La Conad di Scandale e le attrezzature alle scuole di Scandale e San Mauro Marchesato

SCANDALE – In questi tempi di magra, qualche attrezzatura per la scuola è manna che arriva dal cielo e, benchè la cosa fosse attesa, di certo all’Istituto Comprensivo di Scandale avranno pensato si trattasse di Babbo Natale quando Pasquale Marazzita, titolare del supermercato Conad di Scandale, è arrivato a scuola per consegnare un computer ed altre forniture tecnologiche.

Il tutto nasce nella scorsa primavera e sul sito internet collegato all’iniziativa (www.insiemeperlascuola.it) viene spiegato così: “Dal 16 aprile al 9 giugno 2012, ogni 10 Euro di spesa effettuata in un punto vendita Conad, Conad Superstore, Conad City, Margherita e E. Leclerc-Conad, i consumatori riceveranno una bustina di carte collezionabili “Puffiamo la Natura”.

All’interno di ciascuna bustina, oltre a 4 carte collezionabili, ci sarà anche un Buono “Insieme per la scuola”.

I bambini, i ragazzi e le loro famiglie potranno consegnare i Buoni raccolti alla scuola che desiderano premiare: ogni scuola, grazie ai Buoni raccolti, potrà scegliere all’interno di un catalogo le attrezzature informatiche e multimediali che riceverà a titolo completamente gratuito. 

Dal 16 aprile al 9 giugno 2012, per aiutare le scuole che partecipano all’iniziativa, i clienti Conad non devono far altro che raccogliere i Buoni per la Scuola che trovano nelle bustine di carte “Puffiamo la Natura” e portarli nelle scuole che si sono iscritte”.

Alcuni ragazzi della Scuola Media di Scandale con le attrezzature "regalate" dal Conad. Foto Conad di ScandaleInsieme per la scuola appunto, e i cittadini di Scandale ma anche San Mauro Marchesato, da dove provengono la maggior parte dei clienti del Conad scandalese, si sono dati molto da fare negli acquisti per arrivare collezionare più buoni possibili.

Ma l’idea semplice e allo stesso tempo geniale, forse unica in tutto il panorama nazionale, che ha permesso, in un piccolo centro come Scandale, di raccogliere ben 26.500 punti, è stata del proprietario della Canad, Pasquale Marazzita.

Dando le bustine ai clienti, avrà pensato Pasquale, molti punti sarebbero andati persi e così, con un dispendio maggiore di energie e carico di lavoro, ogni qual volta ad un cliente venivano consegnate le bustine con le figurine ed il buono, il cassiere Domenico Marazzita o lo stesso Pasquale aprivano già alla cassa le bustine mettendo da parte i buoni e consegnando le figurine dei Puffi ai bambini o ai loro famigliari.

Bimbi contenti e tanti sono stati gli album completati e buoni messi al sicuro e sistemati con cura dallo stesso Pasquale fino alla fatidica scadenza di inizio giugno.

Tali buoni sono stati poi consegnati alla scuola che ha attivato, entro il 30 settembre, tutte le procedure per ricevere i premi.

E così nei giorni scorsi sono state consegnate all’Istituto Comprensivo di Scandale, diretto dalla Dirigente Scolastica Giuseppina Tonia Padovano, le attrezzature che il numero di buoni raccolto permetteva di richiedere e che saranno divise tra i vari plessi di Scandale e San Mauro Marchesato.

Alcuni dipendenti dell'Ic di Scandale con il materiale della Conad. Foto Conad ScandaleAlla scuola primaria di Scandale sono stati destinati un video proiettore Sharp, una stampante multifunzione laser a colori ed un mini hi-fi Sharp, alla scuola primaria di San Mauro Marchesato un notebook Compaq, alla scuola dell’infanzia “Fratelli Bandiera” una stampante multifunzione laser a colori ed infine alla scuola dell’infanzia di via Gramsci un mini hi-fi Sharp.

Insomma un bel bottino che permetterà agli scolari di Scandale e San Mauro di fare alcune attività e di avere maggiori supporti nelle loro giornate scolastiche.

Un grande plauso per l’enorme successo avuto a Scandale da questa iniziativa, che ha distribuito in tutte le province italiane, in 4.492 scuole, ben 17.430 attrezzature informatiche gratuite, va senza alcun dubbio fatto alla proprietà del Conad per la felice intuizione di cui abbiamo detto prima.

ROSARIO RIZZUTO  

Leave a Reply