Posts Tagged ‘fabio brescia’

Discarica di Santa Marina: parla il Sindaco di Scandale Fabio Brescia

Fabio Brescia: "Se ci sono dei danni per la salute o dei danni per l'ambiente, io sono disposto a dimettermi, a chiedervi scusa e a piazzare una tenda nel campo dove dovrà sorgere questa discarica".

SCANDALESulla vicenda della discarica “per rifiuti speciali non pericolosi dedicata esclusivamente allo smaltimento di rifiuti contenenti amianto” la cui realizzazione è stata autorizzata in località Santa Marina del Comune di Scandale (Crotone) in paese, ma soprattutto sui media, si è scatenato un putiferio.
 
Hanno parlato, finora, esprimendo in gran parte la propria contraddizione un po' tutti, tranne quella persona, che forse ne sa un po' più degli altri, avendo studiato, in modo approfondito la vicenda, ed avendo partecipato alle varie conferenze di servizio dalle quali è scaturita l'autorizzazione alla ditta Ecolsystema s.r.l. (ditta la cui maggioranza della proprietà è di uno scandalese e che darà lavoro tra le 10 e le 15 unità a persone di Scandale), e cioè il Sindaco del paese Fabio Brescia.
 
Abbiamo incontrato il Sindaco di Scandale al quale abbiamo rivolto una sola domanda, un po' provocatoria, dalla quale lui è partito come un fiume in piena, forse anche per sfogarsi dopo tante accuse, spesso infondate, per spiegare la sua verità che è anche la verità dei fatti almeno stando alle carte.
Sindaco perchè nessuno pare sapesse di questa discarica?
 
“Innanzitutto bisogna fare una premessa: questa vicenda ha due aspetti: uno politico, che attiene alla vita amministrativa interna all'amministrazione di Scandale ed uno invece tecnico-scientifico che riguarda la discarica.
Il progetto della discarica è stato regolarmente depositato al Comune presso l'ufficio tecnico alcuni mesi fa ed è disponibile ed accessibile a chiunque: c'è chi l'ha letto e chi non l'ha letto, come ci sono tante cose della vita dell'amministrazione che gli assessori sanno o non sanno, ci sono tante conferenze alle quali partecipa il Sindaco o il responsabile dell'ufficio tecnico di cui gli assessori o i consiglieri non sanno: c'era chi sapeva e chi non sapeva!
 
Fermo restando questo, sempre per quanto riguarda l'aspetto politico, chi ci accusa di non sapere poteva tranquillamente andare prima di tutto a leggersi le carte, poteva informarsi, poteva convocare la maggiornaza o la Giunta e confrontarsi con il Sindaco, all'interno delle istituzioni.
Se poi, da questi confronti non ne usciva soddisfatto poteva poi rivolgersi alla stampa, all'opinione pubblica; ma mi fa pensare una persona che prima esce sul giornali e poi si informa… qualche sospetto me lo pongo: infatti, se vedete sulle carte, il giornale, sul quale ha manifestato le proprie perplessità il vicesindaco, è di giorno 20 aprile, mentre la richiesta, dello stesso per avere le carte, è del 21 aprile e le carte sono state  ritirate il 24 aprile.
 
Mettiamo per ipotesi che io abbia sbagliato come sindaco, non dal punto di vista giuridico (la procedura utilizzate è la stessa che è stata utilizzata in altre vicende simili, anche a Scandale; lo stesso imprenditore nel 2000, ha avuta autorizzata un'attività di deposito di materiali edili di risulta e ceneri e fu fatta con una conferenza di servizi alla quale partecipò l'ingegnere responsabile), un vicesindaco, che ha accesso comunque a tutti gli atti, e quando ha voluto ha visionato tutte le delibere e gli atti comunali, la prima cosa che avrebbe dovuto fare, di fronte ad un problema così, sarebbe dovuta essere quella del confronto interno.

Da sx il Sindaco di Scandale, Fabio Brescia, l'Assessore alla Cultura, Rosario Rizzuto, e il ViceSindaco Patrizio Coriale

In realtà, inoltre, da quello che so io e che sanno in molti, il Coriale era a conoscenza già della discarica prima che uscisse l'articolo de Il Crotonese visto che giorni prima si era presentato dalla ditta Ecolsystema ed aveva fatto loro i complimenti per l'attività.
Infine, per chiudere l'aspetto politico della faccenda, mi occorre precisare due cose: io sono l'unico che non potrà candidarsi a Sindaco il prossimo anno e volutamente non mi candiderò in nessuna lista perchè ritengo che dopo dieci anni, anche di buona amministrazione, ci sia bisogno di un rinnovamento; io, e chi la pensa come me, ci limiteremo ad appoggiare quella lista che si distinguerà per coerenza e capacità; inoltre a nessuno sarà concesso di fare campagna elettorale alle spalle di questa amministrazione o del sottoscritto”.
 
Il Sindaco Brescia parla spedito e senza tentennamenti e sicuro del fatto suo e continua: “Ma dal punto di vista tecnico di cosa stiamo parlando?
Io non voglio sostituirmi alla ditta né la devo difendere, tecnicamente io ho partecipato a delle conferenze di servizo.
Da un punto di vista tecnico il Comune di Scandale non ha dato nessuna autorizzazione, ha dato solo un parere in una conferenza di servizi.
 
Alle prime due conferenze ho subordinato il parere del Comune di Scandale al parere di tutti gli enti interessati: Arpacal, Asp, Provincia, Regione, ecc…, solo in terza istanza, di fronte al parere favorevole di tutti gli enti interessati, che scientificamente mi hanno dimostrato che non sussiste alcun problema ed alcun danno per la salute, il sottoscritto, per una questione di coerenza, ha dato il parere favorevole che comunque, poichè nelle conferenze di servizio si decide a maggioranza, non era fondamentale mentre un parere negativo sarebbe dovuto essere motivato.
Inoltre la ditta mi ha comunicato che nei prossimi giorni ci sarà una conferenza di presentazione della discarica a tutta la cittadinanza con la presenza di tecnici qualificati, se in quella sede qualcuno mi dimostrerà che io ho sbagliato, che ci sono dei danni per la salute o dei danni per l'ambiente, io sono disposto a dimettermi, a chiedervi scusa e a piazzare una tenda nel campo dove dovrà sorgere questa discarica.
 
Il sottoscritto fa l'amministratore e non il presidente di un comitato e mentre il compito di un comitati è limitato, gli amministratori hanno l'obbligo di prendersi delle responabilità e l'onore di affrontare i problemi.
Ad esempio quando si parlerà della bonifica nella zona industriale di Crotone, se la bonifica presupporrà una discarica non si potrà essere d'accordo con la bonifica ed in disaccordo con la discarica.
Potremo discutere di che grandezza e dove farla e chi la debba gestire ma non potremmo mettere in discussione la realizzazione perchè mettere in discussione la realizzazione della discarica per la bonifica significherebbe mettere in discusione la bonifica stessa.
 
Tutti sappiamo qual è il problema dell'amianto, tutti sanno che c'è un alta percentuale di case che ha un tetto in l'eternit, che in alcuni enti pubblici sono presenti delle coibentazioni in amianto che vanno elimate, che, abusivamente, molti cittadini risolvono il problema amianto sotterrandolo in qualche terreno o buttandolo da qualche parte, quindi il problema c'è; tutto lo sanno ma bisogna anche affrontarlo.

Al centro il Sindaco di Scandale Fabio Brescia e a dx il presidente dell'associazione "Scandale nel Cuore" e blogger Iginio Pingitore. Foto Rosario Rizzuto

Lo sanno anche quelli che stanno parlando da alcuni giorni, visto che alcuni di loro per anni, sui propri blog, hanno parlato dell'abbandono dell'eternit sui terreri, denunciando la cosa anche con l'ausilio di foto e auspicando una soluzione: troppo facile dire che bisogna trovare una soluzione e poi mettersi contro la soluzione; allora affrontiamo con coerenza i problemi e troviamo le soluzioni!”.
E' chiaro e preciso il Sindaco Brescia mentre alcuni assessori, che hanno assistito alla nostra chiaccherata chiosano: “Perchè il vicesindaco Coriale ha chiesto le dimissioni di tutti i consiglieri e lui non si è dimesso?”.

ROSARIO RIZZUTO

Informarsi prima di parlare: nessun, ripeto, nessun pericolo dalla discarica di Santa Marina

L'appuntamento è per le 10,05, in via Puccini, la seconda via più importante di Scandale.
Quì, e non su un'isola sconosciuta del Pacifico, ci sono gli uffici della ditta Ecolsystema, il cui socio di maggioranza è un giovane imprenditore di Scandale, Tonio Trivieri, che ha avuto autorizzata una discarica per rifiuti speciali non pericolosi contenenti amianto (praticamente il tanto famoso eternit) in località Santa Marina, vicino la frazione Corazzo.

Si sta facendo un grande parlare, in questi giorni, di questa discarica, sulla stampa, in televisione, in paese.

La mappa della discarica di Santa Marina di Scandale. Foto Rosario Rizzuto

Ognuno dice la sua, quasi tutti, al momento, sono contro la discarica ma in pochi si sono letti le carte.
E se a parlare male di questa discarica è un comune cittadino che non sa, ancora, di cosa si tratta, ci può anche stare (contro l'ignoranza non sono state ancora inventate medicine) ma se a farlo, pensando di diventare il paladino della giustizia, come di fatto lo è stato in tante altre occasioni (ma non in questa) oppure per finalità politiche, è il giornalista Gaetano Megna, il pungiglione, di Tele Diogene, creando falsi allarmismi, allora la cosa è grave.

Entro negli uffici ed incontro l'ingegnere Francesco Aversa, tornato da Reggio Emilia su richiesta di Tonio Trivieri, per lanciarsi in questa avventura.
Francesco tra qualche mese diverrà papà (e non credo voglia un paese, dove si muore, per suo figlio) e mentre scrivo dovrebbe trovarsi a Roma per organizzare la conferenza che si terrà a breve a Scandale per spiegare alla cittadinanza, soprattutto a chi non ha capito o non vuole capire, cos'è la discarica di Santa Marina, di cosa si tratta.

Sezione materiali che compongono la discarica di Santa Marina di Scandale. Foto Rosario Rizzuto

Lo dico subito per non essere equivoco, come sta facendo qualche collega di blog o anche qualche collega politico, Rosario Rizzuto, dopo essersi letto le carte ed aver parlato con chi sa di cosa si tratta, E' FAVOREVOLE ALLA DISCARICA DI SANTA MARINA.

Il pericolo amianto, cari concittadini, ce l'avete sopra la testa, vicino casa vostra, nelle terre dove, gente pericolosa ed ignorante che meriterebbe il carcere a vita, ha sappellito l'eternit senza alcuna precauzione, negli uffici: l'amianto è dappertutto, dove manco arrivate ad immaginare.

Un tetto di eternit non trattato a Scandale. Foto Rosario Rizzuto col cellulare

Con l'amianto ci abbiamo costruito case, serbatoi dell'acqua, c'è amianto nei thermos, nei caschi dei parrucchieri.
I tetti di moltissime case di Scandale sono coperti di eternit e quindi di cemento-amianto, la maggior parte di questi non sono stati trattati sul posto e quindi sono friabili e pericolosissimi: sta qui il vero problema non in una discarica autorizzata (ma, è bene precisarlo, non dal Sindaco di Scandale Fabio Brescia), tra gli altri, da Regione  Calabria, Arpacal e Asp.

Dopo pochi minuti arrivano Pietro e poi Tonio Trivieri.

Foto sondaggi terreno a Santa Marina di Scandale.

Tonio è scoraggiato, per le tante polemiche, ma battagliero, lui, e forse solo lui e pochi altri, sanno quello di cui si parla tanto a Scandale e come stanno le cose e tutte queste parole inutili lo hanno un po' fiaccato, ma va avanti per la sua strada.
Ha una gran fede Tonio e mette le mani avanti: "Se quello che ho realizzato è un male e fa male che le cose più brutte di questa terra colpiscano prima la mia famiglia!" e non è la solita battuta di chi venderebbe anche la madre per un centesimo ma lo pensa davvero e glielo leggo negli occhi.

Dopo questa affermazione potrei chiudere qui il pezzo e lasciare a chi ha orecchie per intendere le conclusioni ma credo di avere ancora molto da dire perchè onestamente mi sono rotto i coglioni a leggere, sui vari blog e giornali, post e commenti idioti, scritti da persone ignoranti (da ignorare) che parlano per fini poltici, per distruggere, per invidia…

Alla fine a pochi interessa davvero la salute dei cittadini, qui c'è più di una persona che sta cercando di costruire, sulla discarica di Santa Marina, la propria campagna elettorale per le prossime elezioni comunali, ma ancora non si è reso conto della grande cantonata che sta prendendo.

Ma la gente di Scandale non è stupida. La gente di Scandale non si fa abbindolare.
Basta essere chiari, basta spiegare le cose come stanno MA DICENDO LA VERITA', chi sta raccontando bugie in giro ne pagherà le conseguenze.

Rosario Rizzuto è favorevole alla discarica di Santa Marina perchè ha capito che il pericolo amianto è intorno a noi e non se è interrato in una discarica super controllata.

Tonio Trivieri è un imprenditore e su questo progetto ci sta lavorando da tre anni ed ha investito dei bei soldini.
Tonio Trivieri ha perso la mamma per un male incurabile.
Tonio Trivieri non è un pazzo.
Tonio Trivieri sta cercando di realizzare qualcosa di positivo per Scandale anche se questo non è ancora visibile agli occhi di tutti.

