Posts Tagged ‘sport’

Stasera a Roma il Derby della Pace

Mi circondo di persone speciali, certo ad alcuni stanno sulle palle: l’invidia è una brutta bestia!
Ma ho la capacità di sentire quando una persona merita, quando una persona è diversa da tante altre; dal qualunquismo dilagante, dalle banalità.
Oh se potessi parlare!!!

Meglio che sto zitto, inutile parlare male di chi è male di suo, meglio parlare bene di chi merita, come la mia amica Flaminia, che approfittando di un mio invito di alcuni giorni fa, al quale, nonostante qualcuno avesse allora aderito, poi non si è fatto/a più vivo, mi ha inviato il pezzo che segue.

Buona lettura.

Molto spesso mi sono trovata in mezzo a delle discussioni tra tifosi di varie squadre.
Molto spesso mi sono trovata a dover difendere dei colori troppo lontani da noi del Sud e troppo diversi da quelli che solitamente si tifano, per tradizione o perchè tifare una squadra che vince scudetti, coppe e altro è sempre più facile che tifare una che ti fa solo emozionare e battere il cuore, senza però portare a casa nessuno risultato concreto.
Oggi a Roma è un giorno speciale, “stanotte” a Roma si gioca il derby della Capitale numero 130.
Ma non sarà un derby come tutti gli altri, sarà speciale, qualcosa di mai visto finora.
Sarà: IL DERBY DELLA PACE.
Se vi dico Vincenzo Paparelli, derby, 28 ottobre 1979….
Già non vi viene nulla in mente e devo dire che fino a pochi giorni fa non ricordava nulla neanche a me.
Ma se vi dico Gabriele Sandri, Gabbo, domenica, 11 novembre 2007….
Si, qualcosa ricordate, ricordiamo tutti purtroppo!
Vincenzo Paparelli era un tifoso della Lazio che quella domenica (quando ancora le partite si giocavano solo di domenica) del 1979 era allo stadio Olimpico di Roma per seguire la sua squadra.
Poco prima delle 13,30, manca circa un’ora al fischio d’inizio, parte dalla curva opposta un razzo che, dopo un volo di oltre 200 metri, colpisce in pieno volto Vincenzo, causandogli lesioni gravissime.
Morirà di lì a poco lasciando moglie ed un bambino di 8 anni.
Gabriele Sandri era  tifoso anche lui della lazio.
Ama la sua musica, la sua vera passione prima ancora di quella calcistica.
Anche se sabato notte ha lavorato fino all’alba, come fanno spesso tutti i dj, domenica mattina decide lo stesso di andare a seguire la sua squadra in trasferta.

In un autogrill, diventato ormai simbolo di quella tragedia e “santuario” per tutti i tifosi che passano di lì, un poliziotto, Luigi Spaccarotella, ha voluto mettere fine alla vita di un ragazzo che stava riposando sui sedili posteriori della macchina di alcuni amici, colpevole di essere lì in quel momento.
Stasera un padre che ha perso il figlio ed un figlio che ha perso il padre saranno insieme a vedere quella partita maledetta, benedetta, seguita, tifata, accolti dai tifosi avversari.
Non si era mai visto né pensato che due tifosi laziali potessero vedere il derby nella curva romanista, abbracciati da 85 mila tifosi.
E’ motivo per me di grande orgoglio e di grande commozione tifare una squadra, dei colori e dei calciatori che non sono solo questo, sono anche e soprattutto uomini.
Uomini che rispettano il dolore altrui, uomini che vogliono fortissimamente che queste tristi storie non si ripetano.
Uomini che per la festa del papà riuniscono 2 padri e 2 figli, simbolicamente, facendo abbracciare due uomini legati da uno strano destino.
Francesco Totti prima del fischio d’inizio andrà sotto la curva nord e sotto la foto di Gabbo deporrà dei fiori a nome di tutti i romanisti. Sarà applaudito da tutto lo stadio tifosi e non, uno spettacolo unico!
Romanisti e laziali uniti sotto il nome di Gabbo e Vincenzo, per non dimenticare!
Che siate interisti, juventiti, romanisti, laziali, palermitani, reggini, scandalesi… stasera tifate per la pace.
In un mondo calcistico dove non ci sono da tempo gesti così belli, quello di stasera può essere l’inizio per percepire tutto in maniera diversa.
Impariamo da loro: “AVVERSARI SEMPRE, NEMICI MAI!”
NO ALLA VIOLENZA NEGLI STADI!
Flaminia.

Mannaggia a te Flamy, mi hai commosso e mica posso passare la pausa in ufficio a piangere!!!

La vera Inter

Ecco l’Inter vera,

 quella vista ieri sera,

senza arbitri e rigori

non imbecca un tiro solo!

I Dirigenti Gentleman nell'alto crotonese: premiate Pallagorio, Real Filos Ippos (di Mesoraca) e Petilia

Il tavolo di presidenzea della Terza Edizone del Premio Dirigente Gentleman organizzato dall'Aia di Crotone. Foto Rosario Rizzuto
Se è vero  quanto venuto fuori dalla Terza Edizione del Premio Dirigente Gentleman, organizzato dalla Figc e dalla Sezione Aia di Crotone, i dirigenti più educati, più a modo, che collaborano con gli arbitri, per quanto riguarda la stagione 2006/07, appartengono all’Alto Crotonese, più alla zona di alta collina della Provincia che alla zona di mare.

Foto di gruppo dei dirigenti Aia e Figc con il Presidente del Pallagorio premiato pe la Seconda Categoria stagione 2006/07. Foto Rosario Rizzuto
Infatti sono state premiate le società calcistica del Petilia, per il settore giovanile, il Real Filos Ippos, per la Terza Categoria, e il Pallagorio per la seconda categoria.

La premiazioni sì è tenuta presso il Bastione Toledo di Crotone e ha visto la partecipazione, al tavolo di presidenza, del Presidente della Figc Calabrese, Antonio Cosentino, del Presidente del Cra (Comitato Regionale Arbitri) Calabria, Franco Falvo, del Componente del Comitato Nazionale Aia, Filippo Capelluto, del Presidente della sezione Aia di Crotone, Sergio Contarino, dell’Assessore allo Sport della Provincia di Crotone, Donato Greco, e ospite d’onore il Presidente del Cai (Commissione Arbitri Interregionali), Alberto Boschi.

E’ intervenuto anche l’Assessore Comunale alo Sport, Mario Megna, mentre in sala erano presenti i dirigenti di molte delle squadre di Seconda e Terza categoria e del settore giovanile della Provincia di Crotone nonché alcuni dirigenti dell’Aia di Rossano con la quale quella di Crotone effettua degli scambi di arbitri.

La serata è stata presentata da Gianluca Crugliano, arbitro crotonese, che è arrivato ad arbitrare fino alla Serie C e che tra le altre cose ha raccontato come proprio Alberto Boschi alcuni anni fa lo bocciò nel suo tentativo di passare al Can (Commissione Arbitri Nazionale) di A e B per potere arbitrare nelle massime serie del calcio italiano.

La sala del Bastione Toledo durante la Terza Edizione del Premio Dirigente Gentleman. Foto Rosario Rizzuto
La serata è stata abbastanza piacevole anche se iniziata con ben 45 minuti di ritardo e solo dopo che il giornalista Luigi Saporito si è fatto sentire accusando gli organizzatori  di poco rispetto verso le persone presenti, infatti il ritardo era dovuto anche al fatto che i vari componenti il tavolo di presidenza stavano rilasciando alcune interviste alle Tv locali.

Tutti gli interventi hanno lodato l’iniziativa dell’Associazione Arbitri di Crotone, unica del genere in Italia ma che ben presto sarà imitata anche in altre province ed è stata anche l’occasione per ricordare, visto che la manifestazione è caduta a cavallo del primo anniversario dei due lutti, il dirigente Ermanno Licursi (27 gennaio) e l’ispettore Filippo Raciti (2 febbraio) entrambi deceduti in occasioni di eventi calcistici e in memoria dei quali, insieme con il giovane tifoso laziale Gabriele Sandri, sarà effettuato il cosiddetto terzo tempo (strette di mani a fine gara tra giocatori e arbitro) che da sabato 2 febbraio, dopo aver debuttato nei campionati professionisti nelle scorse settimane, dovrà tenersi anche sui campi dilettantistici.

[Rosario Rizzuto]

Scandale a picco. Vincono Savelli e Petlia. Real Fondo Gesù terzo in solitudine. Il Cirò batte e aggancia il Belvedere

Ci voleva lo Scandale in versione casalinga a fare uscire il Castelsilano, reduce da 4 sconfitte consecutive, dalla crisi.

Così lo Scandale perde la sua quarta gara in casa per 3 a 2 (forse non è mai successo da quando esiste il calcio) e vede allontanarsi l’obiettivo play off.

