Posts Tagged ‘berlusconi’

Ingiustizie italiane!!! Innocenti in carcere e Berlusconi presidente del Consiglio!!!

GENTE SULLA SEDIA A ROTELLE IN CARCERE PER FURTO E BERLUSCONI ANCORA LIBERO: ASSURDOOOOO!!!!

Silvio Berlusconi colpito. Pugno (come dice Studio Aperto) o oggetto (come scrive l'Ansa)? E' stato un oggetto!

MILANO – Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stato colpito al viso da un oggetto, forse lanciato da contestatori, mentre stava scendendo dal palco di Piazza Duomo, al termine dell’intervento alla festa del tesseramento Pdl. Il premier, col labbro inferiore sanguinante, e’ stato subito caricato in macchina e portato via. (RCD)

L’aggressore è stato fermato ed identificato dalle Forze dell’Ordine.

Avrebbe lanciato contro il premier una statuetta del Duomo!

E’ scontato che non condivido tale gesto, non è così che si ferma Berlusconi anzi questa è tutta pubblicità gratiuta. Starete a vedere.
Io non sono un esperto, ci vorrebbe Renato Mannehimer, ma dopo stasera Berlusconi aumenta la sua percentuale di consensi di almeno 2 punti percentuali!!!

Intanto Berlusconi, che sta bene, è stato portato all’Ospedale San Raffaele per un controllo mentre l’aggressore si trova in Questura per essere interrogato.

Conoscendo Silvio, mi passa una cattiveria per la testa, ma non la scrivo…
Meglio essere prudenti!!!

Berlusconi ricoverato in pschiatria ma è un mero sogno!!! :-(

Roma, 23 Marzo 2010.
Come gran parte degli italiani aveva previsto, dopo le assurde e pazzesche esternazioni del presidente del Consiglio, è successo quello che doveva succedere.

Ieri, durante l’ennesimo discorso fuori di testa dell’ormai ex primo ministro, Silvio Berlusconi, sono interveuti gli infermieri del Centro Pschiatrico di Roma, allertati da alcuni deputati.
Guidati dagli inservienti sono arrivati nei pressi dello psciconano che è stato bloccato con una camicia di forza e allontanato dalla Camera dei Deputati.

Berlusconi in camicia di forza. Foto dalla rete.
Qualcuno racconta che mentre veniva portato via, pare abbia gridato: "Sono il re, sono il re, sono Dio, sono Dio: ce la farò anche solo contro tutti!!!".

A sirene spiegate l’ambulanza si è diretta nel centro pschiatrico per i provvedimenti di rito e tutti sanno che non ne uscirà più.

In questa fase così concitata e difficile per la Repubblica Italiana, la guida del paese è stata affidata al Presidente della Camera, Gianfranco Fini, uno dei pochi politici, dell’ormai ex coalizione di governo, con un po’ di sale in zucca che, come primo provvedimento, ha prevveduto ad allontanare da ogni carica quella testa vuota e qualunquistica di Maurizio Gasparri e nominare come suo unico collaboratore Beppe Grillo.

L’ITALIA E’ LIBERA.

Da oggi nessuno sentirà più parlare di Silvio Berlusconi.

La gente dimentica presto, come era già successo anni fa con il precursore di Silvio, Bettino Craxi.

Nessuno lo nomina più e, senza ormai nessuna protezione politica, la famiglia Berlusconi ha preferito vendere tutte le proprie proprietà mobili ed immobili e rifugiarsi in Russia insieme a Maurizio Belpietro e Vittorio Feltri.
Emilio Fede, no!

Lui è rimasto in Italia: è tornato subito Juventino e si è messo a fare il linguetta con Bersani!!!

Cazzo la sveglia televisiva, la tv si accende da sola su Rete 4: lui è sempre lì con la sua assurda prosopopea e le sue mega cazzate ed Emilio Fede che continua a leccarlo.

