Posts Tagged ‘auguri’

Tanti auguri Maria…

Oggi la nostra sindachessa compie gli anni, allora TANTI AUGURI!!!
Maria Paparo con la piccola Carla. Foto Rosario Rizzuto

Auguri Povia

Oggi il mio amico cantante e quasi coetaneo Giuseppe Povia, compie 38 anni.


A Giuseppe, preso dalla sua sfolgorante carriera, visto che i numeri di telefono che mi diede anni fa non sono più validi, faccio da qui i migliori auguri di Buon Compleanno.


Ne approfitto per riproporre l'intervista pubblicata su Area Locale, che gli feci all'inizio della sua carriera e che, a quanto pare, gli ha portato anche fortuna:

Povia? Si, proprio quello dei bambini che fanno Ooh!

E' stata una grande giornata. Organizzata dall'Università la Sapienza di Roma per festeggiare i 702 anni dalla sua fondazione. Prima dei concerti (oltre a Povia c'erano i "Tetes de Bois" in quartetto con Francesco Di Giacomo e i "Negramaro") c'è stato un convegno a cui hanno partecipato illustri professori che hanno parlato di questa prestigiosa università, introdotti dal Magnifico Rettore Renato Guarini.

 


Non so perché di punto in bianco una mattina di fine aprile leggendo sul sito www.giuseppepovia.it della presenza di Giuseppe Povia [quello de “I bambini fanno ooh”, primo in classifica sia su “Cd-Live” che su “Top of the Pops”, primo nelle suonerie scaricate, decimo (al primo album) nei dischi venduti] ad una manifestazione all’Università della Sapienza, decido di contattare il Fans Club per sapere se posso intervistarlo.

Quando ormai non ci credo più mi chiama Pasquale del Fans Club che mi dice che non ci sono problemi e mi chiede se voglio il numero di Giuseppe per mettermi d’accordo con lui.

Il numero di Giuseppe? Ma dici davvero? Cose da pazzi. Sto guidando fermo la macchina e me lo scrivo sul primo pezzo di carta che riesco a reperire nel marsupio. Arrivato a casa me lo ricopio sul cellulare e contatto il grande Greg affinché provveda a farmi i biglietti per l’andata e il ritorno.

La sera, da Crotone, parto per Roma. Dormo pochissimo nel pullman e tutta notte ascolto il Cd di Povia “Evviva i pazzi che hanno capito cos’è l’Amore”.

Alle 6 sono a Tiburtina, dopo un giro per la Capitale alle 15 sono alla Sapienza mentre mi avvicino decido di riprovare a chiamare Povia (prima non mi aveva riposto) e questa volta mi risponde e mi dice che sta a circa 40 chilometri da Roma. Mi tranquillizzo anche perchè nessun giornale da me consultato parla del suo impegno alla Sapienza.

D’altra parte poche ore prima è stato eletto Papa Benedetto XVI e i giorni non parlano che di lui. Per sapere qualcosa avevo chiamato mia sorella Maria che aveva trovato alcune notizie su internet e cioè che si festeggiava il 702esimo anniversario della Sapienza e che c’era prima un Convegno e poi un concerto oltre che di Povia anche dei Negramaro e dei Tetes de Bois in quartetto con Francesco di Giacomo.

Arrivo in Università, trovo l’Aula Magna ma ancora lui non c’è, mi faccio un giro riesco anche a tesserarmi per accedere alla biblioteca dell’Ateneo e poi tornando in Aula Magna eccolo sul palco che prova, finisce e si dirige nel guardaroba. Sono indeciso sul da farsi e tutta la forza che mi ha fatto partire, dopo la notte quasi insonne, è andata a farsi benedire.

Poi mi faccio coraggio ed entro; Giuseppe sta parlando e al momento giusto: “Ciao io sono Rosario dalla Calabria”. Senza darmi il tempo di capire mi dice “Ah tu, fatti abbracciare” e mi si butta al collo con me che non capisco più nulla. Il tempo di riprendermi e iniziamo a parlare. Giuseppe indossa una maglietta con su scritto AMERI, CANI (“ogni riferimento non è casuale”). Dopo alcuni minuti iniziamo l’intervista che segue.

Giuseppe PoviaGiuseppe come mai sei qui?

“E che ne so – risponde sorridendo – è quello che mi chiedo io; sono in un posto con cui non sono mai andato d’accordo perché non sono mai andato d’accordo con gli studi nella vita; ho la scuola di strada. Però sono contento di essere perché sicuramente ho toccato il cuore di qualche personaggio sapiente in questa inconvenienza della Sapienza.

Oddio tu sei un maestro con le rime… Ti cercano tutti ultimamente.

“Sì perché è il momento; perché c’è questa sorta di consumismo anche con le canzoni, perché quando c’è un pezzo che funziona lo spremono fino alla fine. Figurati che l’altro giorno in un bar a Poggibonsi, vicino Siena, è partita la canzone (I bambini fanno ooh” nda) su una radio e la ragazza dietro il banco fa: ‘Mamma che palle questa canzone!’ E io siccome avevo il cappellino e gli occhiali e non mi aveva riconosciuto le dico: ‘Sì è proprio un cretino questo qui’. Se le dicevo che ero io magari mi linciava”.

Giuseppe ride allegramente.

