “Il filo d’Arianna”.

“Filo d’Arianna”: così si definisce un indizio, un elemento chiave che consente di trovare la soluzione di un problema intricato: come il filo che Arianna, figlia del re di Creta, Minosse, diede all’eroe Teseo per aiutarlo a uscire dal Labirinto dopo aver ucciso il mostruoso Minotauro, divoratore di fanciulli e fanciulle ateniesi.

A sinistra la bella e brava artista Dorotea Li Causi padorna di casa della mostra che sarà inaugurata il 21 Aprile 2012. Foto Rosario RizzutoIl labirinto nell’antichità simboleggiava il caos primordiale. Il suo disegno spiraliforme ricorda un serpente arrotolato, le viscere, ma anche i meandri del cervello. Allo stesso tempo il labirinto è stato associato al pericolo dello smarrimento, del disorientamento; chi vi entra rischia di rimanerci intrappolato. Ma Teseo, riavvolgendo il filo di Arianna, riuscì ad uscire dal labirinto.
E’ il filo che ininterrottamente tiene insieme, che crea legami. “Il Filo di Arianna”… secondo il significato “archetipo “, indica la strada che conduce verso l’ uscita, quindi la libertà.
Il filo in questo caso è l’Arte, il nostro mezzo che ci permette di orientarci positivamente nel labirinto di condizionamenti cui siamo selvaggiamente sottoposti ogni giorno. L’intento della mostra “Il Filo dell’Arte” è quello di fornire al pubblico e al territorio un’istantanea dello stato dell’arte e della creatività giovanile a tutto tondo. Differenti stili, tecniche, linguaggi espressivi andranno a comporre un mosaico che dia il segno di quanto si muove all’interno della scena artistica giovanile locale”.

L’allestimento espositivo sfrutta gli spazi della Bottega d’Arte Dorolì, sede ideale dove far convergere le energie giovani e dare conto del movimento artistico giovanile.
Fine ultimo del progetto, infatti, non è solo di mettere in mostra le opere dei giovani talenti, bensì investire su una maggiore consapevolezza collettiva e sulla condivisione di una cornice di riferimento comune.
La Mostra di pittura seguirà un percorso che parte dalla Bottega e proseguirà fino l’interno del Bar dell’arte “Il Puttino” gestito da Giuseppe Vasapollo.

All’inaugurazione del giorno 21 verrà proiettato, all’esterno della Bottega Dorolì, il film del pittore Afroamericano degli anni 80 Jean Michel Basquiat.
Animerà la serata il Musicista Federico Vaccaro di Cotronei.

La mostra si svolgerà da sabato 21 Aprile (che comprende l’inaugurazione alle ore 18:00) fino a lunedì 21 Maggio.

Da sabato 21 Aprile a lunedì 21 Maggio 2012 nella Bottega d’Arte Dorolì la mostra sarà aperta al pubblico, con ingresso gratuito e con i seguenti orari: la mattina dalle 9:00 alle 12:00; il pomeriggio dalle 16:00 alle 20:30.

I pittori che esporranno i loro dipinti sono 19: Gaspare Brescia (Crotone), Francesco Giordano (Crotone), Linor ( Crotone), Teresa Grotteria (Crotone), Caterina Caccia (Cutro), Giuseppe De Filippo (Girifalco), Sabrina Barbuto (Isola Capo Rizzuto), Rossella Lucà (Crotone), Rocco Stranieri (Girifalco), Antonio Lamotta (Crucoli Torretta ), Giacinto Bomparola (Scandale), Nino Audia (Crotone), Valentina Siniscalchi (Crotone), Angela Carbone (Crotone), Antonio Giampà (Crotone), Marcello Corigliano (Crotone), Giovanna Errigo (Crotone), Franca Vrenna (Crotone) e la padrona di casa Dorotea Li Causi (Cutro).

Facciamo un salto all’Agriturismo Armirò di Santa Severina?!

AGRITURISMO ARMIRO’ (TEL. 320 0968007) situato tra Altilia e Santa Severina 

OGNI SABATO SERA CI SARA’ ANIMAZIONE CON IL CANTASTORIE SALVATORE BELLIO CON IL SUO REPERTORIO: canti popolari, storie e leggende del Sud… 

MENU per solo 15 euro: antipasto, primo, secondo, frutta, dolce e caffè, bevande incluse.