Mannaggia è stato solo un sogno, ma per alcuni minuti è stata una sensazione STUPENDA!!! ed ho goduto alla grande!!!

Ma mai disperare, a volte i sogni si realizzano, spesso più presto del previsto!!!

La storia di Silvio Berlusconi

La storia di Silvio Berlusconi in 101 domande.

Leggete cliccando qui.

Le foto di Rosario Rizzuto al No Berlusconi Day (NBD) del 05 Dicembre 2009 a Roma

Il sole alla mia destra mi riscalda piacevolmente nella mia mansarda ancora molto calda nonostante manchino solo 19 giorni al Natale.

Sono a mezze maniche con la maglietta viola, e scritte varie contro Berlusconi, regalatami ieri a Roma dagli amici di Italia Dei Valori di Di Pietrodurante il No Berlusconi Day (NBD).

Sono tornato stamane da Roma, alle 06,00 ero al bivio di Rocca Di Neto, poco più in là, da mia zia Laura (grazie), avevo lasciato la macchina.

Ho appena finito di pulire le tante foto scattate ieri.
Ancora non so quante ne ho fatte ma sono tante, il contafoto automatico ha fatto il giro delle 9.999 foto (la numero 1 di questa tornata l’avevo scatta il 06 giugno 2008 [giusto giusto 18 mesi fa] durante la recita di fine anno di Alessandro) e da un calcolo veloce cammino ad una media di circa 18 foto al giorno, nonostante alcuni periodi che non ne ho fatto per nulla!!!

Ieri è statobellissimo seguire un’immensa processione di persone, unitesi, grazie al web e senza strumentalòizzazioni politiche nonostante alcunipartitifosseropresenti), al solo grido di BERLUSCONI DIMISSIONI come citava il grande striscione che apriva il corteo!

Come ha detto Dario Fo durante il suo intervento: "Domani diranno che eravate 25", sono subito iniziate le polemiche sui numeri dei presenti: 90 mila per la Questura, oltre un milione per gli organizzatori.

 Le "25 persone" presenti al No Berlusconi day. Clicca x ingrandire. Foto Rosario Rizzuto
Numeri troppo distanti tra loro per non supporre immediatamente che Berlusconi abbia fatto un paio di telefonate ai poliziotti, anche perchè durante il corteo uno degli organizzatori ha affermato che un poliziotto gli ha detto che eravamo oltre 500.000 ma ancora si era ad inizio manifestazione.

Spero di avere modo di parlare della giornata di ieri presto (ora ho voglia di uscire) ma come sempre, più delle mie parole, parlano le mie 847 foto che trovate cliccando qui.

In Piazza della Repubblica a Roma per il No Berlusconi Day

No Berlusconi Day a Roma. Berlusconi dimettiti. Foto Rosario Rizzuto

Roma, Piazza della Repubblica, ore 13,00. Tra circa 90 minuti partirà da qui il corteo del NO BERLUSCONI DAY.

Nella vastissima piazza c’è già tanta gente: il colore predominante è il viola, scelto come simbolo della manifestazione.

Magliette, sciarpe, palloncini, striscioni, c’è chi per non farsi mancare nulla si è messo anche le mutande viola.

In questo momento sotto il Boscolo Luxury Hotel si sta gridando: "Chi non salta Berlusconi è è!!!" e la gente salta, salta… salta.

No Berlusconi Day. La legge è uguale per tutti. Foto Rosario Rizzuto

Il governo della Rai, nelle mani di Berlusca è riusciuto ad imopedire la diretta su Rai 3 chiesta dal direttore Bianca Berlinguer autorizando, non potendone fare a meno, solo quella su Rainews 24.

Tante le foto già scattate; mentre ora l’afflusso della gente comincia ad diventare davvero imponente.

Sono seduto ai tavolini del Mcdonald’s: è tutto un grido di motti, di  suoni di fischietti.