Nulla è perduto ma bisogna cominciare a vincere anche in casa.

Chiamala casa?

Questo il tabellino completo:

Risultati, classifica e prossimo turno dopo la seconda giornata di ritorno. Elaborazione di Rosario Rizzuto. Clicca x ingrandire.

Punto prezioso per lo Scandale

SCANDALE 0
REAL FONDO GESU’ 0
Scandale: De Cicco, Sgarriglia, Coriale, Chiaravalloti, Noce, E. Biafora, De Leo (59′ C. Biafora), Lazzaro, Franco (78′ Lumastro), Marazzita, S. Lucanto (63′ Fiore). All.: Villaverde.
Mistre Luigi Villaverde durante Scandale - Real Fondo Gesù 0 a 0. 20.01.2008. Foto Rosario Rizzuto
Real Fondo Gesù: Milano, De Vona, Cipri, Galizia (63′ Perna), Panucci (81′ Verardi), Oliverio, Angotti (68′ Vrenna), Passante, Lamberti (75′ Marseglia), Federico, Carella. All.: Orto.
Arbitro: Fabrizio Famularo di Rossano.
SAN MAURO MARCHESATO
Importantissimo punto dello Scandale che con una gara accorta e quasi impeccabile in difesa ferma, nell’anticipo di domenica mattina, la terza forza del campionato.
Una prestazione superlativa quella del reparto arretrato di casa (a parte un paio di svarioni che però potevano costare cari) con su tutti il portiere De Cicco, che ha anche parato un rigore, e poi via via tutti gli altri: Sgarriglia, Coriale, Chiaravalloti, Noce che hanno contenuto le sfuriate del Real Fondo Gesù, che ha avuto una supremazia territoriale netta ma di fatto non ha concretizzato sotto porta tutta la mole di gioco sviluppata.
Assente Greco nello Scandale, le speranze dei locali in avanti dovrebbero essere affidate a Riolo ma il bomber dello Scandale arriva al campo a pochi minuti dall’inizio della gara e mister Villaverde, in accordo con la società, con un’iniziativa coraggiosa ma giustissima lo fa accomodare in tribuna, inserisce Salvatore Lucanto (destinato alla panchina) in campo (sarà uno dei migliori nel primo tempo) e manda in panchina il giovanissimo Antonio Artese (auguri), uno dei più giovani calciatori che lo Scandale abbia mai avuto, infatti ha compito i 15 anni (età minima per giocare se autorizzati) solo l’11 gennaio: Artese è stato presente agli allenamenti fin da novembre ed è molto attaccato alla squadra e di certo darà il suo contributo allo Scandale.
E sarà proprio la sua presenza in panchina a far nascere un piccolo giallo a fine gara, infatti il suo anno di nascita ha attirato l’attenzione di mister Orto (che questa gara la vuole vincere per forza!) che ha preannunciato a mister Villaverde, per i rapporti di amicizia che legano le due società (!), che farà loro ricorso perchè secondo quelli del Real non è possibile che Artese sia stato già autorizzato a giocare. Il segretario dello Scandale si ci è fatto una risata sopra visto che agli atti della società risulta l’autorizzazione a giocare della Figc datata 15 gennaio 2008.
Senza Riolo i locali si ritrovano senza punte di ruolo ma forse, alla fine, tale scelta si rivelerà un vantaggio visto che palloni dalle parti di Milano se ne sono visti davvero pochi (e quindi Riolo non avrebbe avuto molto da fare) mentre Lucanto è stato una diga a centrocampo.
Gradito ritorno nello Scandale di Alessandro Lazzaro, il fantasista tenuto lontano dai campi per un po’ di tempo dagli studi universitari, ha ripreso ad allenarsi e mister Villaverde, domenica con problemi di abbondanza, lo ha premiato schierandolo dal primo minuto.
Il Real Fondo Gesù ha molto da recriminare ma quando si sbaglia anche un rigore bisogna prendersela solo con se stessi!
Il rigore calciato da Lamberti viene respinto sulla traversa da De Cicco durante Scandale - Real Fondo Gesù 0 a 0. 20.01.2008. Foto Rosario Rizzuto
Prima della partita bel gesto dei giocatori del Real Fondo Gesù che consegnano un mazzo di fiori al presidente Coriale in ricordo del fratello Pino scomparso nel 1998 mentre andava a giocare una partita con lo Scandale
La gara inizia con una fase di studio, ma che per lo Scandale saranno 90 minuti sofferti lo si capisce subito.
Va in avanti la squadra di mister Orto e già nei primi minuti reclamano un rigore per un intervento di Sgarriglia che si protegge il viso con le braccia, l’arbitro Famularo spiega che non è rigore. Spiegherà, parlando con le squadre, ogni decisione presa il bravo arbitro di Rossano non esente però da qualche errore spesso a danno dello Scandale.
Al 19′ ci prova Angotti ma il suo tiro è fuori.
Lo Scandale contiene ma si fa anche vedere in avanti: al 22′ c’è una punizione per Marazzita, la posizione è buona ma i tiro non è come quello di Casabona e Milano para facile.
Al 29′ ancora Scandale: Franco dalla destra mette un pallone invitante a centro area, arriva di gran carriera Lucanto, che però non è un attaccante e si vede: alto.
Al 34′ ci potrebbe essere la svolta della gara: la difesa locale commette fallo in area e Famularo senza esitazione indica il dischetto. Lamberti ha la possibilità di raggiungere, in attesa della gara del Savelli, Francesco Rizzo in vetta alla classifica, segnando la sua quattordicesima reti.
Dalla tribuna il vice presidente dello Scandale Antonio Marazzita chiama la parata e De Cicco lo accontenta con una parata strepitosa: infatti vola sulla sua sinistra e respinge sulla traversa, e quindi in angolo, il rigore del bomber crotonese: rigore senza alcun dubbio parato dal portiere e non sbagliato da Lamberti!
Al 45′ ancora show De Cicco che praticamente fa il libero in mezzo all’aria e salva ben due volte con delle uscite strepitose sugli avanti ospiti.
La ripresa, a parte la continua pressione degli ospiti che però non pungono, è tutta in due azioni, una per parte.
Al 62′ ancora De Cicco salva su Lamberti da solo in area, un po’ defilato sulla sinistra, mentre all’83′ lo Scandale potrebbe addirittura passare in vantaggio, con una bellissima azione manovrata che mette Marazzita in condizione di servire in area dalla sinistra per Fiore (in campo dal 63′ e schierato in avanti), ma il barista scandalese non sa sfruttare la sua altezza e il suo colpo di testa è da difensore e finisce fuori.
Carmine Franco e Carmine  Biafora in barriera durante Scandale - Real Fondo Gesù 0 a 0. 20.01.2008. Foto Rosario Rizzuto
Il Real Fondo Gesù, grazie anche al pareggio del Belvedere, mantiene il terzo posto in classifica ma vede allontanare il Savelli, vincitore del big match col Petilia; lo Scandale rosicchia un punto al Cirò, fermo per il riposo, rafforza il sesto posto (dove ora è da solo grazie alla quarta sconfitta consecutiva del Castelsilano) ed è a 4 punti dalla zona play off.

ROSARIO RIZZUTO

Savelli: Campione d'Inverno. Punto sofferto per lo Scandale contro il Real Fondo Gesù

Due partite, tante foto, le immagini e le interviste di Scandale – Real Fondo Gesù, il commento, per Radio Tele International (RTI) alla gara Savelli – Petilia e ora anche la classifica aggiornata del girone E di Terza Categoria!
Risultati, classifica e prossimo turno del Girone E di Terza Categoria Calabrese. Elaborazione Rosario Rizzuto. Clicca x ingrandire
Se vi sembra poco…

Il Savelli riconquista la vetta e diventa Campione d’Inverno.

Per Real Fondo Gesù e Belvedere Spinello un punto a testa sui campi rivelatesi difficili di Scandale (a San Mauro Marchesato) e Altilia (a Strongoli).

Lo Scandale rafforza il suo sesto posto (che serve a poco) dove ora è da sola!

Forza Scandale!!!

Forza Scandale!!!

Oggi vinciamo!!! Me lo sento…

Lo Scandale in festa dopo il gol di Riolo al Castelsilano, speriamo che succeda tante volte oggi. Foto archivio Rosario Rizzuto

Domenica 20 gennaio 2008: si ricomincia!

Difficile stare nel letto, come ho scritto alle 4,00 nel box messaggi, ed infatti sono già al pc da un’ora.

Ho provato ad inviare su Photocity.it alcune foto da stampare ma, dopo una lunga ricerca per trovarle, mi ha restituito un problema al server

Pazienza!

Quanta ce ne vuole!!!