Tonio Trivieri non ha creato un qualcosa per fare business (tra i vicini della discarica di Santa Marina c'è un allevamento di struzzi fallito: chi lo realizzò è di Scandale, le conclusioni le lascio a voi!!!).
Se Tonio avesse voluto solo far soldi, li avrebbe già fatti: la Ecolsystema, il giorno dopo aver ottenuto l'autorizzazione della Regione, è stata fatta oggetto di numerose richieste di multinazionali per l'acquisto della discarica: TONIO NON HA VENDUTO anche per non lasciare il suo gioiellino in mano a gente senza scrupoli che magari davvero avrebbero portato a Santa Marina l'amianto chissà da dove.

Infatti non corrisponde nemmeno al vero la bugia, fatta girare ad arte in paese, che a Santa Marina arriverà l'amianto di mezza Italia e, chissà, anche dall'estero.
La discarica di Santa Marina è una piccola discarica, come si può leggere nel primo articolo pubblicato sul Crotonese (e scritto da una nota ambientalista, Maria Rosaria Paluccio), che molto probabilmente non potrà contenere nemmeno tutto l'eternit della Provincia di Crotone.

Un tetto di eternit messo in sicurezza (provvisoria) a Scandale. Foto Rosario Rizzuto col cellulare.

Tonio non vuole fare business sporco, per questo ha già rifiutato un appalto ministeriale che voleva portare a Santa Marina i rifiuti contenenti eternit delle case crollate dell'Aquila: sarebbero stati soldi a palate MA TONIO HA DETTO ANCHE QUESTA VOLTA DI NO!!!

Cari compaesani possibile che siete così cechi? Possibili che non riuscite a vedere dove sta il bene e dove sta il male?

Non riesco a seguire tutti i dati che mi irrogano Francesco Aversa, Tonio e Pietro Trivieri, a volte mi perdo nei miei pensieri e mi distraggo per guardarli negli occhi.
Sono persone di Scandale, ragazzi più o meno della mia età, con Francesco Aversa ci siamo, in parte, cresciuti assieme anche se poi lo avevo perso di vista… li guardo negli occhi e leggo SOLO SINCERITA', io, Rosario Rizzuto, voglio fidarmi.

Finiamola di volere tutte le comodità e di non accettarne le conseguenze, finialmola di essere invidiosi di chi sta cercando di fare qualcosa sicuramente per sè, ma anche per il paese; leggiamoci le carte, cerchiamo di capire, usciamo dalla nostra atavica ignoranza, ragioniamo per il bene della gente della nostra comunità e non per fini politici.

Vi risparmio i dettagli tecnici, vi dico solo che la discarica di Santa Marina sarà super controllata e super vigilita, che neanche uno spillo può entrare, o uscire, senza essere controllato, che sarà collegata con telecamere con le forze dell'ordine, un vero bunker.

L'argilla blu presente in grande quantità sotto i terreni di Santa Marina dove nascerà la discarica di eternit.

Che sotto la discarica ci sono metri e metri di argilla blu dalla quale non filtra nulla e che non ci sono falde acquifere, per questo è stata localizzata a Santa Marina.
Per quanto vi possa fare schifo, anche la pipì dei dipendenti non andrà in fogna ma dovrà essere raccolta e smaltita da una ditta specializzata: dalla centrale non uscirà nulla e vi entrerà eternit già imballato e che viene lavorato altrove.

Fuori dalla recinzione della discarica è possibile coltivare i pomodori biologici, la discarica di Santa Marina, quindi, non è pericolosa, non conterrà rifiuti pericolosi, non decimerà Scandale ma sarà solo positiva per Scandale…
LASCIATELI LAVORARE!!!

Ah, dimenticavo, Rosario Rizzuto per fare questo post non ha ricevuto nemmeno un centesimo nè alcuna promessa di alcunchè!!!

I Luminari di Scandale: l'articolo

Un successo di pubblico che è andato al di là di ogni più rosea previsione.

La serata della vigilia di San Giuseppe, durante la quale a Scandale si accendono i Luminari, è stata davvero una gran bella serata.

La novità di quest’anno, in un certo senso, era la prima volta di un Luminario della Pro Loco presieduta da Teresa De Paola e il Luminario di via Resistenza (al quale hanno collaborato molti degli abitanti della zona) ha fatto il botto.

Centinaia e centinaia di persone si sono riversati nell’ex campo da tennis al cui esterno, intorno alle 20,00, come da tradizione, è stato acceso il grande fuoco, per gustare le prelibatezze preparate dalle mai stanche signore della Pro Loco di Scandale.

Luminari Scandale 2010

Mangiare Pro Loco ormai è diventata una tradizione: alla ormai classica Sagra del Fico d’India di settembre quest’anno si sono già aggiunti la Sagra del Maiale a Gennaio ed ora i Luminari e non sappiamo ancora che altre sorprese ci riserverà l’associazione del vice presidente Gianni Scalise nel proseguo dell’anno.

Contemporaneamente al fuoco di via Resistenza (dopo l’accensione del quale suor Giuseppina ha recitato insieme ai bambini ed alle persone presenti una stazione del rosario) ne sono stati accesi altri in altre zone del paese come quello di via Magna Grecia realizzato da Nicola Galasso ed alcuni amici o quello nei pressi di piazza St. Georgen il cui promotore è stato Pino Valente.

Senza dimenticare il Luminario all’ingresso del paese acceso da Sarino Sellaro e quello in piazza  San Francesco realizzato dalla Parrocchia in collaborazione con l’Unitalsi tanto per citare quelli a noi conosciuti.
 

Un Luminario è stato acceso anche nel Villaggio della frazione Corazzo organizzato dall’associazione presente nella frazione scandalese presieduta da Valentino Castagnino il quale, terminata la festa a Corazzo, si è recato in paese, dove ha raggiunto i compagni dell’Us Scandale, al Luminario della Pro Loco, per far festa fino a tardi, un modo anche per festeggiare i successi delle ultime giornate della squadra.

L’Amministrazione Comunale non ha realizzato un proprio Luminario ma ha concesso un contributo di 100 euro ai responsabili di quelli realizzati che ne hanno fatto richiesta.

Luminari Scandale 2010

Alcuni fuochi sono stati più a livello familiare ma visitati da tante persone che si sono fatti il giro di tutti i fuochi presenti in paese, ma in questo 2010 la vera sorpresa è stato quello realizzato dalla Pro Loco.

Di fatto il fuoco dedicato a San Giuseppe alla fine è stato solo un pretesto e il fatto che esso fosse all’esterno dell’ex campo da tennis ha fatto sì che fosse un po’ “lontano” dalle gente in altre faccende affaccendate.

Infatti in via Resistenza le persone sono state attratte dalle tavolate preparate dalla Pro Loco che ha dispensato di tutto e dalla musica di Totò Marino di Mesoraca che ha tenuto la gente in allegria fino ad oltre la una di notte.

Oltre al tradizionale cumvitu (pasta e ceci preparata un po’ piccante), tipico di questa festa, per preparare il quale sono stati usati 20 chili di pasta e 20 chili di ceci, solo al Luminario della Pro Loco, la gente intervenuta (qualcuno pare che non avesse mangiato tutto il giorno per potersi dare alla pazza gioia in serata!) ha fatto fuori 34 chili di spezzatino, 700 panini farciti in vari modi, tanti vassoi di vari prodotti tipici, dolci e frutta a volontà e poi, dulcis in fundo, sono stati preparati dal vivo i crustuli.

E di gente, come dicevamo, ce n’era tanta (addirittura è stato notato anche il sindaco Brescia e quasi tutta la Giunta Comunale di solito restia alle varie manifestazioni organizzate in paese!): abbiamo visto persone arrivate da Crotone, San Mauro Marchesato, Santa Severina, Mesoraca ma la cosa più bella è stata che anche alcuni emigrati sia quelli che lavorano al nord d’Italia ma anche alcuni residenti in Germania sono tornati in paese approfittando di questa tradizione tanto sentita a Scandale.

Inoltre al Luminario di via Resistenza ha collaborato anche la società calcistica dell’Us Scandale (che la presidentessa De Paola ci ha tenuto a ringraziare per quanto fatto) presente quasi al completo sia con i calciatori locali ma anche con quelli provenienti da Crotone con rispettive consorti e figli ed anche il presidente Marazzita, mister Drammis ma anche l’allenatore di due stagioni fa Luigi Villaverde.

Alcuni giocatori e il presidente hanno fatto molto tardi, alcune cronache raccontano che ancora dopo l’una di notte erano nell’ex campo da tennis a cantare insieme con Totò Marino e pare che anche il presidente Marazzita si sia fatto prendere dalla vena canora.

Totò Marino è stato molto bravo e seguito, ad un certo punto sono arrivati in piazza alcuni componenti della Pro Loco, alcuni bambini e alcuni ragazzi ospiti a Villa Condoleo, vestiti in abito tipico che si sono messi a ballare (seguiti anche dalla presidentessa De Paola) animando la piazza mentre più tardi un bambino, Nico Bitonti, ha cantato, ricevendo molti applausi, una canzone dello stesso Marino conosciuto da molti in paese.

Luminari Scandale 2010

Insomma tanto sano e buon divertimento.


Ma anche negli altri luminari la gente presente si è divertita.

Al Luminario di via Magna Grecia, dal quale si godeva una vista sublime, con Santa Severina illuminata (da Scandale si vede ad occhio nudo il castello) e tutti i paesini sul quel versante con tanti luci colorate, si sono ritrovati alcuni componenti della Banda “Gaudiosi di Maria” di Scandale, alcuni dei quali provenienti anche da altri paesi insieme con il loro maestro Franco Pignataro di San Mauro Marchesato: anche qui mangiare a volontà e sul finire crustuli per tutti.

Molto caldo il Luminario realizzato da Pino Valente con mangiare e dolci per tutti e alcuni presenti che si sono divertiti col Karaoke.

All’ingresso del paese, arrivando da Crotone, ha fatto bella mostra di sé il fuoco realizzato da Sarino Sellaro ed altri amici al quale hanno aderito un centinaio di persone: segnalate alcune presente anche da San Giovanni in fiore con alcuni musicisti che hanno animato la serata.

Il nostro giro, prima di tornare al Luminario della Pro Loco, è terminato in piazza San Francesco: qui la gente si è divertita con la musica del neonato gruppo locale “The Kings (composto da sette ragazzi di Scandale: Vincenzo Carvelli, Filippo Liberti, Salvatore Lucà, Giuseppe Pallone, Ippolito Pingitore, Marco Pingitore e Salvatore Pingitore) nella caratteristica piazza che ha come sfondo la chiesa dell’Addolorata e il palazzo dei Baroni Drammis.

Luminari Scandale 2010 kings

Una festa speciale per Scandale e per quanti sono intervenuti dai paesi limitrofi, per gli emigrati tornati in paese per l’occasione, in amicizia e fratellanza, lasciando per una sera da parti i problemi di tutti i giorni.

Ci vorrebbero un po’ più spesso serate così!
[Rosario Rizzuto]
* L'articolo è stato pubblicato nell'intera pagina 18 del Crotonese di Sabato 20 Marzo 2010.

E questi alcuni video (la qualità non è il massimo) realizzati al Luminario della Pro Loco:

 

Un marciapiede al posto del 'Muretto dei vagabondi'. Ecco le foto per Syria99

Un’amica e-lettrice sul box messaggi ("Potresti gentilmente farci vedere le foto del muretto dei vagabondi come è diventato. Grazie mille Rosario.") mi ha chiesto di farle vedere come sono venuti i lavori a Scandale dove prima c’era il ‘Muretto dei vagabondi’.

Era questa l’idea di blog che ho avuto sin da l’inizio e quindi, ad una delle poche richieste che mi è pervenuta, non potevo che rispondere subito.
Ecco quindi due foto del nuovo tratto di marciapiede scandalese (intanto i lavori proseguono e sono arrivati all’altezza della casa della profesoressa Marisa Giovinazzi) realizzato dall’Amministrazione comunale, guidata da Fabio Brescia, al posto del pericoloso e pericolante ‘Muretto dei vagabondi’ al bivio di Scandale.

Il nuovo tratto di marciapiede di Scandale sorto dopo aver abbattuto il pericolante "Muretto dei vagabondi". Foto Rosario Rizzuto
Volevo far notare che, quando sono iniziati i lavori di questa piccola opera, qualcuno, su queste pagine, è stato capace di criticare anche quest’opera.
E sapete bene di chi si possa trattare!!!
Un tratto del nuovo marciapiede al bivio di Scandale. Foto Rosario Rizzuto
Forse avrebbero voluto che ci scappasse il morto (per l’eventuale caduta del muretto o per un investimento da parte di qualche automobile sempre più frettolosa, vista la strada stretta) per poi criticare l’amministrazione.
Invece, come spesso avviene da quando c’è Fabio al Comune, abbiamo anticipato il tutto, ed ora il bivio di Scandale è più bello ma soprattutto più sicuro!