Una canzone che piace a tutti, ai bambini, ai grandi, agli anziani.

“Io l’ho scritta per i bambini grandi, mi fa gioia che i bambini l’ascoltano, mi chiedano gli autografi; anche se mi piacerebbe comunicare molto di più coi grandi devo ammettere che non è facile comunicare coi bambini quindi quando ci riesci è una soddisfazione”.

Ora ti cercano tutti ma tu hai tanti anni di gavetta, per 14 anni hai lavorato dietro le quinte.

“Ho fatto per 14 anni il cameriere, mi è sempre piaciuto come lavoro, perché è un lavoro di comunicazione e dove impari a riconoscere gli stronzi che c’hanno un senso solo”.

Io mi riferivo anche ai tuoi 14 anni di musica senza ribalta…

“Sì. Io non me l’aspettavo e ho colto al volo questa occasione, anche perché io nasco come autore di testi e mi piacerebbe scrivere per i grandi: Celentano, Ramazzotti; così ho colto al volo l’occasione della beneficenza per il Darfur, cosa che mi ha fatto anche comodo”.

Ma almeno tu la beneficenza la fai davvero e che la canzone è bellissima e prende il cuore è merito tuo.

I bambini fanno oh, anche noi adulti dovremmo essere capaci di fare oooh…

Qualcuno ci riesce, qualcuno ci prova, e tanti fanno finta di niente”.

C’è troppa frenesia in giro, non c’è tempo…

“In una grande città c’è mancanza di comunicazione: chiedi un’informazione e uno tira diritto; c’è questa difficoltà a guardarsi diritti negli occhi”.

Sei il vincitore morale del festival di San Remo 2005; Giuseppe Povia in giuria a chi avrebbe votato?

“La Differenza (e canticchia la loro canzone nda) e ai Negramaro il premio della critica anche se a me piace tanto Renga come cantante”.

Sei alla ribalta con “I bambini fanno ooh” ma tu hai tante canzoni… nel cassetto!

“Non tante – risponde convinto – non si scrive una canzone in 5 minuti; io su una canzone ci lavoro anche più di un anno; sì ti viene una canzone magari in 5 minuti (e accompagnandosi con la chitarra accenna “I Bambini fanno ooh” nda), per fare il resto ci ho messo un anno e mezzo”.

Dalla gavetta al primo disco: 10 bellissime tracce…

Giuseppe iniziai ad  accennare Spettinata…

In “Mia sorella” parli della bulimia?

“Parlo di mia sorella, vorrei che trasparisse l’amore che prova un fratello per una sorella. Mia sorella ha avuto questa malattia in passato, ora è guarita, così come è vera la gravidanza a 17 anni…”.

C’è voluto molto coraggio a scrivere il testo in questi termini?

“Lo so, però quando tu cerchi di aiutare tua sorella in un periodo in cui non puoi fare niente e ti senti impotente, attraverso una canzone puoi dirle: ‘Guarda che ci sono anch’io’ ”.

Ho letto che hai sofferto di depressione.

Giuseppe ride… “Depressione, attacchi di panico, crisi di ansia, di tutto…. Facendo un cammino spirituale ho trovato la soluzione”.

La depressione è un problema serio ma se ne può uscire e se ne deve parlare.

“Se ne può uscire e si diventa molto più creativi e così la depressione si trasforma in un qualcosa di positivo perché ti fa diventare ‘pazzo’ “

Proviamo ad interrogare Povia sulla depressione chiedendogli: Tu sei più per una cura farmaceutica o psicologica? Psichiatra o psicologo?

Lui con la sua sottile ironia risponde: “Se è un amico che non si fa pagare vanno bene tutti e due”. Poi tornando serio: “Se non ce la fai qualche seduta da uno psicologo o psichiatra può essere utile. Anche i farmaci se servono a capire che un domani ne potrai uscire. Io ce l’ho fatta senza prendere niente: sono stato benedetto”.

Sesso e amore sono molto presenti nel tuo cd, la differenza?

“Io li rappresento come l’uomo e la donna. Il sesso rovina sempre tutto, in amore, a volte diventa noioso; quando c‘è la passione pensi che lei non arrivi ad un appuntamento perché è stata con un altro quando c‘è l’amore, dopo tanti anni, pensi che non arriva ad un appuntamento perché è successo qualcosa: bisognerebbe trovare una via di mezzo”.

C’è una canzone dove parli di un viaggio sulla luna e poi nel mare. Non è mai contenta la di lei di questa canzone; come mia moglie praticamente?

Giuseppe ride: “ Per una ragazza fai di tutto ma quando si arriva al momento dell’Amore lei dice che non è mai il momento, non me la sento… mal di testa ecc…; invece, in “Ecco cosa c’è” parlo della storia di due persone che stanno insieme da tanti anni e poi quando arriva la crisi, che è inevitabile, arriva la nostalgia”.

Cambiando discorso devi tanto a Paolo Bonolis?

“Sì gli devo tanto; l’ho incontrato tre volte. E’ stato importante. Io non c’ho creduto fino a che non sono salito sul palco. A parte la mia compagna Teresa e mia figlia Emma (prima nata del 2005 a Firenze nda) devo tanto a tre cose: al Premio Recanati (che Giuseppe ha vinto nel 2003 con il  brano “Mia Sorella” nda) ad Angelo Carrara (“il mio produttore, direttore più che altro un amico”) e a Paolo Bonolis.

