Posts Tagged ‘felicità’

Fine di un incubo. Si ricomincia a vivere!!!

In qualunque città o villaggio entriate, fatevi indicare se vi sia qualche persona degna, e lì rimanete fino alla vostra partenza. Entrando nella casa, rivolgetele il saluto. Se quella casa ne sarà degna, la vostra pace scenda sopra di essa; ma se non ne sarà degna, la vostra pace ritorni a voi. Se qualcuno poi non vi accoglierà e non darà ascolto alle vostre parole, uscite da quella casa o da quella città e scuotete la polvere dai vostri piedi.
(Matteo 10, 11-14).

E’ finitaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa… Esco da un incubo! Da circa un’ora non sono più un dipende dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore "G. V. Gravina" di Crotone, un subalterno del Ds Alberto D’Ettoris e della Dsga Gina Mazza, ma è divenuto effettivo il mio trasferimento all’Istituto Comprensivo di Papanice dove sono sicuro di trovare dei superiori e dei colleghi migliori; d’altra parte non ci vuole molto!!!

Torno da Crotone dove ho assistito allo splendido spettacolo di Giobbe Covatta, l’umore era già migliorato: NON HO MAI RISO TANTO IN VITA MIA ma allo stesso tempo tratto spunti di riflessione (poi vi racconterò) dalle parole del mitico Giobbe.
Rosario Rizzuto davanti all'Istituto Gravina alla mezzanotte del 1 settembre 2007 si toglie la polvere da sotto i piedi. Foto Domenica Ieriti
Ma a mezzanotte ero in via Ugo Foscolo, 10, davanti al portone dell’Istituto Gravina (a proposito la luce della mia ex ex stanza si chiude prima di andar via!!! di notte non serve!!!), a scuotere la polvere da sotto i miei piedi!
Rosario Rizzuto davanti all'Istituto Gravina alla mezzanotte del 1 settembre 2007, si toglie la povere dai sotto i piedi. Matteo, 10, 11-14. Foto Domenica Ieriti
E’ finita… E’ finito un incubo. E’ una gioia trovare nel box il messaggio di Ca: "Ro da domani si inizia a lavorare, ti auguro di trovare un posto di lavoro migliore, te lo auguro con il cuore e grazie per quello che fai per noi emigrati di darci notizie di Scandale". Non so chi sia Ca, il solito stronzo penserà che magari sono sempre io, ma non è così.
Mai messo un commento anonimo, mai messo un commento sotto altro nome.

Ringrazio Ca; ringrazio per gli auguri, via sms, la mia Luce e la mia amica e super collega Anna Maria Maggio di Palermo alla quale auguro un anno da Dsga (dai che ce la fai!!!), ringrazio tutti quelli (in realtà molto pochi) che mi sono stati vicini in questi 8 mesi.

Ma non pensate che sia finita qui. In procura ci sono due denunce, prima poi qualcosa si dovrà muovere.

L’8 settembre in tutta Italia ci sarà il V-Day, una giornata di lotta per cacciare dal Parlamento chi è stato condannato, vorrà dire che dopo organizzeremo uno Scuola-Day, una giornata per sensibilizzare l’opinione pubblica affinchè chi è stato denunciato per truffa aggravata non metta piede nelle scuole finchè non chiarisca la sua posizione!
Chi ha orecchi per intendere intenda!

E’ finita…

Si ricomincia… Mancano solo 6 ore… Evaaaiiiiiiiiiiiiiiii!!!

E' quasi finita!!!

31 agosto 2007, mamma per quanti giorni ho aspettato questa data.

Praticamente da gennaio, dopo il mobbing subito dal Dirigente Scolastico Alberto d’Ettoris e dalla Dsga Luigina Mazza dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore "G.V. Gravina" di Crotone, da quando è diventato chiaro che il Dirigente D’Ettoris si sarebbe mangiato la parola, datami qualche giorno prima, di concerdermi il nulla osta per concludere l’anno, in attesa del trasferimento ufficiale che poi avrei richiesto (ed infatti ho ottenuto), presso un altra scuola della Provincia di Crotone.

Ma forse sapermi a lavorare a Scandale nella mente perversa di chi è cattivo dentro è stato visto come un premio e non come una punizione verso chi aveva avuto l’ardire di cominciare a smascherare gli altarini (e ancora non ho detto niente), verso chi aveva scritto un infimo episodio capitato e null’altro, e così è andata come doveva andare.

Il 31 agosto 2007 è diventata una data diciamo storica, una data da aspettare con ansia e gioia, una data in cui poter finalmente mandare tutti (e sapete a chi mi riferisco) tutti a fanculo con tutto il cuore.

Il mobbing, comunque, la cattiveria, non è soltanto in chi lo pratica direttamente ma anche in chi sa e non denuncia, in chi sa e si sta zitto per il quieto vivere o per convenienza e continua a favorire il delinquere dei persecutori.

Ma il permettere a soggetti del genere il continuare a dirigente una scuola, un ufficio, gioco forza può sempre ritorcersi contro gli omertosi AI QUALI AUGURO CON TUTTO IL CUORE DI PASSARE SE NON LORO MA IN FUTURO I LORO FIGLI QUELLO CHE HO PASSATO IO IN QUESTI 8 MESI!!!

Il male si deve sconfiggere all’origine, se si lotta per sconfiggere l’aids si lotta per tutti, allo stesso modo bisognava lottare tutti insieme per debbelare questo male odioso che è il mobbing checchè ne dica la Cassazione, perchè ogni episodio impunito (ci cugliuniano!!!) è per chi fa mobbing sensazione di forza e di potere ma è in realtà SOLO UNA SCONFITTA PER UNA SOCIETA’ CHE NON SA CAPIRE, che guarda ma non vede, che decide che "tanto non sono problemi miei, a me non può succedere".

Ma il mondo è una trottola, tutto gira e chi oggi è sopra domani sarà sotto… terra! 

Giovanni e Maria: oggi sposi!

Oggi sono giusti 11 anni che mi sono inguiato con quella che non mi ascolta; quest’anno farò un passo avanti e non le farò nemmeno gli auguri.. a che servono?! E’ solo pura ipocrisia!!!

Ma il 21 agosto 2007 rimarrà negli annali per un altro motivo.
Oggi coronano il loro sogno d’amore la dolcissima Maria Tallarico e quel grande uomo (in tutti i sensi) di Giovanni Lucanto.

Giovanni Lucanto e Maria Tallarico che oggi, 21 agosto 2007, coronano il loro sogno d'amore. Foto archivio Rosario Rizzuto.