Consiglio comunale veloce per salutare Totò Audia

SCANDALE – Scandale è in lutto per i funerali del fotografo-scrittore Totò Audia ma sabato 30 gennaio 2010 il Consiglio Comunale si deve tenere necessariamente.
Si respira un’aria irreale nella Sala Consiliare con la necessità di dover far presto per permettere ai consiglieri di mostrare la propria vicinanza alla famiglia Audia.
All’appello della segretaria Stefania Tutino non rispondono i soliti due Riolo, Giuseppe e Vittorio, e Chiaravalloti per la minoranza e Giuseppe Lettieri per la maggioranza.
Approvato all’unanimità il verbale della seduta precedente, il sindaco Fabio Brescia illustra il secondo punto all’ordine del giorno: “Approvazione Statuto unione dei Comuni della Valle del Neto”.
Un accordo tra i comuni di: Belvedere Spinello, Casabona, Rocca di Neto, Santa Severina, Scandale e Strongoli per realizzare, tra le altre cose, servizi in comune o accedere a finanziamenti.
L’accordo è a tempo indeterminato ma qualunque dei sei comuni può recedere in qualsiasi momento passando per il proprio Consiglio Comunale.
La sede di rappresentanza dell’Unione è fissata a Santa Severina, quella amministrativa a Rocca di Neto.
L'Assessore Filippo Lettieri presente al Consiglio Comunale di sabato 30 Gennaio 2010. Foto archivio Rosario Rizzuto
Gli organismi del nuovo “Ente” sono: il Consiglio (formato dai sindaci e da due consiglieri di ognuno dei sei comune ), la Giunta (formata dai sindaci o dai loro delegati che non possono però essere gli assessori dei comuni) e il Presidente (scelto tra i sindaci dei comuni che la compongono e che dura in carica un anno ad eccezione del primo che dura in carica due anni).
Dopo la relazione del sindaco Brescia il Consiglio Comunale approva all’unanimità con immediata esecutibilità.Il Consigliere Comunale Giuseppe Bennici presente al Consiglio Comunale del 30.01.2010. Foto archivio Rosario Rizzuto
Anche il terzo punto all’o.d.g.: “Esame iniziativa Sungrid Spa – Gruppo Terna – per realizzare un impianto fotovoltaico nel territorio comunale (sottostazione località Santa Domenica)” passa all’unanimità e con immediata esecutibilità.
Fabio Brescia spiega come in ogni sottostazione gestita dal gruppo Terna è prevista la realizzazione di piccoli impianti fotovoltaici; quello di Scandale prevede la produzione di 1 Megawatt e 13 di energia (quasi nulla in confronto agli 850 Megawatt della vicina centrale turbogas).
Oltre alla ricaduta occupazionale della fase realizzativa, lo sfruttamento del piccolo impianto non prevede royalties ad eccezione della realizzazione di un’opera, da parte di Terna, per il Comune che la ospita, opera che il comune di Scandale ha già individuato e che sarà illustrata successivamente.
Mentre il feretro di Totò Audia passa nelle vicinanze del Comune, il Consiglio approva sempre all’unanimità e con immediata esecutibilità l’ultimo punto: “Integrazione e rettifica deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 31.07.2009” ossia la specificazione, da parte delle ditte che hanno chiesto la realizzazione di impianti eolici nel territorio di Scandale, delle particelle su cui questi impianti devono sorgere.
Alle 15,35 viene chiuso il consiglio  giusto in tempo per “accompagnare” lo scrittore scandalese Totò Audia nel suo ultimo viaggio nel paese che lui ha tanto amato.

ROSARIO RIZZUTO

Oggi a Scandale Consiglio Comunale alle 15,00

Si terrà oggi alle 15,00, presso la Sala Consiliare del Comune di Scandale un Consiglio Comunale convocato in sessione straordinaria ed urgente dal Sindaco Fabio Brescia.

La seduta è pubblica e la seconda convocazione, in caso di prima adunanza deserta, è prevista per le 17,00 di lunedì 01 Febbraio 2010.

Questo l’Ordine del Giorno:

  1. Approvazione verbale seduta precedente,
  2. Approvazione Statuto Unione dei Comuni Valle del Neto,
  3. Esame iniziativa Sungrid S.p.A. – Gruppo Terna – per realizzazione impianto fotovoltaico nel territorio comunale (sottostazione località Santa Domenica),
  4. Integrazione e rettifica deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 31 Luglio 2009.

Consiglio Comunale di Scandale: ricapitalizzata l'Akros, condono Ici approvato

SCANDALE – Ultimo consiglio comunale del 2009 a Scandale il 30 dicembre 2009.

Convocati dal sindaco Brescia si sono ritrovati nell’aula consiliare gli amministratori del paese per discutere i 6 punti all’ordine del giorno.

All’appello della vice segretaria (la segretaria Stefania Tunino era assente, forse per la prima volta ad un Consiglio da quando lavora a Scandale, per impegni personali) Maria Castagnaro risultavano assenti: Filippo Lettieri ed Antonio Grande (che poi arriverà durante la discussione del sesto ed ultimo punto) per la maggioranza, Vincenzo Chiaravalloti ed i soliti Vittorio (subentrato a Barberio non ha ancora fatto il proprio debutto in sala) e Giuseppe Riolo per la minoranza.

Adunanza valida e il sindaco, con funzioni anche di presidente del Consiglio comunale, Fabio Brescia, procedeva al voto per approvazione del verbale della seduta precedente che veniva approvato con l’astensione di Vasovino.

Si passava al “Patto antiracket: adesione ed autorizzazione al Sindaco alla sottoscrizione”.

Dopo la spiegazione del punto da parte del sindaco, come era ovvio che fosse, il punto veniva approvato all’unanimità con immediata esecutibilità.

Così era anche per il terzo punto: riapertura condono Ici anni 2004-2008, che permetterà ai cittadini di Scandale che non siano in ordine con la tassa comunale di pagare il proprio debito con il Comune, presentando domanda entro il 30 settembre 2010, senza sanzioni ed interessi.

Al quarto punto: “Ratifica deliberazione Giunta Comunale del 24 novembre 2009” che riguarda alcune variazioni di bilancio resesi necessarie per alcuni interventi amministrativi o per nuove entrate o nuove spese, come un aumento di quelle postali, non previste, il consigliere Vasovino votava contro ma il punto passava col voto di tutti gli altri consiglieri, compreso quello dell’altro consigliere di opposizione presente in aula, Antonio (detto Ugo) Scaramuzzino e diventava immediatamente esecutibile.

Il quinto punto riguardava la presa d’atto della nota della Corte dei Conti 655/09: il sindaco spiegava come alla gran parte degli appunti fatti dalla Corte dei Conti si era già risposto e che per lo più riguardavano aspetti formali e di poco conto infatti il consiglio prendeva atto all’unanimità.

Si arrivava così al sesto ed ultimo punto all’o.d.g.: “Esame proposta per adesione alla ricapitalizzazione dell’Akros”.

Fabio Brescia spiegava che nonostante i problemi con la società che raccoglie i rifiuti siano tanti (e che presto potrebbero portare ad una scissione del contratto) per via di alcune inadempienze da parte di Akros nei confronti del Comune di Scandale (che a sua volta ha dei debiti con la citata società), non se la sentiva di non far partecipare il proprio Comune a questo tentativo di salvare l’azienda del presidente Antonio Barberio e così il Comune di Scandale ha previsto uno stanziamento di 11.600 euro pari all’1,116% del capitale che è la quota appunto detenuta in Akros dal Comune collinare crotonese.

Anche questo punto passava all’unanimità e con immediata esecutibilità, dopo di che i presenti si scambiavano gli auguri per un radioso 2010 e il Consiglio veniva sciolto dandosi appuntamento nel nuovo anno.

ROSARIO RIZZUTO

Serata magica al Concorso di Poesia 'Don Renato Cosentini'. Premiati i vincitori

Alcuni bambini vicino la gigantografia di Don Renato Cosentini. Foto Rosario Rizzuto

SCANDALE Don Renato continua ad attirare a sé i bambini anche ora che non c’è più, così, anche se non era previsto, visto l’enorme afflusso di persone intervenute alla premiazione per il Primo Concorso di Poesia Don Renato Cosentini, molti dei bambini presenti sono stati sistemati sotto il palco vicino, appunto, alle due gigantografie del parroco per antonomasia del Comune di Scandale.

E’ stato un successo la manifestazione svoltasi domenica 20 dicembre nell’auditorium della Scuola Primaria di Scandale.

Il concorso, ideato dall’Assessore alla Cultura Rosario Rizzuto e realizzato dallo stesso assessorato in collaborazione con la Pro Loco di Scandale e con il contributo della Banca di Credito Cooperativo di Scandale, è stato inserito nell’ambito del programma del “Natale a Scandale 2009”  proposto dall’Amministrazione Comunale di Scandale insieme alla Pro Loco ed in collaborazione, per quanto riguarda il CantaScandale, in programma sabato 26 dicembre,  con l’Associazione “Musica x Sempre” presieduta da Gianni Carvelli.

La presidentessa della Pro Loco nonchè peresentatrice della serata, Teresa De Paola. Foto Rosario Rizzuto

La manifestazione è stata magistralmente presentata dalla stessa presidentessa della Pro Loco, Teresa De Paola, sempre più a suo agio in questo ruolo dopo le tante esperienze maturate, che ci ha tenuto a ringraziare l’Amministrazione Comunale guidata da Fabio Brescia e la Banca di Credito Cooperativo di Scandale per la collaborazione data.

La giuria era composta da: Iginio Carvelli (presidente), Ida Ceraudo, Cataldo Nigro, Francesca Nocera e Nicola Paparo (non presente alla serata per problemi di salute).

La giuria con la presentatrice. Foto Rosario Rizzuto

La manifestazione, spente le luci in sala, si è aperta con un bellissimo video, realizzato da Claudio Scalise, Teresa Scalise  e Teresa De Paola, con foto storiche di Don Renato intervallate da alcune frasi estrapolate dalle poesie del concorso dedicate a Don Renato e come sottofondo due brani dei “No Face”, gruppo musicale di Scandale.

Durante la serata ci sono stati gli interventi del parroco di Scandale, Don Antonio Buccarelli, dell’Assessore alla Cultura Rosario Rizzuto, del Consigliere Provinciale, Antonio Barberio, del presidente di giuria, Iginio Carvelli (che ha sottolineato le bontà di Don Renato e la memoria corta degli scandalesi), del Dirigente Scolastico delle scuole di Villa Condoleo, Enzo Franco, della Vice Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Scandale, Lucia Polito, delle “figlie” di Don Renato, Caterina Gallo (che non è riuscita a trattenere le lacrime nel ricordare il suo “papà” e che ha commosso tutta la sala) e Maria Rosa Salerno.

Il mio intervento. Foto  Claudio Scalise

Durante la manifestazione è stata letta (da Adriana Scaramuzzino) una poesia (“Va’ anziano Prete”) scritta qualche tempo fa dallo scrittore di Scandale e grande amico di Don Renato, Gino Scalise, e una mail (letta da Valentina Barretta) inviata dal sacerdote di Scandale Simone Scaramuzzino  (frutto del ministero sacerdotale di Don Renato) trattenuto a Roma dai suoi impegni sacerdotali.

Inoltre proprio mentre la serata era in corso è arrivata agli organizzatori un poesia anonima molto bella che è stata esposta al pubblico da Teresa Scalise.

Teresa De Paola, infine, ha proposto un’intervista fatta a Don Renato da Iginio Carvelli pubblicata nel libro di quest’ultimo “Scende la Sera”.

Prima di proclamare i vincitori, è stato dato un attestato a tutti i 63 partecipanti: 27 per la categoria  A, 29 per la B e 7 per la C.

Antonio Rizzuto dopo aver ritirato l'attestato di partecipazione. Foto Rosario Rizzuto

Ai vincitori sono state consegnati una targa e il libro, di Dario Coriale e Simone Arminio, “Nè Santi né Eroi”.

Inoltre ai primi classificati delle tre categorie e al secondo della categoria C è stato consegnato anche un premio in denaro.

La vincitrice della Sezione A. Rosy Pavone. Foto Rosario Rizzuto

Questi i vincitori: Sezione A: Rosy Pavone  (che ha proposto l’unica poesia in vernacolo scrivendo un testo molto divertente che ha fatto ridere tutta la sala), Badar Mourchid e Alessio Scalise;

Il vincitore della Sezione B: Akhere Uwaghale. Foto Rosario Rizzuto

Sezione B: Akhere Uwaghale (un ragazzo di colore ospite a Villa Condoleo che ha scritto una poesia davvero commovente), Maria Sofia Squillace (premi ritirati dalla mamma) e Stella Orsino; Sezione C: Antonio Franco, Roberta Tassi e Francesca Barberio.

Il vincitore della Sezione C, Antonio Franco. Foto Rosario Rizzuto

Non ho mai immaginato – ci dice l’Assessore alla Cultura di Scandale, Rosario Rizzuto - anche nelle più rosee aspettative, una manifestazione così riuscita.

Non posso che ringraziare la qualificata giuria per il grande lavoro svolto che ho portato alla ribalta 9 splendide poesie.

Ringrazio tutta la Pro Loco (Teresa De Paola, Adriana Scaramuzzino, Tommaso De Paola, la famiglia Scalise (Gianni, Rosa, Teresa, Claudio, Emilio [riesce a collaborare più Emilio dall'estero che tanta gente che è qui a Scandale], la famiglia Bitonti [Teresa, Rosetta,  Tonino e Sandro Ritelli], Enzo Marino e la moglie Anna Maria che hanno realizzato tutta la parte tipografica, Franchino Clemeno, Franco Mollura, le sorelle Barretta (Valentina e Alessia), Salvatore Castagna, Antonio Marino.

Un grazie anche ai collaboratori scolastici che hanno collaborato: Domenico Bruno e Mariano Drammis e soprattutto a tutti i 63 partecipanti che hanno dato vita a questo concorso.

Don Renato merita questo ed altro e sono contento e soddisfatto di aver ideato questo concorso per ricordare il parroco per antonomasia di Scandale. Nonostante tanta cattiveria ed invidia scopro, ma non avevo dubbi, che Don Renato è stato ed è tanto amato. Lui ha dato tutto per Scandale e per i suoi bambini, credo che Scandale abbia un debito grande con il prete del Condoleo e ora abbiamo cominciato a pagarlo. Ma questo è solo l’inizio!”.