No Berlusconi Day. Berlusconi in galera. Foto Rosario Rizzuto

Come sempre queste manifestazionmi diventano anche dei business: c’è chi vende appunto i fischoiertti (ho rivisto un signore barbuto incontrato anche un paio di anni fa ad un’altra manifestazione), chi vende magliette, libri, i marocchini vendono il Manifesto, l’Unità, Liberazione.

C’è chi regala pezzi di stoffa viola, un signore la taglia con la forbice e la distribuisce in giro…

C’è musica, qualche pazzo che non manca mai, le varie tv: Rai 3, Sky, con una graziosa giornalista che intervista i passanti.

Un ragazzo coi capelli rasta non è voluto mancare nemmeno con la gamba rotta e c’è la distesa lui seduto su una sedia a rotelle.

C’è anche una signora in carrozzina: tutti gridano il loro disappunto a Silvio Berlusconi, non è odio è disappunto, voglia di normalità: chiedono che si faccia processare come tutti i normali cittadini.

Un fantoccio di Berlusconi. Foto Rosario Rizzuto

C’è una graziosa vignetta vicino ad uno stand: Berlusconi che va in direzione di un’immagine di donna nuda e sotto c’è un precipizio: forse una speranza ancora c’è dice più o meno la vignetta!!

Ore 13,15, l’inizio della manifestazione è sempre più vicino, sono già stanchissimo… ma torno a fare altre foto…

Altre foto qui.

Un Rosario in meno: muore militare italiano

Da stanotte c’è almeno un Rosario italiano in meno.
Lo so che molti di voi vorrebbero che fossi io, ma, per vostra sfortuna, questa volta non sono io altrimenti non sarei qui a scrivere…
Si chiamava Rosario Ponziano, aveva 25 anni ed era originario di Palermo, era un militare ed è morto in Afghanistan a causa di un incidente stradale, almeno così dicono.

Un veicolo Lince. Foto: corriere.itI morti in missioni di guerra sono sempre colpa del governo che ce li ha mandati che continua con la sua linea militare mentre intanto il Times di Londra scrive che per evitare attaccati nelle vicinanze di Kabul il governo Berlusconi pare abbia pagato delle mazzette ai talebani.

Logicamente quella faccia brutta del ministro Ignazio La Russa ha smentito e dato mandato agli avvocati del ministero di querelare ilTimes.

Io non ci credo, ma se fossero veri questi pagamenti?

Fatemi capire: spendiamo soldi per andare a farci i cazzi degli altri (e non per missioni di pace che sono altre cose) e poi paghiamo gli avversari per non attaccarci?
E’ assurdo!!!

Ma un governo segue sempre l’esempio del suo capo e Berlusconi è convinto che con i soldi lui può comprare tutto: testimoni, giornalisti, e ora anchei talebani!!!

No Comment

Cose di Silvio Berlusconi. Foto dalla rete.

E Berlusconi vuole

E Berlusconi vuole ancora fare il ponte?
mentre la Sicilia se la mangia il brutto tempo.

18 (???) vite GRIDANO vendetta
mentre loro riprendono a spararsi la posa
senza rispetto.

La Prestigiacomo compra con la Carta di Governo
Berlusconi sfotte Obama….
e si sente divertente…

Auguri a Silvio?

Silvio Berlusconi. Foto dalla reteOggi il nostro premier, Silvio Berlusconi, compie 73 anni.

Noi del Blog di By.Ros, sicuramente, abbiamo un modo tutto nostro per fargli gli auguri. Vero?

Non deludetemi…

Tanti auguri Isabella

Isabella Aprigliano. (Foto da Facebook)Impegnata come era in cose più importanti si sarà dimenticata di avvisarmi come le avevo chiesto tramite Facebook (parlarle dal vivo è più difficile che sentire Berlusconi!!!).

Così solo stamane ho saputo che la mia amica Isabella Aprigliano è diventata mamma per la prima volta.