Cosa ti aspetti per il futuro?

Nella musica tutto è possibile; voglio fare l’autore di testi (ho inseguito Vasco Rossi per fargli cantare “I bambini fanno ooh” per mesi), scrivere per gli altri; non mi piace molto stare sul palcoscenico, mi piace scrivere”.

A te piace Rino Gaetano vero?

“L’ho conosciuto dai dischi, di lui, così come di De Andrè, Baglioni ed altri, mi piace (“creo un termine”) “la direttitudine” nei testi cioè l’essere diretto, non fare tante metafore”.

Tre mesi fa ti immaginavi questo successo?

No! Macchè! Sapevo che avevo una bella canzone ma non mi immaginavo tutta questa pioggia di attenzione. Ora – si avvicina – non faccio un cazzo (non è vero nda) però mi sento stanco”.

Giuseppe che forse comincia ad aver noia delle mie domande comincia a strimpellare la chitarra e ci accenna qualche sua canzone.

Anche le case di abbigliamento cercano di farti indossare i loro capi, ma tu hai rifiutato.

Ride: Sì vogliono farmi indossare cose con il loro nome, non mi piacciono; indosso solo quello che piace a me”.

Ma quanto costa Giuseppe Povia in questo momento e quanto vorresti costare?

“In realtà non lo so. Io vorrei costare 1.500/2.000 euro al mese tipo stipendio”.

Si avvicina una fan, una pianista, per un autografo mentre suona anche il cellulare: sono gli amici (parla Lorenzo) del Fans Club che non trovano la strada per la Sapienza. Giuseppe, per telefono cerca di instradarli.

Ti lascio ai tuoi ammiratori, ci accenni per chiudere “I bambini fanno ooh”?

Povia con la sua inseparabile chitarra inizia il pezzo più trasmesso in assoluto in questo ultimo periodo e con il quale sta scalando le vette di tutte le classifiche.

E’ felice Giuseppe e ride e noi siamo felici per lui: merita tutto questo successo!

[Rosario Rizzuto]

 

foto-cronaca della giornata

Pensionamenti al Liceo Scientifico Filolao di Crotone, lasciano 5 docenti, un assistente tecnico e il Dirigente Scolastico

Per alcuni è un momento tanto atteso, altri hanno difficoltà a lasciare il luogo di lavoro dove, magari, hanno trascorsi tanti anni felici.
La fine dell’anno scolastico coincide, spesso, con le feste per i docenti ed il personale che va in pensione, e così alcuni giorni fa al Liceo Scientifico “Filolao” di Crotone sono stati festeggiati i professori: Vittoria Aloisio, Rocco Calarco, Francesca Grillo, Francesco Poerio, Matteo Zito e l’assistente tecnico Giuseppe Olivito che dopo anni di lavoro hanno raggiunto la meritata pensione.

Il preside del Liceo Filolao Tommaso Caligiuri circondato dal suo personale. Foto Rosario Rizzuto

Tra l’emozione generale nell’auditorium del Liceo è stato tenuto un collegio dei docenti speciale durante il quale sono stati salutati i sopra indicati docenti ai quali è stata consegnata una targa ognuna con una frase diversa in base alla materia insegnata o alla persona.
Momenti di commozione e poi tutti nella sala dei professori per il buffet offerto dai pensionandi con tanto di champagne.
Ma lo scorso lunedì è stata resa nota la disponibilità del posto di dirigente del Liceo Filolao quindi è stato chiaro a tutti che anche il dirigente scolastico della scuola, Tommaso Caligiuri, con gran dispiacere di tutti, sarebbe andato in pensione e così giovedì 17 giugno è stato organizzato un saluto anche per il dirigente.

Il personale del Liceo Scientifico Filolao di Crotone andato in pensione al termine dell'Anno Scolastico 2009.2010. Foto Rosario Rizzuto

Un altro momento di emozioni e commozione: di nuovo tutti i docenti e tutto il personale Ata che si riunisce nell’auditorium, il discorso del professore Francesco Poerio, che aveva vissuto la stessa emozione alcuni giorni prima, e poi il discorso di commiato del preside che ha ringraziato tutti chiedendo scusa per le incomprensioni che nel tempo ci sono potute essere.
Poi di nuovo tutti in sala professori per il taglio della torta ed un brindisi, come ha detto Caligiuri, alla vita!

ROSARIO RIZZUTO

Tanti auguri grande Mina…

Oggi la cantante italiana per antonomasia, Mina, compie 70 anni.

Mina con Totò. Foto dalla rete

Da anno lontano dalle scene ha continuato a regalarci la sua musica dal suo "esilio".

Sarebbe bello tornasse in pubblico, Mina è viva che senso ha nascondersi?!
Tanti auguri voce senza confini…

Elisabetta Gregoraci in Briatore diventa mamma: nato a Nizza il piccolo Nathan Falco!