Questi tutti i partecipanti: Sezione A: Luisa De Pasquale, Maria Chiara Toscano, Alessio Scalise, Luca Ruggiero, Simona Lettieri, Badar Mourchid. Ilaria Castagna, Andrea Gallello, Marta Vasovino, Matteo Scalise, Maria Teresa Ester Brescia, Rossana Rizzuto, Leonardo Rizzuto, Daniele Rizzuto, Mario Riolo, Nicolas Lucanto, Serena Rullo, Marco Giovinazzi, Laura Bennici, Domenico Bitonti, Rosy Pavone, Luigi Nigro, Rosario Carvelli, Carla Assunta Brescia, Alessandro Salvatore Rizzuto, Cosmin Marasac, Marco Lettieri; Sezione B: Irene Augenti, Akhere Uwaghale, Stella Orsino, Tommaso Garofalo, Antonio Lonetto, Teresa Caprella, Lusia Cirillo, Giuseppe Raimondo, Kamila Kalinowska, Maria Raimondo, Alessia Simbari, Roberta Barberio, Maria Sofia Squillace, Katia Bitonti, Andrea Pascuzzi, Lodovico Ratta, Antonella Garieri, Francesco Vona, Rosa Vona, Debora Corabi, Amedeo Marazzita, Anna Carvelli, Antonio Rizzuto, Valentina Galasso, Valeria Rizzuto, Silvia Tahiri, Esmeralda Tahiri, Elena Paletta, Morchid Fouzia; Sezione C: Domenica Assunta Ierardi, Luigi De Biase, Roberta Tassi, Antonio Franco, Domenica Bomparola, Francesca Barberio, Renata Maria Rizzuto.

  • Le foto di Rosario Rizzuto sulla manifestazione le trovate cliccando qui.

Qui di seguito, invece, alcuni brevi video della serata:

Quindici donne di Scandale al servizio degli anziani del paese

Il blogger Rosario RizzutoEcco l’articolo che in tanti (uno solo…, uno solo…) aspettavano.
Ecco i nomi, pubblici ma allo stesso tempo misteriosi e nascosti, delle 15 donne di Scandale che sono state selezionate dalla Copross di Crotone per lavorare alcuni mesi al servizio degli anziani del paese.

Ora, anonimo di merda, che sai i nomi (ma li sapevi già prima dì la verità?) che farai?
Scriverai che sono state commesse delle ingiustizie?, che è stata selezionata questa donna invece di quell’altra?, che Maria Riolo non doveva essere selezionata perchè moglie di un consigliere? Era per questo che volevi i  nomi, vero? Per denigrare ancora una volta questa amministrazione?
Ma non ho capito, il fatto di essere amministratore dovrebbe diventare uno svantaggio? Non dico essere un vantaggio, Dio ce ne liberi, ma addirittura diventare uno svantaggio non m sembra giusto.

Che ne sai tu, anonimo di merda,incapace di firmare una legittima richiesta, dei problemi della gente?

Eccoti i famosi nomi, ora TOCCA A TE!

La popolazione mondiale, dicono le statistiche, va invecchiando, non sfugge a questa regola la piccola comunità di Scandale (Crotone).

Anzi, nel paese collinare crotonese, a causa della sempre presente emigrazione e della partenza dei nuclei familiari giovani o di uomini, è più evidente questa situazione.

Sempre più anziani, sempre più disagianti e con poche persone nella possibilità di occuparsi di loro.

Anche per questo motivo il Comune di Scandale alcuni mesi fa ha presentato alla Regione Calabria un progetto di assistenza domiciliare agli anziani che è stato finanziato dall’ente regionale ed affidato dal Comune al Co.Pro.S.S. (Consorzio Provinciale per i Servizi Sociali).

L’obiettivo del progetto gestito dal Copross si prefigge un miglioramento della vita di quelle persone che fino a qualche anno fa erano il fulcro della società scandalese e che ora, raggiunta, la tarda età, non è giusto abbandonare.

La tutor del progetto, Francesca Sculco. Foto Rosario RizzutoLa tutor del progetto è Francesca Sculco mentre il collegamento con l’amministrazione è garantito dall’assessore all’urbanistica Filippo Lettieri.

“Il servizio di assistenza domiciliare – ci spiega la tutor Francesca Sculco – prevede l’erogazione di borse lavoro a donne residenti nel Comune di Scandale appartenenti a categorie svantaggiate.

La tipologia delle prestazioni da realizzare riguarda la cura dell’igiene personale, l’aiuto nel governo dell’alloggio e nelle attività domestiche”.

Quindici le donne di Scandale e della frazione Corazzo selezionate dal Copross e chiamate ad aiutare le decine e decine (quasi 150) di anziani che hanno presentato la domanda per avere l’assistenza.

Una delle borsiste, Teresa Scalise. Foto archivio Rosario RizzutoSi tratta di: Francesca Barberio, Antonietta Bevilacqua, Domenica Bomparola, Filomena Carvelli, Sonia Cirillo, Giuseppina Greco, Maria Giulia Lumare, Maria Teresa Monaco, Teresa Scalise, Laura Simbari, Teresa Simbari, Caterina Spinelli, Maria Teresa Squillace, Maria Riolo e Lucia Rullo.Una borsista, Sonia Cirillo durante una manifestazione culturale. Foto archivio Rosario Rizzuto

Il progetto durerà alcuni mesi e prevede la possibilità di essere rinnovato.

La presenza di queste donne, che prestano un servizio di quattro ore giornaliere per un totale di 20 ore settimanali, che giornalmente si spostano in paese (e nella frazione Corazzo) non passa inosservato e ne viene apprezzata la disponibilità e la laboriosità.

Come in tutte le cose non sono mancate le polemiche circa le selezioni delle donne che prestano il servizio ma il sindaco Brescia si tira fuori da ogni polemica affermando che la selezione è stata fatta dal Copross e non dal Comune e che, secondo lui, alla luce dei fatti, considerate le caratteristiche del bando, non ci poteva essere selezione migliore.

[Rosario Rizzuto]

Delegazione di St. Georgen in visita a Scandale e Cotronei

Michael Rieger al suo arrivo a Lamezia Terme. Foto Rosario Rizzuto

SCANDALE – Michael Rieger, borgomastro di St. Georgen (il paese della Germania gemellato con Scandale) questa estate, durante la festa per il ventennale dal gemellaggio tenutasi in Germania, lo avevo promesso: “ A Novembre sarò a Scandale” e, si sa, le promesse tedesche diventano con facilità realtà.

Anche perchè Rieger vuole fare cose serie e, dopo 20 anni passati quasi invano, dare un senso a questo gemellaggio.

Così venerdì 13 novembre 2009 è atterrata, dopo un viaggio lungo e stressante (prima in treno fino a Stoccarda e poi due aerei con sosta a Milano di 5 ore), all’aeroporto di Lamezia Terme (è davvero una pena dover passare davanti all’aeroporto di Sant’Anna e non potersi fermare qui ma dover proseguire verso Lamezia Terme, anche se dovrebbe essere l’ultima volta perchè il vice presidente della provincia di Crotone, Gianluca Bruno, ha promesso ai delegati tedeschi che al loro prossimo viaggio potranno atterrare a Crotone), una delegazione della cittadina tedesca composta, oltre che dal primo cittadino, da Robert Walter e Vincenzo Sergio (consiglieri comunali), Manfred Scherer (leader politico al suo sesto viaggio a Scandale) e dal giovane Giovanni Costantino (originario di Cotronei, impiegato nel municipio di St Georgen e indispensabile interprete della delegazione).

Una visita non ufficiale, un viaggio per Rieger e gli altri per conoscere uno dei quattro paesi con cui St. Georgen è gemellata.

Rieger infatti non era mai stato in Calabria anche se conosce l’Italia essendo vissuto per un periodo in Sardegna ed infatti riesce a dire anche qualche frase in italiano; per arrivare nella nostra terra ha superato la sua paura per i voli in aereo, erano infatti molti anni che non ne prendeva uno!

Ad accogliere i delegati tedeschi nell’aeroporto gestito dalla Sacal, è stata una rappresentanza comunale composta dagli assessori Grisi e Rizzuto accompagnati, per fare da interprete durante il viaggio in macchina, da Vincenzo Noce.

La delegazione tedesca, essendo Scandale privo di una struttura ricettiva e quindi di posti letto, è stata sistemata nella splendida struttura del Lido degli Scogli a Crotone, potendo scegliere la stanza (visto il periodo non di alta stagione), tutti i 5 tedeschi hanno optato per le camera con vista mare!

Brindisi durante la cena del venerdì al Lido degli Scogli. Foto Rosario Rizzuto

Nella serata di venerdì in sindaco di Scandale, Brescia, ed alcuni componenti della giunta comunale hanno salutato la delegazione tedesca presso il ristorante della stessa struttura alberghiera, un occasione per stare insieme ma anche per cominciare a parlare delle idee che hanno i due sindaci per animare questa unione tra comuni.

Sabato in mattinata la delegazione tedesca si è trasferita a Scandale dove, accompagnata dagli assessori Filippo Lettieri e Ermanno Pascuzzi, ha potuto visitare il paese che, nonostante dei lavori in corso per i rifacimento del centro storico e non solo, è piaciuto al borgomastro tedesco e gli altri (che si sono divertiti girando per gli stretti vicoli del centro storico e parlando con gli anziani, con qualcuno anche in tedesco visto che si trattava di ex emigrati nella cittadina tedesca) che ha commentato: “Ora capisco perchè i cittadini di Scandale che vivono a St. Georgen non vedono l’ora di tornare a Scandale”.

Il vice presidente  della Provincia di Crotone, Gianluca Bruno, incontra la delegazione tedesca e la giunta di Scandale. Foto Rosario Rizzuto

Nel pomeriggio di sabato c’è stato un momento importante del viaggio della delegazione tedesca infatti sono stati ricevuti, insieme al sindaco Brescia e a quasi tutta la Giunta del comune di Scandale, negli uffici della Provincia di Crotone, dal vice presidente Gianluca Bruno.

Un incontro interessante durante il quale sono state discusse iniziative importanti come quella di uno scambio di studenti tra St. Georgen e la provincia di Crotone e un interessamento da parte degli amministratori tedeschi per promuovere il territorio crotonese in proprio ma anche favorendo la partecipazione della Provincia di Crotone alla prossima Borsa turistica di Stoccarda.

I tedeschi sono stati colpiti dal territorio crotonese, Manfred Scherer non ha esitato a farsi, tra lo stupore generale dei presenti, anche il bagno nelle splendide acque vicino il Lido degli Scogli.

Nella serata di sabato 14 cena di commiato presso il tipico ristorante ‘U Brigante di Scandale a base di pietanze e prodotti tipici.

Cena finale presso il ristorante il Brigante. Foto Rosario Rizzuto

La giornata di domenica 15, invece, è stata trascorsa dalla comitiva tedesca, interamente nella cittadina di Cotronei, infatti a St. Georgen ci sono anche alcuni emigrati provenienti dalla cittadina silana e Rieger era stato invitato a recarsi anche lì.

Un viaggio breve, visto che lunedì 16 la delegazione tedesca in mattinata e ripartita alla volta di Lamezia Terme per rifare il viaggio al contrario e ritornare in patria, felici per la bella esperienza ma questa volta un po’ più sicuri che, forse, finalmente, dopo 20 anni, si potrà davvero dare un senso al gemellaggio tra Scandale e St. Georgen.

ROSARIO RIZZUTO

E se mi dimettessi?

L’ho anticipato l’altro giorno su Facebook, ma il mio diario ufficiale rimane il blog quindi è giusto che chi mi segue sappia che da qualche giorno (e da ieri ancora di più) sto valutando la possibilità di dimettermi da assessore alla cultura del Comune di Scandale.

Il Sindaco di Scandale Fabio Brescia. Foto dalla reteCome qualche tempo fa qualcuno ha scritto nei commenti, di fatto io non ho mai fatto parte della giunta Brescia con i 3/4/5 soliti compagni di merenda e poi il solito fesso a cui fare organizzare qualcosa e poi lasciarlo fuori dal resto, sia questo resto un qualcosa di politico, amministrativo o un appuntamento ludico.

IO NON CI STO!!!

La mancanza di rispetto è una delle poche cose che mi danno più fastidio.

Lavorare per il paese in queste condizioni non mi sembra più possibile; a Scandale le persone che si vogliono impegnare vengono messe da parte e vanno avanti i soliti coglioni.

ORA BASTA!!!

Sono stanco di star male per il Comune, di avere pensieri per il Comune, di ricevere telefonate dai creditori per il Comune.
SIAMO GRANDI: E’ GIUNTA L’ORA DI DIVENTARE SERI!!!

Ecco il Concorso di Poesia 'Don Renato Cosentini'

Il manifesto del Concorso di Poesia "Don Renato Cosentini" di Scandale.
E’ partito ufficialmente ieri, con l’informativa fatte per le scuole di Scandale dalla presidentessa della Pro Loco di Scandale, Teresa De Paola, e di altri componenti della Pro Loco, il primo Concorso di Poesia "Don Renato Cosentini" ideato dal sottoscritto ed organizzato dalla Pro Loco di Scandale e dal mio assessorato col patrocinio dell’Ammnistrazione Comunale diretta da Fabio Brescia.

A breve farò un articolo sul concorso per ora, chi fosse interessato, può leggersi il regolamento cliccando qui (File di 2.8 Mega, potrebbero essere necessari alcuni minuti per scaricarlo).