Si potrebbe definire il matrimonio della ProItalia considerato che Giovanni ne ha fatto parte lo scorso anno e ancora ci collabora da esterno per la gestione del sito mentre Maria ne fa parte tutt’ora.

Oppure il matrimonio della Banda "Gaudiosi di Maria" visto che ne fanno parte entrambi.

Ma, a parte questo, oggi è il loro matrimonio, il loro giorno più bello.

Infiniti auguri Giovanni e Maria!!!

Il Meetup Tutti con Beppe (Grillo) di Crotone sui quotidiani calabresi

Anche la stampa comincia a parlare del Meetup di Beppe Grillo crotonese.

Stamane ho trovato la notizia sulla Gazzetta del Sud e sul Quotidiano della Calabria.

Ecco gli articoli.
Articolo sulla Gazzetta Del Sud del 13.08.07 sul Meetup Tutti con Beppe di Crotone. Clicca x ingrandire.

Articolo sul Quotidiano della Calabria del 13.08.07 sul Meetup Tutti con Beppe di Crotone. Clicca x ingrandire.

Auguri Isuccia

Oggi è il compleanno di una persona speciale, INFINITI AUGURI ISA!!!

Ma non ti manca la tua Scandale?

Sono secoli che non vieni!

Basta poco che ci vò!!!

Le miei foto su Corriere.it

Quasi per gioco ho inviato le due foto che ho inserito nel mio post sugli incendi al sito Corriere.it.

Immaginatevi la mia sorpresa quando stamattina le ho trovate inserite nella gallery di uno dei maggiori quotidiani on line italiani.

La prima la trovate qui. Mentre l’elicottero anti incendio su Cosenza è qui.

Ogni tanto una piccola soddisfazione non guasta…

Buon venerdì!

Infiniti auguri Rosa Maria

La neo dottoressa in matematica Rosa Maria Frandina. Foto Rosario Rizzuto
E’ fatta, mia cugina Rosa Maria Frandina da ieri, 24 luglio 2007, è dottoressa in  Matematica avendo ottenuto, presso l’Università degli studi della Calabria di Cosenza, la laurea specialistica.
Il momento della proclamazione dei neo laureati in matematica (sia triennali che quinquennali) presso l'Università della Calabria nella seduta del 24 luglio 2007
Ma mica una dottoressa bau bau micio micio: ottenere una laurea quinquennale col massimo dei voti a nemmeno 24 anni non è da tutti.

Rosa Maria si è fatta un bel regalo proprio il giorno prima del suo compleanno, infatti li compie proprio oggi, regandosi una laurea con 110 e lode discutendo una tesi sulle "Triangolazioni di Delaunay" e avendo come relatore il Dott. Francesco Dell’Accio.
Rosa Maria Frandina con il suo Relatore Dott. Francesco Dell'Accio. Foto Rosario Rizzuto
Quindi oggi gli auguri si sprecheranno: per chi non ha fatto in tempo ieri a congratularsi con la neo dottoressa (o ha voluto risparmiare una telefonata  ), oggi si aggiungono quelli per il genetliaco (tranquilli non sto male, l’ho trovata con Google).
La dottoressa Rosa Maria Frandina con la mia famiglia. Foto Alfonso Frandina. Clicca per vederla solo con me.
Che altro aggiungere: AUGURISSIMI ROSA a te, a zio Ciccio… a zia Wilma!!!
La Dottoressa in Matematica Rosa Maria Frandina con la propria famiglia. Foto Rosario Rizzuto

Antonio e Alex al mare

A volte ai bambini basta poco x divertirsi e ridere come matti, come i miei bimbi nella foto con il loro "cuginetto" Antonio Scerbo…
Antonio e Alex Rizzuto con Antonio Scerbo nello stupendo mare (almeno quello!!!) di Marinella di Isola Capo Rizzuto. Foto Rosario Rizzuto

<font face="Comic Sans MS" color="#ffffff" size="5

90.000 CONTATTI… G R A Z I E

Auguri agli sposi…

Come è ormai risaputo l’estate è periodo di matrimoni; a Scandale di solito si ci sposa ad agosto ma non mancano le eccezioni.

Sebbene con un giorno di ritardo (quando non mi va di scrivere non c’è niente che mi faccia cambiare idea) volevo fare gli auguri per una vita insieme e piena di gioia al mio amico d’infanzia Ferdinando Borgese che ieri pomeriggio nella Badia Fiesolana a San Domenico di Fiesole in provincia di Firenze ha coronato il suo sogno d’amore con Alessia Brescia. Che la vita vi sorrida sempre!!!

***

Altro giorno altro matrimonio, quello di oggi, il matrimonio della Pro Italia come potrebbe definirlo qualcuno, tra il Presidente della citata associazione che tanto bene sta facendo a Scandale, Tonino Bitonti e la graziosa Maria Petrone che convoleranno (o forse lo stanno facendo proprio in questo momento) a nozze nella splendida Abazia di San Giovanni in Fiore.
Anche a voi  migliori auguri per una vita serena e piena di bitontini…

D’altra parte che questo amore pronmeteva bene ni ce ne eravamo accorti già un anno fa come testimonia la foto che segue…
Maria Petrone e Tonino Bitonti sposi il 30 giugno 2007. Foto archivio Rosario Rizzuto

Tempo di giudizi a scuola: promossi Antonio e… Alex :-)

Stamattina mio figlio Alex è andato a salutare le maestre della Scuola dell’Infanzia "Fratelli Bandiera" di Scandale dove ormai, nonostante la scuola sia aperta fino al 30 giugno 2007, i bambini si sono ritirati già da fine maggio: brutta abitudine tipicamente paesana visto che nelle città gli "asili" funziano quasi a pieno regime fino all’ultimo giorno.
Alessandro Rizzuto al parco a Crotone.
Alessandro è tornato fiero con la sua busta contente i lavori fatti durante l’anno e con orgoglio mi ha detto: "Papà sono stato promosso!".

Tempo di conclusioni anche alla Scuola Primaria dove il mio Antonio, ormai fuggiasco a Roma dove speriamo i preti, le suore e gli animatori gli diano delle buone direttive affichè si possa trascorrere un’estate tranquilla, è stato promosso alla quarta classe ("oddio fra due anni alle medie").
Antonio Rizzuto mentre gioca.
A casa è una peste ma a scuola si fa valere, infatti ha avuto tutti OTTIMO e la seguente valutazione finale: "E’ sempre molto sensibile ai valori sociali della giustizia (tutto il padre!!! n.d.b.) e mostra sempre interesse per ogni attività scolastica. Dimostra maturità e capacità di giudizio. Ha conseguito un ottimo livello di competenze generali in ogni disciplina".