Se è vero quanto mi dice zio (della piccola) Giuseppe, alla neonata è stato dato il nome di Eleonora.

Ad Isa, al compagno, alla famiglia tutta i miei più sinceri e felici auguri!

Chiuso il Lucifero?

Crotone, 25 set. – (Adnkronos) – Il presidente della Provincia di Crotone, Stanislao Zurlo, dopo aver preso atto della relazione del professore Sebastiano Ando’ che ha condotto un’indagine attraverso esami del sangue a un campione della popolazione studentesca, che hanno rilevato la presenza di metalli pesanti, e dopo avere incontrato oggi il prefetto Luigi Varratta e il procuratore della Repubblica Raffaele Mazzotta, ha chiesto al Comune di Crotone l’immediata chiusura a tempo indeterminato dell’Istituto Tecnico Commerciale ”Lucifero”.
Sull’emergenza ambientale che interessa Crotone, il presidente Zurlo ha contattato il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e i Ministri della scuola Gelmini, dell’ambiente Stefania Prestigiacomo e del welfare Maurizio Sacconi ”al fine di impegnare il Governo sul rischio ambientale che vive il territorio crotonese”.
(Fonte: http://ilsecoloxix.ilsole24ore.com/)

Eddaaaiii…

"Allora Caro Gesù, te lo ripeto, la prima volta ti ho pregato di eliminare quello brutto, rifatto e che va con le ragazzine: e tu mi fai fuori Michael Jackson…

Poi ti ho chiesto, per essere sicuro, quello basso e con i capelli finti che ha inventato la tv commerciale: tu mi fai fuori Mike Buongiorno…

E mannaggia! La prossima volta ti porto na foto!!!"
(Grazie a Serenella)

Attentato a Kabul, colpiti 2 nostri blindati: morti 6 parà. ALTRI 6 OMICIDI DI BERLUSCONI. Anche per essi vale il lodo Alfano?

Corriere della Sera.it
Silvio Berlusconi. Foto corriere.itKABUL – Almeno 6 militari italiani sono morti e altri quattro sono rimasti feriti in modo grave in Afghanistan in seguito ad un attentato kamikaze che ha colpito un convoglio della Nato sulla strada che porta dal centro cittadino all’aeroporto di Kabul. Sia i morti che i feriti (quest’ultimi non sarebbero in pericolo di vita) sono tutti del 186esimo Reggimento Paracadutisti Folgore di stanza a Leggi ancora

Le cazzate di Silvio Berlusconi

Berlusconi spara cazzate a destra e manca e pure lo applaudono.

Aveva ragione Mussolini: il popolo è come una puttana, va col maschio che vince.

Ma caro Silvio godi ora perchè non durerai molto!

Stasera torna Report su Rai 3: si parla dei regali di Berlusconi alla Catania del suo dottore Scapagnini

Report tornerà in onda domenica 15 marzo alle 21.30 su RAI TRE.
La puntata si intitola ”I VICERE”’ di  Sigfrido Ranucci.