Da molto tempo l'immagine del mio profilo su Splinder è una fotina in cui ci sono io con la bellissima Show Girl di Soverato Elisabetta Gregoraci, quindi non posso non gioire alla notizie che, ieri mattina alle 08,00 in una clinica di Nizza, Elisabetta è diventata mamma del piccolo Nathan Falco Briatore.Elisabetta Gregoraci con il marito Flavio Briatore. Foto dalla rete
Questa la bella notizia come riportata dal
TgCom: "E' nato in una clinica di Nizza il figlio di Elisabetta Gregoraci e Flavio Briatore. Il piccolo, Nathan Falco, nato alle otto del mattino, è in ottime condizioni e pesa 4,1 kg. Anche la mamma sta benissimo ed è al settimo cielo. Al parto era presente Flavio. Soltanto qualche giorno fa in un'intervista, Elisabetta aveva raccontato di non vedere l'ora di tenere tra le braccia il suo piccolo, di toccargli manine e piedini.

elisabetta, gregoraci, mamma, bambino, briatore

Per il nome quindi alla fine si è giunti a un compromesso: il manager della Formula uno l'avrebbe voluto chiamare Falco, ma Elisabetta ha optato per Nathan, che è diventato il primo nome: "Vuol dire dono di dio. Per questo l'ho scelto", ha detto Elisabetta prima di entrare in sala parto.
"Quando ho scoperto di aspettare un figlio mi sentivo scoppiare di felicità. Poi l'incubo. Ho rischiato di perderlo. Mi sono svegliata in un mare di sangue. Ed è scesa la tenebra. Quindici giorni, immobile nel letto. Ho toccato il fondo: piangevo, mi disperavo. Pregavo tanto. Ho conosciuto il significato della paura", ha raccontato Elisabetta ad A.

Elisabetta Gregoraci in una foto di Rosario Rizzuto ad Isola Capo Rizzuto.

"Era molto preoccupato anche Flavio – ha dichiarato – E io ero diventata vigliacca. Non volevo andare dal dottore, mi rifiutavo di sapere. Non volevo fare l'ecografia per il timore di scoprire che non c'era più. Flavio mi ha obbligata, mi ha accompagnato: avevo fatto passare altri quindici giorni. È stato un mese terribile. Poi ho sentito il battito… Mi sono lasciata andare a un pianto lunghissimo. E mio marito con me".
Ad Ely, al piccolo Nathan e a Flavio Briatore i più sinceri auguri da parte mia.

I 32 anni di Tonino Coriale

Il bene non si può misurare ma se così fosse sono sicuro che tra le persone più volute bene di Scandale, e non solo dagli scandalesi, ci sarebbe Tonino Coriale, il nostro Vice Sindaco.
Tonino Coriale rivece i regali per il suo compleanno. Foto Rosario Rizzuto
Un primato non piovuto dal cielo ma conquistato con la sua bontà e con il suo modo di essere: sempre disponibile con tutti, mai che ti dice di no e capace di farsi in quattro per risolverti un problema.
Buon compleanno Tonino. Foto Rosario Rizzuto
Ne ho avuto la riprova venerdì sera al Club 21 di Sellia Marina dove Tonino ha festeggiato i suoi 32 anni, una bella nottata tra amici: tante belle persone con tanta voglia di divertirsi.

Di nuovo auguri Tonino e grazie di tutto!!!

Le mie foto della serata cliccando qui.

Auguri a voi donne…

Auguri a tutte le donne 366 giorni all'anno
Continuo a credere:
che le donne vadano festeggiate 366 giorni all'anno,
che andare tra donne stasera a cena non ha senso,
che partecipare a spogliarelli e cazzate simili è appunto una cazzata,
che le donne sono troppo intelligenti per credere in ciò…
ma nonostante tutto AUGURI A TUTTE LE DONNE,
che oggi sia una giornata per riflettere
e volere ancora e sempre più bene
a chi ci completa ed aiuta a vivere meglio.
Credo che un mondo senza donne sarebbe davvero brutto da vivere!!!

Tanti auguri Giusy…

Scherza Giusy Alessi invertendo le candeline e diventando un'infante. Foto Rosario Rizzuto
Altra bella serata ieri sera, questa volta al The Maida, grazie all’invito di Tonino Coriale al compleanno della bella Giusy Alessi di Crotone.

Per la prima volta, in queste mie uscite serali, quella che non mi ascolta è venuta con me: non potevo pretendere che si divertisse chissà come ma non mi è sembrata scontenta e, soprattutto, ha capito che non faccio nulla di male.

Rosario Rizzuto con Mimma Ieriti. Foto Francesco Coriale
Un bel compleanno tra amici per brindare ai 30 anni di Giusy, impeccabile come sempre.

Grazie per la bella serata Giusy e ancora auguri per un inizio fantasmagorioco, e con tutto ciò che desideri, di questa tua quarta decade.

Giusy Alessi non si smentisce ed indossa, ma solo sui vestiti, il completino intimo ricevuto in regalo. Foto Rosario Rizzuto
Le foto della serata, oltre che su Facebook, le trovate anche nel mio account personale di Area Locale cliccando qui.

La stupidità di quella che non mi ascolta e il compleanno di Antonio

Ho dormicchiato un paio di ore, forse anche meno, sul divano in cucina davanti alla tv.

Sono ormai già sveglio da un’ora (era da poco passata la mezzanotte quando ho aperto gli occhi): è iniziata una nuova giornata!