Stanotte ad Rtl102,5 hanno letto e commentato un mio sms su quella che non mi ascolta, spero che non l’abbiate sentito .

Intanto si fa giorno, i primissimi riflessi di una bellissima alba arrivano dall’orizzonte su Crotone mentre le luci del porto  ticchettiano nei miei occhi.

E’ domenica, siamo quasi ad un mese dal Natale, sembra ieri vero?

Oggi mi tocca un tour de force calcistico: alle 10 – 10,30 (ufficialmente alle 10 ma gli ospiti hanno ottenuto, dicono, lo spostamento di mezz’ora) al comunale di San Mauro Marchesato c’è Scandale – Real Fondo Gesù; il tempo di finire in fretta e furia le interviste e devo scappare a Savelli per il big match della giornata tra Savelli e Petilia che commenterò per Radio Tele International insieme a Piero Pili: spero siano due grandi belle partite e che vincano le migliori in campo.

Intanto nei giorni scorsi ho debuttato su Badoo.com, una community molto carina con tanti reportage (termine che piace al mio amico Gianfranco) fotografici; trovate il mio spazio, che spero di integrare e migliore, cliccando qui: logicamente non potevo non iniziare con una gallery sui miei bimbi!

Fateci un salto!!!

Attesa per il big match tra Savelli e Petilia: in palio il titolo di campione d'inverno. Lo Scandale ospita il Real Fondo Gesù

Alla sesta giornata del girone E del campionato di Terza Categoria, il 9 dicembre 2007 il Savelli era in testa alla classifica con 16 punti seguito dal Castelsilano con 11 e dal Petilia con 10 (ma con una gara in meno).

Il Castelsilano da allora non ha guadagnato più alcun punto (tre sconfitte consecutive) e ha scalato a ritroso più posizioni in classifica fino ad uscire dalla zona play off.

Il Savelli che sembrava irraggiungibile, nonostante sia ancora imbattuto, domenica (giornata i cui si è disputato il decimo turno), per la prima volta, ha abbandonato la vetta della classifica a vantaggio del Petilia, neo capolista del girone con 22 punti.

I tre pareggi ottenuti con Real Fondo Gesù, Altilia e quello di domenica scorsa a Belvedere Spinello penalizzano più del dovuto la squadra di mister Regalino tanto che se, per gioco, provassimo a reimpostare la classifica con la vecchia regola dei due punti a vittoria, Petilia e Savelli sarebbero a pari merito in testa con 15 punti!

Da tutto ciò si evincono, più che i demeriti del Savelli, i grandi meriti dei ragazzi del Petilia di mister Miletta (domenica vittoriosi con la cenerentola Camellino) che hanno sempre creduto, e non hanno fatto nulla per nasconderlo, alle loro potenzialità e alla possibilità di vincere, senza passare dalla forche caudine dei play off, questo girone di Terza Categoria.
Un rinvio di Demis De Leo a Casabona. Foto Rosario Rizzuto
Ma a volte ci si mette anche il calendario a rendere piccante alcune situazioni e così domenica 20 gennaio alle 14,30 allo stadio comunale di Savelli sarà ospite proprio il Petilia per quella che potrebbe essere la gara del ritorno in vetta per la squadra del presidente De Pietro oppure la definitiva consacrazione del Petilia che, in caso di vittoria, metterebbe una seria ipoteca sulla vittoria del campionato proprio nell’ultima giornata del girone di andata.

Anche se nel calcio non si può mai sapere!

La decima giornata di campionato consacra anche il Belvedere Spinello capace di fermare l’ex capolista ma soprattutto rilancia il Real Fondo Gesù, reduce da tre vittorie consecutive (l’ultima domenica scorsa in pieno recupero con la Nuova Torre Melissa), che raggiunge proprio il Belvedere al terzo posto.

La zona play off si chiude con il Cirò vittorioso sull’Altilia e sicuro, visto il vantaggio di cinque punti sulle inseguitrici (Scandale e Castelsilano), nonostante il riposo si domenica prossima, di chiudere il girone di andata tra le cinque forze del girone, un risultato imprevisto, anche per loro stessi, visto che la squadra è alla prima stagione.

Lo Scandale rimane a galla grazie alla terza vittoria (col Casabona) in trasferta dove ha ottenuto dieci dei suoi undici punti e se le gare casalinghe si fossero giocate al Luigi Demme di Scandale (dove i lavori sembrano interminabili e il campo non sarà pronto nemmeno per fine gennaio!) e non a San Mauro forse a quest’ora nelle prime posizione ci sarebbero anche i ragazzi del presidente Coriale.

Protestano a Casabona per come è arrivata la sconfitta con lo Scandale: subire un rigore al 94’ non fa piacere a nessuno! Ma se l’arbitro Esposito lo ha fischiato forse c’era.

In attesa della prossima giornata il Giudice Sportivo ha squalificato per due giornate Enrico Vitale del Casabona per comportamento offensivo nei confronti del direttore di gara e per una giornata (per quarta ammonizione): Antonio Seminario del Casabona e Giovanni Battista Loria e Luigi Rizzo del Savelli.

Entrano in diffida: Leonardo Nicastri e Ivano Murano del Cirò, Roberto Parisi del Casabona, Marco Muscarà dell’Altilia, e Giuseppe Aiello del Belvedere.

Quindi il Savelli del bomber e capocannoniere Francesco Rizzo (che comanda la particolare classifica con 14 reti seguito da Marco Bruno del Petilia e Lamberti del Real Fondo Gesù con 13 e Curcio del Belvedere Spinello con 10 marcature) domenica prossima dovrà fare a meno di Luigi Rizzo e di Loria, un vantaggio in più per il Petilia che però ha alcuni giocatori infortunati.
Domenico Marazzita contrasta a centrocampo un giocatore del Casabona. Foto Rosario Rizzuto
Altro importante incontro sarà quello tra Scandale e Real Fondo Gesù che si giocherà al mattino alle 10,00 (così come CamellinoCasabona), in caso di vittoria i crotonesi potrebbero davvero inserirsi nella lotta alla prima posizione ma crediamo che mister Villaverde non sia d’accordo.

Il Belvedere Spinello sarà ospite dell’Altilia ma sul campo neutro di Strongoli in seguito alla squalifica per una giornata del comunale di Tufolo, per l’Altilia, dopo la gara col Savelli, e potrà verificare se è ancora alla sua portata il primo posto.

Il riposo, come già scritto, tocca al Cirò che ha già concluso domenica scorsa il proprio girone di andata mentre chiude la giornata la gara tra Nuova Torre Melissa e Castelsilano: due formazioni in cerca di riscatto.

Si parte da questa situazione:

Risultati di domenica 13 gennaio 2008, classifica alla decima giornata e prossimo turno del Girone E di Terza Categoria Calabrese. Elaborazione Rosario Rizzuto. Clicca x ingrandire

ROSARIO RIZZUTO

Alle 14,30 Casabona – Scandale

Ormai ci siamo, tra due ore circa un pullman porterà a Casabona la squadra dell’Us Scandale per quella che potrebbe essere la gara del rilancio oppure dell’affossamento anche se non ancora definitivo.
Mister Villaverde e il presidente Coriale hanno cercato di preparare al meglio questa partita, nonostante la febbre che ha colpito l’allenatore scandalese assente all’ultimo allenamento.
La squadra dell'Us Scandale in pizzeria all'Anfora. Foto col cellulare di Rosario Rizzuto
Venerdì sera, nonostante le precedenti sconfitte, la società ha portato in pizzeria la squadra, tante anche le facce nuove: giocatori già tesserati che quest’anno non si erano ancora fatti vedere, mentre in settimana sono stati tesserati l’under De Leo e il giovanissimo scandalese Antonio Artese, che segue la squadra da settembre e che l’11 gennaio ha compiuto 15 anni, età minima per poter giocare, ma che per entrare in campo avrà bisogno dell’autorizzazione della Figc, che lui in primis ma anche la società sperano arrivi nella prossima settimana.
In bocca al lupo ragazzi, non fatemi pentire di dedicare anche questa domenica alla squadra.
Intanto oggi pomeriggio, nella giornata che vedrà la capolista Savelli impegnata a Belvedere Spinello per quella che potrebbe essere la consacrazione dei ragazzi di mister Regalino o l’incontro delle prime vere difficoltà per loro, si parte da questa situazione:
La classifica della Terza Categoria Girone E prima delle gare del 13.01.2008. Elaborazione Rosario Rizzuto
Tifosissima se ci sei… batti un colpo e "prega" per noi!!!

Lo Scandale sconfitto dal Cirò, il Petilia riconquista il secondo posto e avvicina il Savelli

Allora qual è il blog più veloce dell’Ovest?