E bravo Antonio!!!

Oggi si laurea Wilma Rizzuto

Oggi la mia sorellina Wilma consegue la Laurea in Economia Aziendale.
Wilma Rizzuto che si laurea in economia aziendale il 12 giugno 2007
Dopo anni di sacrifici condivisi tra studio e lavoro finalmente l’agognato traguardo che, come tutti quelli che ci sono passati sanno, non è un punto d’arrivo ma di partenza.

INFINITI AUGURI SORELLINA… STENDILI TUTTI…

Il Belvedere pareggia 2 a 2 a Savelli e va in finale. Rimane in 3 categoria, salvo ripescaggi, il Savelli di De Pietro-Regalino

Che gioia apprendere dai giornali che il Savelli non è andato in finale.

Grazie mister Luigi Villaverde e a questo punto vinca la migliore tra Belvedere Spinello e Real Filos Ippos.

Mentre sto x arrivare a 50 ore dall'inizio dello sciopero della fame e della sete, la stampa comincia a parlare della mia storia

Rientro a casa dopo essere stato alla libreria e un intenso profumo di ministrone mi assale; sembra quasi che lei me lo faccia a posta, ma d’altra parte loro devono pure mangiare sono SOLO IO in sciopero ormai da quasi 49 ore e il bello è che non ho poi tanta sete e nemmeno tanta fame: che sia la volta buona che dimagrisco?!

Da alcuni giorni i quotidiani stavano arrivando prima delle 10,00 (per chi legge dall’Italia, a Scandale di solito arrivano intorno alle 11,00) ma stamane, che li aspettavo con ansia per verificare quali giornali avessero deciso di parlare del mio sciopero della fame e della sete, si sono fatti desiderare.
La lettera di denuncia di Rosario Rizzuto così come è stata pubblicata dal quotidinao Calabria Ora. Clicca x ingrandire.
Comunque dopo le 11 sono arrivati e da un controllo veloce, oltre al già citato, in un precedente post, "Calabria Ora" che ha pubblicato quasi integralmente la mia lettera, ha parlato della mia storia anche il "Quotidiano della Calabria" con un articolo.
L'articolo pubblicato dal Quotidiano della Calabria di mercoledì 30 maggio 2007. Clicca x ingrandire.
La cosa mi ha fatto enormemente piacere non tanto perchè si parla di me perchè non era certo questo il io obiettivo, ma perchè finalmente è diventato pubblico il mio problema.

A me le cose "aumma aumma" non mi sono mai piaciute, i problemi vanno risolti alla radice: se c’è qualcuno che ha sbagliato (e voi sapete chi è) è giusto che paghi.

Il mondo sta cambiando, sogno che tra qualche anno avere un blog diventi un diitto costituzionale, e quindi non ci possono essere persone convinte di poter fare e continuare a fare impunemente i propri comodi.

W la Libertà di pensiero, w la Libertà di stampa, w la Giustizia…!!! 

Questo il testo integrale di quello che era partita come una comunicazione ai media e alle autorità ma che è poi diventata anche una denuncia: "Salve, vi chiedo anticipatamente scusa se ruberò 5 minuti del vostro prezioso tempo ma a volte sento di moltitudini di persone che si danno da fare per un gattino, bè credo che una vita umana valga di più. Si è tanto parlato di chi dovesse o non dovesse staccare la spina di Piergiorgio Welby, io la mia l’ho già staccata, ho iniziato ad aspettare chi voglia riattaccarla.

Mi presento, mi chiamo Rosario Rizzuto ho 34 anni e abito a Scandale (in provincia di Crotone) con moglie e due bambini di 8 e 4 anni, sono giornalista pubblicista e Consigliere Comunale nel mio comune di residenza, dalle 12,00 di lunedì 28 maggio 2007 ho iniziato il mio personale sciopero della fame e della sete.

Il tutto è legato agli innumerevoli episodi di mobbing che ho subito, e sto subendo, a decorrere da dicembre 2006 in quello che dovrebbe essere il mio ufficio e cioè la segreteria dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “G.V. Gravina” di Crotone dove ho l’incarico a tempo indeterminato di Assistente Amministrativo. Dico dovrebbe perchè dall’8 gennaio 2007 sono stato costretto, per motivi di salute, ad evitare ulteriore stress, e da allora non ho più messo piede in ufficio. Ho iniziato una mia personale battaglia, ma dopo oltre 5 mesi io sto a cuocermi nella mia rabbia mentre la “mia” quasi ex scuola si prende il lusso di organizzare un convegno che ha come argomento la centralità della persona. ASSURDO!!!

Il mobbing nei miei confronti è iniziato a dicembre 2006 perchè mi sono permesso di scrivere sul mio blog (www.byros.splinder.com) quello che mi stava succedendo a scuola; in particolare i miei superiori non hanno gradito che io avessi messo nero su bianco (altro che Articolo 21 della Costituzione) che la Dsga Luigina Mazza si fosse appropriata di soldi (anche se parliamo di una cifra ridicola ma è il principio che conta) che non le spettavano, e così sono cominciate le vessazioni. Neanche il tempo di tornare da una viaggio per un gemellaggio, al quale mi ero recato come Consigliere Comunale del mio paese, che mi ritrovo degradato dalle miei funzioni, con il computer staccato dal collegamento internet e dal programma principale per lavorare (Sissi) e cassettiera sequestrata.

Dopo pochi giorni ricevo una contestazione d’addebito dalla quale mi difendo il 20 dicembre 2006.

Vista ormai la provata incompatibilità chiedo al Ds il nulla-osta per terminare l’anno in un altro Istituto, mi assicura, e non solo a me, che me lo concederà.

Invece passano i giorni e, mentre io sono ormai a casa da alcuni giorni, il Ds Alberto D’Ettoris trasmette l’incartamento all’ufficio superiore (Usp) davanti al quale mi difendo tempo dopo.

Attendo pazientemente un qualsivoglia riscontro (intanto presento domanda di trasferimento) quando dall’Usp mi informano che il procedimento disciplinare in corso nei miei confronti è stato sospeso perchè l’intera pratica è stata trasmessa alla Procura. Qualcuno mi dice che la cosa pone a mio favore ma ormai non so più a chi credere.

Da allora, e ne sono passati di giorni, non ho saputo più nulla.

Ieri, lunedì 28 maggio 2007, trovandomi a Crotone per delle analisi, ho avuto la brillante idea di andare a seguire il già citato convegno sulla centralità della persona e così riincontrando “i vecchi” colleghi ho saputo che, addirittura a gennaio 2007, è stato pagato il Fondo d’Istituto dello scorso anno (2005/2006) ma io né ne ho avuta comunicazione né ho avuto accreditata qualsiasi somma.