Le poesie vanno consegnate, con le modalità che trovate nel regolamento, entro Sabato 12 Dicembre 2009.

Il sindaco Brescia e i consiglieri di maggioranza difendono l'assessore Filippo Lettieri

Ancor prima che l’assessore Filippo Lettieri rispondesse in prima persona all’inopportuna lettera del Pd, il sindaco Brescia e i consiglieri di maggioranza, tra i quali io, avevano predisposto questa legittima difesa pubblicata ieri dal Crotonese.


In risposta a quanto pubblicato su “Il Crotonese” di venerdì 09 ottobre u.s., questa nostra, la quale non vuole assolutamente essere di fomento ad ulteriori polemiche, ma atto dovuto – specie per quei lettori che qualche tempo fa, in occasione del rinnovo del consiglio comunale, ci hanno dato il loro consenso – e, si spera, chiarificatrice.

Ci riesce intanto difficile comprendere perchè la locale sezione del Pd intervenga sulla stampa locale attaccando gratuitamente un componente dell’attuale maggioranza amministrativa, l’assessore Filippo Lettieri, adducendo argomenti a dir poco fuori luogo fino a culminare nell’offesa familiare.

Nel leggere l’esternazione dei relatori dell’articolo di cui trattasi, vengono da pensare tante cose, ma la più immediata è la seguente: Filippo Lettieri è un bersaglio fin troppo semplice da attaccare perché è uno di quelli che, a torto o a ragione, esterna quello che pensa, senza nascondersi dietro a veli di alcun genere.

Probabilmente, o forse sarebbe meglio dire sicuramente, ha urtato la suscettibilità di qualcuno del Pd.

Ma subito dopo, ci viene altresì da pensare: ma come mai, se Filippo Lettieri ha esternato il proprio pensiero in relazione al mancato intervento della Prociv di Scandale in occasione dei danni alla viabilità provocati dal maltempo nei giorni scorsi, a dolersene è la locale sezione del Pd?

Qual è dunque il legame tra i due soggetti?

Che c’entra il volontariato con la politica?

Andando avanti nella lettura dell’articolo, ancora più difficile risulta la comprensione di quanto scritto in merito alla strada della Collarica che “a distanza di pochi mesi è miseramente crollata”. Chiediamo scusa alla locale sezione del Pd se l’amministrazione ha mancato di mettersi d’accordo col Padreterno in relazione alla quantità di pioggia da mandare giù.

Ma utilizzando lo stesso metro di paragone, viene da chiedere ai signori della sezione del Pd: se, per quanto accaduto, potremmo diventare lo zimbello del marchesato (anche se ciò è stato dovuto ad un evento atmosferico di eccezionale portata che ha prodotto danni alla viabilità in tutto il territorio della provincia), cosa potremmo diventare se consideriamo la tenuta della pavimentazione del centro storico realizzata a suo tempo dall’amministrazione precedente?

Per non parlare del ponte di Corazzo sul fiume Neto, la cui inaugurazione è stata effettuata in pompa magna, con tanto di taglio del nastro del presidente Iritale, che è durato circa 3 mesi, dopodiché ne è stata disposta la chiusura al traffico onde evitare danni ai veicoli che lo attraversavano.

Vorremmo ricordare alla sezione del Pd di Scandale, che le rendicontazioni circa l’operato dei singoli e dell’intera maggioranza, possono essere fornite in qualunque momento ed in seduta pubblica, magari in un consiglio comunale convocato ad hoc, e che le decisioni relative all’operatività della stessa, sono sempre state prese collegialmente, ed allo stesso modo vanno ripartiti meriti e demeriti.

L’assessore Filippo Lettieri è parte integrante di questa maggioranza e lo stesso è sempre stato al servizio della collettività al pari degli altri componenti della stessa.

Non riteniamo pertanto corretto un attacco alla sua persona per non parlare della sua famiglia.

Tale partecipazione era dovuta al fatto che vi erano due figlie dell’assessore Lettieri che partecipavano ad uno degli spettacoli come ballerine.

Ma, per par condicio, vorremmo ricordare ai lettori, che oltre alla famiglia del succitato assessore Filippo Lettieri, vi erano presenti anche le famiglie di altri esponenti del Consiglio Comunale sia di maggioranza che di minoranza.

 

Il Sindaco e i consiglieri di maggioranza

Consiglio Comunale di Scandale: passano tutti i punti all'unanimità o con la sola astensione di Vasovino

SCANDALE – La seduta del Consiglio Comunale di Scandale dell’08 ottobre 2009 è pubblica ma della vita amministrativa di Scandale non interessa ad alcuno.

Ad assistere al Consiglio, a parte il dipendente Ratta, c’è solo un signore non molto attento.

Da quando poi è stato dichiarato decaduto per incompatibilità il consigliere Barberio non ci sono più ai Consigli i ragazzi del Pd.

All’appello della segretaria comunale Stefania Tutino non rispondono il solito Giuseppe Riolo e nemmeno Vittorio Riolo, subentrato a Barberio, che ancora non ha fatto il suo debutto sugli scranni dell’assise; assenti anche Grisi e Grande per la maggioranza ma solo per pochi minuti.

L’approvazione del verbale della seduta precedente avviene con l’astensione di Chiaravalloti che era assente alla precedente adunanza.

Il secondo punto è: “Istituzione distretto agro alimentare provinciale Crotone”. Il sindaco Brescia spiega che non ci sono costi per l’Amministrazione Comunale e fa presente che deve essere nominato un referente individuato nel consigliere di maggioranza Domenico Lucanto.

Il punto e l’immediata esecutibilità passano all’unanimità

Il terzo punto (rettificato dal primo dell’odg aggiuntivo) riguardava la mancata ratifica, entro 60 giorni, di una delibera della Giunta Comunale relativa ad una variazione di bilancio, ma che può essere ratificata lo stesso dal Consiglio sfruttando un altro comma della legge. Su questo punto si astiene Vasovino.

Si passa alla salvaguardia degli equilibri di bilancio che permangono. Anche su questo punto si astiene Vasovino.

Il Sindaco di Scandale Fabio Brescia e l'Assessore Filippo Lettieri. Foto Cesare Grisis

Quindi c’è da prendere atto di una deliberazione della Corte dei Conti anche se il sindaco spiega che quasi a tutti gli appunti è stato già risposto.

Durante la discussione su questo punto scopriamo che il comune di Scandale nel 2007 ha incassato per multe la somma di 105 euro (centocinque euro!), ma l’appunto della Corte non è stato sulla somma ridicola ma sul fatto che essa andasse spesa metà per spese correnti e metà per spese non correnti! Altro appunto per aver sforato di 3.000 euro la somma (529.000 contro 526.000 di tetto massimo in base alla spesa avuta dal Comune di Scandale nel 2004) per la spesa del personale!

Il punto passa all’unanimità con immediata esecutibilità.

Il sesto punto prevede il rinnovo della convenzione di segreteria in forma associata. La segretaria comunale lascia l’aula e il suo posto viene preso dall’assessore Filippo Lettieri.

Il confalone del Comune di Scandale. Foto dalla reteIl Consiglio decide di lasciare le cose come stanno e cioè di rinnovare la convenzione con la segretaria Stefania Tutino insieme ai comuni di Rocca di Neto e Belvedere Spinello con capofila quest’ultimo.

L’ultimo punto dell’ordine del giorno ordinario (a cui si è poi aggiunto un odg aggiuntivo) prevedeva una discussione sulla problematica della discarica di Giammiglione (il sindaco Brescia aveva promesso di parlarne in ogni Consiglio finchè il problema non sarà risolto).

Il sindaco Brescia comunica che ha proposto al sindaco di Crotone Vallone di fare una variante al piano regolatore e porre così limiti all’area di Giammiglione.

Quindi prende la parola il consigliere Chiaravalloti che dice,tra le altre cose, che bisogna prendere atto della situazione e trasformare in nostre utilità quelle cose che ora sono considerate come svantaggi.

Il punto è discusso anche da altri consiglieri sintomo che il problema Giammiglione e vivo e vissuto con interesse dall’Amministrazione Comunale di Scandale.

Si passa ai punti aggiuntivi, già discusso precedente il primo che riguardava la rettifica del terzo ordinario e cioè la ratifica della delibera della Giunta Comunale, si passa al secondo ossia la richiesta dello stato di calamità naturale per il territorio comunale in seguito alle avversità atmosferiche di fine settembre. Il punto passa all’unanimità con immediata esecutibilità.

Si chiude con la condanna di un vile atto perpetrato a Corazzo nei confronti di aziende locali.

Come spiega l’assessore di Corazzo, Ermanno Pascuzzo, il sabato prima del consiglio (03 ottobre) le aziende Fragale e Dattolo, che occupano in totale circa 45 persone, insediatisi nell’area Pip di Corazzo sono state oggetto di colpi da arma da fuoco.

Solidarietà da parte di tutto il Consiglio ed impegno da parte del sindaco di accelerare le pratiche per l’urbanizzazione di quell’area di Corazzo nella quale si stanno insediando più ditte.

Il punto, e non c’erano dubbi, viene votato all’unanimità.

Dopo circa un’ora, alle 17,12, la seduta viene tolta.

ROSARIO RIZZUTO

E la Prociv di Crotone dà ragione all'Assessore Filippo Lettieri

Sorpresa e sconcerto a Scandale nel leggere nell’edizione di ieri del Crotonese la lettera, apparsa a pagina 47, da parte della Prociv Arci di Crotone che, di fatto, dà ragione all’Assessore Filippo Lettieri (che intanto è stato attaccato sia dalla stessa Prociv di Scandale – che se l’è presa pure con me -  sia dal Pd di Scandale che sull’altro numero del Crotonese e con dei "volgari" manifesti apparsi in paese ha denigrato l’Assessore scandalese, che potete leggere in basso) in merito al suo sfogo sulla Prociv Arci di Scandale.

Siccome non tutti hanno la possibilità di leggere il Crotonese (penso, per esempio, agli emigrati) volevo mettere a disposizione dei miei e-lettori la lettera scritta dal direttivo della Prociv-Arci di Crotone:

Prociv-Arci
I veri volontari sempre disponibili.

Purtroppo continuano a persistere vergognosi e indecorosi episodi di cui faremmo volentieri a meno di apprendere o di leggere sulle pagine dei quotidiani. Il titolo relativo all’articolo uscito su il Crotonese del 2 ottobre a proposito del mancato intervento della Prociv di Scandale non rendegiustizia ai volontari delle associazioni Prociv–Arci che con dedizione e spirito di sacrificio, che da sempre ne contraddistingue e ne caratterizza la loro peculiarità, sono sempre in prima linea quando c’è da dare il loro contributo alla comunità.
La Prociv di Crotone c’era, era presente la sera del 26 e la notte del 27 settembre u.s., e la sede era aperta. I volontari di Crotone, di cui orgogliosamente codesto direttivo si pregia di rappresentare, erano presenti e vigili in occasione dell’emergenza maltempo.
Lo sono stati fino alle 6.00 del mattino, ora in cui veniva indetto il cessato allarme dalla sala Com del Comune di Crotone.
Condividiamo lo sfogo dell’assessore Filippo Lettieri di Scandale. Ne condividiamo lo stupore e l’amarezza. Ma l’assessore dovrebbe anche ricordarsi che il primo referente dell’associazione in discussione è proprio l’Ente comunale di cui egli legittimamente ne è rappresentante istituzionale. L’omissione a cui fa riferimento, se vera, è sicuramente grave e vergognosa, tuttavia se si consente ad “alcuni” di attribuirsi autonomamente privilegi e condizioni di eccessiva insolenza, ciò vuol dire che non ci interessa e non aspiriamo a ottenere giustizia e imparzialità dall’attività di chiunque si possa ergere o ad associazione o ad altro, e di conseguenza automaticamente legittimato.
Evitiamo però di strumentalizzare il tutto con riferimenti politici.
Non ci interessano le ipotesi “dei qualcuno” secondo i quali ipotizzano l’appartenenza del gruppo di Scandale ad un opposto schieramento politico diverso da quello dell’Amministrazione comunale.
Un gruppo con fini solidaristici non può e non deve in nessun caso accodarsi a questo o a quel carro politico. La nostra storia e il nostro vissuto ne sono testimoni e garanti.
Vorremmo ricordare quali sono i fini e gli scopi di un’associazione di Pro-tezione civile. Ma forse basta leggersi per bene lo statuto nazionale e ricordarne gli scopi ed i principi fondativi.
Le organizzazioni di volontariato della Prociv–Arci non sono certamente quelle che al bisogno non hanno le chiavi della sede. Di certo sono quelle presenti a l’Aquila, a Messina e in tutti quei posti dove ne è richiesto il loro contributo, assolutamente solidaristico.
Le organizzazioni di volontariato della Prociv non hanno motivo di essere se lo scopo è quello di mettersi in mostra durante le manifestazioni e giocare con le radio trasmittenti così come riportato sull’articolo in argomento.
Non hanno motivo di essere se il fine è di pretendere o di ambire a lauti e ingiustificabili contributi in denaro da questo o da quel’Ente istituzionale a fronte di chissà quale progetti, quando poi non si è pronti a mettere in campo quei valori umani che da sempre ne identificano l’appartenenza.
Forse un maggior controllo, anche istituzionale, o un coordinamento non sarebbe poi cosi male.
Il volontariato è fondamentale ma non concorrenziale o pretestuoso.