Non mi dite che non lavoro per voi…

Affogo nel blog i dispiaceri che mi dà l’Us Scandale sconfitto ancora una volta e ancora per 3 a 2 (sono tre) in casa.

Eccovi, quindi, quasi in tempo reale, Risultati, Classifica, Marcatori e Prossimo Turno della giornata di recupero del Girone E di Terza Categoria Calabrese che si è disputata oggi pomeriggio:

Classifica Girone E Terza Categoria Calabrese aggiornata al 09.01.08 dopo il recupero della settima giornata. Elaborazione di Rosario Rizzutro

Lo Scandale domani recupera la gara col Cirò

Messa in archivio la nona giornata nella quale le prime tre squadre in classifica hanno vinto, domani, mercoledì 9 gennaio, si recupera, la settima giornata di campionato rinviata per le nevicate del 16 dicembre.

Turno che in vetta vedrà protagonista solo il Petilia in quanto il Savelli è di riposo e il Belvedere ha già recupero il 30 dicembre la sua gara vincendo a Torre Melissa.

Se Marco Bruno e compagni dopo aver vinto con lo Scandale si ripeteranno a Castelsilano, annientato domenica dal Real Fondo Gesù che si è ripreso il posto nella zona play off, andranno, a parità di gare giocate, ad un solo punto dalla capolista Savelli scavalcando il Belvedere Spinello.

Il Real Fondo Gesù ospita il Casabona (reduce dalle ingiustizie di Torre Melissa dove, in vantaggio per 3 a 0, pare sia stato raggiunto da due gol su punizione e da un rigore inesistente) per continuare la marcia di riavvicinamento alla vetta mentre lo Scandale potrà provare con il Cirò (reduce dalla batosta di Savelli) a sfatare il tabù del comunale di San Mauro, ennesimo tentativo per Marazzita e compagni di rimanere incollati al treno play off.

Chiude il turno la gara tra poveri tra Camellino ed Altilia, tre punti, quelli dell’Altilia, in campo, con la squadra della frazione petilina alla ricerca ancora del primo punto in assoluto e della prima rete in casa.

Si riparte da questa situazione:

La classifica del girone E di Terza Categoria Calabrese dopo la nona giornata. Elaborazione Rosario Rizzuto. Clicca x ingrandire.

ROSARIO RIZZUTO

Domani non è domenica, certo in molti alle 14,30 ancora lavorano ma gli altri non hanno la scusa della famiglia, della moglie che vuole andare a Crotone e via dicendo perciò, siccome la squadra non è solo della società ma di tutto il paese, chi può è pregato di venire al campo di San Mauro a tifare per i gloriosi colori dello Scandale! 

Lo Scandale non gioca. Articolino per il Crotonese

SCANDALE Non si è disputato l’atteso incontro, valido per la settima giornata del girone E di terza categoria calabrese, tra Scandale e Cirò.

Scandale, ma anche San Mauro Marchesato, dove lo Scandale sta giocando le gare interne, la mattina di domenica si sono svegliati con il paese imbiancato dalla neve che è continuata a cadere fino alle 16,00.

Fin dalle prime ore della giornata la dirigenza dello Scandale, al fine di evitare che le due squadre si mettessero in cammino col rischio di incidenti, ha cercato di contattare la Figc di Crotone per chiedere il da farsi.

L’Us Scandale ha contattato anche la società del Cirò per decidere il da farsi ma un dirigente ha dichiarato che loro, forse per mancanza di fiducia e per la paura di aver persa la gara a tavolino, sarebbero partiti lo stesso mentre il delegato della Figc di Crotone Giuseppe Piscioneri dichiarava che senza una comunicazione delle forze dell’ordine sull’impraticabilità delle strade, la gara non sarebbe è potuta essere rinviata.

Solo intorno alle 11,00 lo stesso Piscioneri contattava la segreteria dell’Us Scandale e si decideva di rinviare a data da destinarsi la gara.

Quindi niente di fatto e turno di riposo per lo Scandale che domenica prossima sarà impegnato in trasferta a Belvedere Spinello.

Ho appreso successivamente che, a causa del maltempo, nessuna gara dei campionati minori, e quindi nemmeno della Terza Categoria, è stata giocata.

Quindi tutta la settima giornata andrà recuperata.

ROSARIO RIZZUTO

Che sta succedendo nello sport

Ma che sta succedendo nel mondo dello sport?, che stanno combinando i cosiddetti arbitri?

Sarà che dopo Moggipoli ora tutti sono con le antenne alzate ma non si può andare avanti così.

Leggevo ieri sul Quotidiano della Calabria di grossi problemi nel campionato di Eccellenza dove, pare gli arbitri stiano favorendo le squadre reggine e così quelle del cosentino si sono riunite in un’associazione e stanno dando battaglia.

Ho chiesto a Loris Marino che gioca, in tale Campionato, nel Cutro e mi ha detto che sta succedendo di tutto.

Non può continuare così, io non so se agli arbitri che iniziano il corso, e poi anno per anno, viene fatta una visita psicologica, ma se non c’è credo che sia arrivato il momento di fargliela e oltre agli arbitri anche ai dirigenti federali.

Queste schifezze (io sono con i dirigenti cosentini anche se non so bene i fatti, ultimamente mi piace schierami così ad intuito) ci sono sempre state, anni fa (anche oggi, per sfortuna, ma visto che l’alternativa è stata peggiore  ) la famiglia Mataresse, pugliese, comandava il calcio italiano e indovinate di dove erano la maggior parte delle squadre ripescate?

Ma problemi succedono anche in altri sport; leggo sul Crotonese di venerdì che il diesse dell’Arredo Inox (squadra di pallamano) di Crotone che milita nel campionato di A2, Giancarlo Giaquinta, è stato inibito per un anno e un giocatore, Max Maffei, squalificato per cinque anni.
lo strano della situazione è che quello che è stato scritto dall’arbitro nel referto pare non sia mai accaduto.

Ho conosciuto Giancarlo come professore di informatica essendo stato un mio docente ad un corso scolastico (che per inciso poi ho dovuto interrompere per colpa degli stronzi che sapete e di cui a due post fa) e mai crederò, come si legge nel Comunicato Ufficiale, che una persona così a modo, anche se alcuni  arbitri farebbero imbestialire anche Gesù Cristo: "al termine della gara, con atteggiamento minaccioso, pronunciava espressioni ingiuriose nei confronti del secondo arbitro e frasi lesive al prestigio della Federazione" ed altro.

NON CI CREDO E BASTA.

Do un consiglio a tutti i dirigenti di qualsiasi sport, quando andate a parlare con uno di questi bastardi (perchè è assodato che lo siano, ma non tutti gli arbitri, ma solo quelli che si inventano le cose e si fanno pilotare per far vincere questa o quella squadra o fare in modo di squalificare, per la gara successiva, questo o quel calciatore, NON SAPETE CHE CALCOLI FANNO STI STRONZI), portatevi un registratore, ormai si registra anche coi cellulari; battiamoci tutti per un mondo dello sport PULITO dove a vincere siano le squadre più forti e non quelle che decide questo o quel’arbitro, questo o quel dirigente federale.

Tutto questo è disgustoso e finirà per generare violenza e far allontanare la gente dallo sport; e poi basta con questi dirigenti federali a vita, Cosentino, quello calabrese, c’è da secoli, ci vorrebbe un V-Day anche per loro: due mandati e poi tutti a fanculo!!!

Intanto a Scandale continua a nevicare, speriamo che questo bianco spazzi via tutto il lordume che c’è in giro!!! e non mi riferisco alla sporcizia delle strade che come sapete a Scandale sono pulitissime.

Pubblicato il calendario di Terza Categoria

Per chi ha fretta di sapere le gare dello Scandale in questo campionato ecco il Comunicato numero 11 della Figc di Crotone.

Calendario Us Scandale

Prima partitella per i ragazzi del presidente Coriale

Da sx Domenico Bruno (preparatore tecnico), Luigi Villaverde (allenatore) e Tonino Coriale (presidente). Foto Rosario Rizzuto
Torno ora da San Mauro Marchesato dove allo stadio comunale i ragazzi dell’Us Scandale, guidati da Luigi Villaverde, hanno disputato il loro primo allenamento con la palla o forse sarebbe meglio dire la prima partitella.

Intanto un’anticipazione del calendario in via di definizione (o forse già definito ma non ancora di mia conoscenza): domenica 4 novembre Pino Garofalo e compagni debuteranno in trasferta a Castelsilano.
La società dell’Us Scandale ha già prenotato un pullman grande, quindi ci sono a disposizione alcuni posti per seguire la vostra squadra in trasferta.
Fatevi vivi con qualcuno della società se volete andare alla partita.

Tornando a San Mauro, non una ma due squadre messe in campo da Luigi che ha provato i 22 giocatori che erano presenti stasera.