Chi vuole cenare e pernottare più colazione spende a coppia solo 65 euro!

Insomma bisogna andarci assolutamente!

Quasi tutto pronto per il 18° Torneo Internazionale di Scacchi organizzato dal Comune di Cutro

Fervono i preparativi per l’organizzazione del 18° Torneo Internazionale di Scacchi, organizzato dal Comune di Cutro, che si terrà dal 23 aprile al 1° maggio 2012, intitolato ad uno dei suoi più illustri concittadini – vissuto nel XVI° secolo – e vanto della scuola scacchistica italiana, in quanto “Primo Campione del mondo di scacchi”, “LEONARDO DI BONA detto il PUTTINO” (referenze bibliografiche si trovano su tutti i testi di storia degli scacchi nazionali ed internazionali). Lo stesso in una memorabile partita, alla presenza del Re di Spagna FILIPPO II°, sconfisse il campione dell’epoca Mons. RUJ LOPEZ.

Al centro il sindaco di Cutro, Salvatore Migale, ad una Manifestazione ad Amantea. Foto archivio Rosario RizzutoDell’episodio ne testimonia un celebre dipinto di Luigi Mussini, attualmente di proprietà della sede centrale del Monte dei Paschi di Siena. L’iniziativa, organizzata in contemporanea con i festeggiamenti del SS. CROCIFISSO, ha ottenuto l’autorizzazione ed il patrocinio del CONI, della F.S.I. (Federazione Scacchistica Italiana), della F.I.D.E. (Federation Internationale Des Echecs), della Regione Calabria e della Provincia di Crotone, inserendo la Città di Cutro in un circuito turistico culturale nazionale, che fa della nostra cittadina “la Città degli scacchi”.

L’Amministrazione, forte dell’esperienza dei tornei precedenti, intende dare sempre più un maggiore risalto con un torneo Magistrale Open A riservato a scacchisti di fama mondiale  e con la pubblicazione del torneo sul sito internet del comune di Cutro http://www.comune.cutro.kr.it/ nel quale esiste un collegamento con un vero e proprio sito internet nel quale, oltre alle notizie ufficiali del torneo in corso, è stata ricostruita tutta  la storia dei precedenti tornei http://www.scacchicutro.it.

Nel sito si possono seguire in diretta tutte le fasi, mossa per mossa, delle prime 4 scacchiere, inoltre, con telecamera digitale collegata in rete sarà possibile vedere le riprese dirette di tutta la sala.

Quest’anno saranno presenti grandi giocatori, provenienti da ogni parte d’Europa e del Mondo, tra gli altri, Vladimir Okthonik, in rappresentanza della Francia, campione del mondo seniores 2011 e Draskovic Luka, in rappresentanza della Macedonia, giovane promessa degli scacchi di diciassette anni.

La manifestazione è arricchita da un torneo Open B, riservato ai giocatori di categoria Nazionale ed  inclassificati e da un torneo Under 16 che inizierà il 25 aprile e da una simultanea che si terrà giorno 25 aprile alle ore 10.00, nel piazzale di fronte la sala polivalente, dove un Grande Maestro sfiderà 30 giocatori contemporaneamente.

Infine, dalla media dei punteggi Elo, il torneo internazione di scacchi di Cutro è il primo d’Italia e tra i primi tre più importanti d’Europa.

Cutro, 17 aprile 2012

Il Sindaco Avv. Salvatore Migale  

Nuovo atto intimidatorio all’assessore Carletto Squillace di Cutro. Intervento del sindaco Salvatore Migale

L’ennesimo atto intimidatorio perpetrato ai danni dell’assessore Carletto Squillace ha destato, ancora una volta, preoccupazione nella sua famiglia e in particolare nella madre che vive ormai in uno stato d’ansia per il figlio che continuamente subisce aggressioni e intimidazioni.

L'assessore Carletto Squillace di Cutro alle prese con una ripresa televisiva. Foto Rosario RizuztoLa stessa preoccupazione è stata espressa dall’’Amministrazione Comunale che ha condannato fermamente questo vile atto di ritorsione, in contrasto con ogni regola del vivere civile. Nello stesso tempo il sindaco, facendosi interprete anche della volontà del Consiglio Comunale, ha espresso all’assessore Squillace e alla sua famiglia la più sincera solidarietà e la propria vicinanza e il sostegno alla sua instancabile attività amministrativa e all’impegno profuso per la soluzione dei problemi inerenti il settore di propria competenza.