Segue Sinossi:
Il professore Umberto Scapagnini, medico di fiducia di Silvio Berlusconi ha amministrato Catania per otto lunghi anni, dal 2000 al 2008. Avrebbe voluto somministrare l’elisir di lunga vita anche alla città oltre che al premier. Non gli è riuscito: ha lasciato un buco di bilancio di oltre 360 milioni di euro e un indebitamento complessivo di circa un miliardo di euro. Lo scorso inverno a causa delle casse vuote, Catania e’ rimasta al buio. L’ha temporaneamente salvata un decreto del Governo che ha destinato i 140 milioni che il CIPE aveva concesso per la realizzazione di alcune opere urgenti, alla copertura dei disavanzi di bilancio degli anni passati evitando cosi’ all’amministrazione siciliana la dichiarazione di dissesto finanziario. Il comune non aveva pagato le bollette all’Enel: il segno piu’ evidente di una citta’ sull’orlo del fallimento. Duecento aziende fornitrici non sono state pagate, gli automezzi del trasporto urbano hanno viaggiato con l’assicurazione scaduta e a singhiozzo perche’ non avevano i soldi per pagare il gasolio, i servizi sociali non erano piu’ in grado di fornire assistenza, ancora oggi uffici giudiziari, scuole, commissariati rischiano lo sfratto perche’ il comune da mesi non paga l’affitto. Come si e’ arrivati a questo? Come sono stati spesi i soldi che hanno provocato il buco? Con una gestione fatta di opere inutili e abbandonate, con milioni di euro spesi per i piccoli appalti alcuni dei quali finiti in mano ai clan, oppure per consulenze e progetti mai realizzati, o con una gestione dei 4 mila dipendenti comunali che ha trasformato l’amministrazione siciliana in un gigantesco pachiderma che costa 400 mila euro al giorno. Umberto Scapagnini e’ stato poi nominato commissario straordinario per il traffico e per l’emergenza sismica: ma ha lasciato l’ufficio con poche opere realizzate, molti debiti causati dall’appetito dei soliti imprenditori. Soldi spesi sempre alla ricerca del consenso elettorale. 
Tutto in una citta’ dove l’informazione e’ in regime di monopolio e ha un nome ben preciso: Mario Ciancio editore e direttore de ”La Sicilia”. La salvera’ la patrona Sant’Agata?     

Per la nuova rubrica L’Emendamento, il titolo e’ ”L’ICI” di Luca Chianca.
A maggio 2008 un decreto legge ha abolito la tassa sulla prima casa, ma in alcuni casi gli obiettivi sono andati oltre le previsioni, non facendo pagare piu’ nulla anche ai proprietari di seconde e terze case. Il risultato? L’anno prossimo i comuni dovranno fare i conti con le minori entrate perche’ la manovra non e’ stata ancora coperta al 100%.

La Goodnews di questa settimana si intitola ”MANGIA CHE TI PASSA” di Giuliano Marrucci.
Prevenire e’ meglio che curare. L’istituto Nazionale dei Tumori da anni lavora ad un progetto alimentare che aiuta non solo le persone ammalate ma anche la prevenzione. Il progetto ”Diana”, ormai giunto alla quinta edizione, vede coinvolti chef di prim’ordine e nutrizionisti e sta per diventare anche un libro di ricette.

Vi informiamo inoltre che sono previste le repliche di questa puntata su Raisat Extra canale 121 piattaforma Sky nei seguenti giorni:
Lunedi’    16/03 alle  10.00 e alle 21.00
Giovedi’   19/03 alle  16.45
Venerdi’   20/03 alle  24.00

Vi ricordiamo che sul nostro sito www.report.rai.it potete trovare la trascrizione integrale dei testi ed i video delle nostre inchieste.

Soru non ce la fa: in Sardegna vince Berlusconi

Aveva ragione mia madre: gli italiani, in questa occasione i sardi, siamo un popolo di coglioni…

Sardegna alle urne: Ugo Cappellacci (Sx) e Renato Soru (ansa)E così ha vinto Berlusconi anche in Sardegna, no Ugo Cappellacci non c’entra, lui è stato solo un pupazzo messo là.
A questo punto ho la netta sensazione che se il Popolo della Libertà avesse candidato un MAIALE avrebbe vinto anche esso!

Rimane una campagna elettorale falsata dalla discesa in campo in prima persona di quello che dovrebbe essere il Presidente del Consiglio di tutti (che intanto non bastandogli gli organi di informazione che controlla ne lancia un altro: il giornale on line il PreDelLino) e che invece ha parteggiato per il suo pupazzo!

Buon lavoro Sardegna!!!