Recatomi a scuola per chiarimenti, a parte il fatto che la collega Maria Mannarino mi diceva chiaramente che non si trovava il mandato, interpellata dal Dsga Mazza mi sentivo rispondere che di questo avrei dovuto parlare con il Dirigente Scolastico.

Ma mi domando: se si tratta di un atto amministrativo e contabile che c’entra il Ds?

Credo, anzi sono sicuro, che anche questo sia MOBBING! (quasi tutti i miei post sull’argomento si posso trovare qui: http://www.byros.splinder.com/tag/mobbing).

Stanco di tutto questo, ho deciso di iniziare questa mia protesta che spero porti a qualche risultato affinchè, come dovrebbe essere sempre, la giustizia trionfi.

In attesa di un Vs. riscontro… ringrazio per l’attenzione che vorrete porre alla mia presente.

Cordialità Rosario Rizzuto

Cell: 329 7906167
Casa: 0962 54781
Blog: www.byros.splinder.com".

Filomena vince a Lungro e Pugliese a Roccabernarda

Ormai siamo alle battute finali per quanto riguarda le elezioni amministrative; ci sono due belle notizie.

La prima è che ha Lungro, in provincia di Cosenza, ha vinto, con 383 voti di vantaggio, la lista "Lungro nel cuore" capeggiata da Giuseppino Santoianni (che ha ottenuto 1.238 voti) e nelle cui file era candidata la mia amica Filomena Filoro che se ho capito bene, visto il caos che c’era quando l’ho telefonata, ha ottenuto 87 preferenze, quindi un ottimo risultato.
Niente da fare per la lista "Uniti per Lungro" di Ambrogio De Marco che si ferma a 855 preferenze.
Il nuovo Sindaco di Roccabernarda Vincenzo Pugliese. (Foto arealocale.com)
La seconda è che a Roccabernarda avanza la gioventù con Vincenzo Pugliese della lista "La Svolta" che con 1.315 voti sconfigge  alla grande, e con 287 i voti di differenza, l’esperto Armando Scalise che ottiene "solo" 1.028 preferenze.
Il candidato a Sindaco di Roccabernarda sconfitto Armando Scalise in un momento di certo più felice dell'attuale. Foto archivio Rosario Rizzuto
Infine, tanto per dare un’altro dato e non pensare al frigo, a Cirò ha la meglio Mario Caruso della lista "Solidarietà e Partecipazione" (che ha ottenuto 1.036 voti) che supera Carlo Colucci dell’Ulivo (956).

Vince lo Strongoli ed è Seconda Categoria

Una formazione dello Strongoli della stagione 2006/07 nella quale è stata ottenuta la promozione in Seconda Categoria. Foto archivio Rosario Rizzuto
Grazie Strongoli!
Lo Strongoli di mister Martino con una rete di Piscitelli al 20′ del primo tempo sconfigge il Savelli e vince il campionato di Terza Categoria crotonese.

L’amico Roberto Mirabelli del Quotidiano della Calabria mi informa di una gara molto tecnica che nel secondo tempo è diventata anche cattiva con una sospensione per rissa e ben 4 esplusi, due per parte.

Quindi niente da fare per il Savelli di mister Claudio Regalino che ora dovrà tentare la promozione con i play off ma attenzione al Belvedere Spinello di mister Luigi Villaverde…

I complimenti fanno sempre bene ma gradirei più commenti qui

Be’ 50 minuti dopo la mezzanotte, leggere il seguente messaggio sul forum di scandaleonline: "A mio parere il sito (***)  potrebbe anke chiudere bottega, per fortuna che ci sta by ros per le novita’ altrimenti… comunque da come ho notato ha avuto dei problemini ultimamente (voleva addirittura chiudere del tutto) invece non si e’ fatto piegare menomale", è una bella botta di vita!!! 

Se poi leggo anche questo: "Ammiro molto il tuo modo di scrivere…… complimenti!
Se riflette la tua vita interiore….devo dire che sei anche una bella persona.. saluti
", mi squaglio proprio! 

Prese le assassine di Vanessa Russo: in galera e buttiamo via le chiavi!

La notizia che tutta Italia stava aspettando è arrivata: sono state prese le due assassine della Metro romana, le due ragazze che hanno ucciso la dolce Vanessa.
Il mio definirle puttane voleva solo essere un termine dispregiativo (senza voler offedere nessuna) ma in un certo senso c’ho preso pure visto che pare che le due ragazze, delle quali ancora non sono stati diffusi i nomi, siano due prostitute, una delle quali addiritura minorenne e l’altra di 21 anni.

Non due zingare, dunque, come si era pensato in un primo momento ma due baldracche della Romania in Italia per arricchirsi e fare la bella vita (cosa che era facile notare anche dal loro abbigliamento visibile nel video e nella foto) con il lavoro più antico del mondo.

Utilissime per rintracciarle (a casa di un amico anche lui arrestato, a Tolentino, in provincia di Macerata, nelle Marche) le immagini diffuse dalla Polizia.

ORA IN GATTABUIA E, PER FAVORE, BUTTIAMO VIA LA CHIAVE!!!

Il dvd di Rino Gaetano al terzo posto

Stupisce sempre…

E´ scomparso, solo fisicamente, quasi 26 anni fa ma quando esce qualcosa su di lui, é sempre lí nei primi posti!

Stiamo parlando di Rino Gaetano e del suo dvd, uscito da qualche giorno.

Infatti in base alla classifica dela Fimi – Federazione Industria Musicale Italiana – mentre scrivo il Dvd di Rino é passato dal sesto al terzo posto nella classifica di vendita di dvd musicali - settimana dal 16/03/2007 al 22/03/2007 (Negozi specializzati) e dal 12/03/2007 al 18/03/2007 (Grande distribuzione) – con tendenza quindi a salire ancora.

Prima di Rino solo i Pooh e Madonna!!!

GRANDE!!!

Superati i 1.000 post nel mio Blog, questo è il 1.011

Da alcuni giorni avevo in mente di controllare le statistiche del mio Blog per vedere quanti post mancavano per raggiungere quota 1.000 post. Ma ultimamente ho accellerato un po’ così mi sono appena accorto, quando mancano tre giorni al secondo compleanno del Blog, di essere, con questo, a 1.011 post.

Be’ niente male, vero? Ma forse questo dovreste dirmelo voi…

Lo Scandale a fatica supera il Petilia. Migliore in campo il portiere Mollura

SCANDALE  1

PETILIA        0

 

Marcatore: 6’ Garofalo.