E’ stato manifestato infine l’impegno dell’Amministrazione Comunale a proseguire nella propria azione di cambiamento sociale e culturale in difesa della legalità e del progresso della nostra comunità. 

Cutro, 16 aprile 2012

Il Sindaco  Avv. Salvatore Migale   

Cerco su internet, tramite Google, ma non trovo la notizia dell’atto intimidatorio, forse non c’è, forse, vista l’ora, sono poco bravo io. Ci sono notizie simili perchè il bravo assessore all’ambiente Carletto Squillace non è la prima volta che subisce atti vigliacchi volti a fiaccarlo, a farlo desistere dai suoi impegni.

Ma perchè succedono queste cose?

Perchè un uomo non può essere libero di impegnarsi per il proprio paese?

Perchè non si interviene democraticamente con dei discorsi, un comunicato stampa, magari glielo si dice in faccia se c’è qualcosa che non piace, se ha fatto qualcosa non giusta (ma non credo sia questo il motivo), perchè spaventarlo?

A chi giova questo?

Da parte mia ennesima solidarietà a Carletto con la speranza che non desisti e continui il suo impegno politico-giornalistico per la comunità di Cutro che ha bisogno di gente come lui! Non mollare, non mollare mai…

Cosa succedeva un anno fa sul Blog di By.Ros

L’anno scorso, 14 Aprile 2011, oggi sul Blog By.Ros:

14 Apr 2011

Finalmente il terminal Romano

Apre oggi, in Via G. Di Vittorio, quartiere Fondo Gesù, il tanto agognato terminal degli autobus dei Fratelli Romano.
In questa prima fase il servizio sarà sperimentale per poter dar vita a delle migliorie.
Autobus Romano. Foto dalla rete.
Finisce quindi un’attesa durata anni e, come tutte le città chi si rispettano,  anche Crotone avrà un luogo deputato all’arrivo e alla partenza degli autobus e spariranno le varie fermate di Via Ruffo, Parco Delle Rose, Corso Mazzini e Bar Nettuno.

Certo ci vorrà un po’ di tempo per abituarsi alla nuova realtà ma sono sicuro che tutti alla fine avranno da guadagnarci.

Saranno istituite anche delle navette da e per il centro città anche se non ho capito se saranno gratuite o a pagamento.

Molte informazioni sul terminal e sulle Autolinne Romano si posso leggere cliccando qui.

Tags: 
Posted in Senza categoria

14 Apr 2011

Ed i sondaggi dicono già Tonino Coriale…

E pensare che il sondaggio, su Facebook., è stato aperto da Leo Barberio (che ha messo la lista di Vasovino al numero 1 con un colore più distinguibile ecc ecc…), candidato con la lista Scandale Democratica, ma è bastato che la voce si spargesse in rete perchè la Lista Orgoglio Scandalese, capeggiata da Tonino Coriale, passasse in vantaggio…
Certo si tratta di un gioco che non ha nulla di scientifico ma è bello vedere Tonino primo.

Gli utenti iscritti su Facebook possono votare il sondaggio cliccando qui.

L'immagine del grafico con Tonino Coriale ed Orgoglio Scandalese in testa.

Tags: 
Posted in Senza categoria

14 Apr 2011

La Scuola Media di Scandale in festa per Yasin

SCANDALE – Yasin (o Yassin) da ora in avanti avrà tre date di compleanno: quella in cui lui ricorda (pare che in Afghanistan lui non abbia mai festeggiato un compleanno) di essere nato, a settembre, il primo di settembre, quella che gli ha dato lo Stato Italiano quando Yasin è arrivato in Italia, ossia il primo di gennaio, e ora anche quella in cui i suoi compagni di classe e di scuola con i docenti e la presidenza della Scuola Media di Scandale gli hanno assegnato festeggiandolo l’11 Aprile.
Yasin Shnwari con la professoressa Roberta Tassi. Foto Rosario Rizzuto