Insomma c’è un grande entusiasmo intorno alla squadra e tanti sono i ragazzi che si sono riavvicinati alla squadra dopo un periodo di assenza.

La partitella è andata alla grande con la squadra Azzurra (nome di fantasia) di Domenico Marazzita che ha vinto 3 a 0 con tripletta dello stesso fantasista scandalese contro la squadra Verde.
Luigi Villaverde parla ai suoi ragazzi prima della partitella. Foto Rosario Rizzuto
Era la prima partitella, durata ben 60 minuti, in cui, a parte rare eccezioni tuttisono arrivati alla fine anche se un po’ stremati.

Bravi Ragazzi!!!

Alcune foto della partitella su Area Locale

Il punto sull'Us Scandale: l'articolo

SCANDALE – Continua a passi da gigante la nuova avventura calcistica dell’Us Scandale che dopo l’elezione del neo presidente Coriale, nei giorni scorsi ha definito le cariche nell’ambito del Consiglio Direttivo.

Amedeo Augenti e Antonio Marazzita sono i vice presidenti, segretario è stato prescelto, per precisa volontà del presidente, Rosario Rizzuto mentre il cassiere è Antonio Cilurso. Il massaggiatore della squadra sarà Mario Rizzuto mentre la società si avvale anche della collaborazione di alcuni consiglieri che dai 13 iniziali (Salvatore Artese, Fiorino Biafora, Fabio Brescia, Carmine Esposito, Giovanni Funaro, Giuseppe Garofalo senior, Giuseppe Garofalo junior, Antonio Grisi, Aldo Lazzaro, Francesco Lazzaro, Giuseppe Lettieri, Filippo Lettieri, Carmine Pingitore) stanno aumentando giorno dopo giorno con l’ingresso di nuove persone desiderose di impegnarsi per la squadra, per il paese e per permettere ai giovani di Scandale di impegnarsi in una attività sana.

Ma se da un lato si stanno definendo gli assetti societari visto la ristrettezza dei tempi (intanto sono stati stilati i giorni) che porteranno le squadre in campo probabilmente già il 4 novembre, il presidente Coriale si sta muovendo anche per quanto riguarda la costituzione della squadra.

Il primo importante colpo del giovane presidente è stato l’ingaggio, dopo il rifiuto del mister locale Tonino Garofalo, dell’allenatore Luigi Villaverde di Crotone, autore del miracolo Belvedere Spinello dello scorso campionato, e che a Scandale aveva lasciato un discorso a metà alcuni anni fa, discorso che ricomincia da oggi
Il portiere dello Scandale Maurizio Mollura che salvo provvedimenti di grazia dovrà stare fermo fino a dicembre per squalifica. Foto archivio Rosario Rizzuto
Inoltre vista l’indisponibilità del portiere Maurizio Mollura fino a tutto dicembre a causa della pesante squalifica di 8 mesi subita nello scorso aprile e considerato che i portieri al momento a disposizione dell’Us Scandale sono ancora troppo giovani, nella serata di mercoledì 24, la società scandalese ha trovato l’accordo con il veterano De Cicco, con un passato anche in categorie superiori e che lo scorso anno ha giocato ad Altilia. Un portiere d’esperienza infatti l’età non è proprio verde visti i suoi 44 anni ma sarà una garanzia in porta e una chioccia per i ragazzi di Scandale che vogliono giocare in porta; inoltre potrebbe far fare il salto di qualità allo stesso Mollura che nonostante la bravura ha ancora molto da imparare.

Da segnalare inoltre la presenza in questi primi giorni di allenamento del nuovo Scandale di tre calciatori rumeni che vivono a Scandale e di due ragazzi di Papanice (Daniele Lumastro e Antonio Nicoscia).

E’ inoltre iniziata da parte della società una raccolta di fondi tra le imprese e i negozi del paese al fine di coinvolgere tutti in questa avventura e anche di far cassa viste le tante spese che si stanno affrontando in questa fase iniziale del campionato ma non tutte le attività stanno aderendo e in molti se la cavano con un contributo irrisorio.

“Nonostante sia comprensibile – ci dice un dirigente – che ci siano difficoltà economiche varie e che alle attività commerciale arrivino richieste di contributi da tutte le parti, crediamo che la società calcistica per antonomasia del paese sia di tutti e sia un bene prezioso di Scandale a cui tutti dovrebbero dare il loro contributo. Contributo per altro detraibile fiscalmente e che consentirà di apparire sui manifesti che preannunciano le gare. Offrire 10 Euro di contributo, benchè accettate dalla società, ci sembra mortificante soprattutto se messo in atto da attività di un certo rilievo, così come ci sembra assurdo che molte attività abbiano rifiutato un contributo alla squadra. Ma non sarà certo questo a scoraggiarci.”

R.R.

Stilati i gironi comincia il conto alla rovescia per l'inizio del campionato

Ci siamo. Con la predisposizione dei gironi di Terza Categoria si può dire che ha ormai preso il via anche l’ultimo dei campionati dilettanti di categoria che dovrebbe debuttare domenica 4 novembre.

Il girone in cui saranno impegnate le squadre del crotonese è il Girone E che in questa stagione 2007/08 sarà costituito da 11 squadra: Altilia, Belvedere Spinello, Camellino, Casabona, Castelsilano, Cirò, Nuova Torre Melissa, Petilia, Real Fondo Gesù, Savelli e Scandale. Un girone con un numero dispari di squadre, il che obbligherà ad ogni giornata il riposo forzato di una delle squadre
L'ingresso in campo dello Scandale in una gara dello scorso campionato. Foto archivio Rizzuto Rosario
Rispetto alla scorsa stagione ci sono ben tre squadre in meno: non ci sono più le neo promosse Strongoli e Real Filos Ippos e mancano all’appello anche la Pallagorese e il Santa Severina mentre arriva il Cirò.

Gettano la spugna a Santa Severina mentre a Scandale la squadra riesce ad iscriversi in extrimis grazie all’intervento dell’assessore comunale allo sport, Giuseppe Lettieri che dopo le dimissioni dell’ex presidente Giuseppe Valente, in un primo tempo blocca l’iscrizione con una raccolta di fondi tra imprenditori locali e nuovi soci e poi dà il là per la costituzione della nuova società che vede in Tonino Coriale il neo giovanissimo presidente.

Le notizie che arrivano dalle varie società sono scarse e frammentarie.

Se si parte dalla classifica dello scorso anno e cioè dai play off, non vi è dubbio che le favorite sembrano essere il Savelli, il Real Fondo Gesù e il Belvedere Spinello che la scorsa primavera hanno avuto la peggio negli spareggi di fine stagione che hanno premiato il Real Filos Ippos.

Ma in queste categorie ogni stagione è un discorso a sè.

Di certo dopo aver fallito lo scorso anno il Savelli del presidente Donato De Pietro e di mister Claudio Regalino non può deludere per il secondo anno di fila i propri tifosi: si ci aspetta un campionato alla grande della squadra silana.

Il Belvedere Spinello, protagonista lo scorso anno di una formidabile scalata interrotta sola alla fine, ha perso però mister Villaverde, che, proprio in questi giorni, ha firmato per l’Us Scandale che, a sua volta, nonostante la partenza in enorme ritardo, sta ragionando, almeno sulla carta, alla grande; benchè il primo anno della nuova società sia di rodaggio, dal paesino collinare crotonese potrebbero arrivare interessanti notizie.

Ma questo campionato ci ha sempre riservato sorprese quindi la lotta ai due posti in paio per raggiungere la Seconda Categoria è aperta a tutti.

L’importante, lo diciamo prima che si inizi, è la serietà, la lealtà sportiva e la correttezza in campo.

Vogliamo augurarci che, dopo le tante notizie brutte dello scorso anno ad ogni livello, quest’anno sia un campionato che faccia parlare di sé solo per il bel gol di tizio o la stupenda parata di caio.

Si ci augura anche che sui campi vengano mandati arbitri comprensivi ma soprattutto preparati (e ce ne sono) e che non succedano più, anche in questo ambito, alcuni degli episodi dello scorso anno che penalizzano società che fanno enormi sacrifici per mandare avanti questo tipo di impegno sociale e permettere ai giovani dei piccoli paesi di partecipare ad una attività sportiva e scaricare le varie tensioni in un’attività positiva e non in altri ambienti negativi.

Il calcio è anche sociale ma ci deve essere l’impegno di tutti.

Il fatto che le squadre del girone crotonese di Terza Categoria siano passate da 14 a 11 è un brutto segnale ma siamo certi che già dal prossimo anno, dopo un anno di pausa, anche chi quest’anno si è fermato, tornerà nel calderone, d’altra parte chi ama il calcio attivo non può stare senza calcio!