Berluscono NO, Berlusconi Sì (ma col naso turato)

Renato Soru. Foto dalla reteStamane (e domattina) si vota in Sardegna, mi sembra quasi inutile che vi dica per chi votare (FORZA SORU!!!): facciamo così, prima che qualcuno dica che sono antiberlusconiano d’ufficio, stamane (e domattina) tifiamo contro Berlusconi, stasera tifiamo Milan, ok?

Il lecchinaggio di Safiria Leccese di Studio Aperto

Safiria Leccese. Foto dalla reteSafiria Leccese è una venduta berlusconiana.
Giornalista di Studio Aperto, sempre pronta a scattare sugli attenti e a lodare le gesta del suo mentore e a denigrare gli avversari, come poco fa quando si è scagliata contro l’uscente e futuro governatore della Sardegna, Renato Soru, reo di non averle voluto concedere un’intervista e di averla coperta di 20 minuti di insulti,

O almeno così ha raccontato le bella Safiria, che se non fosse così lecchina verso Berlusconi, sarebbe quasi perfetta.
NON VEDO L’ORA DI LEGGERE LA VERSIONE DI RENATO SORU  su quanto realmente accaduto ma intanto il fango verso il candidato del Pd alla corsa alla presidenza della Regione Sardegna, è stato buttato e Berlusconi gode!!!

Per fortuna che ora c’è la mia Benedetta Parodi e il suo super sexy "Cotto e mangiato!", così mi calmo un po’… altro che Tinto Brass!

Tutti in Piazza Farnese a Roma con Beppe e gli altri per la giustizia

Non vedo l’ora di tornare dall’ufficio, accendere la tv e mettere su Rete 4, al Tg, alle 13,30.

Così potrò vedermi la manifestazione di stamane di Roma, dove, alla fine, non sono riusciuto ad andare.
(Qui l’appello di Antonino Monteleone ad esserci, per chi ancora può; che ne dite Wilma, Tania, Nuccia, tanto per fare tre nomi a caso?)

Sono certo che il Tg diretto da Emilio Fede darà ampio spazio alla manifestazione per la Giustizia in programma dalle 09,00 in piazza Farnese.

Emilio Fede – Berlusconi – Giustizia: tre parole che legano divinamente!

Per chi non lo avesse capito ho provato a fare l’ironico, perchè quel lecchino patentato di Emilio Fede e il suo Tg satirico non dedicheranno un secondo a tale evento (al quale partecipano tra gli altri Beppe Grillo, Marco Travaglio, Sonia Alfano, Salvatore Borsellino, Antonino Monteleone, Aldo Pecora, Antonio Di Pietro,).

Forse qualcosa potrò vederla su Arcoris Tv, una tv libera, dove lo psiconano non ha messo mano e mai la metterà, ma non ho controllato.

Tutto il resto è noia: il Tg 1 forse dedicherà all’evento 15 secondi e così gli altri.

Ma non non abbiamo bisogno di loro: ormai c’è la rete, le notizie circolano lo stesso; nonostante non credo che la manifestazione sia stata promossa da qualcuno in tv, stamane in piazza Farnese ci saranno migliaia di persone.

Io non ci sarò fisicamente (porca puttana ma non c’è un aereo stamane da qualche parte?) ma sarò lì con la mia mente.

FORZA BEPPE, MARCO, ANTONINO, ALDO… RIPRENDIAMOCI L’ITALIA!!!

Quel cecato di Silvio Berlusconi

A Lampedusa si sta sfiornado la guerra civile e cosa fa il premier Berlusconi?
Invita gli immigrati ad andare al  bar a prendersi una birra, tanto sono liberi mica in carcere e poi, possono farla segnare laa birra, poi (molto poi) passa e paga lui…
Siamo alla follia più pura: lui si scialacqua tra le sue ville in Sardegna e intanto vorrebbe che la piccola Lampedusa diventasse un isola di stoccaggio di persone.

Non permetteteglielo, ditegli a Berlusocni di costruirlo vicino le sue ville in Sardegna il prossimo centro di accoglienza, ditegli di aprire gli occhi a sto cecato di merda!!!