Una gran festa che ha coinvolto tutta la scuola media del paese per i 15 anni di questo ragazzo afghano arrivato in Italia dopo una serie di peripezie.
I talebani, nel suo paese, gli hanno ucciso papà, mamma, un fratello ed altri parenti; per sua fortuna una zia è riusciuta a raccogliere un po’ di soldi e a farlo fuggire.
Impresa non facile, con un viaggio lunghissimo che ha toccato l’Iran, la Turchia, la Grecia, fatto a volte con mezzi di fortuna, a volte a piedi, fino al tanto agognato arrivo in Italia anche questo tragico e traumatico visto che il barcone sul quale viaggiava Yasin è affondato e alcuni suoi compagni di viaggio sono morti. Lui, per fortuna no, la sua forza di vivere e di avere un futuro, è stata più forte anche del tumultuoso mar Mediterraneo e così Yasin ha messo piede in Italia e poi è arrivato a Scandale, alla casa famiglia di Villa Condoleo.

A distanze di anni dalla sua morte, le opere volute da Don Renato riescono ancora a fare del bene, tanto bene.
L’idea di questa bella festa è stata dalla professoressa di inglese, Roberta Tassi, che ha coinvolto tutta la scuola, cercando di realizzare una festa a sorpresa che è rimasta tale fino all’11 aprile mattina, fino a poche ore dalla festa, quando Yasin, vista l’aria che si respirava, si è accorto di qualcosa.
Molti scolari hanno portato qualcosa da mangiare: bibite, patatine, dolci, torte che a prima vista potevano sembrare sufficienti per un esercito ma non avevamo calcolato la capacità di ingurgitare “schifezze” da parte dei ragazzi di oggi così quasi tutto è passato dai tavoli alla pancia dei presenti in men che non si dica!
Yasin ha spento le candeline sulle torte, e già, a dispetto dei tanti compleanni mai festeggiati, a Scandale ha soffiato su ben quattro torte!

Yasin e gli altri ragazzi della casa famiglia con alcuni docenti della scuola Media di Scandale. Foto Rosario Rizzuto

In realtà la festa non è stata solo per Yasin ma la scuola media di Scandale, diretta dal dirigente Tommaso Borda, ha voluto festeggiare tutti i quattro ragazzi della casa famiglia frequentanti la Scuola Media e cioè, oltre a Yasin Shnwari, anche Raffaello Messina (13 anni), l’unico italiano, e poi i fratelli Fouzia Mourchid (una graziosa ragazza del Marocco di 16 anni) e il suo fratellino Badar anche lui di 13 anni.
“Tutti si sono prodigati per questa festa – ci dice la professoressa Tassi – hanno fatto anche una raccolta di soldi per regalare a Yasin un bel orologio (con tanto di incisione per ricordare la giornata e che è stato consegnato durante la manifestazione), altri regali sono stati acquistati per Yasin dagli insegnanti. Molte mamme hanno preparato dolci e chi non poteva ha comprato qualcosa. Lui non sapeva niente fino a poco fa e come avete visto si è molto commosso. E’ stata una festa molto semplice anche per fare vedere come la Scuola Media di Scandale ha accolto questi ragazzi particolari che magari, nella loro vita, fino ad oggi, hanno avuto solo rifiuti. Anche la casa famiglia sta facendo la propria parte. Cerchiamo insieme di darci una mano per salvare questi ragazzi, per far capire loro che la vita non è, per alcuni, solo morte, ma ci sono anche aspetti belli e noi abbiamo accolto questi ragazzi con grande affetto”.

Un messaggio su questa bella inziativa anche da parte della vice preside Lucia Polito: “In una società multiculturale e multietica alla scuola viene chiesto più di quanto abbia dato finora perché le nuove generazioni siano messe in grado di costruire un futuro di pace, libertà e benessere, di confronto e soprattutto di dialogo. Il futuro del nostro paese è legato a come sapremo gestire questa fase, complessa e molto delicata, di passaggio, di transizione di cui la scuola e la maggiore protagonista e responsabile. Quindi, oltre alla funzione educativa alla scuola, oggi viene chiesta  una funzione economica, sociale, una funzione socializzante dal momento che viviamo in una realtà ormai globalizzata e quindi ci auguriamo di dare a questi ragazzi quello che finora non hanno avuto”.
“Tutto il meridione in genere, e Scandale in particolare, – aggiunge la Professoressa Polito – sta dimostrando molta solidarietà verso gli stranieri che stanno arrivando in Italia senza distinzione tra profughi e clandestini, quindi dimostriamo sempre, in tutti i periodi dell storia, che il meridione ha vissuto sempre con molta passionalità gli eventi, anche quelli più drammatici come quello che stiamo vivendo”.