ROSARIO RIZZUTO

Stilati i gironi della Terza Categoria: ora si comincia a far sul serio

Abemus girone si potrebbe dire, grazie alla "soffiata" del collega Fabio Fiore del Crotonese finalmente vengo a conoscenza delle squadre che formano il Girone E del Campionato di Terza Categoria Calabrese.

Sarà formato da 11 squadre, il che significa che ad ogni giornata una squadra dovrà rispettare un turno di riposo.

Queste le 11 formazioni tutte della provincia di Crotone: 

  1. Altilia
  2. Belvedere Spinello
  3. Camellino
  4. Casabona
  5. Castelsilano
  6. Cirò
  7. Nuova Torre Melissa
  8. Petilia Calcio
  9. Real Fondo Gesù
  10. Savelli 2006
  11. Scandale.

Intanto proseguono gli allenamenti dei ragazzi dell’Us Scandale o forse sarebbe meglio dire la preparazione atletica.
Una fase dell'allenamento dell'Us Scandale del 23 ottobre 2007. Foto Rosario Rizzuto col cellulare
Stasera i ragazzi hanno fatto la conoscenza di mister Villaverde finalmente a disposizione della società dopo un brutto malanno ma che è già sembrato in ottima forma.

Intanto c’è una novità: considerata l’indisponibilità per squalifica di Maurizio Mollura, la società è corsa ai ripari e stasera ha ingaggiato un portiere d’esperienza De Cicco, con un passato in Eccellenza e che lo scorso anno ha giocato con l’Altilia.
L’età non è proprio verde visti i suoi 44 anni ma sarà una garanzia in porta e una chioccia per i ragazzi di Scandale che vogliono giocare in porta; inoltre potrebbe far fare il salto di qualità allo stesso Mollura che nonostante la bravura ha ancora molto da imparare.
Luigi Villaverde e i suoi ragazzi, la foto fa pietà (ma quella che non mi ascolta si era presa la macchina con la fotocamera dentro e col cellulare) ma spero renda l'idea
Ultima news: impegni del San Mauro Marchesato permettendo domani sera i ragazzi scandalesi cominceranno a toccare palla direttamente in campo disputando un’amichevole con la squadra del presidente Rajani .

Iniziano gli allenamenti dell'Us Scandale: al campo in 18 (per ora)

Una fase degli allenamenti dell'Us Scandale de l22 ottobre 2007. Foto Rosario Rizzuto col cellulare
Sono iniziati ieri sera presso un diroccato stadio Luigi Demme, per via dei lavori di ristrutturazione commissionati dalla Provincia di Crotone ma che procedono al rilento, gli allenamenti dell’Us Scandale.

Assente giustificato il neo mister Luigi Villaverde, le redine della squadra sono state prese da Domenico Bruno, nei giorni scorsi entrato anche lui in società, che ha fatto compiere ai ragazzi presenti, 45 minuti di corsa leggera ed alcuni esercizi di stretching.

Erano presenti 18 giocatori tra cui due ragazzi di Papanice e tre ragazzi rumeni che vivono a Scandale e precisamente in ordine sparso: Maurizio Riolo, Leo Barberio, Giuseppe Santoro, Carmine Franco, Salvatore Lucanto, Fabio Cirillo, Marian Gradinaru, Ionui Cliveti, Cipriari Cliveti (gli ultimi tre nomi col beneficio del dubbio), Fedele Pingitore, Luciano Liberti, Domenico Sgarriglia, Antonio Scalise, Martino Coriale, Domenico Marazzita, Vittorio Lucanto, Daniele Lumastro e ultimo ma non il meno Antonio Nicoscia.

All’allenamento erano presenti anche alcuni dirigenti tra  quali ilpresidente Coriale.

Alcuni dirigenti del'Us Scandale discutono in mezzo al campo. Foto Rosario Rizzuto col cellulare

Del Piero fa il gol più bello della sua vita: arriva il piccolo Tobias

Tanti auguri papà…

Vola Alex vola...Adesso puoi volare davvero...Foto dalla rete

La Ferrari vince tutto!

Non seguo chissà come la Ferrari ma stasera mi sono quasi emozionato.

Ho iniziato as eguire la garinmacchiona alla radio tornando da Roccabernarda e poi in Tv.

Davvero bello assistere alla doppia vittoria giornaliera e al titolo mondiale dopo quello costruttori.

Eletto il Consiglio Direttivo dell'Us Scandale

Per chi sta aspettando nuove notizie dalla riunione dell’Us Scandale in programma per stasera c’è da dire che tale riunione non si farà.

Infatti per impellenti scadenze dettate dalla Figc di Crotone, il presidente Tonino Coriale è stato costretto ad anticipare i tempi e già nella giornata d ieri è stato definito il Consiglio Direttivo della società.

Oltre al Presidente ne fanno parte: due Vice Presidenti e cioè Amedeo Augenti e Antonio Marazzita, il Segretario che Tonino ha voluto individuare nella mia persona e cioè Rosario Rizzuto e un Cassiere: Antonio Cilurso.

La società, sempre disponibile all’inserimento di nuovi soci, al momento può fare affidamento su 13 Consiglieri: Salvatore Artese, Fiorino Biafora, Fabio Brescia, Carmine Esposito, Giovanni Funaro, Giuseppe Garofalo senior, Giuseppe Garofalo junior, Antonio Grisi, Aldo Lazzaro,    Francesco Lazzaro, Giuseppe Lettieri,   Filippo Lettieri, Carmine Pingitore.

Come massaggiatore è stato indivuato Mario Rizzuto.

Chi più chi meno si impegnerà per avviare e portare a compimento questo primo campionato della nuova società, un campionato di transizione,per partire, in prospettiva, alla grande il prossimo anno.

E i pezzi per il blog diventano articoli

SCANDALE – Anche a Scandale, come nel resto d’Italia, alle elezione primarie del Partito Democratico, ha vinto Veltroni ma la Bindi si è difesa abbastanza bene.

E’ stata una giornata diversa dal solito quella di domenica caratterizzata da queste elezioni un po’ particolari.

L’unico seggio di Scandale è stato montato nella sede dell’ex sala dei Democratici di Sinistra, nonostante la polemica dei tesserati dell’ex Margherita che avrebbero gradito una sede più neutrale, e tutto è stato organizzato alla perfezione: dai responsabili di seggio, scrutatori ecc…, alle schede e alle cabine per votare.

Il voto si è svolto con celerità nella fascia oraria stabilita, dalle 7,00 alle 20,00, e alla fine si sono contati 480 votanti.

Per quanto riguarda l’elezione dell’Assemblea Costituente Nazionale i “Democratici con Veltroni” hanno ottenuto 289 voti quasi il doppio della lista “Con Rosy Bindi democratici, davvero” che si è fermata a 146 voti, poche preferenze per le altre due liste a Scandale: “I Democratici riformisti con Veltroni” hanno preso 18 voti mentre “I Democratici per Enrico Letta” ne hanno ottenuti 20.

Più o meno lo stesso andamento per l’elezione dell’Assemblea Costituente Regionale che vedeva Marco Minniti unico candidato a segretario per tutte le 5 liste.

Le schede grigie imbucate nelle urne hanno prodotto il seguente risultato: “A testa alta per la Calabria” ha conquistato 274 voti seguita da “Con Rosy Bindi in Calabria democratici, davvero” che è arrivata a 129 voti.

A seguire, con notevole distacco, “I Democratici Riformisti” con 38 voti e quindi “I Democratici per Enrico Letta” che di preferenze ne hanno avute 29 ed infine “Democratici Uniti” che a Scandale hanno preso solo 4 voti.

Da segnalare, si fa per dire, ma sembra strano che qualcuno sia andato a votare alle primarie, donando anche come minimo un euro, per poi imbucare una scheda bianca o nulla, 4 schede nulle e 3 bianche per l’Assemblea Nazionale e 2 nulle e 4 bianche per quella Regionale.

Tra i votanti di Scandale il consigliere provinciale nonchè presidente dell’Akros e consigliere di minoranza al Comune, Antonio Barberio, rimasto a vigilare, perché al seggio si svolge tutto senza problemi, praticamente per tutta la giornata, e poi gli altri 4 consiglieri di minoranza: Giuseppe Riolo, Carmine Vasovino, Vincenzo Chiaravalloti e Ugo Scaramuzzino ma anche un assessore e un ex assessore, ora consigliere di maggioranza, e cioè Giuseppe Lettieri e Gino Pingitore.

Sorprende soprattutto il voto di quest’ultimo in passato candidato per l’Udc, ma forse la partecipazione a queste elezioni del Pingitore è sintomo che qualcosa sta cambiando nell’identità politica dell’ex vice sindaco di Scandale.