Condividere: tutto qui!!!

Condividere. Foto dalla rete.
Sarà l’esperienza Facebook ma da qualche giorno ho iniziato a pensare che un grande verbo, un verbo che potrebbe darci una forte mano è CONDIVIDERE!

Sarebbe bello condividere senza nulla pretendere, spartire con gli amici le cose che si hanno.

Berlusconi (cliccate e leggete, trovata x caso, vi giuro cercando chessò su Google) è uno che non ha mai condiviso: ho letto che quando era studente si vendeva i temi altro che condividere.
Ha fatto sì grandi cose, ma sempre con un tornaconto personale: di certo il nostro (perchè vorrei fosse mio e vostro) verbo non gli appartiene.

Onestamente non so se nella politica italiana ci sia gente che sappia condividere e se ci sono sono nelle retrovie sopraffatti da chi, senza condividere, si è impossessato dei poteri forti, da chi, per arrivare, ha fatto patti col diavolo.

Condivedere è bello: condividere un pensiero, un’idea, una scoperta, una trovata, un’invenzione, una furbata, condivedere la tristezza, la gioia, la felicità.
Condividere sempre e comunque…

Invece c’è gente che sa le cose e se le tiene per se, e non mi rifrisco ad un pettegolezzo qualsiasi ma, chessò, ad un concorso, ad un sito internet utile, finanche ad un prodotto commericale in offerta al Quiiper o all’Esselunga.

Non lo condividono, non li fa sentire bene essere generosi col prossimo, vogliono godere solo loro e non condividono…

Persone destinate a restare sole, ad essere divise e messe a sinistra come i capri!

Marco Travaglio parla di Berlusconi

Una canzone su Berlusconi

Secondo video registrato al raduno dei responsabili dei Meetup di Beppe Grillo.

Silvio Ianni gliele canta a Berlusconi…

Obama abbronzato… oltre che giovane e bello

Ma dai!

Vi offendereste se vi dicono che siete abbronzati?

Dai… un po’ di serietà!!!

Con tanti problemi seri che ha l’Italia possibile che nessuno riesca a capire il senso dell’humor di Silviuccio?!

Dal sito di Beppe Grillo

2 Novembre 2008

La nuova P2 e le vecchie BR

video_gelli_odeon.jpg
Licio Gelli: "Solo Berlusconi può andare avanti…"

Licio Gelli: ”Se tornassero le Brigate Rosse ci sarebbero ancora piu’ stragi: il terreno e’ molto fertile perche’ le BR potrebbero trovare molti fiancheggiatori a causa della poverta’ che c’e’ nel Paese”. E’ un avviso ai naviganti? A P2, PDL, PDmenoelle e criminalità organizzata?
Gelli ha ragione, il terreno è MOLTO fertile. Le cause sono due: l’economia che farà a pezzi il nostro Paese nel 2009 con milioni di nuovi disoccupati. L’impossibilità di controllare l’informazione rispetto agli anni di piombo. Allora si uccideva Pecorelli e si stava tranquilli per un decennio. Oggi si dovrebbe mettere la mordacchia alla Rete. Ci proveranno, ma forse è troppo tardi, forse è troppo difficile.
Tanta gente, un fiume di giovani, sa tutto di Dell’Utri e di Andreotti, il condannato e il prescritto, senatori della Repubblica (una volta un titolo d’onore, oggi fa ribrezzo). La coppia ospite della trasmissione "Venerabile Italia" condotta da Gelli su Odeon TV. I ragazzi sanno chi è Gelli, sanno delle infiltrazioni dei servizi segreti nelle stragi di Stato. Sanno del depistaggio operato da Gelli nella strage di Bologna, 85 morti e 200 feriti, sentenza definitiva della Cassazione.
La pagliacciata del camion bianco di Piazza Navona e le parole di Cossiga sono i segnali di una nuova strategia della tensione. Nuova perchè non ci sono più partiti contro partiti. Ma cittadini contro politici. Basteranno gli stadi? Si dovrà interrompere il campionato per rinchiudere i manifestanti. Le BR non torneranno, i cittadini incazzati e senza futuro invece sono pronti. Quando si accorgeranno di non avere più niente da perdere, chi potrà fermarli? Gelli lo sa. I suoi migliori allievi, dallo psiconano a Cicchitto, sono al Governo. E’ come se ci fosse lui. Infatti ha chiesto il copyright sul Piano di Rinascita Democratica. Gli altri si prendono i meriti mentre lui sta rinchiuso a Villa Wanda con il grembiulino liso.
Prevenire è meglio che curare. L’esercito nelle strade sta diventando un’abitudine, come in Colombia. L’Italia del resto è la portaerei mondiale della cocaina. Il cittadino informato è un cittadino incazzato. Il cittadino informato e disoccupato può diventare un terrorista della libertà. Disinformare e occupare allo stesso tempo è un’equazione difficile da risolvere. La P2 al governo ci sta lavorando giorno e notte. Il tempo fugge e forse, tra poco, anche i piduisti. Loro non molleranno mai, noi neppure.