Scandale: Mollura, Coriale, Santoro, Noce, Fiore (46’ Biafora), Franco, Pingitore (64’ Lucia), Rullo, Marazzita, Garofalo, Riolo (73’ Marrella).

Allenatori: Bruno e Garofalo.

Petilia: Perri, D. Ierardi, Scalise, P. Ierardi, Venturino, Miletta, Cavallo, Mangano, Bruno, Curcio, Fico.

Allenatore: Valerio Fico.

Arbitro: Davide Esposito di Rossano.

La squadra del Petilia che ha perso 1 a 0 a Scandale. 
SCANDALEMigliore in campo Carmine Mollura detto Maurizio, il portierone dello Scandale! Basta questo per capire come lo Scandale se la sia vista davvero brutta domenica contro il Petilia nonostante sia riuscito a portare in saccoccia tre preziosissimi punti per continuare a sperare ad un aggancio alla zona play off.

Certo giocando come domenica non sarà facile ma Franco e compagni hanno abituato i propri tifosi a gare alterne quindi tutto è possibile.
Da sx l'allenatore Fico, il presidente Manfreda e Capitan Scalise del Petilia

Il Petilia invece a Scandale ha fatto un ottima gara, forse la migliore squadra vista al Luigi Demme ancor più del Savelli e dello Strongoli che a Scandale hanno preso punti, ma come all’andata (quando la squadra del presidente Manfreda vinse 5 a 1) ogni tiro si trasformava in gol, domenica è stato l’opposto e la palla proprio non ne ha voluto sapere di entrare nella porta splendidamente difesa da Mollura.

Così lo Scandale torna a vincere dopo le tre sconfitte consecutive subite con le squadre alle prime tre posizioni in classifica (scherzi del calendario) ma ci sarà da sudare parecchio per salire in classifica.

La gara inizia con una certa supremazia territoriale degli ospiti che al 5’ fanno correre il primo brivido sulla schiena di Mollura e dei tifosi locali con Bruno che dal vertice sinistro dell’area piccola colpisce l’incrocio esterno.

Lo Scandale capisce l’antifona e sul capovolgimento di  fronte passa: azione manovrata (una delle poche dell’intera gara) con ultimo passaggio di Marazzita per Garofalo che batte Perri.

Il Petilia reagisce alla grande e comincia ad impensierire l’estremo locale: all’11’ tiro non irresistibile e centrale dalla distanza del Petilia, Mollura sembra in controtempo ma riesce ad alzare in angolo. Al 20’ Cavallo si invola sulla destra e impegna Mollura con un forte tiro, sulla respinta  ancora il portiere locale blocca il debole colpo di testa degli avanti ospiti.
Mollura super carico prima della gara contro il Petilia

Ci pensa Marazzita a spezzare il ritmo degli ospiti al 38’ controllando magnificamente il pallone e lasciando partire un fendente da fuori area che finisce alto di un soffio.

Lo Scandale ad inizio ripresa si presenta (cambio forse azzardato) con il debuttante Biafora (che è della frazione Corazzo) al posto dell’acciaccato Fiore e cerca di prendere in mano la gara: al 47’ Riolo indovina un gran tiro dal limite ma Perri si salva in angolo sul quale il giovane Pingitore ci prova di testa ma il suo tiro è fuori. Al 55’ i locali se la vedono brutta Bruno si invola ed è solo in area ma Mollura esce alla grande è salva! Al 59’ ancora Petilia con un gran tiro di Fico e ancora l’estremo locale che respinge.
Alcuni tifosi che hanno assistito a Scandale - Petilia del 04 Marzo 2007

I locali cercano di scuotersi con Rullo che al 61’ ci prova dalla grande distanza ma Perri si salva in angolo. Al 64’ Cavallo si mangia un gol colossale solo in area ed è sempre Mollura a metterci una pezza. Si fa sotto lo Scandale al 69’ con un batti e ribatti in area petilina ma la palla non entra. Ancora Scandale al 75’ con Marazzita dalla destra il suo tiro deviato dal un difensore mette in difficoltà l’estremo ospite che si salva in angolo sul quale capitan Garofalo di testa alza di un soffio. Il finale è tutto del Petilia: all’80’ bella sforbiciata sottoporta di Curcio con respinta dell’eroe di giornata Mollura che si supera ancora all’86’ alzando in angolo, togliendo la palla dall’incrocio, una stupenda punizione di Pietro Ierardi e andando a sbattere contro il palo per fortuna senza conseguenze.
Mollura sta x alzare in angolo la punizione di Pietro Ierardi all'86'. Foto Rosario Rizzuto

Nei minuti finali i locali resistono alla pressione dei ragazzi di mister Fico ma c’è da segnalare che con la partita ancora in corso e con due sostituzioni ancora disponibili (anche per spezzare il ritmo agli avversari) i giocatori della panchina locale erano già negli spogliatoi: assurdo!

Appena sufficiente l’arbitraggio del signor Davide Esposito di Rossano.
L'arbitro Davide Esposito di Rossano che ha diretto Scandale - Petilia del 04 Marzo 2007

ROSARIO RIZZUTO      

Sul sito dell'Inaf una mia foto dell'eclissi di luna

L’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) ha un sito (www.guardacheluna.com) dove si parla anche dell’eclissi di luna del 03 marzo 2007 e dove è possibile anche mandare le foto che sono state fatte l’altra notte all’evento.

Io ho mandato una mia foto, che ho pubblicato nel precedente post, è all’ Inaf hanno anche avuto il coraggio di pubblicarla.

Per di più, al momento  la mia è l’unica foto proveniente dalla Calabria.

Ma ce ne sono da tutta Italia, divise regione per regione, e anche oltre, molte delle quali bellissime.

Per darci un occhiata cliccate qui e poi su "Mandaci la tua eclissi".

In Italia si sta male e Google

Be’ ci deve essere un po’ del flusso magico di Rino Gaetano se cercando su Google il titolo della canzone di Paolo Rossi: "In Italia si sta male", almeno sul mio pc (pare che le ricerche diano risultati diversi a secondo di dove si è) appare, come primo risultato, su 2.300.000 risultati della ricerca, il mio blog.

La cosa mi rende molto felice…

Lettera di una donna al marito

Non ci sono solo le mogli che non ascoltano, ci sono anche i mariti che non ascoltano, ho ricevuto la mail che segue da una mia amica.

Un testo scritto oltre un anno fa e da allora le cose non sono migliorate.