Rosario Rizzuto

***

SCANDALE – Aria nuova nella società calcistica dell’Us Scandale che nella serata di martedì 16 ottobre 2007 si è data un nuovo assetto societario eleggendo come presidente della squadra il vice sindaco del paese e cioè Patrizio Coriale conosciuto da tutti come Tonino.

Tonino subentra a Pino Valente che è stato al vertice della società per 3 stagioni e mezza.

In realtà le cose per l’Us Scandale si erano messi male quest’anno e si è corso il rischio che la società non si iscrivesse al campionato.

Solo grazie all’intervento dell’assessore al sport del Comune, Giuseppe Lettieri, l’Us Scandale, in extremis, è riuscita ad iscriversi lunedì scorso (ultimo giorno utile); infatti il Lettieri, informato dall’ormai ex presidente Valente che questi non era più disponibile a presiedere da solo la squadra, ha chiamato a raccolta alcuni imprenditori del paese per raccogliere la somma necessaria a bloccare l’iscrizione.

Da qui l’indizione di un nuovo incontro pubblico per la serata di martedì scorso al quale hanno partecipato alcuni nuovi soci e alcuni calciatori della squadra dello scorso anno.

L’incontro si è tenuto nell’auditorium della scuola primaria ma le persone presenti erano davvero poche e non c’era nessuna donna sintomo che il discorso calcio interessa sempre alle stesse persone oppure che c’è un po’ di sfiducia nell’ambiente e che quindi bisogna cominciare a costruire nuove fondamenta.

Tonino Coriale che non ha nemmeno 30 anni, per quanto ci risulta, è il più giovane presidente che l’Us Scandale abbia mai avuto.

Per la sua elezione, considerato che in lizza per la carica di presidente oltre a Tonino aveva dato la sua disponibilità anche l’imprenditore edile Amedeo Augenti, si è deciso di far votare le 17 persone che, al momento, formano la società dello Scandale.

Dal segreto dell’urna sono usciti 12 voti per Coriale, 4 voti per Augenti e una scheda bianca.

Un commosso neo presidente ha pronunciato un breve discorso di debutto interrotto quando l’emozione per il ricordo del fratello Pino, scomparso alcuni anni fa in un incidente automobilistico mentre andava a giocare una gara con l’Us Scandale, ha preso il sopravvento.
Si è mostrato molto contento di questo nuovo incarico affermando che si impegnerà al massimo per la squadra.

A margine c’è da dire che quest’anno i problemi non mancheranno e il neo presidente inizia con una bella gatta da pelare infatti a quelli ormai consolidati (che si spera quest’anno non ci siano) come i viaggi, i giocatori, o addirittura i dirigenti, che a volte non si presentano alle gare, si aggiunge il fatto che lo stadio “Luigi Demme” è interessato da lavori di sistemazione da parte della Provincia di Crotone e non sarà disponibile prima di qualche mese.

Quindi l’Us Scandale non solo dovrà giocare, almeno per tutto il girone di andata, anche le partite casalinghe in trasferta, forse sul campo di calcio di San Mauro Marchesato, ma avrà problemi anche per dove disputare gli allenamenti e forse anche in questa circostanza dovrà venire in soccorso uil terreno di gioco di San Mauro.

Rosario Rizzuto

Il Rocca Calcio vince il derby contro il Roccabernarda

Si ricomincia; dopo la pausa estiva rieccomi di nuovo su un campo di calcio dilettante per seguire una gara.
In campo non c’è lo Scandale, di cui ancora non si sa molto, ma mi hanno detto che oggi inizia la preparazione, in vista del’incontro tra il presidente Valente, i nuovi, se ci saranno, soci e l’Amministrazione Comunale con il Sindaco Fabio Brescia e l’Assessore allo sport Giuseppe Lettieri tra i più interessati.

In campo ci sono il Rocca Calcio e il Roccabernarda un derby che non doveva uscire alla prima giornata ma in seconda categoria non è come in serie A, con il computer che prevede variabili di tutit i tipi, e tutto può succedere anche che due squadre che stavano per unirisi si trovino divise in campo al debutto.

Vado a seguire questa interesessante gara perchè Roccabernarda è il paese di quella che non mi ascolta e perchè in campo con il Rocca Calcio gioca mio nipote Andrea Ieriti, ex del Roccabernarda, che però a causa di un infortunio (forse dovrà subire un intervento a Bologna) entrerà solo a fine gara.

Seguo la gara come fotografo, alla fine saranno 217 gli scatti fatti, molti dei quali li trovate nella gallery di Area Locale.

La gara è stata diretta dall’attento Elia di Crotone, prontamente ribattezzato, dai fisionomisti tifosi locali, Mister Bean per la somiglianza con l’attore inglese.

Quello che segue invece è l’articlo sempre per Area Locale, per il Crotonese, infatti, c’era il collega, l’esimio Felice Cerra.
La formazione del Rocca Calcio che domenica 7 ottobre 2007 ha battuto il Roccabernarda per 3  a 1. Clicca x ingrandire. Foto Rosario Rizzuto
Questa estate si sarebbero dovute fondere in un’unica società (poi la cosa non avvenne per divergenze nella veduta di chi dovesse guidare l’unica società che sarebbe risultata), domenica 7 ottobre, invece, nella prima giornata di campionato del girone D di seconda categoria calabrese, invece, il Rocca Calcio e il Roccabernarda si sono trovate di fronte nel primo derby di stagione.

Un calendario beffardo che ha messo una contro l’altro le formazioni del presidente Francesco Verzina e della presidentessa Ivana Righetti proprio all’inizio, quando ancora i meccanismi non sono rodati, quando ancora non si è entrati nel vivo.
Al centro la presidentessa del Roccabernarda nella tribuna dello Stadio di Roccabernarda. Clicca per vedere la presidentessa che non sta ferma un attimo. Foto Rosario Rizzuto
Ed in effetti la gara non è stata bellissima ed anche il pubblico, nonostante fosse numeroso, non era quanto se ne potesse aspettare da questa stracittadina forse sia perchè era la prima gara ma anche a causa del tempo che per tutta la mattinata ha minacciato pioggia rimanendo, nonostante il gran sole, incerto per tutta la gara.

Che il Rocca Calcio partisse favorito era cosa risaputa ma l’inizio della gara è alquanto equilibrato e i ragazzi di mister Bonofiglio rispondono colpo su colpo ai pochi attacchi di Garofalo e Marrazzo e riescono anche a rendersi pericolosi.

Bisogna attendere il 15′ per il primo tiro di un certo rilievo nello specchio della porta, quando Achik, l’egiziano del Rocca Calcio, di testa indirizza verso Pulerà che para facile.

Al 20′ sembra fatta per il Rocca Calcio, che da calendario giocava in casa, su un cross un difensore sbaglia l’intervento e manda la palla all’indietro, si inserisce Marrazzo che con un pregevole pallonetto di testa supera Pulerà ma la palla colpisce il palo interno e torna in campo.

Ma gli ospiti, si fa per dire, non stanno a guardare e al 27′ restituiscono il legno: è Angotti a ricevere in area e a girarla sul palo lungo, Pallone è battuto ma la palla tocca il palo alla sua destra è finisce fuori.

Così quando meno te lo aspetti arriva la rete: corre il minuto 32, una palla facile viene bloccata da Pulerà nell’area piccola, la palla sfugge al portiere, lui dirà nell’intervallo a causa di una carica, ma l’arbitro non fischia e, mentre in molti si fermano, Garofalo la mette dentro facile facile, si scaldano un po’ gli animi e l’arbitro Elia ammonisce Toscano per protesta.

I locali ringalluzziti dal gol cercano di chiudere la gara ma al 36′ Pulerà si riscatta su un tiro ravvicinato di Salvatore Bonofiglio.

Nella ripresa degne di segnalazione praticamente solo le reti.
Il gol di Salvatore Bonofiglio, con la maglia 9, per il Rocca Calcio, è il 2 a 0. Foto Rosario Rizzuto
Al 76′, dopo un po’ di sofferenza, il Rocca Calcio raddoppia e si tranquillizza: il neo entrato Francesco Facente serve al bacio dalla sinistra capitan Salvatore Bonofiglio che spizzica al volo e gonfia la rete; tre minuti dopo Marrazzo in area evita l’intervento di Salvatore Pugliese e fa 3 a 0.
Il gol del 3 a 0 del Rocca Calcio segnato da Marrazzo. Clicca x vedere la seconda foto della sequenza. Foto Rosario Rizzuto
Al 36′ c’è un fallo di mano di un difensore in area dei locali, è rigore che dopo un minuto Toscano trasforma realizzando la rete della bandiera.

A fine gara c’è gioia nello spogliatoio del Rocca Calcio, un po’ di tristezza in quello del Roccabernarda che si complimentano, per la vittoria, coi cugini.