Mi sono trasferito in mansarda: ad Rtl 102,5, mentre ascolto Pierluigi Diaco e Iolanda Granato nel loro "Onorevole Dj" , ora canta… come si chiama? quella cantante siciliana brava, mannaggia il nome non mi viene, quella con quella voce particolare.
Cazzo proprio non mi viene: mi sa che devo aspettare che la citino a fine canzone.
Ecco infatti: era la bella e brava Carmen Consoli con il nuovo singolo  "Mandaci una cartolina" dedicato al padre.

In mansada con la stufa, è la prima volta che succede quest’anno.
Non che faccia più freddo dei giorni precedenti ma ho voglia di farmi coccolare dal calore delle resistenze infuocate.
Ho bisogno di coccole o di affetto come cantava il grande Luca Carboni ormai molti anni fa e, in mancanza d’altro, può andar bene anche una stufa…

Quella che non mi ascolta, Mimma Ieriti, con i miei piccoli Antonio ed Alex, in una foto dell'Agosto 2009. Foto Rosario Rizzuto
Lei, dopo stamane, invece di prostarsi e chiedermi scusa, al mio rientro dopo uno stupendo pomeriggio a Mesoraca pieno di tanti amarcord, è partita in attacco e, dopo avermi fatto mangiare, se n’è uscita con un: "Da domani mangi da tua madre, Mimma non ti cucina più".

Wow, è come se mi avesse invitato a pasta e sugo… di carne (il mio piatto preferito): sapesse che grande dispetto… sarà un piacere…
A volte la stupidità supera ogni limite.

Ma non vorrei sporcare il post parlando di lei erano altre le idee ad inizio post.

Infatti da quasi due ore il mio piccolo grande Antonio è diventato undicenne: mamma santissima come passsano gli anni.

Dopo il compleanno di Alex di domenica (giornata in cui abbiamo festeggiato, presso  ‘U Briganti, anche quello di Antonio) oggi tocca a Totò.

E già, a parte Valentina, che sarebbe stata una splendida Vergine, sono stato capace di farmi due figli maschi del mio stesso segno ossia appunto Capricorno.

Sì, lo so che state pensando che, per quella che non mi ascolta, deve essere dura la vita con tre Capircorni ma vi posso assicurare che è più dura per noi tre Capricorni la vita con una mezza Scorpione.

Ma è meglio lasciare perdere e stendere un velo pietoso e pensare solo a fare un mondo di auguri al mio, quasi, giovanotto innamorato: un mondo di bene Stella Mia Grande, che tutto ciò che tu desideri possa realizzarsi come vuoi tu e solo tu!!!

Ti voglio una sporta e molto più di bene…

Auguri Alex…

Il mio piccolo Alex compie oggi 7 anni, un mondo di auguri Stella mia…

Laura e Francesco sposi

E’ stato il giorno più bello della loro vita.

Laura De Miglio e Francesco Dati sposi. Foto Rosario Rizzuto

Lunedì 28 Dicembre 2009 la mia bella cugina Laura De Miglio di San Mauro Marchesato ha coronato il suo sogno d’Amore con Francesco Dati di Torre Melissa.

Una bella giornata tra il matrimonio religioso nella Chiesa Madre di San Mauro e il banchetto presso lo stupendo villaggio "Baia degli Dei" di Le Castella.

Una giornata magica che io ho immortalato in oltre 1.000 foto, la gallery la trovate qui.

Auguri Vincenzo Iaquinta

Il calciatore calabrese Vincenzo Iaquinta. Foto dalla reteTrenta anni e, certamente, non sentirli.
Li compie oggi il campione della Juventus e della Nazionale Vincenzo Iaquinta nato
a Crotone e cresciuto a Cutro.

Al calciatore calabrese che ha portato in alto in nome della nostra Provincia a livelli calcistico i migliori auguri.

 

Tanti auguri Mimma…

Mimma Ieriti col piccolo Alessandro Salvatore Rizzuto. Foto Rosario Rizzuto
Oggi quella che non mi ascolta (mia moglie per gli amici) compie 39 anni…

Per lei sarà la solita giornata fatta di lavoro e di pulizie (sul pulito): è una malattia, un po’ genetica…  a volte pagherei per avere la casa sporca, i piatti sporchi nel lavello, un po’ di polvere in giro…
Pazienza…

Tanti auguri Dommy!

Primo Novembre

Buon Primo Novembre, buon onomastico a tutti.
E già, oggi essendo la Festa di Tutti i Santi è l’onomastico di tutti.
Mi ci ha fatto pensare per la prima volta la mia Prof di Inglese allo Scientifico Filolao, Wilma Collia Mancini: visto che era difficile individuare una Santa Wilma (che pare però ci sia) come si chiamava lei ma anche mia sorella più piccola, mi disse che alla fine, per i nomi strani (ossia senza Santo) si potevano benissimamente fare gli auguri il Primo Novembre.

Siamo entrati nel mese autunnale per antonomasia; l’albicocco sotto casa ha ancora le foglie verdi ma cominciano a cadere (lo testimonia il fatto che da qualche giorno ci sono sempre foglie secche vicino la porta di casa) anche se non sembra, ma tra qualche settimana non ne resterà nemmeno una attaccata all’albero: restituiranno sostanze nutritive alla pianta e cadendo, mischiandosi con la terra, formeranno concime: che grande cosa che è la natura!!!
PIANTE PIU’ INTELLIGENTI DEGLI UOMINI CHE INVECE DI AMARSI ED AIUTARSI  A VICENDA PENSANO AD UCCIDERSI!!!