Prociv-Arci Crotone
Il direttivo

Questa invece, per dovere di cronaca la lettera del Pd pubblicata sul Crotonese ed affissa nei locali del paese (in quelli che non si sono vergognati di pubblicarla o che sono stati costretti):

Il Partito democratico si chiede quale sia il ruolo di Lettieri
Scandale, assessore fantasma

Dopo il Crotonese di venerdì u.s. la cittadinanza di Scandale ha scoperto che anche l’assessore Filippo Lettieri ha il dono della parola – scritta o dettata – ma non del sano e co-struttivo pensiero. Sorge quindi spontanea la domanda: “ma Filippo Lettieri fa parte dell’Amministrazione comunale di Scandale?”.
Purtroppo sì! È assessore – non sappiamo di che cosa – da ben due legislature e consigliere comunale di maggioranza in un’altra.
Quindi perché, al posto di sparlare senza cognizione di causa, non fa una pacata e dettagliata rendicontazione del suo operato? L’u-nica cosa per la quale l’assessore Lettieri sarà ricordato è la sua assidua partecipazione – e spesso della sua famiglia – ai viaggi organizzati per gemellaggi con St. Georgen.
A questo punto chiediamo a lui perché non ha proposto di investite parte dei soldi delle royalties – cifre con svariati zeri – per la messa in sicurezza delle strade urbane ed extraurbane del nostro territorio?
Chiaramente non possono essere citati – anche con in suo valido contributo – i 500.000 euro spesi per la strada della Collarica che a distanza di pochi mesi è miseramente crollata. Non diciamolo in giro, rischieremmo di diventare lo zimbello dell’intero Marchesato. Altro che il fiore all’occhiello!
Carissimo assessore Lettieri, vorremmo ricordarti che all’inizio del primo mandato amministrativo dell’attuale maggioranza, per recarci a Crotone impiegavamo circa 15 minuti, adesso circa 35, ma confidiamo sempre nella vostra promessa – ci auguriamo non elettorale – di arrivare a Crotone in circa 7 minuti. Qualcuno può pensare, malignamente, che sia iniziata la campagna elettorale.
Dio mio come siamo caduti in basso, se questi saranno i personaggi della politica locale, ci attenderanno tempi molto duri, altro che alluvioni.

La sezione Pd di Scandale

Credo che ogni commento sia inutile e che ognuno possa farsi la propria idea, da parte mia piena solidarietà a Filippo e abbasso a quei personaggi che hanno concepito tale lettera vigliacca ed inopportuna e che i viaggi a St. Georgen li hanno fatti ancor prima che l’amministrazione Brescia arrivasse a governare un paese, all’epoca, abbandonato e pieno di debiti e di cui stiamo pagando ancora le conseguenze (vedi bollette dell’acqua!)
.

Scandale. Affidate le gestioni dei cimiteri e delle strutture sportive. I primi alla ditta Guzzi, le altre a Salvatore Pingitore

La mancanza di personale a causa di pensionamenti e dell’impossibilità per il Comune di Scandale di poter assumere nuovi dipendenti, ha convinto l’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Fabio Brescia ha predisporre due bandi per dare in gestione la cura del cimitero di Scandale e di quello di Corazzo e delle strutture sportive della Cittadella dello sport (campo di calcetto in erba sintetica, campo di tennis, campi di bocce e verde).

Dopo una procedura molto lunga tra bando, gara d’appalto ed espletamento gara, finalmente giovedì 08 alla presenza del Sindaco, Fabio Brescia, della segretaria comunale, Stefania Tutino,  dell’ingegnere del Comune, di alcuni assessori e dei responsabili delle ditte interessate, sono state aperte le buste finali (quelle dell’offerta economica) che hanno stabilito le ditte che si occuperanno della gestione delle suddette strutture.

I cimiteri saranno curati dalla ditta Rosalia Guzzi che ha offerto un ribasso del 30% in base al quale riceverà dal Comune la somma di 8.550 euro più iva l’anno e dovrà occuparsi di gestire i due cimiteri scandalesi.

Già sicuro vincitore, al momento di aprire la busta dell’offerta economica, perchè unico concorrente rimasto in gara, invece, Salvatore Pingitore, che per la gestione delle strutture sportive dovrà pagare al Comune la somma di 3.000 euro l’anno (la base d’asta era 2.000).
In cambio potrà realizzare un bar o altre strutture, liberare finalmente Aldo Franco da questa incombenza e gestire i campi sportivi (il prezzo dei quali sarà sempre deciso dal Comune e non potrà essere superiore a quello attuale), insomma creare uno spazio e degli spazi dove gli scandalesi, e magari non solo loro, potranno trascorrere delle ore spensierate.

Il presidente della Prociv Ausilia di Scandale, Vincenzo Petrone, attacca gratuitamente Rosario Rizzuto

Vengo attaccato con dei manifesti affissi in giro per Scandale dal presidente della Prociv "Ausilia" di Scandale, tale Vincenzo Petrone e da qualche altro scribacchino (non è farina del suo sacco quella sul manifesto) ma solo da loro perchè non credo che tutti i volontari della Provic abbiamo approvato e sottoscritto tale testo.

Il tutto in merito al mio articolo sulle dichiarazioni dell’Assessore Filippo Lettieri in merito all’assenza della Prociv durante l’alluvione di Scandale.

Vengo definito Assessore/Giornalista (??????) e autore di chissà quale criminoso attacco verso la più nobile e più attiva delle associazioni presenti a Scandale; che cazzo stanno a significare i punti interrogativi?
Che un Assessore non può fare il giornalista o che un giornalista non può fare un Assessore o che Rosario Rizzuto non può fare nè l’uno nè l’altro?
Quale sarebbe la mia colpa? Aver raccolto lo sfogo motivato di un Assessore?

Rosario Rizzuto, caro Vincenzo, quando è Assessore fa l’Assessore, quando fa il giornalista fa il giornalista, non mischia le due cose, chiedere in giro per conferma.

Io non ho attaccato nessuno (ma li sai leggere i giornali?), a parte la chiusa finale (ma che dovevo fare?!) io non dico nulla di mio nel pezzo (altrimenti l’articolo sarebbe venuto di due pagine e non con i toni moderati dell’Assessore Lettieri), come si dice: "Ambasciator non porta pena". 

Tu invece sei un PEZZO DI MERDA che parli alle spalle della gente attaccandole sul piano personale; aspetto solo che l’Assessore Lettieri mi riporti le cose che hai detto su di me "a livello personale" per prendere gli opportuni provvedimenti.

Per il momento casa Rizzuto (e sai bene a cosa mi riferisco) è vietata ai Petrone (escluse Luisa e Maria) e famiglie: NON RISPONDO DELLE MIE AZIONI!!!

Così a mente sulla tua lettera: devi ringraziare che non ho mai (che poi non è vero!) parlato della tua associazione perchè avrei dovuto parlare di una porta chiusa per mesi in attesa dei  lauti contributi fatti avere dal consigliere Barberio.

"Spararsi la posa" alle feste con le radio trasmittenti non è una frase nè mia nè dell’Assessore Lettieri: è tutto un paese che l’ha pensata vedendovi presenti in massa alle feste (che siete andati in Abruzzo è il minimo del vostro dovere/impegno/volontariato – ah, a proposito ci siete andati a Messina? o c’è troppo sporco?) e assenti quando il paese aveva bisogno!

Infine per quanto riguarda la programmazione, se mai dovesse succedere un terremoto a Scandale spero che il Padre Eterno vi mandi un fax di avvertimento (come è comodo e facile dare sempre agli altri le colpe, in questo caso al Sindaco, col quale avete buoni rapporti, per coprire le proprie inadempienze) almeno una settimana prima, altrimenti come farete ad organizzarvi???
Qual è il numero?

No alle discariche, no a Giammiglione, no no no. Crotone unita grida no ai venditori di morte e ai loro amici

Tranne forse a qualche concerto delle Cover Band di Rino Gaetano non ho mai avuto dei brividi così intensi e continui come stamane mentre facevo le foto durante la manifestazione contro la discarica di Giammiglione e contro chi vuole distruggere Crotone che si è tenuta stamane a Crotone.

Un folto gruppo di manifestanti a Crotone. Foto Rosario Rizzuto

Tre cortei che si sono poi riuniti presso la fontana tra via Cutro e via Giovanni Paolo II per un corteo senza soluzione di continuità composto da ogni rappresentante della società civile, dai politici ai bambini, dai rappresentanti sindacali ai semplici cittadini.

Migliaia di persone che hanno gridato a voce o hanno mostrato coi loro striscioni e manifesti la loro rabbia e il loro no alla discarica di Giammiglione e a tutte quelle nefandezze che per anni la provincia di Crotone ha dovuto subire.

Un manifesto presente alla manifesdtazione. Foto Rosario Rizzuto

Le mie 518 foto sulla manifestazione le trovate come sempre su Area Locale cliccando qui.

Domani scuole chiuse a Scandale

Su ordinanza del sindaco Fabio Brescia, in seguito alle piogge dei giorni scorsi, domani, lunedì 28 settembre, resteranno chiuse le scuole di ogni ordine e grado di Scandale e della frazione Corazzo.

Un intervento necessario, dopo la tanta acqua caduta, per verificare la stabilità delle strutture e far tornare i nostri ragazzi in classe con tranquillità e serenità.

Intanto la furia del tempo sembra essersi placata e sono alcune ore che non piove e ormai non dovrebbe farlo più, almeno queste sono le previsioni meteo, per alcuni giorni.
Nei quali si spera si prendano i giusti provvedimenti (per esempio pulizia dei canaloni a bordo strada) per evitare che un’altra ondata di maltempo ci trovi impreparati.

Quantu è b

Quantu è bieddu u sindacu Brescia ca parra a Rti ira discarica i Giammiglione!!!

Lo Scandale iscritto al campionato di Terza Categoria

SCANDALEE’ ufficiale! Lo Scandale si è iscritto anche per questa stagione al campionato di Terza Categoria Calabrese.

Il presidente "operaio" dell?Us Scandale DomenicoMarazzita.Foto Rosario Rizzuto

A differenza degli anni passati, questa volta la società del nuovo presidente Domenico Marazzita ha provveduto a pagare la tassa d’iscrizione più il debito maturato nella passata stagione (grazie ai soldi anticipati da un dirigente, che preferisce rimanere anonimo, in attesa che arrivino i contributi degli Enti e degli sponsors) e ad inviare i documenti utili per confermare l’iscrizione entro la data ufficiale dell’11settembre; data che poi, puntualmente, anno dopo anno, viene prorogata fino a quasi l’inizio del campionato.

La società, tolto questo pensiero, sta ora cercando di completare la rosa dei giocatori che sarà composta principalmente da calciatori del posto ai quali si aggiungeranno alcuni componenti provenienti da altri paesi per cercare di dare un certo equilibrio alla squadra.

Mister Carmine Drammis ha fatto sapere che entro metà settembre dovrebbe iniziare la preparazione e c’è attesa tra i giocatori per riprendere gli allenamenti.

Sarà un campionato di transazione perlo Scandale che punta almeno ai play off per cercare di tornare in quella categoria che gli appartiene e, col tempo, tentare qualcosa di più.

In attesa di ufficializzare il tesseramento degli “stranieri” al momento i nuovi tesserati dell’Us Scandale sono Antonio Scalise (che torna dopo una stagione al San Mauro Marchesato) e Francesco Valente, entrambi classe 1992.

Problema campo. Lo stadio “Luigi Demme” in erba naturale, realizzato nella passata stagione dalla Provincia di Crotone, è praticamente già un ricordo; l’erba è mancante in più punti ed in altri si è aggiunta erbaccia.

Il sindaco Brescia afferma che a Scandale è ingestibile un campo in erba naturale e rimpiange il fatto che non sia stata presa in considerazione, tempo fa, la sua proposta di dividere la spesa tra Provincia e Comune e realizzare un campo da calcio regolamentare in erba sintetica.

Due giovani promesse dello Scandale: Da sx AntonioScalise ed Antonio Artese. Foto Rosario Rizzuto

In qualsiasi condizione sia il campo, la società dello Scandale, dopo che le ultime due stagioni sono iniziate in campo neutro a San Mauro Marchesato, non vuole ripetere le brutte esperienze per la terza stagione consecutiva, e quindi è intenzionata a giocare a a Scandale ad ogni costo e si farà sentire.

La speranza è che l’Amministrazione Comunale prenda a cuore il problema e studi la situazione per capire se c’è la possibilità di far ricrescere l’erbetta o se è il caso di eliminarla e tornare al terreno in terra battuta.

ROSARIO RIZZUTO

Consiglio Comunale del 31 Luglio: l'articolo

SCANDALE – Il dato politico più rilevante del Consiglio Comunale tenutosi a Scandale il 31 luglio 2009 è stato la dichiarazione di decadenza del consigliere di minoranza Antonio Barberio, per incompatibilità con la sua carica di presidente dell’Akros; Barberio lascia l’assise cittadine (ha preferito non rinunciare alla più remunerativa carica presidenziale) dopo una presenza senza soluzione di continuità di circa 20 anni vissuti nei panni di sindaco o tra i banchi della minoranza.

Barberio non è in aula e insieme a lui all’appello della segretaria Stefania Tutino non rispondono: Garofalo, Chiaravalloti e Riolo, nonostante il capogruppo del Partito Democratico sia il firmatario di una richiesta di discussione sui problemi relativi alla discarica di Giammiglione.

Approvato con l’astensione di Vasovino il verbale della seduta precedente, il sindaco Brescia spiegava come si era arrivati alla dichiarazione di decadenza (atto dovuto) del consigliere Barberio che quindi ufficialmente a maggioranza (si astenevano Vasovino e Scaramuzzino) veniva escluso dal civico consenso scandalese.