Francecsa, gran donna, ha tanto bisogno di essere capita e amata, da qui questo suo sfogo…

Cosa consigliereste voi a Francesca? 

30 gennaio 2006
E’ successo di nuovo… ieri sono venuta da te, col cuore in mano, con gli occhi dell’amore, le parole che scaturivano dall’anima… ENNESIMA DELUSIONE!!!!

 

Non so perché non ci capiamo, a volte penso di essere sbagliata, ma sarà vero???

 

Ho tanto bisogno di sentirmi DONNA AMATA, non moglie, non madre…

 

Vorrei innamorarmi di un uomo innamorato di me… di quella che sono dentro; ormai sono quasi sicura che non esiste o, almeno, non per me. Probabilmente non lo merito!

 

Tu sei una brava persona, mi aiuti in casa, a volte fin troppo…
Ma non è quello che voglio…

 

Non ti riconosco, non sei quello che ho incontrato 25 anni fa…
Anch’io sono cambiata ma, a tuo dire, vado bene come sono.

 

E allora perché fra me e te non c’è più nulla?
A volte mi sento trascinare lontano lontano… Perché?
Sono anni che tento di far andare aventi la nostra storia ma, ormai… credo di voler mollare.

Non ne ho più le forze e ormai anche la volontà è andata a farsi friggere.

TROPPE DELUSIONI, TROPPE VICENDE NEGATIVE.

 

E’ vero a volte il desiderio di sapere che hai un’altra è così forte… Perché? Così magari riusciresti a capire cosa e chi vuoi veramente.

Lo so, mi sono lasciata andare fisicamente, ma non mi sento desiderata, è più forte di me.

Del resto tu non fai nulla per smentirmi.

Sto soffrendo troppo!!! Francesca

  

P.S. Tieni con te questo scritto e leggilo di tanto in tanto.

Ecco il testo di In Italia si sta male di Rino Gaetano

Rino Gaetano con la chitarra. (Foto da www.khatmandu.it)
Ci siamo: la notizia era attesa con ansia soprattutto da tutti i fans di Rino Gaetano e finalmente con l’uscita del numero di Tv Sorrisi e Canzoni che precede il festival di San Remo, sono stati resi pubblici i testi delle canzoni e fra essi quella che canterà l’attore e comico Paolo Rossi e che è stata scritta appunto dal nostro concittadino prematuramente scomparso Rino Gaetano.

Il titolo della canzone come ormai è risaputo è “In Italia si sta male” al quale è stato aggiunto in totale stilo Rino una frase della canzone inserita tra parentesi “Si sta bene anziché no”.

La canzone (Edizioni Lunapark Edizioni Musicali Bmg Ricordi Music Publishing) viene assegnata come unico autore, di musica e testo, a Rino Gaetano segno che non è stata modificata rispetto a come l’aveva scritta oltre 25 anni fa il cantante crotonese-romano.
Paolo Rossi al Festival di San Remo con un testo inedito di Rino Gaetano. (Foto www.nonsolobiografie.it)
Certo Paolo Rossi la canterà a suo modo, infatti il poliedrico attore dichiara a Sorrisi e Canzoni: “Rino è uno che mi piaceva perché era fuori dal mucchio. Ammetto: mi sono commosso. La canterò a modo mio, del resto è una canzone che ha più bisogno di un attore che di un cantante. Mauro Pagani e Claudia Mori me l’hanno proposta per questo. Diciamo che sono un attore che canta, un po’ come Benigni, Sordi, Manfredi. L’unica cosa che mi preoccupa è la responsabilità di presentare bene una canzone, una bella filastrocca, che chi l’ha scritta non può più fare. E se mi emozionerà, lascio che mi emozioni…”.

“Rino Gaetano – dichiara ancora Rossi – l’ha scritta quasi trent’anni fa, ma è perfetta ancora oggi, però nulla di provocatorio”.

Per fortuna siamo qui a parlare del testo di Rino che sentiremo a San Remo perché molti fans hanno temuto che la canzone di Rino potesse essere esclusa dal festival.

Infatti, e la notizia è stata data finanche dalla stampa nazionale, si è diffusa alcuni giorni fa la notizia che il brano non fosse del tutto inedito ma fosse stato cantato in un’edizione del Festival crotonese “Una casa per Rino” e addirittura che una radio locale la stesse trasmettendo.

Voci false e pretestuose, forse una scherzo o pura cattiveria (come ha detto Anna Gaetano) prontamente smentite subito sia dalla sorella di Rino, Anna Gaetano, che detiene i diritti d’autore di tutti i testi di Rino, editi ed inediti, e smentite con durezza anche da Pippo Baudo.

Quindi passata la paura l’attenzione passa su questo brano in puro stile San Remo; un testo che dal titolo avrebbe potuto fare pensare ad una sorta di denuncia da parte del nostro cantante  ma che da una prima lettura appare un testo molto scanzonato ma che nasconde fra le riga la forte ironia di Rino che alla fine lancia sempre il suo messaggio.

Paolo Rossi sul palco di San Remo (ricordiamo che l’appuntamento è da martedì 27 febbraio a sabato 3 marzo su Rai 1)  non sarà solo ma sarà accompagnato dalla Rino Gaetano Band composta da: Juri Carapacchi, Luca Tosoni, Menotti Minervini, Andrea Ravani, Marco Graziosi e Alessandro Gaetano che è il nipote di Rino.

Da giovedì 1 marzo sarà possibile anche da casa contribuire alla vittoria della canzone di Rino Gaetano tramite il telefoto con un massimo di 7 voti per ogni utenza telefonica, chiamando il numero 164777 da fisso e poi seguendo le indicazioni che saranno date nel corso della trasmissione, oppure mandando un sms al numero 48444, entrambe queste modalità hanno un costo di 0,75 euro. Chi possiede un decoder del digitale terrestre collegato alla linea telefonica potrà votare con il telecomando al costo di 0,60 euro.