Primo novembre, giorno di cambio pagina per i miei calendari in mansarda, stamane mi hanno dato il benvenuto il fondo schiena di Sara Varone e la figura statuaria della maggiorata, ex gieffina ora a Colorado, Cristina Del Basso che ad ottobre mi aveva rianimato con le sue fantastiche, benche rifatte, tette (ma questa volta niente foto ) .

Di fronte, nel mio calendario personalizzato, ci sono io con Fabrizio Bracconieri (ora a Forum) e Fabio Ferrari, mitici protagonisti della serie "I ragazzi della 3^ C" beccati ed indicatimi da mia sorella mentre mangiavano in un autogrill.

In tv, su TeleDiogene dopo gli interessanti servizi giornalistici di  Gaetano Megna ci sono stati gli spogliarelli delle ragazze dal numero telefonico ad alto costo ed ora vendono tappeti, cambio canale; il documentario su Rai 2 è interessante ma cerco notizie e mi sposto su Calabria Tv, interessante nuova emittente calabrese.

Intanto si è fatto giorno (ore 06.13) non so se andrò a Messa, di certo per le  11,00, moglie e figli permettendo, andrò a Roccabernarda: pranzo dai suoceri e alle 13,30 puntuale allo stadio comunale "San Vito" della cittadina attraversata dal Tacina per l’incontro di calcio tra Roccabernarda e Scandale.
Oggi bisogna vincere se si vuole dare un senso a questa stagione, anche se mister Drammis dovrà fare i conti con alcuni assenti causa infortuni ed influenze.

Ci potrebbbe essere una variazione al programma ossia partire alle 09,30 per Crotone dove, dalle 10,00 la ludoteca Piccole Pesti di Crotone fa festa col mago Xavier nel Parco delle Rose, ma non credo che la signora sia pronta per quest’ora visto che deve preparare le lasagne da consumare poi a Rocca!!! 

Buona festa a tutti e se non avete altri impegni vi aspetto dalle 14,30 a Roccabernarda per la partita, dopo, se vi va, a Savelli ci sono grandi festeggiamenti per la Sagra della Castagna.

Buon compleanno Rino Gaetano

Rino Gaetano sorridente. Foto dalla reteQuest’anno niente Roma caro Amico mio, impegni di lavoro, una luce che si affievolita ma è sempre lì in un angolino e una mancanza di predispiosizione mentale, hanno fatto sì che non sia partito per Roma come, invece, ho fatto l’anno scorso.

Ciao Rino, chissà come te la stai ridendo lì in Cielo tra le cazzate di Berlusconi e le sciocchezze di una pseudo sinistra; chissà cosa pensi di noi, chissà che Bibbie di testi avresti potuto scrivere se fossi rimasto tra noi, altro che mancanza d’ispirazione.

Rino sei arrivato a 59, l’anno prossimo proverò a proporre, se sarò tra i vivi, qualcosa di speciale; da circa 28 anni ti sei allontanato da noi solo fisicamente ma sei sempre presente.

BUON COMPLEANNO AMORE MIO… BUON COMPLEANNO… 

"Io scriverò se vuoi perché ho amato tutti i sessi
ma posso garantirvi che io
non ho mai dato troppo peso al sesso mio
ma con chiunque sappia divertirsi mi salverò
che viva la vita senza troppo arrichirsi mi salverò
che sappia amare che conosca Dio come le sue tasche
"

Auguri Roberto Benigni

Roberto Benigni. Foto dalla rete.

Compie oggi 57 anni il grande Roberto Benigni.

Riduttivo definirlo comico, Roberto è molto di più!

AUGURI…

Auguri Sara

La mia Amica Sara. Foto Rosario Rizzuto

Quando altri sono spariti, lei ha continuato a mantenere un filo, ogni tanto, visti i miei silenzi se ne usciva con un: "Ros tesò che fine hai fatto, ci manchi sul pc torna, ti voglio bene. Sara", oppure provava a chiamare con un sistema o un altro.

Sara oggi compie gli anni; le donne hanno sempre 30 anni, al massimo 35 e anche se ne avesse di più, Sara ha lo spirito di una ragazzina.

Sara ama la sua Calabria e la sua Santa Severina ma vive fuori per lavoro, Sara forse un giorno tornerà…

Intanto tanti auguri Amica Mia…

Tanti auguri Nicholas

Nicholas CorradoLa manifestazione di Crotone e il compleanno di Giuliana Giuliano mi hanno fatto dimenticare che sabato 03 Ottobre 2009 compiva 2 anni il piccolo Nicholas Corrado.

Al mio "nipotino", anche se in ritardo, i più sentiti e fervidi auguri.

I due anni di Giuliana Giuliano di Roccabernarda

Giliana (la bimba più bassa) con la sorellina (alla sua dx), una cuginetta e il mio piccolo Alex. Foto Rosario Rizzuto
Sabato di sera di festa in caso Giuliano a Roccabernarda per i due anni della bellissima Giuliana.
Festicciola intima conclusa con il taglio e la successiva mangiata di una buonissima torta preparata da nonna Lina.

