Archive for November, 2012

Ogni cioto ha la sua ciota e gli amici…

Mia mamma me lo ripeteva spesso, a volte ancora me lo dice: “Ogni cioto ha la sua ciota”.
C’è poco da fare….
Non c’è da meravigliarsi se una persona, che vi sembra speciale, sta con un coglione. Ci sarà un motivo.

Magari quella persona si sente realizzata e riesce a realizzarsi solo stando con quella persona; ha paura dell’altro, ha paura del nuovo e quel coglione che sta con lei (o quella stupidina che sta con lui) appaiono ai loro occhi come le persone più speciali di questo mondo…

Ma un deficiente, un egoista, un bugiardo, uno stronzo non potrà mai essere una brava persona, sì nella vita si può cambiare ma chi è tondo non diventerà mai quadrato e smussare gli angoli di una personalità assurda lo può migliorare ma sempre un coglione rimane!

Ogni cioto ha la sua ciota è c’è poco da fare…

Intanto qui a Scandale novembre 2012 sta andando a finire: tra 1 mese ed 1 giorno è NATALE. Sembra ieri che andavo al mare anzi è proprio così.

Ad Rtl 102,5 c’è Jovanotti con “Tensione evolutiva”, mercoledì l’ho messa anche io al mio programma a Radio Delta 2000 (24 puntata in radio in questo 2012, 50 ore di musica e parole gratis nell’etere checchè ne dica quell’invidioso e rosicone di Gianni o almeno così si è firmato sul guestbook di Radio Delta 2000 ingiuriandomi; che sia di Scandale non ho dubbi, perchè ha fatto questo rimane un mistero o forse no!!!), altro ottimo pezzo dell’ex dj ora un mito della canzone italiana: “Una ragione per vivere, per sollevare le palpebre ed innamorarmi ogni giorno ogni giorno di più!!!”

Ma di chi?

Ecco, bisogna trovare la propria ciota. Beh direte: “Sei stato fortunato! Più ciota della tua…”.
Non sapete quanto avete ragione…

Ma lei è solo un granello nella mia vita, per giunta di quelli che si scrollano via, attaccata a cose inutili, presa dal nulla, vive per il nulla e mi sta facendo diventare come lei, ma un giorno la forza della notte ritornerà ed allora saranno lacrime e stridore di denti… 

Non sono cattivo, ma chi non si sveglia ogni mattina sapendo di dover lottare per rimanere vivo, sapendo che il male oscuro è lì dietro l’angolo non può capire e mai capirà perchè chi non c’è passato non può capire… Ma sono ancora qui, dopo due anni, arranco ma vivo…

Tutte sante le stronze, pronte ad occupare spazio ma solo come vogliono loro, quando vogliono loro. Ci vorrebbe un decalogo dell’amicizia, dieci regole da seguire alla lettera: è facile essere AMICI a convenienza. Anche da questo torpore mi sveglierò presto e canterò a squarciagola la canzone di Masini… Non c’è bisogno che dica quale…

I miei migliori amici, le mie migliori amiche li devo ancora trovare, chi mi fa stare bene a prescindere, chi mi fa sentire importante e non mi affossa, chi ha sempre tempo per me e non mi dimentica, basta solo aprire gli occhi ma soprattutto il cuore…

Buon fine settimana amici… e baciate la vita, la vostra ciota, se già non l’avete, è dietro l’angolo e per gli amici c’è sempre tempo: è così bello stare da SOLI… soprattutto di NOTTE!!!

Nel ricordo dei maestri Leo e Teresa, la famiglia Bellassai dona un’enciclopedia alla scuola Ernesto Codignola di Crotone

Quando il 25 agosto del 1988 in un incidente stradale ci lasciò il maestro siciliano Leo Bellassai non se ne andava solo un maestro della Scuola Elementare “Ernesto Codignola” ma soprattutto un fine pedagogo.

Teresa Covelli e Leo Bellassai maestri della Codignola anni '80. Foto Famiglia BellassaiLui ai bambini non solo insegnava ma i bambini li educava, li “riempiva” come scatole prese quasi vuote e poi lasciate piene.

Tanto era il lavoro di programmazione che faceva il maestro Leo oltre all’insegnamento: tanti appunti, tanto il materiale ritrovato nel suo studio e che è stato donato ad un’Università che si occupa di ricerche sulla pedagogia.

Allora la dipartita del maestro Leo lasciò un vuoto nella sua famiglia, nei colleghi, nei suoi alunni, nei genitori degli alunni.

Sua moglie, Teresa Covelli, compagna di vita ed anche collega nella stessa Codignola, che si salvo dall’incidente, ereditò la sua classe, come un segno di continuità nel nome del maestro Bellassai.

Nel ricordo del loro padre, nel venticinquesimo dalla sua scomparsa, ed anche di mamma Teresa, i loro figli, Lucia e Giuseppe, hanno voluto donare alcune opere letterarie, libri e riviste ad alcune scuole della Provincia di Crotone.