Yasin con Fouzia e Badar Mourchid. Foto Rosario Rizzuto

“Tornando ai nostri scolari che stiamo festeggiando, questi ragazzi – conclude – hanno un po’ di difficoltà anche perché non conoscono bene la lingua ma c’è la parte loro la volontà di imparare, di conoscere, di confrontarsi e rapportarsi con i nostri scolari, di raggiungere, cioè, degli obiettivi”.
Una festa piena di gioia, dove a quella dei quattro ragazzi si aggiungeva quella di tutti i presenti, tra abbracci, foto e una gran gioia di vivere, lontano, per Yasin, dai brutti ricordi della sua terra che, siamo certi, lui tornerà a visitare quando anche lì arriverà la cosa più bella al mondo: la Pace!!!

Altre foto della giornata cliccando qui.

Mentre a seguire un breve video realizzato durante la festa.

[Rosario Rizzuto]

Tags: 
Posted in Senza categoria

E’ Sabato!

E’ sabato, è tutto va male…

Il nostro Villaggio Palumbo di Cotronei al Tg 1

Immagine anteprima YouTube

Grazie ad Antonella Ierardi per il link!!!

Morto Rosario Rizzuto il buono nasce un NUOVO By.Ros

Con immenso rammarico vi annuncio che Rosario ByRos Rizzuto, il buono, è deceduto nella notte tra il 12 e il 13 Aprile 2012 (non ci saranno funerali e, soprattutto, NON SI ACCETTANO FIORI MA SOLO OPERE DI BENE). 
Dal 13 Aprile 2012 nasce un NUOVO Rosario Rizzuto e questa volta non ne farà passare MANCO UNA e son cazzi per TUTTI!!!

Presentata, presso la Provincia di Crotone, la Settimana della Cultura di Crotone. Interventi di Zurlo, Lentini e Linda Monte

Rientrando a casa felice ieri mattina, ho aperto il Quotidiano della Calabria del giorno prima e sono stato attratto dalla notiziola della conferenza stampa, presso la Provincia di Crotone, della presentazione della Settimana della Cultura che si terrà a Crotone e Provincia tra il 14 e il 22 Aprile.

Si incastra alla grande nei miei programmi e cos’ì, visto che ci sarà anche Stano Zurlo decido di andarci per ricordare alor signori le situazione della Strada Provicniale 56 Scandale – Crotone.

Viaggio piacevole, sognando il dopo, e l’arrivo nel piazzale del bar Nettuno  dove mi accoglie una carinissima posteggiatrice Nigeriana.

Arrivo in Provincia, salgo, su consiglio del mio amico e collega Giacinto Carvelli, in sala giunta dove non ero mai stato.

Qui c’è già l’assessore Giovanni Lentini, che si ricorda di me avendo anche lui seguito il corso di scrittura di Laura Lepri alcuni anni fa.

L'assessore alla Cultura della Provincia di Crotone, Giovanni Lentini. Foto Rosario RizzutoIo non lo ricordavo, almeno non quando me lo ha detto lui; a casa, poi, facendo mente locale, mi è venuto in mente: all’epoca non era assessore!

Trovo il modo per inserirmi in un discorso e mettere avanti il fatto per il quale ero andato là, fermo restando che mi interessava anche l’argomento della conferenza stampa.

E così che chiedo all’assessore Lentini se stanno aspettando il primo morto per sistemare la strada Scandale – Crotone e le due frane che restringono la carreggiata sul tratto di strada ancora aperto, gli dico che se è così, se me lo mettono per iscritto, sono pronto ad immolarmi io per la causa…

Lui si segna l’appunto!

E mi dà delle spiegazioni…

Poi arriva il presidente Strano Zurlo che parlando di me dice affettuosamente che va a salutare il suo nemico su Facebook, gli stringo volentieri la mano: nonostante tutto meglio lui che Sergio Iritale ed i suoi scagnozzi.