A Giuliana e a tutta la famiglia rinnovo gli auguri per un’avvenire sempre più radioso.

Auguri a Silvio?

Silvio Berlusconi. Foto dalla reteOggi il nostro premier, Silvio Berlusconi, compie 73 anni.

Noi del Blog di By.Ros, sicuramente, abbiamo un modo tutto nostro per fargli gli auguri. Vero?

Non deludetemi…

Tanti auguri Isabella

Isabella Aprigliano. (Foto da Facebook)Impegnata come era in cose più importanti si sarà dimenticata di avvisarmi come le avevo chiesto tramite Facebook (parlarle dal vivo è più difficile che sentire Berlusconi!!!).

Così solo stamane ho saputo che la mia amica Isabella Aprigliano è diventata mamma per la prima volta.

Se è vero quanto mi dice zio (della piccola) Giuseppe, alla neonata è stato dato il nome di Eleonora.

Ad Isa, al compagno, alla famiglia tutta i miei più sinceri e felici auguri!

110 e lode per Emilio Scalise

Ci sono persone che nascono speciali, persone che hanno scritto nei proprio dnd il proprio destino, che hanno in mente la loro strada fin da subito e che arrivano con semplicità ma al costo di grandi sacrifici ai loro obiettivi.

Uno di questi è certamente Emilio Scalise, figlio di Gianni e Rosa Frandina, che martedì 22 Settembre 2009, ha coronato la fine della sua carriera scolastica classica (inteso come normale) laureandosi in ingengeria elettronica.

Nonostante Emilio abbia studiato all’estero (mi sembra in Belgio) grazie al progetto Erasmus, la laurea è avvenuta nella sua facoltà di Cosenza dove, al termine della discussione, ha ottenuto, e non popteva essere diversamente, il massimo dei voti: 110 e lode.

Emilio e famiglia hanno poi festeggiato in un locale della zona.

A lui, a papà Gianni, a mamma Rosa, alla sorella Teresa e al fratello Claudio e a tutta la famiglia Scalise vanno i più vivi auguri da parte mia e della mia famiglia.

Incidente sulla discesa della scorciatoia per Crotone. Una ferita

Stamane stavo percorrendo la discesa della scorciatoia per Crotone, per recarmi a lavoro, quando all’altezza della curva più pericolosa ho intravisto la divisa nera di un carabiniere: un incidente!

Infatti una Panda verdolina, alla cui guida c’era Giovanna Scalise, che procedeva in direzione Crotone, è andata a scontrarsi, per cause in corso di verifica, contro un camioncino, tipo quelli degli alimentari, proveniente in senso contrario.

Giovanna, come ogni mattina, si stava recando a Papanice dove lavora presso la ditta di conserve Laratta.

Provvidenziale è stato il fatto che il maresciallo Cavallo, che molto provabilmente si stava recando a lavoro a Crotone, si trovasse passando e abbia provveduto a ad avvertire i soccorsi e regolamentare il traffico.

Infatti io non mi sono fermato per non creare intralcio e anche perchè non mi era sembrato ci fossero feriti.

La mia preoccupazione è aumentata quando, poco dopo ho incontrato un’ambulanza e ancora un po’ dopo un automezzo dei Vigili del Fuoco.

A questo punto non sono riusciuto a stare tranquillo ed ho cercato telefonicamente, appena sono uscito dalla zona buia per i cellulari, di cercare di sapere qualcosa.

Sono però dovuto arrivare in ufficio per sapere chi fosse la protagonista dell’incidente e successivamente avere notizie sulle sue condizioni che per fortuna non sono gravi.

Infatti Giovanna è stata estratta dalla macchina già dagli operatori del 118 senza aver dovuto attendere quelli dei 115 ed è stata trasportata in ospedale per accertamenti.

A Giovanna vanno i miei auguri di pronta guarigione.

Fotogallery del matrimonio di Antonio ed Anastasia

Anastasia Barone viene accompgnata in Chiesa dal padre Tommaso. Foto Rosario Rizzuto

E’ stato un bel matrimonio quello di ieri tra Antonio Scerbo di Marinella di Isola Capo Rizzuto e la nipote di quella che non mi ascolta (e se continua così davvero ancora per poco) Anastasia Barone di Roccabernarda.

Dopo essere stati uniti in matrimonio da Don Claudio Splendido, sposi ed invitati si sono diretti presso il ristorante La Calabrese di Le Castelle dove è stato consumato il banchetto di nozze.

Un bacio tra gli sposi. FotoRosario Rizzuto

Come sempre più delle parole possono le immagini, così vi lascio ad una corposa gallery dei momenti più salienti della cerimoniae e la festa al ristorante, finchè sono riusciuto a stare tra i vivi: a volte Morfeo  (a causa della notte senza dormire) è stato più forte e quindi durante il banchetto non ho fatto molte foto.

Gli sposi Antonio ed Anastasia con i testimoni Leonardo e fidanzata. Foto Rosrio Rizzuto

Le 368 foto come sempre sui server di Area Locale cliccando qui.

Vai Bolt…

Il giamaicano Usain Bolt nuovo recordman dei 100 e 200 metri piani. Foto da Corriere.itIl suo nome è lo stesso di un noto detersivo, ma lui non pulisce lavando, come fa quella che non mi ascolta col Bolt,  ma polverizza i record.