Il mobiletto con l'opera enciclopedica donati dalla famiglia Bellassai alla Codignola. Foto Rosario Rizzuto con l'iPadAlla Scuola Primaria “Ernesto Codignola”, in segno di continuità del legame tra la famiglia del maestro Leo e la scuola “Codignola” che partecipò al dolore della famiglia Bellassai, sabato 10 novembre è stata consegnata da Lucia Bellassai al Dirigente Scolastico Annibale Caputo, l’Enciclopedia Generale “Le Nuove Muse” , 16 volumi più due aggiornamenti più il mobiletto che la ospita.

L’opera è stata sistemata nei locali della segreteria di via XXV Aprile e potrà essere consultata dai bambini e dagli insegnanti.

Il Dirigente Caputo ha sottolineato come la richiesta di donazione è stata approvata dal Consiglio d’Istituto in senso di riconoscenza di due professionisti che hanno lavorato alla “Codignola”.

ROSARIO RIZZUTO

Barack Obama Presidente degli Stai Uniti d’America e Rosario Rizzuto maestro…

Facebook è Facebook ormai è diventato un contenitore importante dei miei deliri, delle mie notizie, ma quando ho voglia di raccontarmi torno qua, sul mio blogghino, il “mitico” Blog di By.Ros. Mi manca Splinder, mi manca tanto, ancora DaoNews non è entrato in me, più per colpa mia che non per problemi della piattaforma, che merita, che ha un sacco di potenzialità.

Il neo maestro Rosario Rizzuto con il piccolo Alessandro Rizzuto. Foto Antonio RizzutoSulla Radiovisione di Rtl 102,5 Alberto Bisi ed i personaggi che lo circondano, mi fanno schiattare dal ridere e stamane sta andando bella musica: Eros Ramozzoti, Mengoni che canta Giorgio Gaber, mi piace anche la musica straniera stamane…

Tra poco il Crazy jukebox, provo a chiamare per ascoltare Rino Gaetano ma so già che sarà dura prendere la linea, voi non potete nemmeno immaginare quanta gente ci sia già sveglia a quest’ora che poi ormai non è tanta strana, solo quasi le 5…

Si prenota Salvatore di  Margherita di Savoia in provincia di Bat, Barletta Andra Trani, un’altra provincia soppressa dal decreto Monti; ha richiesto (mah???) Glorious di Andreas Johnson. A proposito di provincie accorpate, soppresse ecc… per sabato 17 Novembre si sta preparando a Crotone una manifestazione, che entrerà nella storia, per salvare la nostra Provincia…

Intanto Barack Obama è stato riconfermato Presidente degli Stati Uniti d’America e speriamo sia un bene…

Ma c’è una grane novità che mi riguarda, i miei amici e nemici di Facebook lo sanno già da qualche giorno, ma non tutti sono su Facebook, c’è ancora chi resiste, chi vuole fare quello fuori dal gruppo e non sa cosa si perde…

Dicevo una gran bella novità che mi riguarda. Dal 1 Settembre 2013 diventerò maestro di Scuola Primaria, farò il lavoro che mia madre ha fatto per 40 anni: spero di essere almeno un centesimo bravo come lo era lei.

Il neo maestro Rosario Rizzuto con Antonio Rizzuto. Foto Alessandro RizzutoMartedì 6 Novembre sono stato a firmare l’individuazione presso l’Atp di Catanzaro: c’erano 48 convocati (qualcuno era assente, d’altra parte il concorso, dal quale siamo stati presi, è stato fatto oltre 10 anni fa!!!), ero l’unico maschio tra quelli che dovevamo scegliere il Posto Comune. Ho scelto il sesto, ho scelto la provincia di Crotone, nella quale i posti da scegliere erano dieci.

A Febbraio, parteciperò ai trasferimenti della Scuola Primaria per avere la mia sede, la mia cattedra, il mio banco.

Il 31 Agosto 2013 terminerà la mia carriera di Ata ed inizierò quella di docente, non rimpiango nulla del mio passato, nemmeno Alberto D’Ettoris e Gina Mazza, che tutti voi sapete quello che mi hanno combinato, ma era da imbecilli rifiutare questa nuova possibilità.

Ho superato le resistente di mio padre e mia madre che non erano proprio d’accordo, ho ascoltato il mio cuore ed i tanti consigli arrivati da tanti amici su Facebook, ringrazio tutti e spero che tiferete per me.

Stefania, una mia grande amica, che sta vivendo quest’anno quello che io vivrò l’anno prossimo, mi dice che è dura, che c’è da lavorare molto se si vuole fare il maestro seriamente, ma voi mi conoscete: By.Ros, anzi Rosario Rizzuto non ha paura del lavoro.

Appuntamento dunque, se il Signore vorrà, a Settembre 2013 in una scuola della Provincia di Crotone, già mi vedo in mezzo ad una ventina di piccole pesti…

Oggi anche a Scandale giornata dedicata ai Caduti in guerra

Giornata dedicata ai caduti a Scandale. Manifesto dal Facebook di Antonello Voce