 

Il programma della Settimana della Cultura di Crotone, dal 14 al 22 Aprile 2012.

I giornalisti sono arrivati e la conferneza stampa può iniziare.

Comincia Zurlo: Immagine anteprima YouTube 

Poi è la volta dell’assessore Giovanni Lentini:  Immagine anteprima YouTube

Tra le persone presenti, interessante e sentito intervento della presidentessa dell’Associazione Gettini di Vitalba, Linda Monte: Immagine anteprima YouTube

L’assessore Lentini dà appuntamento al 18 aprile per un’altra interessante conferenza stampa.

Qui alcune foto dell’incontro.

Voglio essere Liberoooooooooo…

Voglio essere libero.

Libero come un’aquila…

Libero della mia libertà: libero di non dover avere impegni, oltre a quello della scuola, o di avere solo quelli che mi fanno bene.

E quindi libero di non scrivere, se non mi va, libero di non fare una cosa se mi dà noia, libero di non messaggiare, libero di mandarti a fanculo.. LIBEROOOOOOOO.

Voglio essere libero: la vita è mia, a chi devo qualcosa?

Voglio la mia libertà: libertà di Amare con il mio Cuore grande, perchè l’Amore nulla a che a vedere col sesso…

Libero, come il mio cane Rusty, che non c’è più da una vita, libero come scrissi tempo fa: una donna, un cane e via!

Libero di giudicare (e farmi giudicare!), libero di voler bene…

Non permetterò più ad alcuno di rubarmi una briciola della mia Libertà…

LIBEROOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!

Già Libero: Tutto Qui!!! 

Pensiero di pasquetta: partito democratico al Comune di Scandale niente cultura!!!

Chi la cultura non c’è l’ha dentro non può fare cultura (vi ricordate i 10 anni di Barberio?!)!

Mettiamoci una pietra sopra con il Pd a Scandale per altri 4 anni!!!

Forza e coraggio che passano presto.

Il 100 x 100 della popolazione (mio sondaggio personale) oggi è pentito di averli votati!!!

Arriveranno tempi migliori…

Antonio Rizzuto senior: ‘Ma chi te l’ha data. Vattane da qui!’

Mio padre, tale almeno risulta all’anagrafe, Antonio Rizzuto i mastru Rusaru, ieri sera è stato molto chiaro.

Intervenuto, come sempre fuori luogo, in una discussione con quella che non mi ascolta, al mio invito ad uscire da casa “mia”, ha bofonchiato: “Ca chini ti l’ha data? Vavatindi i ca! (Ma chi te l’ha data. Vattane da qui!)”. Più altre parole impronunciabili mentre, trattenuto da mia madre, cercava di aggredirmi!!!

Potrei dare la colpa al pensionamento ma lui è sempre stato così!

Parole chiare, nitide, che non ammettono repliche. Lucide anche se pronunciate da un folle.

Da quello che voleva andare in America per salvarmi e che, invece, non ha mai capito un cazzo della vita ancor meno di me!

Ieri era tardi, c’erano già almeno altre due discussioni in ballo con quella che non mi ascolta (che ha rispolverato un sms vecchio di 4 anni pensando di aver trovato un tesoro) e con il suo primogenito che è tale e quale la madre e che da ieri non è più mio figlio.

Troppe per una mente pur sempre fragile come la mia, troppe per decidere in fretta il da farsi.

D’altra parte l’invito i Totonnu Rizzutu a lasciare la sua casa non è il primo, lo ha fatto anche in passato con cadenza ciclica…

Così nella notte appena trascorsa, dopo il rifiuto di chi poteva aiutarmi, ospitandomi, e non l’ha fatto, ho dormito, si fa per dire, in macchina, l’unica cosa che posseggo, l’unica cosa mia in un tutto di cui non mi appartiene nulla a 40 anni e nonostante mastru Rusaru!

Cullato dalla musica di Rtl 102,5 e dalle parole di Pierluigi Diaco e Iolanda Granato.

Una notte breve…

Stamane presto avevo già l’obiettivo chiaro: la vetrina di un bar dove tempo fa avevo letto che si affittava, per 300 euro, una casa già arredata: 389…, SEGNATO! Chiamare ore pasti!!!

Dopo tutto il lavoro che sto facendo su me stesso, non può arrivare il solito coglione di turno, a rovinare tutto.