(Fonte: Beppegrillo.it)

Berlusconi si aggiusta i processi!!!

A Report citano i processi subiti dal calabrese Pino Masciari, che denunciò i propri estortori per finire, di fatto, ad essere lui il carcerato; ora si parla dei processi di Berlusconi fatti  slittare grazie a leggi ad hoc come la Legge Alfano, una legge che, per il primo ministro, esiste solo in Italia!!!

Dittatura, dittatura, dittatura…

Tra poco manifestazione dei sindacati (Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda) per la scuola. Raduno ore 09,00 P.za della Repubblica.

Anche il tempo atmosferico è a favore dello psiconano di Berlusconi: qui a Roma comincia a piovigginare ma ci saranno migliaia di manifestanti anche sotto la pioggia!!!

Berlusconi visto da Rino Gaetano…

Quanto ci avevi preso caro Rino, quanto…

… E dimmi…ora che succederà?!

30 anni fa, quando ancora Berlusconi doveva diventare lecchino di Bettino Craxi, Rino scriveva:

Cittadini lavoratori alle ore
diciotto il nostro
beneamato segretario sarà con noi

Ma che fortuna grazie alla luna
capofortuna stasera è con noi
ha una gran testa come uomo e una bestia
sembra immortale ma è come noi
lui è stato sempre puro come l’alito di chi
non beve e non fuma lava i denti tutti i di
profuma di roba francese e sulla camicia ha un foulard di chiffon
 

regala sorrisi distesi ai suoi elettori ai bambini bon bon
ma che fortuna capofortuna
guarda stasera con noi la tv
classe di ferro ha fatto la guerra
è tanto bello che sembra Gesù
lui è stato sempre puro come l’alito di chi
non beve e non fuma lava i denti tutti i di
 

profuma di roba francese e sulla camicia ha un foulard di chiffon
regala sorrisi distesi ai suoi elettori ai bambini bon bon
non teme ne estate ne inverno se andrà all’inferno ci andrà col gilet
 

dimentica i tuoi problemi imbarca i tuoi remi lui pensa per te
inaugura mostre e congressi autostrade e cessi ferrovie e metrò
sorride ai presenti commosso se punta sul rosso sa che vincerà
 

se gioca a tressette è campione se fuma un cannone si sente un pascià
reprime rivolte e sommosse e cura la tosse alle cinque col te
sostiene già tesi avanzate e tutta l’estate la passa in tournèe

A lavurà

Oh ma che state facendo?
Ancora a letto siete?

Ma non lo sapete che "Solo lavorandoci sopra costantemente si risolvono i problemi???!"

Suvvia giù dal letto e a lavurà!!!