Questo il testo della canzone:

In Italia ci sta il mare

Per nuotare e per pescare

Con le spiagge tutte bianche

Gli ombrelloni stesi al sole

In Italia si sta bene

In Italia ci sta il sole

Per asciugarsi quando piove

Con la frutta di stagione

Con le pesche e le albicocche

Da mangiare quando hai fame

Ma guarda un po’

Che fortuna stare qua

In mezzo a tanta civiltà

Guarda tu

Che fortuna stare qua

Stare ancora qua

In Italia c’è l’amore

Da quando nasce a quando muore

Se sei brutto o se sei bello

Se sei brutto o se sei bello

Se sei ricco oppure no

In Italia c’è l’amore

Da quando nasce a quando muore

Se sei brutto o se sei bello

Se sei ricco oppure no

In Italia non si può

Ma guarda un po’

Che fortuna stare qua

In mezzo a tanta civiltà

Guarda tu

Che fortuna stare qua

Stare sempre qua

In Italia si sta male

Si sta bene si sta male

In Italia si sta male

Si sta meglio si sta peggio

Si sta bene anziché no

In Italia c’è l’amore

Da quando nasce a quando muore

Se sei brutto o se sei bello

Se sei quasi sempre quello

Se sei ricco oppure no

In Italia si sta male

Si sta bene si sta male

Si sta male si sta bene

Si sta meglio si sta peggio

Si sta bene anziché no

In Italia ci sta il sole

Per asciugarsi quando piove

Con le spiagge tutte bianche

Gli ombrelloni stesi al sole

In Italia si sta bene

In Italia si sta male

Si sta bene si sta male

In Italia si sta male

Si sta bene si sta peggio

Qua si sta come si sta

In Italia c’è l’amore

Da quando nasce a quando muore

Se sei brutto o se sei bello

Se sei ricco oppure no

Se sei basso non lo so

Se sei brutto o se sei bello

Se sei ricco oppure no

Qui ci sto e non ci sto

Se sei brutto o se sei bello

Se sei ricco oppure no

In Italia non ci sto

Ma poi torno però…

Ogni tanto.

ROSARIO RIZZUTO

50.000 visite

GRAZIE, GRAZIE GRAZIE!!! Grazie amici perchè per merito vostro oggi 21 gennaio 2007 raggiungo le 50.000 visite.

Un traguardo, per un blog come il mio (che si rivolge soprattutto ai miei compaesani sparsi per il mondo), molto importante e del quale sono molto contento.

Anche considerando la lunga pausa dello scorso anno di questi tempi quando non aveva senso entrare in un blog non aggiornato, la media giornaliera di contatti è di circa 75 mentre grazie ad Heracleum verifico giornalmente che le visite e le pagine viste sul mio blog sono in aumento.

GRAZIE GRAZIE GRAZIE!!!

Scaricare dal web non è reato o forse sì!!!

Ascoltata dalla tv della cucina, a distanza, mi sembrava di aver capito che non ci sarebbe stato più bisogno di pagare la siae per manifestazioni senza fini di lucro.

Riascoltando la notizia, che è sui giornali di oggi, la cosa è un po’ diversa ma, forse, per molti ragazzi, meglio.

Infatti c’è stata una sentenza della Cassazione che dice che non è reato scaricare musica (o file in genere) dal web se non c’è fine di lucro.

Logicamente alla Siae (Societa Italiana Autori ed Editori) non sono molto contenti, ma chi senefrega, mentre alla Fimi (Federazione dell’Industria Musicale Italiana) dicono che la sentenza si riferisce ad un reato commesso quando ancora non era in vigore la nuova legge che prevede una sanzione di 154 Euro per chi scarica una canzone abusivamente.

Se è così non sarebbe cambiato ninete e alora perchè alcuni giornali portano la notizxia in prima pagina?

Di certo oggi ne sapremo di più, anche perchè immagino che la notizia interessi a molti: se dovrebbero fare 154 Euro di multa per ogni canzone scaricata, ad una mia amica non basterebbe che si vendesse la casa per pagarla!!!

Il compleanno di Antonio e il blog

Be’ mi perdonerete se ieri mi sono preso una pausa totale dal pc. Erano mesi che non capitava, che non accendessi, anche per poco, un computer. Certo ho seguito l’andamento dei messaggi tramite il cellulare: è sempre una gioia visualizzarne uno.

Comunque siete stupendi: ieri, senza alcun mio contatto e di sabato, Heracleum ha registrato 182 contatti e ultimamente più volte ho superato i 200: G  R  A  Z  I  E.
La foto di grupo con Antonio Rizzuto con i tutti i suoi compagni di scuola presenti alla festa; in mano il regalino fatto dal padrone di casa.
Intanto venerdì 12 si è svolta, preso la pizzeria L’Anfora, la festa di compleanno del mio Antonio.
E’ andata più che bene: le sorelle Garofalo, Caterina e Martina, e chi lavoro con loro, hanno fatto un ottimo lavoro sia con la pizza (buonissima) e le patatine che con la torta. 

A far ancora più felici i bambini ci ha pensato il padrone di casa, alias Nerone (sperando che non si offenda) che ha regalato loro una pallina con gioco.

Hanno fatto un baccano tremendo gli undici bimbi presenti, compreso il piccolo Alex che si è integrato alla grande andandosi a sedere vicino le ragazze.
I bimbi a tavola durante il compleanno di Antonio Rizzuto a Scandale alla pizzeria L'Anfora.
La classe di Antonio, la terza A, è formata da 13 alunni quindi ne mancavano solo tre che non avevano dato la loro adesione: ci deve sempre essere, in qualsiasi gruppo, qualcuno fuori dal coro!
Antonio Rizzuto ha appena spento la candelina dei suoi 8 anni: speriamo abbia espresso un bel desiderio.
Ma di certo non si è sentita la mancanza degli assenti e i ragazzi si sono divertiti tanto.

Appuntamento al prossimo compleanno. 

Crotone in festa: il Preside Salvatore Regalino compie 90 anni

Una fase dei festeggiamenti per i 90 anni del Preside Salvatore Regalino. Da sx la figlia e giornalista Giusy Regalino, il Sindaco di Crotone, Peppino Vallone, il  Preside Salvatore Regalino e il Presidente della Provincia di Crotone, Sergio Iritale
"Per noi è festa, i 90 anni del Professor Salvatore Regalino", si apriva così l’invito per i festeggiamenti di un grande uomo di Crotone che si sono tenuti martedì 19 dicembre 2006 (gli anni erano stati comnpiuti l11 dicembre) nell’aula consiliare del Comune di Crotone.

E in effetti è stata davvero una bella festa per il Preside Regalino come lo chiamano tutti, che è stato anche Sindaco di Crotone "quando la politica non la si faceva per soldi", con la presenza dei familiari (tra i quali i figli Giusy, Fabio e Claudio) di tanti uomini politici (anche ex rivali come l’avvocato Francesco Ryllo) ma anche amici, ex colleghi ed ex allievi per la maggior parte donne.
Il Preside SAlvatore Regalino con il Sindaco di Crotone, Peppino Vallone

Sono intervenuti, tra gli altri, il sindaco di Crotone, Peppino Vallone, il Presidente della Provincia di Crotone, Sergio Iritale, l’assessore alla Cultura del Comune di Crotone, Giovanni Capocasale, l’assessore alla Cultura della Provincia di Crotone, Giuseppe Poerio, Il Dirigente Scolastico del Liceo Classico "Pitagora", Vitorio Emnauele Esposito e il Dirigente Scolastico dell’Istituto "Gravina", Alberto D’Ettoris.