Vasovino prendendo la parola diceva che non sapeva se Barberio presenterà ricorso ma che, secondo lui, era il caso che ogni consiglieri presenti una dichiarazione sulle proprie attività per verificare la presenza di incompatibilità di tutti gli amministratori scandalesi.

Uscito Barberio dal Consiglio, si provvedeva alla surroga con il primo dei non eletti. Il posto del presidente dell’Akros veniva assegnato (a maggioranza con l’astensione di Vasovino e Scaramuzzino) a Vittorio Riolo che però non era presente in aula.

Esaurite in pochi minuti le discussioni sui tre successivi punti tecnici all’ordine del giorno ossia: esame istanza Nuova Energia srl, esame istanza Ital Green Energy e approvazione convenzione comune di Scandale-Aterp, che venivano approvati all’unanimità con immediata esecutibilità, si passava alla discussione del problema discarica di Giammiglione inserita in Consiglio a seguito di una richiesta di Giuseppe Riolo.

Vista l’assenza del capogruppo Riolo era Vasovino a relazionare sul punto dopodichè prendeva la parola il sindaco Brescia che dimostrava di essere molto preparato sull’argomento, checchè ne dicano quella della minoranza o gli appartenenti ad alcune associazione, e di essersi interessato al problema in tempi non sospetti.

Il Sindaco Fabio Brescia mostra la cartina con le discariche di Giammiglione.Foto Rosario Rizzuto col cellulare

Addirittura il sindaco di Scandale spiegava come a Giammiglione ci sia il rischio che siano addirittura due le discariche che potrebbero essere aperte, quella a servizio di Ponticelli è un’altra su richiesta della società Maio (come rilevato anche dal Crotonese nel numero scorso).

Il sindaco si è dichiarato pronto a partecipare a qualsiasi iniziativa democratica per evitare che la periferia di Scandale diventi un enorme immondezzaio pericoloso per la salute dei cittadini e di far predisporre una delibera di opposizione netta a questo scempio anche se il comune di Scandale ha poca voce in capitolo considerato che i terreni in questione, in località Giammiglione sono sul territorio del comune di Crotone.

Nella discussione del punto sono intervenuti alcuni consiglieri e alla fine è apparso chiaro che non si può solo dire di no alle discariche ma bisogna anche essere propositivi per cercare di dare soluzioni al problema.

Intanto l’associazione “Scandale nel Cuore”, del presidente Gino Pingitore, ha organizzato, per lunedì 10 agosto, una fiaccolata per dire no alle discariche di Giammiglione.

Il problema è serio, i rifiuti da qualche parte devono essere messi ma ogni Provincia deve essere autonoma e non è per nulla concepibile che i rifiuti di un’altra regione vengano portati alla periferia di Scandale.

La lotta è solo all’inizio e crediamo diventerà molto dura, ma questa volta gli scandalesi non abbasseranno la testa, non per loro ma per i proprio figli e nipoti!

R.R.

Lunedì 10 agosto a Scandale fiaccolata contro la discarica di Giammiglione

Se vi chiedessi: "Volete che si realizzi una discarica vicino casa vostra?," penso che che tutti rispondereste di no.

Allo stesso modo credo che tutta Scandale, tutta Papanice siano contrari alla realizzazione della discarica (o delle discariche) che dovrebbero essere realizzate in località Giammiglione che ricade nel territorio del Comune di Crotone.

Da tempo c’è chi si sta battendo perchè in un prossimo futuro giornalmente gli scandalesi non siano costretti a passare in mezzo ai rifiuti per recarsi a Crotone o che le popolazioni vicine alle discariche non abbiano insane conseguenze in un terrtorio che ha già una delle percentuale per morti da tumori più alte d’Italia; penso a Peppe Giovinazzi, presidente del Gales, e alle sue tante battaglie e denunce, al sindaco Fabio Brescia, il cui lavoro silenzioso sono certo che porterà a dei risultati, a Gino Pingitore, presidente dell’associazione "Scandale nel Cuore", che da qualche settimana sta facendo sentire fortemente la sua voce insieme a quella del sindacalista Enrico Pedace e dei cittadini di Papanice, ai militanti del Partito Democratico che stanno portando avanti questa battaglia e ne hanno fatto parlare anche al Consiglio Comunale.

Gino e gli altri vogliono che tutta la Provincia di Crotone, tutta Italia, vengano interessate del problema discarica, e, per sensibilizzare l’opinione pubblica, hanno organizzato a Scandale una fiaccolata per lunedì 10 agosto che partirà da piazza Condoleo per raggiungere piazza Oberdan dove sono previsti alcuni interventi.

Uno dei volanti realizzati da "Scandale nel Cuore"

Credo che parteciparvi sia un dovere di tutti, dalla presenza o meno di questa discarica (ma c’è chi pensa che siano addirittura tre le discariche che si vogliono realizzare a Giammiglione) dipende non tanto il vostro futuro ma quello dei vostri figli e dei vostri nipoti.

Siete proprio sicuri di voler giocare con questo?

Allora lunedì 10 agosto alle 20,30 tutti in piazza Condoleo per far sentire la nostra voce e far capire a chi decide senza interpellare CHE SCANDALE C’E’ E NON STARA’ A GUARDARE!!!

Un manifesto sulla fiaccolata del 10 agosto 2009 a Scandale contro la discarica di Giammiglioni

L'Estate Scandalese è partita con una serata dedicata ai bambini. Martedì 4 agosto a Scandale si ricorda Mino Reitano

SCANDALE - Mercoledì 29 agosto con l’esibizione degli artisti da strada dell’Eventur, con teatro di burattini, la presenza di due gonfiabili e la distribuzione gratuita di zucchero filato e pop corn, sono iniziate in piazza Condoleo a Scandale le manifestazioni di quella che è stata nominata “R…Estate a Scandale 2009” (“un invito a non spostarsi dal paese la sera ma anche un invito, un augurio, rivolto a tutti gli emigrati” spiega l’assessore Rizzuto).

Bimbi ai giochi. Foto Rosario Rizzuto

In realtà il programma delle iniziative era già partito il 27 luglio con la colonia estiva (Corest) organizzata nella frazione Corazzo dall’Associazione Sviluppo Corazzo, grazie all’impegno del suo presidente Valentino Castagnino e di altri collaboratori.

L’allestimento del programma 2009 è stato possibile, come ormai avviene da alcuni anni, grazie al contributo della società Ergosud che si sta occupando della realizzazione di una centrale turbogas nel territorio di Scandale.

L’organizzazione delle 11 serate (9 in piazza Condoleo a Scandale e 2 nel Villaggio della frazione Corazzo nel periodo tra il 29 luglio e il 19 agosto) è stata curata dall’Assessore alla Cultura Rosario Rizzuto, alla sua prima estate da assessore (anche se già nel 2006 si era occupato dell’allestimento del programma ma come consigliere).

Mercoledì 29 luglio sono stato contento – afferma l’Assessore Rizzuto – di vedere tanti bimbi felici e che si divertivano con gli artisti dell’Eventur. Ho messo in piedi una programmazione che ha cercato di tenere conto delle esigenze di tutte le fasce d’età e del privilegiare l’esibizione dei talenti locali, siano essi di Scandale, del crotonese o della Calabria. Un lavoro impegnativo considerato che, nonostante il contributo dell’Ergosud, alla quale vanno i ringraziamenti miei e di tutta l’amministrazione comunale, mettere in piedi 11 serate non è stata cosa da poco.

Mi preme ringraziare il sindaco Fabio Brescia che mi ha dato piena libertà nel gestire la programmazione e i colleghi assessori per la vicinanza, l’Associazione Sviluppo Corazzo, nata da pochi mesi, che ha programmato, praticamente senza nulla pretendere, la colonia estiva e un interessantissimo torneo di Beach Volley che si terrà nel Villaggio Corazzo a partire dal 5 agosto”.

Bimbi in fila al gonfiabile. Foto Rosario Rizzuto

Visto che qualcuno me l’ha già chiesto – dice Rizzuto – volevo precisare che io non ho nulla con gli altri quartieri del paese ma ho ritenuto opportuno sfruttare, per le manifestazioni che si terranno a Scandale, la più spaziosa e attrezzata piazza Condoleo (impianto elettrico a norma, presenza di un palco naturale ed altro) rispetto ad altri luoghi, anche perchè la gente di Scandale durante l’estate si riversa lungo via Nazionale che arriva alla suddetta piazza e quindi, anche se in molti continuano a passeggiare (forse lo farebbero anche se in piazza ci fossero Vasco Rossi e Laura Pausini), le manifestazioni sono godute da più persone. Non avrebbe avuto senso organizzare un concerto con più spese (leggi palco e sistemazione impianto elettrico), per esempio in piazza San Francesco, per pochi intimi come è già successo.

Altro discorso è Corazzo che è una realtà a parte e dove saranno realizzate una manifestazione per i bambini e una serata alla grande (venerdì 7 agosto) con la band di giovanissimi “I Carboidrati” e che vedrà la partecipazione del cabarettista Paolo Marra.

Inoltre al momento di predisporre il programma c’era ancora incertezza sulla possibilità di realizzare o meno la tanto attesa Sagra del fico d’India negli anni passati in programma a settembre. Il presidente della Pro Loco, Franco Demme, a tal riguardo ha convocato una riunione per domenica 2 agosto per valutare se ci sono le condizioni per continuare questo che era diventato un gustoso appuntamento”.

Un ringraziamento – continua Rizzuto – va anche a tutte le agenzie e persone con le quali ho collaborato, all’associazione “Musica x sempre” del presidente Gianni Carvelli che domenica 16 agosto proporrà la sesta edizione della manifestazione canora “GaudioPhonia”, alla scuola di ballo “Isabella Perrone” di Scandale dei quali mi sono innamorato dopo averli visti esibire in Germania nei giorni scorsi, durante il viaggio della delegazione scandalese nel paese gemellato di St. Georgen, e che credo in tanti ancora devono scoprire e potranno farlo martedì 11 agosto.

Il comico Salvatore Gisonna. Foto dalla reteInfine mi è stato proposto e non potevo dire di no alla realizzazione di un tributo al grande cantante della nostra terra Mino Reitano e così martedì 4 agosto (quando le manifestazioni estive riprenderanno dopo la pausa per i festeggiamenti, solo religiosi, per la Madonna del Condoleo) sarà Natino Rappacciolo, che ha anche realizzato un cd con le canzoni di Mino ed è autorizzato dalla famiglia, a ricordarlo. Mentre un’altra bella serata sarà quella del 12 agosto con la finale provinciale di “Una ragazza per il Cinema, Moda e Fotogenia” durante la quale ci saranno alcuni ospiti tra i quali il comico napoletano Salvatore Gisonna.

Un’ultima cosa, un appello ai miei concittadini: le manifestazioni realizzate sono di tutti, il marciapiede su via Nazionale è lì e lì rimarrà per sempre quindi avvicinatevi alle manifestazioni: non ha senso lamentarsi quando queste non vengano fatte, come succedeva tempo anno fa, e non seguirle quando ci sono!”.

Questo il programma completo di “R…Estate a Scandale 2009”:

  • dal 27 luglio all’01 agosto Colonia estiva presso il Villaggio di Corazzo a cura dell’Associazione Sviluppo Corazzo.
  • Mercoledì 29 Luglio Ore 20,00 Piazza Condoleo: Artisti da strada con: animazione, teatro dei burattini e gonfiabile. Distribuzione gratuita di zucchero filato e pop corn.
  • Martedì 4 Agosto Ore 21,30 Piazza Condoleo: “Ciao Mino” Tributo di Natino Rappacciolo a Mino Reitano.
  •  Dal 5 agosto al 14 agosto dalle 21,00 presso il Villaggio di Corazzo: Torneo di Beach Volley a cura dell’Associazione Sviluppo Corazzo.
  • Mercoledì 5 Agosto Ore 21,00 Piazza Condoleo: Antonio Timpano presenta “La Corrida Scandalese”.
  • Giovedì 6 Agosto Ore 21,00 Piazza Condoleo: “Ad esempio… a noi piace il Sud” con il cantautore crotonese Vittorio Rocca, Mimmo Arena, Marika e il gruppo “La Strana Idea”.
  • Venerdì 7 Agosto Ore 21,00 Villaggio Corazzo: Concerto della Band di giovanissimi “I Carboidrati”. Ospite della serata il cabarettista Paolo Marra.
  • Domenica 9 Agosto Ore 21,00 Piazza Condoleo: “Serata d’Autore” con Nuccia Chiaravalloti.
  • Lunedì 10 Agosto Ore 20,00 Villaggio Corazzo: Gioco e divertimento per bambini con: gonfiabile, animazione e sculture di palloncini. Distribuzione gratuita di zucchero filato e pop corn.
  • Martedì 11 Agosto Ore 21,00 Piazza Condoleo: Spazio alla danza con gli allievi della Scuola “Isabella Perrone” di Scandale con lo spettacolo “Il Sole del Sud”.
  • Mercoledì 12 Agosto Ore 21,30 Piazza Condoleo: Finale Provinciale “Una Ragazza per il Cinema, Moda e Fotogenia” presenta Deborah Felli con la partecipazione del comico napoletano Salvatore Gisonna e della cantante Marialaura Gabini. Balletto di Iole Zampini. La serata sarà ripresa dalle telecamere di Calabria Tv.
  • Domenica 16 Agosto Ore 21,30 Piazza Condoleo: GaudioPhonia – Sesta Edizione – A cura dell’Associazione “Musica x Sempre” di Scandale.
  • Mercoledì 19 Agosto Ore 20,00 Piazza Condoleo: Spettacolo di magia, animazione e gonfiabile. Distribuzione gratuita di zucchero filato e pop corn.

[Re.A.L.]