Il giamaicano Usain Bolt, che oggi compie 23 anni (auguri!!!) ai mondiali di Berlino, dopo il record del mondo sui 100 metri (9 secondi e 58 centesimi) ieri ha vinto anche nei 200 metri conquistando, anche in questa distanza, il nuovo record del mondo con un formidabile 19" 19.

In un certo senso quello che fa rabbia e vedere come sembra che faccia una passeggiata sulla pista mentre i suoi avversari arrancano…

Tutto molto bello con la speranza,, che sembra ormai quasi una certezza,,che il giamaicano abbia corso solo con le sue gambe.

Tanti auguri Carmine e Mimma

Carmine Grisi e sua moglie Mimma hanno compiuto 25 anni di matrimonio e sono andati a festeggiare le nozze d’argento in Francia.

Carmine mi ha inviato delle foto che volentieri pubblico non prima di aver fatto a lui ed a Mimma i più sinceri auguri per questo anniversario.

Carmine Grisi conla moglie Mimma in Francia.

Carmine Grisi con la moglòieMimma in Francia per il 25° anniversario dalle nozze.

Carmine Grisi.

Carmine Grisi e Mimma si scambiano le fedi

I 40 anni del bar Condoleo a Scandale

I signori Gaetano e Gaetana Vasovino con i loro figli. Foto Cesare Grisi

SCANDALE – (r.r.) E’ stata una serata particolare quella di martedì 18 agosto su via Nazionale a Scandale.

Non c’erano serate programmate dall’amministrazione comunale ma era ugualmente festa.

Infatti si sono festeggiati i 40 anni dall’apertura del bar Condoleo, il bar più vecchio ancora aperto di Scandale.

I proprietari Gaetana Rizzuto e Gaetano Vasovino hanno voluto festeggiare questo importante evento (e al contempo il pensionamento, da collaboratore scolastico del Liceo Classico “Pitagora” di Crotone, dello stesso Gaetano) invitando tutta la cittadinanza (con tanto di manifesti affissi nei locali cittadini) ed in tanti si sono ritrovati nel bar di via Nazionale per le ricorrenze.

Quando, nel 1969, il bar Condoleo aprì i battenti, la zona dove nacque era poco abitata e distante dal centro storico del paese. Con il tempo anche in questa zona, detta appunto Condoleo, sono state costruite molte case ed successivamente, con la realizzazione del marciapiede, è diventata la zona preferita per il passeggio.

Gaetano e Gaetana hanno mandato avanti la gestione del locale sempre in proprio aiutati, man mano che crescevano, dai loro 4 figli (Maria, Elisa, Carmine e Concetta).

Il bancone del bar Condoleo. Foto Cesare Grisi

Il suddetto bar è stato ed è punto di ritrovo per stare tra amici, fare una partita a carte o mangiare un gelato ed, in un certo senso, ha segnato la vita del paese collinare crotonese e tutti sperano che lo continui a fare ancora per tanti anni.

Da parte mia i più vivi auguri e il proseguimento per tanti tanti anni ancora!

Auguri Giuseppe e Rosita

Giuseppe e Rosita dopo il giuramento. Foto Rosario Rizzuto.

Oggi pomeriggio nella sala consiliare del Comune di Scandale davanti all’Ufficiale di Stato Civile, Nicola Carvelli, si sono giurati Amore eterno la bellissima coppia composta da Giuseppe Borgese e Rosita Marino.

Giuseppe e Rosita convoleranno a nozze il prossimo 7 settembre.

Ai futuri sposi i miei più sinceri auguri.

Giuseppe Borgese, Nicola Carvelli e Rosita Marino. Foto Rosario Rizzuto.

Tanti auguri Carla

Carla Brescia con gli amici al momento della torta. Foto Rosario Rizzuto

Oggi, anzi ieri vista l’ora, la piccola Carla Brescia, figlia del nostro primo cittadino, ha compiuto 7 anni.

Essendo compagna di scuola del mio Alex, ho accompagnato mio figlio alla festa di compleanno.

Lui si è divertito molto, io ne ho approfittato per fare alcune foto.

Volevo, anche da qui, fare i migliori auguri alla dolcissima Carla per un futuro sempre più radioso.

Carla Brescia con gli amici. Foto Rosario Rizzuto

Antonio De Miglio al Siracusa

Antonio De Miglio con la sorella Laura alcuni anni fa. Foto archivio Rosario RizzutoE’ iniziata domenica 19 luglio la preparazione dell’Usd Siracusa che, dopo la vittoria del campionato di Serie D (Interregionale) della scorsa stagione, disputerà per il 2009/10 il campionato di 2^ Divisione nella Lega Pro (ex Serie C).

Ma perchè parlo del Siracusa?

Semplice, perchè tra i nuovi acquisti della società siciliana, c’è mio cugino Antonio De Miglio di San Mauro Marchesato che dopo le tribolazione degli anni passati (infortunio e rescissione consensuale col Cosenza) come minimo deve diventare capocannoniere, anche essendo difensore, per recuperare il credito con la dea bendata.

Comunque ad Antonio i miei più sentiti auguri per un’annata calcistica alla grande, come merita!!!