Per problemi dell’ultimo momento sono mancati i personaggi politici più importanti, l’Onorevole e Assessore Regionale alla Cultura Sandro Principe che è dovuto volare a Roma e il rappresentnate della Rosa nel Pugno Cesare Marini che, come dirà l’assessore provinciale Poerio nel suo intervento, era passato dalla sala dei festeggiamneti alle 16,30 (quando non c’era quasi praticamente ancora nessuno essendo i fetseggiamneti previst per le 17,00) e non poteva trattenersi oltre perchè aveva un’aereo, ma onestamnete non se n’è accorto nessuno.

Interventi e saluti, a parte qualcuno, che hanno ricordato la figura di un uomo speciale.

Figuratevi che anche io che avevo una fretta del diavolo (ero andato solo per fare qualche foto) dovendo preparare la difesa per la contestazione d’addebito che ho ricevuto dal Dirigente dell’Istituto "Gravina" (del quale Istituto Regalino era stato Preside e dove io ora sto subendo Mobbing), Alberto D’Ettoris presente anche lui alla festa, non sono riuscito ad andare via prima che l’ultima persona non avesse finito il suo intervento e la figlia del Preside Regalino, Giusy, non desse il via ai festeggiamenti con pasticcini e quant’altro.

Comunque ho scattato tante foto, anche se forse non di altissima qualità perchè avevi noia ad alzarmi ed avvicinarmi alle autorità per non dar fastidio, che potete trovare in una gallery di Area Locale.

Questo post, che modificato diventerà anche un articolo per Area Locale.com, sarà completato appena avrò un po’ di tempo (tra oggi e domani spero); capite bene che con una difesa ad una contestazione d’addebito da sostenere tra 4 ore e mezzo ho altri pensieri e non riesco a scrivere bene e poi ci sono altre cose che debbo dire in un altro post.

Il Preside ed ex Sindaco di Crotone Salvatore Regalino
Volevo concludere con i miei più sinceri auguri per un uomo che scopro speciale, io non ho avuto modo di conoscerlo bene ma è stato anche professore di mia madre che me lo ha lodato oltre ogni limite e poi cosa dire di uomo che al proprio compleanno il regalo te lo fa prima lui consegnandoti due suoi libri: "Astri o Diamanti (amanti di storia)" e "I Fratelli Bandiera"?
Il Preside Salvatore Regalino

AUGURI PRESIDE REGALINO!!! Come qualcuno ha detto altri 90 anni di questi!

16 Dicembre 2006, giornata storica, a Bologna nasce IL PARTITO GIOVANI – PER L'ITALIA DEL FUTURO

Scandale Febbraio 2036 in una mansarda su via Nazionale, il piccolo Rosario Rizzuto (di Antonio, di Rosario ’u giornalista), sta studiando storia.

Studia la nascita e gli sviluppi del “Partito Giovani – Per l’Italia del Futuro” costituitosi a Bologna il non lontanissimo 16 Dicembre 2006.

Gianluca Mancini co-fondatore del Partito Giovani con il sottoscritto Rosario Rizzuto
In quella Assemblea Costituente vi partecipò anche il nonno, ed omonimo, di Rosario, ora ultra sessantenne e facente parte del Direttivo Nazionale del Partito.

Il tavolo dei lavori dell'Assemblea Costituente del Partito Giovani. Al microfono il co-fondatore Gianluca Mancini. Bologna 16 Dicembre 2006. Foto Rosario Rizzuto
Da quel storico incontro di Bologna il Partito Giovani ha fatto passi da gigante e quelle circa 300 persone, che parteciparono allora occupando in ogni ordine di posti la Sala del Silentium del quartiere San Vitale di Bologna, ora sono diventate milioni.

La sala del Silentium a Bologna piena di gente per l'Assemblea Costituente del Partito Giovani
La gente ha capito, così il partito fondato dall’allora ventiduenni Gianluca Mancini e Davide Marconi (ora Senatori della Repubblica italiana) non ha conosciuto pause e di elezioni in elezioni e dopo sacrifici, tentativi di boicottaggio e quant’altro, senza l’unione, inciuci con chichessia, ora, a pochi mesi dal trentennale, il PARTITO GIOVANI detiene la maggioranza assoluta dei consensi e può governare ed amministrare l’Italia da solo…

I fondatori del Partito Giovani (al centro) Gianluca Mancini e Davide Marconi con due iscritti
Be’ il sogno è certamente affascinante, magari sono sospeso 15 metri sopra il cielo e devo tornare sulla terra ferma, ma vi posso assicurare che è più difficile che mio figlio chiami il suo Rosario che non che il Partito Giovani possa ottenere davvero questi risultati. Forse non in trent’anni ma di sicuro quello che è nato sabato scorso 16 dicembre a Bologna E’ UNA COSA GRANDE.

Ho tantissime foto (ne ho scattato oltre 400) da farvi vedere ma i problemi a scuola, dopo la contestazione d’addebito ricevuta in questi giorni per raccomandata, si sono aggravati e mi devo dedicare un pochetto a smontare le tesi accusatorie del Dirigente Scolastico del Gravina che dopo oltre 15 mesi senza il minimo rimprovero per il mio operato a scuola (lui che qualche cazziatone lo fa sempre a tutti) si prende la briga, certamente sotto dettatura sapete anche di chi, di farmi sapere che ci sono cose che non vanno per iscritto ed addirittura con un contestazione d’addebito con protocollo riservato e spedita per raccomandata… perchè tutto rimanga ufficiale.

Non so se il mio blog (che ora loro vogliono usare come prova contro di me, prova ma di che?) abbia lo stesso valore legale della raccomandata, di certo hanno speso più loro (soldi nostri) con la raccomandata (ma se qualcuno dimostrerà che non era necessaria devono pagarla loro?!) che io da quando scrivo sul blog (escludendo i collegamenti ad intenet) visto che è gratuito.

Vi terrò aggiornati su questa brutta storia di Mobbing, calunnie, tentativi di azzittirmi con la paura (qualcuno forse ci lascerà le penne, in senso metaforico si intende, ma non sono certo che sia io), ma voi sapete bene chi è Rosario Rizzuto così come in tanti sanno bene chi sono le altre persone coinvolte in questa faccenda che spero già oggi prenda una piega diversa…