Credo che sia arrivato il momento di fare il grande passo…

Oggi muore Cristo… ed io rinasco!!!

Buon venerdì di passione a tutti…

L’Italia è un po’ migliore: Bossi si è dimesso!!!

Umberto Bossi si è dimesso da segretario della lega Nord:

L’Italia quella vera, quella bella, quella unità FA FESTA!!!

Tre anni fa oggi il terremoto dell’Aquila. Mai più!!!

Tre anni fa alle 03,32 il violento terremoto dell’Aquila.

Terremoto dell'Aquila il 06 Aprile 2009. Foto dalla rete.In questo momento grazie a RaiNews 24 si può seguire la veglia di preghiera in corso nel centro storico dell’Aquila.

Vorrei che cose del genere non debbano succedere più: in altri posti per scosse molto più forti non muore alcuno.

Perchè da noi sì?

Perchè chi ha sbagliato non è in carcere?

Perchè chi rideva sui profitti del dopo terremoto è ancora vivo?!

Il Casabona ed i suoi tifosi (tutti!!!?) rispondono a ByRos…

Nella mia vita sono stato promotore o causa di molte cose ma che qualcuno o qualcosa potesse tornare a scrivere su un un blog chiuso per rispondere ad un mio post non me lo sarei mai aspettato! Io mi sono tediato subito a leggere l’ultimo post (che palle, citazioni colte e via dicendo!!!) ma se voi doveste leggerlo fatemi sapere che dicono…

SCANDALE – ROCCABERNARDA, LA RISPOSTA DELLA S.S. CASABONA CALCIO

Considerato quanto accaduto nei giorni scorsi in seguito alla gara tra Scandale e Roccabernarda, riteniamo opporttuno aprire un piccolo spazio per consentire alla Società Casabona Calcio di esprimere le proprie considerazioni in merito alle pesanti accuse circolate in rete.

Risposta alle illazioni apparse sul Blog By.Ros in data 26 marzo 2012

“Lo scrivere è un ozio affaccendato”. Con questo aforisma di Goethe ci è facile affermare che il bello del blog è che non devi rendere conto a nessuno delle cose che si scrivono …

Ognuno esprime il proprio pensiero come meglio gli aggrada, senza prendere il permesso da nessuno, c’è chi si straccia le vesti, c’è invece chi è realista e non un sognatore giovane o anziano che sia. C’è anche chi sa che c’è un tempo per vincere e gioire e c’è pure un tempo per perdere e soffrire e, per quel che ci riguarda, noi l’affrontiamo con pari dignità e consapevolezza. La passione per il calcio talvolta fa brutti scherzi e buca la rete, quella telematica! Siamo quasi abituati a tutti i livelli, alla presenza di tanta gente che scrive sui blog da angolature diverse, spesso anche condizionate da latenti frustrazioni.

Ecco noi non stimiamo quest’altra faccia del calcio che usa il vilipendio, l’oltraggio, l’insulto, con il facile rischio di alimentare il seme della violenza contro la mission che spinge tante persone, ogni domenica e durante la settimana con molti sacrifici e tanta passione, a supportare il calcio dilettantistico di periferia. Riconosciamo allo Scandale il merito di aver disputato sin qui un buon campionato, ma prendiamo le distanze da chi, probabilmente, non ha dato nessun contributo al ruolino di marcia di questa squadra ed ora inneggia logorato, in preda forse a frustrazioni, a presunti complotti orditi con la complicità del Casabona, dimenticando che proprio il Casabona Calcio solo pochi mesi fa, in quel di Soverato, disputava la finale regionale per l’accesso al campionato di 1^ categoria sfumato per le assenze pesanti di giocatori importanti e per qualche squalifica di troppo (conseguenza della finale provinciale con il Rocca di Neto Calcio, vinta nonostante … palesi errori arbitrali,sic!).