Ma di fatto in campo si sono viste due buone squadre, entrambe con ampi margini di miglioramento; la vittoria della squadra di mister Marazzita e del preparatore Bilotta (data tra le pretendenti alla vittoria finale del girone) benchè meritata non è stata trascendentale come si poteva pensare sulla carta, ennesima dimostrazione che a questi livelli è difficile trovare una squadra ammazza campionato.

Questo il tabellino della gara:

ROCCA CALCIO 3

ROCCABERNARDA 1

Marcatori: 32′ Garofalo, 76′ S. Bonofiglio, 79′ Marrazzo, 81′ Toscano (rig.).

Rocca Calcio: Pallone, Pollinzi, Ferreri, C. Bonofiglio, Crupi (77′ Fonte), D. Facente, Bomparola (63′ F. Facente), Achik, S. Bonofiglio, Garofalo, Marrazzo.

Roccabernarda: Pulerà, Curcio, Pugliese, De Rito, Locanto, Bilotta, Rizza (55 Durazzi), Toscano, Angotti (59′ Oliverio), Borelli, Lice (46′ Cavallo).

Arbitro: Giuseppe Elia di Crotone.

Per vedere le foto della gara cliccate qui.

Mio nipote Andrea Ieriti per lui solo pochi minuti di gara a causa delle non migliori condizioni di salute. Foto Rosario Rizzuto

[Rosario Rizzuto]

Il milanista Dida ko con una carezza

Dida mezzo morto dopo un buffetto; va zappa..... (Foto Ansa da Corriere.it)

Ma avete visto Dida ieri sera nella gara del Milan, gran bel tuffo! Ma non lo sa che le partite non si vincono più così?

A Tg1 da stamane che parlano di buffetto tanto per coglioneggiare Dida; sul Corriere.it scrivono di aggressione.

Ma quando mai… era solo un tifoso del Celtic felice del gol della vittoria al 90′ che voleva un cinque da Dida ma glielo ha dato sulla faccia.

Infatti la Gazzetta dello Sport titola DIDASTRO!!!

Che vergogna!!!

Fermo restando che è da biasimare il comportamento del tifoso scozzese, vorrei sapere se questi sono gli insegnamenti di Berlusconi o di Galliani.

Ma voi ve la immaginate una montagna come Dida che cade a terra ed esce in barella per un buffetto?

Il Milan pare che non presenterà ricorso, ci mancherebbe altro, si vede che conoscono bene Dida e non credo che la Uefa prenderà chissà quali provvedimenti se non quelli previsti per un’invasione di campo. 

La Juve vince nel finale. Siamo secondi ad un punto dall'Inter! Evaaaiiiiii

Sì Sì Sì Sìììììììììììììììììììììììììììììììììì, ME NE SONO ACCORTO SOLO ORA, tutto preso dal post precedente e dalla replica della nuova trasminsssione sportiva di Radio Tele International, magistralmente condotta dal bravo Massimo Proietto che ritorna alla Tv che lo aveva lanciato, INSOMMA PASSANDO SU CORRIERE.IT, DOVE DA QUALCHE MINUTO STAVO SEGUENDO GRAFICAMENTE IL FINALE DI TORINO -JUVENTUS, LA JUVE HA VINTO NEL RECUPERO, anche se ora su Italia 1 stanno dicendo che forse il gol era in fuorigioco.

Vediamo… 

Trezeguet subito dopo la rete che ha affossato il Torino nel recupero. Foto da Corriere.it

La Lazio in Champions, Puerta non ce la fa!

Sono contento che la Lazio si sia qualificata per la fase a gironi della Champions League battendo nei preliminari la Dinamo Bucarest per 3 a 1.

Sì lo so sono strano, non ho alcun motivo per tifare Lazio, anzi, ma son contento.

Sono rimasto invece di sasso poco fa al Tg nel vedere le immagini del calciatore spagnolo (del Siviglia e della nazionale spagnola) Antonio Puerta colpito da infarto, mentre giocava, a terra agonizzante, vederlo riprendersi, uscire dal campo con le proprie gambe e ora sapere che è morto.

22 anni…

Antonio De Miglio ko. 90 giorni di stop!!!

Lo avevamo lasciato a maggio 2006 dopo l’indimenticabile stagione con Cervia e il reality Campioni, nello scorso campionato mio cugino Antonio De Miglio ha disputato un buon campionato in C2 con il Rende conclusosi però con una deludente retrocessione.

Quest’anno tanta voglia di ripartire alla grande e un contratto firmato con il Cosenza, che disputerà il campionato Interregionale (Serie D), una città con tanta voglia di calcio e di ritornare fin da subito nel calcio che conta.

Ma la fortuna non è compagna del giovane De Miglio e, in quello che poteva e doveva essere finalmente l’anno della sua esplosione, lo mette nuovamente alla prova con un bruttissimo infortunio, durante una partitella d’allenamento contro il Gallipoli sul terreno di Gubbio durante il ritiro in Umbria, che lo costringerà a star fermo per almeno 90 giorni.
Azzurra Gardi si prende cura del suo Antonio De Miglio. Clicca x vedere anche Antonio sorridere. Foto Rosario Rizzuto
Il fallo commesso dal calciatore Di Miceli è stato davvero brutto, tanto da spaccare il perone (con interessamento dei legamenti) del calciatore sanmaurese ma Antonio non ce l’ha con lui e afferma che sono infortuni che posso capitare; da parte sua Di Miceli ha telefonato per scusarsi.

Ma fatto sta che Antonio non potrà giocare per un po’ mentre molto provabilmnete giovedì 9 agosto sarà operato a Cosenza.
Il brutto ematoma conseguente all'infortunio subito da Antonio De Miglio a Gubbio contro il Gallipoli ad opera di Di Miceli. Foto Rosario Rizzuto.
Intanto, dovendo stare con il piede immobile, il calciatore di San Mauro Marchesato sta trascorrendo questi giorni che lo separano dal’operazione a Steccato di Cutro con la sua famiglia e l’affetto della fidanzata Azzurra.

Siamo sicuri che il difensore cosentino si riprenderà presto e di certo prima di Natale sarà in campo agli ordini di mister Toscano e insieme ai compagni che lo aspettano con impazienza.

Da parte mia forza cugino, stringi i denti e supera anche questa!!!

Il Rocca Calcio fa incetta di calciatori, cambia squadra anche mio nipote Andrea Ieriti

ROCCABERNARDA “Chi dorme non piglia pesci” e “meglio fare le cose quando gli altri sono in vacanza” avrà pensato il presidente del Rocca Calcio, Verzina, così con un blitz serale presso un noto ristorante di Capo Rizzuto si è accaparrato i contratti di alcuni dei migliori giocatori di Roccabernarda.

Il Rocca Calcio così parte alla grande per la nuova stagione 2007/08.

La parola d’ordine che già circola nell’ambiente è: “Quest’anno non si può fallire”, considerata la delusione dello scorso campionato in cui il Rocca Calcio ha sfiorato la promozione in prima categoria perdendo la finale play-off di girone contro il Cirò Krimisa poi promosso e quindi si punta decisamente alla vittoria finale.
Da sx il presidente Francesco Verzina, Francesco Facente, Danilo Facente, Giuseppe Marazzita (mister), Andrea Ieriti, Salvatore Fonte e Gianfranco Bilotta (preparatore). Clicca x ingrandire.
Ed ecco i nomi dei fantastici cinque nuovi acquisti: Danilo Facente, Francesco Facente, Salvatore Fonte, Andrea Ieriti e Giuseppe Marazzita; tutti e cinque nella passata stagione avevano militato nell’Usc Roccabernarda. E pare non sia finita qui ma presto dovrebbero arrivare nuovi calciatori.

In realtà quest’anno, se ne era anche parlato e scritto, aveva preso piedi l’idea di costituire un’unica forte squadra ma qualcosa tra i dirigenti delle due squadre deve essere andata storta e quindi alcuni giocatori della squadra della presidentessa Righetti hanno deciso di cambiare casacca e rinforzare la squadra di mister Giuseppe Marazzita e del preparatore Gianfranco Bilotta mentre il Roccabernarda continuerà per la sua strada con nuovi giocatori alcuni dei quali provenienti dal circondario.

I nuovi acquisti del Rocca Calcio sono tutti calciatore con esperienza e capacità tecniche di alta qualità e di sicuro, uniti alla rosa attuale, permetteranno alla squadra del presidente Francesco Verzina di non fallire l’obiettivo e di puntare alla vittoria finale del campionato.

“C’è grande entusiasmo in paese per la squadra che si sta allestendo – ci dicono all’unisono i nuovi acquisti – che, considerato che è composta per la quasi totalità di giocatori del posto, si può definire come la vera ed unica compagine locale”.

ROSARIO RIZZUTO