[31.07.2009]

Tanti auguri Carla

Carla Brescia con gli amici al momento della torta. Foto Rosario Rizzuto

Oggi, anzi ieri vista l’ora, la piccola Carla Brescia, figlia del nostro primo cittadino, ha compiuto 7 anni.

Essendo compagna di scuola del mio Alex, ho accompagnato mio figlio alla festa di compleanno.

Lui si è divertito molto, io ne ho approfittato per fare alcune foto.

Volevo, anche da qui, fare i migliori auguri alla dolcissima Carla per un futuro sempre più radioso.

Carla Brescia con gli amici. Foto Rosario Rizzuto

Venerdì 31 luglio Consiglio Comunale a Scandale

SCANDALE (r.r.) – Il Sindaco di Scandale, Fabio Brescia, ha convocato in sessione straordinaria ed urgente, per venerdì 31 luglio 2009 alle 16,00, il Consiglio Comunale di Scandale.

La seduta è pubblica e la seconda convocazione è prevista per le 15,00 del 03 agosto.

Questo l’ordine del giorno: approvazione verbale seduta precedente; causa di incompatibilità ai sensi dell’articolo 63, comma 1, n. 2 del Decreto Legislativo n. 267/00. Dichiarazione di decadenza; surroga consigliere dichiarato decaduto; esame istanza Nuova Energia srl; esame istanza Ital Green Energy; approvazione convenzione Comune di Scandale-Aterp; discussione su richiesta del 23.07.2009 del capogruppo Ds Giuseppe Riolo (discarica Giammiglione).

Ecco il programma dell'Estate Scandalese

L’Amministrazione Comunale di Scandale

in collaborazione con Ergosud

presentano

R…Estate a Scandale 2009


Dal 27 luglio

All’01 agosto

Colonia estiva presso il Villaggio di Corazzo a cura dell’Associazione Sviluppo Corazzo.

Mercoledì

29 Luglio

Ore 20,00 Piazza Condoleo.

Artisti da strada con: animazione, teatro dei burattini e gonfiabile. Distribuzione gratuita di zucchero filato e pop corn.

Martedì

4 Agosto

Ore 21,30 Piazza Condoleo.

“Ciao Mino” Tributo di Natino Rappacciolo a Mino Reitano.

Dal 5 agosto

Al 14 agosto

Dalle 21,00 presso il Villaggio di Corazzo.

Torneo di Beach Volley a cura dell’Associazione Sviluppo Corazzo.

Mercoledì

5 Agosto

Ore 21,00 Piazza Condoleo.

Antonio Timpano presenta La Corrida scandalese.

Giovedì

6 Agosto

Ore 21,00 Piazza Condoleo.

“Ad esempio… a noi piace il Sud” con il cantautore crotonese Vittorio Rocca, Mimmo Arena, Marika e il gruppo “La Strana Idea”.

Venerdì

7 Agosto

Ore 21,00 Villaggio Corazzo.

Concerto della Band di giovanissimi “I Carboidrati”.

Ospite della serata il cabarettista Paolo Marra.

Domenica

9 Agosto

Ore 21,00 Piazza Condoleo.

“Serata d’Autore” con Nuccia Chiaravalloti.

Lunedì

10 Agosto

Ore 20,00 Villaggio Corazzo.

Gioco e divertimento per bambini con: gonfiabile, animazione e sculture di palloncini.

Distribuzione gratuita di zucchero filato e pop corn.

Martedì

11 Agosto

Ore 21,00 Piazza Condoleo.

Spazio alla danza con gli allievi della Scuola “Isabella Perrone” di Scandale con lo spettacolo “Il Sole del Sud”.

Mercoledì

12 Agosto

Ore 21,30 Piazza Condoleo.

Finale Provinciale “Una Ragazza per il Cinema, Moda e Fotogenia” presenta Deborah Felli con la partecipazione del comico napoletano Salvatore Gisonna e della cantante Marialaura Gabini. Balletto di Iole Zampini. La serata sarà ripresa dalle telecamere di Calabria Tv.

Domenica

16 Agosto

Ore 21,30 Piazza Condoleo.

GaudioPhonia – Sesta Edizione – A cura dell’Associazione “Musica x Sempre” di Scandale.

Mercoledì

19 Agosto

Ore 20,00 Piazza Condoleo.

Spettacolo di magia, animazione e gonfiabile. Distribuzione gratuita di zucchero filato e pop corn.

L’Amministrazione Comunale augura a tutti una serena pausa estiva.

L’Assessore          Il Sindaco

Rosario Rizzuto Fabio Brescia

Consiglio Comunale nei giorni scorsi a Scandale

SCANDALE – Un consiglio comunale anomalo quello svoltosi martedì 7 luglio nella sala consiliare del Comune di Scandale.

Infatti, a parte il canonico primo punto e cioè l’approvazione verbale seduta precedente, era previsto solo un altro punto ossia le determinazioni su un’incompatibilità ai sensi dell’articolo 63 commi 1 e 2 del Decreto Legislativo n. 267/00.

Nella fattispecie il punto (sulla stessa causa il Consiglio Comunale di Scandale aveva già discusso e deliberato in ben altri due consigli comunali a fine febbraio e a metà marzo) riguardava il consigliere comunale di minoranza Antonio Barberio che ricopre al contempo il ruolo di presidente dell’Akros.

La seduta del Consiglio è iniziata con l’appello della segretaria comunale Stefania Tutino al quale non rispondevano ‘presente’ i consiglieri di minoranza Barberio, Riolo e Vasovino e Garofalo per la maggioranza.

Approvato all’unanimità il verbale della seduta precedente, il sindaco Brescia spiegava come si era arrivati alle determinazioni sull’incompatibilità di Barberio (che proprio in questi giorni è stato riconfermato alla presidenza dell’Akros fino a settembre 2009, una proroga decisa per evitare problemi alla società durante il periodo estivo) che è risultata essere tale anche nella risposta al quesito che il Comune aveva sollevato.

A questo punto quindi è stato deliberato di prendere atto della situazione e di dare al consigliere Barberio 10 giorni di tempo per risolvere l’incompatibilità e quindi di lasciare l’uno o l’altro incarico.

Fuori da Consiglio, il sindaco ha anticipato che a breve bisognerà discutere sul nuovo piano regolatore denominato Psc (piano strutturale comunale) per definire il quale ha detto di volere la collaborazione della minoranza e della cittadinanza.

Intanto anche questa estate l’amministrazione comunale ha sponsorizzato l’Estate Ragazzi 2009, voluta dalla parrocchia, dai responsabili dell’Eremo di Corazzo e da altri comuni, mettendo a disposizione un pullman che ha consentito a molti ragazzi del paese e della frazione Corazzo di potersi recare al mare per due settimane in località Gabella.

In questi giorni inoltre il sindaco ha firmato la delibera per fare sistemare dei dossi artificiali lungo la discesa di via San Nicola, utilizzata per recarsi a Crotone attraverso la più veloce strada comunale e che spesso viene percorsa ad alta velocità.

Stanno anche per partire i lavori per la realizzazione della parte mancante di marciapiede su via Nazionale e per l’allargamento del cimitero.

Ma un gran fermento a Scandale nei giorni passati è stato dovuto al viaggio a St. Georgen, il paese gemellato con Scandale, per suggellare nella giornata del 10 luglio il gemellaggio del quale quest’anno ricorre il ventennale.

Da Scandale mercoledì 9 luglio sono partiti ben tre pullman in cui hanno trovato posto una delegazione comunale, la banda Gaudiosi di Maria, la scuola di danza, Isdabella Perrone di Scandale alcuni cittadini e i rappresentanti di altre associazioni del paese.

Un pezzo di paese che si è spostato verso la Germania per rinnovare quel patto di amicizia stipulato nel 1989.

R.R.

A Scandale amministrazione comunale in movimento: lavori per 1.000.000 di euro

SCANDALE – “Mentre ci sono persone, che ignorano la vita amministrativa di Scandale, che perdono tempo a sparlare nei bar e sul corso, c’è un’amministrazione che lavora grazie all’impegno di tutti gli assessori e di tutti i consiglieri comunali che non hanno mai fatto mancare il loro appoggio al sindaco”.

Si sfoga così il sindaco di Scandale, Fabio Brescia, non avvezzo a parlare coi cronisti, nel raccontarci alcune delle opere realizzate dall’amministrazione comunale di Scandale e quelle prossime alla realizzazione.

Infatti da qui a poche settimane prenderanno il via lavori per un milione di euro.

Martedì 30 giugno sono state aperte le buste per aggiudicare l’appalto dei lavori di riqualificazione del centro storico scandalese, appalto che è stato aggiudicato alla ditta Sestito di Rocca di Neto.

Si tratta di un progetto, realizzato dall’architetto Michele Gallucci, di 400.000 euro che prevede lo smantellamento della pavimentazione in porfido esistente e il rifacimento del manto stradale in monostrato vulcanico.

I lavori – ci spiega l’assessore all’urbanistica Filippo Lettieri, sempre attento alle opere che si realizzano in paese – interesseranno l’area che va da piazza Oberdan fino a piazza San Francesco.

Inoltre il porfido smantellamento verrà accantonato per essere utilizzato nei vicoli del centro storico: via Roma, via Campanella ed altre vie”.

Nei prossimi giorni verrà trasmesso alla Stazione Unica Appaltante il progetto per l’appalto dell’ampliamento del cimitero di Scandale che prevede la realizzazione di cappellette, di loculi e di aree destinate alla realizzazione di cappelle private.

Si tratta di un’opera (che prevede una spesa di circa 350.000 euro) in autofinanziamento, ossia i cittadini che lo hanno richiesto hanno prenotato degli spazi o dei loculi ed infatti in questi giorni il Comune sta acquisendo le ultime dichiarazioni degli acquirenti.

Ma i progetti dell’amministrazione Brescia non si fermano qua.

Infatti è stato affidato il lavoro (circa 35.000 euro) per la realizzazione del primo braccio della strada in località Rondinelle.

Mentre a luglio saranno appaltati due lavori i cui progetti sono stati realizzati dai geometri del comune, Domenico Noce e Giuseppe Borgese. Si tratta del progetto (già approvato e che prevede un costo di circa 100.000 euro) per la realizzazione del marciapiede sul lato sinistro (direzione San Mauro Marchesato) di via Nazionale, dal bivio con via Puccini fino alla Bellavista e quello per la riqualificazione di via Matteotti che è in fase di ultima definizione e che avrà anche esso un costo di circa 100.000 euro.

Intanto sono stati conclusi i lavori di messa in sicurezza della Scuola Primaria, così, dopo un anno trascorso in alcuni locali della Scuola Media, nel prossimo settembre i bambini della Primaria potranno tornare nei loro locali, inoltre è stato completato anche il sistema di video sorveglianza sia della scuola media che di quella primaria cosa che permetterà di tenere sotto controllo questi due edifici; è stato terminato anche il secondo lotto dei lavori di somma urgenza di via Giordano Bruno e nelle prossime settimane partirà il terzo lotto che prevede l’acquisizione di vecchie stalle e il rifacimento del manto stradale.

Ma l’attività del Comune di Scandale – ci dice il sindaco Brescia – non si è soffermata solo alle opere pubbliche: ci siamo adoperati affinchè in questi giorni partano due progetti per il sociale. Inoltre porteremo nelle prossime settimane in Consiglio Comunale la prima bozza del nuovo piano regolatore comunale (PSC) mentre abbiamo già risolto il problema della sede della guardia medica (che sarà allocata nei locali dell’ex frantoio Scaramuzzino) firmando una convenzione con l’Asp di Crotone. Stiamo anche concludendo la fase di progettazione per il recupero e la ristrutturazione dell’ex mattatoio di località Sant’Antonio di proprietà comunale, che una volta terminato ospiterà un centro sociale e il museo archeologico”.

Il Comune di Scandale lavora anche affinchè si ottenga un certo risparmio nelle forniture, e su queste basi che va letto il completamento della prima fase dell’ammodernamento della pubblica illuminazione utilizzando led a basso consumo e l’affidamento della fornitura elettrica alla società Edison.

Tutto questo – conclude Brescia – al di là degli innumerevoli interventi che quotidianamente vengono realizzati (marciapiede scuola media, muro traversa via Gramsci solo per

citarne alcuni) mentre è in programma per questa estate la bitumazione di una serie di strade del centro abitato (via dei Mille, via G. di Vittorio, via Milano, via Italia, via Europa, via Galluppi ed altre)”.

Insomma un Comune, quello di Scandale, in movimento, e che da qualche giorno può anche contare sull’amministrazione amica alla Provincia di Crotone.

R.R.

Domani, sabato 30 maggio, Consiglio Comunale a Scandale

SCANDALE – (r.r.) Con provvedimento del sindaco Fabio Brescia è stato convocato per sabato 30 maggio alle 15,00 il Consiglio Comunale di Scandale.

Si tratta di una sessione ordinaria in seduta pubblica e la cui seconda, eventuale, convocazione è fissata per domenica 31 maggio alle ore 16,00.

Questo l’ordine del giorno: approvazione verbale seduta precedente; contenimento spese di funzionamento della pubblica amministrazione. Adozione piani triennali 2009/2011 – Art. 2, commi da 594 a 599 della legge 24.12.2007, n. 244; criteri generali per l’affidamento di incarichi di collaborazione, di studio o di ricerca, nonché di consulenze a soggetti estranei all’amministrazione; approvazione programma triennale delle OO. PP. 2009/2011 ed elenco annuale 2009; esame ed approvazione bilancio annuale di previsione 2009, bilancio pluriennale 2009/2011 e relazione previsionale programmatica.