Con riferimento all’attuale campionato, senza voler rievocare trascorsi più o meno lontani, ne tantomeno polemizzare con alcuno, vi assicuriamo che torti e/o sviste arbitrali ne abbiamo subiti molti (non riteniamo in questo contesto citare alcune palesi situazioni e episodi a nostro sfavore). Consentiteci, comunque una notazione per l’estensore dell’articolo in oggetto, poiché evidentemente ha la memoria corta (o perlomeno gli fa comodo così) o è in malafede dal momento che non riferisce in merito alla manifesta disattenzione dell’arbitro oggettivamente accusabile di non aver visto (la valutiamo come una svista), durante la partita Casabona-Roccabernarda (sul risultato di 0-0), il difensore, ultimo uomo, che pur di fermare Giuseppe TURANO – chiunque ne conosce le doti di velocista – lanciato a rete, non ha trovato di meglio che aggrapparsi alla sua maglia, situazione di gioco questa sanzionabile a norma regolamentare con la punizione a favore del Casabona e l’espulsione del difensore (farsi riferire in merito da quelli di Scandale intellettualmente onesti e presenti in quel di Roccabernarda). Non ce ne vogliano a male gli amici del Roccabernarda per la citazione. Riteniamo siano persone intelligenti. Ciò nondimeno siamo convinti che sviste e/o errori alla fine tutto sommato si compensano, né crediamo alla malafede degli arbitri, attori questi grazie ai quali con la loro passione continuano a far esistere il calcio. Dovremmo tutti riflettere riguardo a quanti insulti e quant’altro ricevono ogni domenica sui campi di calcio soprattutto in quelli di periferia.

Chi ama il calcio non può amare chi lo rovina deturpandolo, infischiandosene dei principi di lealtà sportiva, di quel tacito patto tra galantuomini che hanno fatto del calcio un fenomeno di aggregazione basato sul principio del rispetto dell’avversario.

L’insegnamento di chi vuole “fottere” non ci interessa. Per questo motivo noi NON STIMIAMO GLI ANTISPORTIVI.

Da ultimo, senza l’ostentazione di volersi elevare a loro paladini, non possiamo esimerci dal manifestare il nostro sostegno a Giuseppe Talarico, Saverio Oliverio e Sergio Contarino, che sono stati, inopportunamente, tirati in ballo. Il segretario della delegazione Provinciale della Lega Nazionale Dilettanti (Saverio OLIVERIO), è pur vero che è nativo di Casabona (anche se vive stabilmente a Crotone ormai da moltissimi anni; è anche cittadino Crotonese!), chi lo conosce sa però che è persona perbene al pari, non v’è dubbio, del Presidente TALARICO, delegato provinciale della FIGC – LND – e del Presidente della Sezione AIA di Crotone, CONTARINO.

Questo finale di stagione, tra i molti infortuni e vicissitudini varie che hanno condizionato non poco il nostro campionato, aveva tolto al Casabona le emozioni, le velleità agonistiche e quasi tutti i sentimenti. Dopo aver casualmente letto questo Blog… è tornata anche un filo di speranza!!!

“Il calcio è straordinario proprio perché non è fatto di sole pedate. Chi ne delira va compreso.” Così scriveva il mitico Gianni Brera.

Il Casabona Calcio e i suoi tifosi indignati.

P.S.: l’articolato ed efferato complotto architettato ai danni dello Scandale, caro “tapino”, ha prodotto, come conseguenza, la ripetizione della gara SCANDALE-ROCCABERNARDA, decisione che di certo non può far piacere al Roccabernarda.

Un nota di biasimo a quei personaggi dello Scandale (speriamo non siano molti) che sostengono la convinzione, assolutamente falsa, dell’autore dell’articolo in esame e che non perdono occasione per infangare il Casabona

    • Rosario ByRos Rizzuto In tutto questo, logicamente, come già successo altre volte, Dome Marazzita e gli altri si fanno i fatti loro!

      5 minuti fa · 
    • Rosario ByRos Rizzuto Poi mi ci sono messo d’impegno e l’ho letto il post. Il lecchinaggio verso il potere non finirà mai. Magari ora avranno qualche altro favore in più dopo tutte le laccate fatte ad oliverio, talarico e contarino! Me tapino, come mi definiscono questi scrittori occasionali che logicamente non si firmano con nome e cognome! Un giocattolo rotto da chi sapete ed ora va a a finire che a rovinare il calcio locale è stato By.Ros. Ma mi faccino il piacere…!!!

      2 secondi fa · 

      Riporto i commenti messi su Facebook, onestamente mi rompo a perdere tempo con gente a cui mostri la luna e continuano imperterriti a guardare il dito… Il tempo mi darà ragione…